Inconsapevolmente cornuti. Confessioni.

Inconsapevolmente cornuti. Confessioni.

>>>>GODI ORA AL TELEFONO CON UN PARTNER OCCASIONALE -CHIAMA IL 899.005.022<<<<<

Seconda parte del racconto che narra il percorso iniziato da due coppie che vogliono vivere il sesso in maniera molto appagante.


Servite le nuove pietanze, dopo gli ennesimi brindisi, e applausi, tutta la comitiva si trasferì fuori, nello splendido giardino con vista sul lago dove sarebbero stati serviti dolci, e dove sarebbe avvenuto il taglio della torta nuziale sotto un apposito gazebo predisposto per l’occasione. Luca decise di tenere d’occhio Silvia, ma non riuscì ad uscire subito, in quanto trattenuto dal padre dello sposo, che conoscendolo, scambio con lui qualche parola. Quando uscì nel giardino, cercò con lo sguardo Silvia ma non la trovò, così in maniera discreta si mise a cercarla, fin quando arrivando vicino ad una pianta, si rese conto che la sua donna era dall’altro lato della piccola siepe che divideva quella parte del giardino. Era in compagnia di Roberto, che le stava parlando a bassa voce, e lei rispondeva con piccole risatine. Non riusciva a capire cosa lui le stesse dicendo, ma era chiaro che lei era molto divertita intrigata da quella cosa. Sentiva dentro di sé un forte subbuglio, un misto di gelosia e rabbia, ma anche una forte eccitazione, un orgoglio particolare, nel sapere che la sua donna era molto desiderata. Ad un tratto, un addetto al servizio fotografico, chiamo Silvia per delle foto insieme alla sposa, i due si allontanarono tornando insieme a tutto il gruppo di commensali. Scattata qualche foto, Luca vide di nuovo Silvia appartarsi con Roberto. Erano sull’altro lato del giardino, quello che dava sul lato del lago, quando cercò di raggiungerli, si trova in mezzo a tutta la gente che festeggiava il taglio della torta con gli sposi, quindi fu costretto a rientrare nel salone, per cercare di uscire dall’altro lato per raggiungere la sua donna. Quando raggiunse la grossa vetrata, stava per uscire fuori, ma si rese conto che dal punto in cui era, aveva una visuale perfetta su tutto quello che stava succedendo fuori, in più era coperto da un grosso drappeggio, che gli permetteva di osservare senza essere visto. Nascosto dietro la tenda, vide Silvia molto vicina Roberto, appoggiato al muretto, girata quasi di lato, che ascoltava quello che lui le stava sussurrando all’orecchio. Vedeva la mano di lui tenere quella della sua donna, mentre non vedeva quella di Silvia, nascosta la sua visuale dai loro corpi. Ad un tratto ebbe la sensazione che l’uomo stesse baciando la sua donna sul collo, perché lei ad un tratto, spinse la testa all’indietro chiudendo gli occhi. Sentiva uno strano dolore nel petto, stava quasi per intervenire, quando l’arrivo di un gruppo di gente, nella direzione di Silvia e Roberto, fece sì che i due, si distanziano di nuovo poi si incamminarono verso il gazebo, dove stava iniziando ad essere servito il dolce nuziale. Non riuscì ad avvicinarsi di nuovo la sua donna, perché il fotografo è il suo staff, presero sposi e testimoni per fare alcune foto nel giardino, mentre tutti tornavano dentro al salone dove di nuovo, avevano ripreso t a ballare. Quando vide rientrare anche gli sposi, si rese conto che Silvia era sparita di nuovo, che anche Roberto non c’era in mezzo alla gente che festeggiava gli sposi. Decise di cercarli, convinto che ormai quei due si erano nascosti da qualche parte. Sentiva dentro di sé sensazioni contrastanti, un misto tra rabbia ed eccitazione, per tutta quella situazione che si stava creando fra la sua donna e Roberto. Uscì fuori cercando nel parco, ma non riuscì a trovare nessuno dei due, quindi rientrò e guardando attentamente nel salone, si rese conto che anche Lucia era sparita, mentre Marco era a festeggiare gli sposi, tra un brindisi e l’altro sempre più ubriaco. Girando per immenso salone, ad un tratto si trovò vicino ad una grossa tenda parzialmente spostata, che dietro celava una porta con su scritto ACCESSO VIETATO. La porta ere socchiusa, lui entrò convinto di trovarci la sua donna. Iniziò a salire una strana scala a chiocciola, che portava in alto, su una delle due torri del castello. Quando stava per uscire sopra, rimanendo ancora nella penombra, mentre fuori il sole tramontava, regalando uno spettacolo stupendo, si rese conto che le due persone che aveva davanti appoggiate uno dei merli della torre, non era la sua donna, ma Lucia la sua amica, in compagnia di Alberto, che la teneva stretta con la mano infilata nello spacco laterale del vestito, che sicuramente la stava masturbando. Vedere la sua amica godere, gli fece venire in mente l’idea che, probabilmente Silvia sta facendo la stessa cosa, in qualche altra parte del castello, questo gli provocò un’erezione così forte da fargli quasi male. Non visto, nascosto nella penombra della scala, tiro fuori il cazzo cominciò a masturbarsi. Intanto Alberto, voleva scoparsi la sua amica, ma lei in qualche modo riuscì a dissuaderlo, poi si era inginocchiata davanti a lui, e anche se Luca non vedeva quello che succedeva, era ben chiaro che la donna gli stava facendo un meraviglioso pompino. Alberto teneva entrambe le mani sopra la testa di Lucia, assecondando il movimento, mentre lei teneva entrambe le mani sulle gambe dell’uomo, usando solo la bocca per succhiare l’uccello. Luca sapeva benissimo quanto era brava Lucia nel fare quel gioco, sapeva che Alberto non avrebbe resistito molto, quindi continuò a segarsi velocemente, aspettando l’attimo in cui la sua amica avrebbe portato l’occasionale amante, al piacere. Improvvisamente il corpo dell’uomo si irrigidì, emise un grido rauco, rimanendo immobile, mentre la sua amica sicuramente stava ingoiando il piacere che lui le stava riversando in bocca. Anche lui raggiunse l’orgasmo, schizzando la sua semenza nel muro della scala, e appoggiandosi, perché l’orgasmo avuto, era stato così intenso che lo aveva in qualche modo sfinito.
Lucia rimase ancora qualche istante inginocchiata davanti ad Alberto, poi si sollevò, e disse qualcosa, che Luca non riuscì a capire, che fu seguito da un cenno di assenso. Ridiscese rapidamente la scala, quando raggiunse il suo tavolo, vide Silvia che lo stava cercando. Per un attimo, osservò la sua donna, a prima vista sembrava tutto normale, avvicinandosi, le diede un bacio sulla bocca, cercando di capire, se lei aveva l’odore di un altro maschio, se aveva succhiato e ingoiato il piacere come aveva visto fare da Lucia. Silvia però aveva bevuto già dello spumante, quindi Luca non riuscì a capire se il suo sospetto era reale, oppure era tutto frutto della sua immaginazione. Dopo qualche minuto vide ricomparire anche Lucia, che sorreggeva Marco decisamente distrutto dalla sbornia.
«Ragazzi per piacere aiutatemi, è così ubriaco, che non posso farlo tornare a casa in auto, rischierebbe di uccidersi o di fare del male a qualcuno.»
La festa era quasi alla fine, quindi decisero di andarsene, sarebbero passati a riprendere l’auto di Marco il giorno seguente. Mentre Luca guidava, con Marco di fianco, appoggiato con la testa sul finestrino, le due donne dietro parlavano del matrimonio, con pettegolezzi e piccole cattiverie, o giudizi alquanto pesanti nei confronti delle altre donne presenti. Giunti a casa di Marco, aiutarono Lucia a portarlo letto, lasciando l’amica che abitava dall’altro lato della strada, poi lui è Silvia se ne andarono verso casa loro. Durante il tragitto per tornare a casa, entrambi sembravano assorti nei propri pensieri. Luca aveva tante domande da fare a Silvia, ma lei teneva gli occhi socchiusi come vinta dalla stanchezza. Dopo averla riaccompagnata tornò a casa sua, tornò la propria abitazione, e sdraiato nel letto, ripensava tutta la giornata trascorsa, e soprattutto non sapeva prendere una decisione: raccontare a Marco quello che aveva visto fare a Lucia. Tra quello che aveva visto, quello che aveva immaginato per la sua donna, ebbe di nuovo una forte erezione, lo costrinse a masturbarsi, e raggiungere il piacere velocemente. Sfinito si addormentò, fin quando il giorno successivo, fu svegliato dal sonno del suo telefonino, era Marco, che gli chiedeva se lo poteva accompagnare riprendere la sua auto, lasciata nel parcheggio del castello. Essendo di domenica, e una bella giornata, Luca propose di portare anche le donne con loro, e di passare una giornata al lago. L’idea fu subito accettata da tutti, e dopo circa un’ora erano tutti in viaggio verso il parcheggio del castello. A differenza della sera precedente, quella mattina sembrava che nessuno aveva voglia di parlare, ognuno sembrava assorto nei propri pensieri fin quando giunti nel parcheggio del castello, fu Lucia rompere il silenzio.

«Dammi le chiavi dell’auto, da qui al lago guido io, tu hai ancora i postumi della sbornia, e probabilmente un tasso alcolemico ancora eccessivo, poi voglio parlare un po’ con Silvia da sola.»
Prese le chiavi, scesero e si incamminarono davanti a loro per salire nell’auto di Marco. Entrambe indossavano una minigonna di jeans, una semplice maglietta, con dei sandali a zeppa, senza calze, e quando Lucia salì nell’auto di Marco, Luca ebbe una splendida visione delle cosce dell’amica. Appena partite, loro si misero dietro a seguirle lentamente lungo la strada che portava giù al lago. Per un po’ rimasero entrambi in silenzio, poi fu Marco che prima guardò Luca in faccia, poi girando lo sguardo dall’altro lato gli fece una strana domanda.
«Da quanto tempo siamo amici? Voglio dire da quanto ci conosciamo, quante cose abbiamo fatto insieme, senza mai nasconderci nulla?»
Luca lo guardò cercando di capire dove il suo amico voleva andare a parare, per un attimo fu assalito dal dubbio, che in qualche modo il suo amico, aveva scoperto quello che lui aveva visto in cima una torre, ma le parole di Marco fugarono ogni dubbio.
«Volevo dire, conoscendoci da tanto tempo, tu, se sapessi una cosa che mi potrebbe ferire nella diresti?»
Luca stava per rispondere, nella più grande incertezza, stava per rispondere l’amico che aveva qualcosa da dire, che l’avrebbe sicuramente ferito, ma ancora una volta fu un amico a parlare.
«Ieri pomeriggio, prima di venire via dalla festa, non mi sono sentito molto bene. Ad un tratto ho sentito che avrei vomitato, così sono andato in bagno, chiuso in un cesso, ho sputato fuori anche l’anima. Sono rimasto così sfinito, da non avere quasi la forza di uscire, quando stavo per farlo, ho sentito una coppia entrare nel bagno erano Silvia, e Roberto. Lei accusava un dolore ad una caviglia, qualcuno ballando le aveva rifilato un calcione. L’uomo l’ha fatta appoggiare al lavandino, poi ha bagnato un asciugamano, gli faceva degli impacchi freschi sulla caviglia dolorante. Dopo qualche momento, l’uomo ha allungato una mano, facendola risalire lungo le cosce della donna, fino ad arrivare nella sua intimità, e ha iniziato a masturbarla. Lei è rimasta un attimo immobile, ha provato a serrare le cosce, ma il tono autoritario di lui, l’ha costretta ad aprirle, e lasciarsi andare. È bastato poco perché lei raggiunge un orgasmo, che la fatta tremare tutta, a quel punto l’uomo si è alzato, l’ha presa per mano, e la spinta dentro l’altro cesso, quello più grande, riservato ai disabili, chiudendo la porta. Ci divideva solo una sottile parete di cartongesso, anche se non ho visto la scena, ho subito capito che, l’uomo ha iniziato a scopare la donna che aveva spinto dentro il bagno. Sentivo i loro corpi sbattersi, lei mugolare di piacere, incitandolo a scoparla più forte. È sicuramente venuta due o tre volte, fin quando lui ha aumentato la velocità con cui la pompava, e si è girata, l’ha pregato di non venirle dentro.
“Ti prego non mi venire dentro, te lo prendo in bocca, lo succhio tutto fino all’ultima goccia.”
«Lui ha continuato a sbatterla ancora per un po’, poi improvvisamente il rumore è cessato, ho sentito un lungo gemito, era di lui, che sicuramente stava godendo in bocca lei. Dopo alcuni momenti, l’uomo ha detto alla donna, che avrebbe voluto vederla di nuovo, per scoparla in modo più comodo, e più appagante, per questo deve averle scritto il suo numero sul cellulare. Li ho sentiti uscire, allora anch’io nelle sono tornato nel salone.»
Per tutto il racconto, Luca ha sentito dentro di sé quella strana sensazione, quel misto di piacere rabbia, gelosia ed eccitazione, che gli ha fatto gonfiare il pacco. Si gira verso l’amico che ora lo guarda, nota che anche lui al pacco gonfio, poi torno a guardare la strada, con un filo di voce raccontato amico quello che ha visto in cima alla torre, come la sua donna si è inginocchiata, di come ha ingoiato fino all’ultima goccia. Marco lo guarda con l’aria stranita, quasi incredula poi, fa un profondo respiro, e riprende a parlare.
«Forse io sto impazzendo, forse sono già matto, oppure ho qualche cosa che non va. Ti ricordi l’estate che siamo andati al mare in Corsica, quando c’erano quel gruppo di maschi, che avevano tutti il cazzo duro, mentre guardavano le nostre donne? Forse non ci crederai, ma io mi sono eccitato, nel sapere che altri maschi vorrebbero scopare la mia Lucia. Ma la cosa che mi lascia ancora più sconvolto, è che sapere che, lei ieri ha fatto un bocchino ad un altro, poi mi ha baciato in bocca, come faceva quando da ragazzi dopo la scuola, quando ci chiudevamo in camera di uno di noi, per farcelo succhiare entrambi. Questa cosa mi eccita da morire, sembra quasi che essere un cornuto, mi faccia impazzire di piacere.»
Luca lo guarda basito, poi girando lo sguardo, confessa anche lui le sue perplessità.
«Se tu sei pazzo, io lo sono quanto te. Quel giorno al mare, quando siamo andati dopo pranzo a letto, mentre scopavo Silvia, ho immaginato di vederla scopare con un altro, mentre io mi segavo furiosamente. Sentire che ieri, lei si è fatta scopare da un altro, e che adesso lui la desidera ancora, mi fa sentire dentro un misto di feroce gelosia, e una eccitazione sconvolgente, come vedi, mi porta ad avere il cazzo così duro da farmi male.»
Anche nella macchina che li precede, le due donne si stanno facendo confidenze, come non succedeva da un po’ di tempo. La prima parlare Silvia, che mentre osserva l’amica guidare, parla con un filo di voce.
«Io non so come dirlo, ma oggi mi sento un casino dentro l’anima da far paura. Tu sai quanto io amo Luca, quanto mi fa impazzire stare con lui, quanto voglio che la mia vita sia sempre con lui, eppure ieri sono comportata davvero male, fatto un casino, ora non so come raccontarglielo.»
Lucia guarda un attimo amica, poi torna a fissare la strada, e inizia a parlare come un automa.
«Non chiedere consigli a me, se tu ieri fatto un casino, io mi sono comportata da vera puttana. Amo Marco come la mia vita, stiamo già parlando di matrimonio, di avere dei figli, una casa, eppure ieri mi sono inginocchiata davanti ad Alberto gli ha fatto uno dei miei memorabili pompini con tanto di ingoio, anche se lui avrebbe voluto scoparmi, ma non mi sembrava il posto, nel luogo adatto, anche se pur non riuscendo a spiegarmelo, mi sarei fatta sbattere tantissimo.»
Silvia guarda l’amica, con un filo di voce, quasi a testa bassa, gli racconta che lei invece, s’ si è fatta scopare nel bagno da Roberto, e che per paura di sporcare il vestito che indossava, si è fatto sborrare in bocca. Lucia guarda Silvia con occhi sbarrati.
«Cazzo! Sei andata nel bagno! Come hai fatto non incontrare Marco, che ci ha passato più di venti minuti vomitando anche l’anima?»
Silvia la guarda stupita, cerca di fare mente locale, cercando di ricordare chi ha incontrato. Ancora confuse, raggiungono la sponda del lago, e lasciate le vetture, seguono i ragazzi, che saliti sul battello, hanno proposto, di andare a pranzo l’isola, presso un ristorantino che fa un ottimo pesce di lago. Durante i 15 minuti di traversata, Silvia cerca in tutti i modi di ricordarsi se ha incontrato, o visto Marco nel bagno, ma non essendo sicura, decide che deve raccontare tutto a suo uomo, accada quello che accade, lei deve dirgli tutta la verità, e pagarne le conseguenze. Il pranzo è quasi una formalità, nessuno ha molta fame, nell’aria c’è una strana tensione, che deve essere in qualche modo scaricata. Usciti dal ristorante, passeggiano lungo il viale che costeggia la riva del lago. Marco e Lucia camminano qualche passo più avanti, mentre Silvia e Luca, stretti lui l’altro, camminano dietro di loro restando un po’ in silenzio. Ad un tratto è Silvia che rompe il silenzio, fa un profondo respiro, poi tenendo la testa bassa, incomincia parlare il suo uomo.
«Io ti amo. Ti amo più della mia vita, dell’aria che respiro, sei la luce dei miei occhi, il mio sole, però devo dirti una cosa, che sicuramente ti farà sentire ferito e triste, ma devo dirtela, accada quello che accada, non posso tenermi dentro questo segreto. Ieri al matrimonio, mi sono comportata malissimo. Potrei dirti che avevo bevuto troppo, che mi sentivo strana, ho tante altre scuse, ma non riesco a trovarne una veramente valida, se non il fatto, che oggi mi sento veramente a terra per averti tradito con Roberto. Non riesco a spiegarmelo, come possa essere successo. Probabilmente tu, ti sentirai ferito, offeso, e tradito, e nemmeno vorrai perdonarmi, ma è avvenuta una cosa che forse dentro di me, in qualche modo, da tempo sapevo che prima o poi sarebbe accaduta.»
Luca gira lo sguardo, incrocia quello della sua donna, che subito torna a guardare in basso, non riuscendo a reggere suo sguardo, poi le sue parole lasciano decisamente molto sorpresa anche Silvia.
«Non hai nulla da farti perdonare. Forse quello che sto per dirti, ti sembrerà una cosa pazzesca, ma dentro di me, da quando siamo stati in vacanza in Corsica, ho sempre desiderato vederti fra le braccia di un altro. Capisco che quello che sto per dirti è pazzesco, mi rende molto confuso, soprattutto nel dire che quel giorno, quando abbiamo fatto l’amore dopo essere tornati dalla spiaggia nudista, io ho immaginato che fosse un altro che stava scopando con te mentre io vi guardavo. È successo anche tante altre volte, in cui io ho notato altri uomini che ti guardavano con occhi carichi di desiderio, ma la cosa che mi sconvolge di più, è che sento dentro di me un dolore fortissimo, generato dalla gelosia, e nello stesso tempo, mi ritrovo con una erezione così forte e dura, che mi costringe a masturbarmi furiosamente. Non riesco a spiegarmi perché, ma sapere che ieri Roberto ti desiderava, mi ha tenuto tutto il giorno con il cazzo in tiro, e dentro di me, ho solo il rammarico di non averti visto scopare con lui.»
Silvia si gira lo guarda si fermano, lo abbraccia, e si stringe forte a suo corpo baciandolo, con un bacio carico di passione, da togliere il fiato. Poi lo guarda dritto negli occhi, insieme confessano il loro più nascosti desideri.
«Anche per me, quel giorno che abbiamo fatto l’amore dopo essere stati spiaggia, era cambiato qualche cosa. Nella mia mente, mentre tu mi stavi scopando, ho immaginato che fosse quel maschio con i capelli lunghi, che per tutta la mattina non mi aveva mai tolto gli occhi di dosso. Sentirmi desiderata, ammirata sotto il tuo sguardo, mi ha fatto avere un orgasmo sconvolgente. Ora non so cosa fare, non so come comportarmi con Roberto, che ha espresso il desiderio di volermi portare di nuovo letto, e questa volta scoparmi più a lungo, in maniera molto più soddisfacente, di una semplice sveltina, fatta in un bagno di un ristorante. Non capisco che cosa ci stia succedendo, io ti amo, voglio che la mia vita sia con te, ma quando penso a quanto mi eccita sentirmi desiderata, e scopata, da un altro maschio, dentro di me sento emergere un’altra Silvia, diversa, che si sente troia, una puttana, desiderosa di avere tanti cazzi che la prendono la riempiono dappertutto. Capisco, che per te quello che ti sto dicendo, è qualcosa di duro da accettare, ti assicuro che ti amo da impazzire, e che tutto questo che ti sto dicendo, per me è solo un gioco, che vorrei giocare con te, con la tua complicità, per godere solo di sesso, fatto in maniera trasgressiva e appagante. Se mi vorrei lasciare, io non opporrò nessuna resistenza, capisco il tuo stato d’animo, sicuramente averti tradito ed offeso, mi riempie il cuore di tristezza.»
Luca la bacia, la stringe forte, poi tenendola abbracciata, riprendono a camminare lungo il viale, mentre lui le espone il suo pensiero.
«Non ho nessuna intenzione, di chiudere il nostro rapporto, anche se, tutto quello che stiamo vivendo, mi sta creando tanta confusione incertezza, ma di una cosa sono assolutamente certo, io voglio vivere la mia vita con te, voglio godere del tuo corpo, del tuo piacere, e se andrai con altri uomini, io voglio essere presente, oppure consapevole di quello che stai facendo. È una sensazione che provo da tanto tempo, da quando i primi tempi, tu mi succhiavi il cazzo, poi quando ero venuto, succhiavi anche quello di Marco, e mi baciavi. Quel momento era un gioco eccitante, ma solo dopo, con il tempo ho scoperto quanto era eccitante, non il gioco in sé per sé, ma sentire il sapore di un altro maschio nella bocca, che aveva goduto tra le tue labbra, era questa la cosa, che mi faceva uscire di testa, impazzire di piacere, ed eccitare tantissimo. Non so spiegarti questa cosa, ma saperti con altri maschi, mi eccita da morire.»
Silvia lo guarda lo bacia lo tiene stretto, poi gli espone la sua conclusione.
«Amore mio, probabilmente ti sentivi già inconsciamente un cornuto, che gode nel sapere la sua donna desiderata e goduta da altri maschi. Se fra di noi ci sarà intesa, massima lealtà e fiducia, io sono sicura che il nostro rapporto ci farà vivere momenti veramente belli.»
Anche pochi passi più avanti di loro, l’altra coppia è alle prese con un discorso che riassume quanto era successo il giorno prima. Lucia cerca in qualche modo di spiegare a Marco quello che era successo con Alberto.
«Amore io ti devo fare una confessione, c’è una cosa che mi sta tormentando l’anima, una cosa che è successo ieri, che non so spiegarmi per quale motivo si avvenuta. Mi sono sentita dentro una cosa strana, un desiderio che averlo realizzato sicuramente ti ferisce, e ti farà sentire tradito e offeso. Ieri, ad un certo punto della festa mi sono trovata in cima alla torre con Alberto, che per tutto il giorno, mi aveva stuzzicato ed eccitato. Mi avrebbe voluto scopare, cosa che avrei evoluto anch’io, e di questa un po’ me ne vergogno, perché io ti amo, ma dentro di me, in quel momento, ho desiderato sentirmi diversa dalla solita persona che sono, e che tu conosci. Non ho ritenuto che fosse il posto giusto, nemmeno il momento giusto, per farmi scopare da lui, così mi sono inginocchiata davanti, e gli ha fatto uno dei miei meravigliosi pompini, ingoiando fino all’ultima goccia il suo seme. Quando poi ci siamo ritrovati alla festa, ho sentito dentro di me forte il desiderio di baciarti, come quando facevamo sesso insieme ai nostri amici, e ci scambiavamo un bacio, dopo che Luca mi era venuto in bocca, e tu avevi fatto la stessa cosa con Silvia. Mi ha eccitato moltissimo baciarti, è stato quello il senso del piacere del gioco, che avevo fatto poco prima con Alberto. Sono una donna indegna del tuo amore, e questo mi dispiace profondamente, perché ti amo come la mia vita, e vorrei con te una famiglia, ma sono consapevole di essermi comportata come una donnaccia, una puttana, che ha sentito il desiderio di soddisfare la sua voglia con un altro uomo, anche se dentro di me, avrei voluto che ci fossi tu, a guardarmi mentre ero impegnata succhiare il cazzo di un altro. Qualunque sarà la tua decisione io lo accetterò, consapevole del fatto che ti ho tradito, e tu questo non lo meritavi.»
Marco la stringe forte, continuando a camminare, poi anche lui rivela quello che da tempo sentiva dentro, ma che non aveva mai avuto il coraggio di confessarle.
«Stai tranquilla, che non hai nulla da farti perdonare. Già da quando, facevamo quel gioco con i nostri amici, e Luca ti veniva in bocca mentre io facevo la stessa cosa con Silvia, sentire poi il tuo bacio al sapore dello sperma del mio amico, mi eccitava in una maniera pazzesca. Subito non mi sono mai reso conto, quale fosse il vero motivo di tanto piacere, col tempo ho capito, che tutta l’eccitazione, derivava dal fatto che ti vedevo con la bocca piena del cazzo di lui, che poi tu mi baciavi, facendomi assaporare il piacere che avevi avuto in bocca, nel sentirti riempire del suo seme, e di condividerlo con me. In quel momento ti vedevo troia, e puttana, questo mi ha sempre eccitato moltissimo. Ieri, mi sono subito reso conto, che Alberto ti desiderava, ed ero consapevole, che se ti avessi lasciato spazio, probabilmente qualcosa sarebbe successo, cosa che poi avvenuta. L’unico rammarico che ho, di non averti visto inginocchiata davanti a lui, mentre gli facevi uno dei tuoi meravigliosi pompini. Ma forse quello che non sai, che mentre tu eri intenta a succhiare il cazzo ad Alberto, sotto lo sguardo di Luca che ti stava spiando, io ho assistito in maniera quasi indiretta la scopata che Silvia ha fatto con Roberto nel bagno del ristorante. Quando se ne sono andati, ho chiuso gli occhi, ho immaginato che tu stavi facendo la stessa cosa in un’altra parte di quel posto, questo mi ha eccitato una maniera pazzesca, e anche se ero sbronzo, mi sono masturbato, e sono venuto tantissimo. Sapere che lui ti desidera ancora, e che anche tu, hai voglia di fare sesso con lui, come puoi ben vedere, abbassando lo sguardo, mi eccita così tanto, che adesso ti scoperei qui, in piedi davanti a tutti. Credo che noi due, dobbiamo fare un patto, nel quale ognuno di noi, si impone di essere sempre leale, e sincero con l’altro, perché così riusciremo vivere tutte le nostre esperienze, in maniera soddisfacente per entrambi. Da quando stiamo insieme, che sento dentro di me questa strana sensazione di piacere, nel saperti desiderata da altri uomini, solo l’idea di vederti scopare con altro, mi fa impazzire anche se non lo so spiegare.»
Lucia lo guarda, lo abbraccia lo bacia. Restano fermi, fin quando sono raggiunti dagli altri amici, che sono allegri sorridenti. Le due donne si scambiano un’occhiata d’intesa, camminano tenendosi uno vicino all’altra, poi, Lucia guarda Silvia, e sorridendo gli chiede se è riuscita a parlare con il suo uomo.
«È stata un’esperienza interessante, soprattutto scoprire, che ho un compagno, e spero futuro marito, che inconsapevolmente desidera essere cornuto. Credo che con la sua complicità, riuscirò a soddisfare questo suo desiderio.»
Lucia guarda l’amica sbalordita, sorride ed espone anche lei la sua convinzione.
«Cara amica mia, io il mio ragazzo, nonché futuro marito, siamo giunti alla stessa conclusione. Anche lui dentro di sé, da sempre ha desiderato di vedermi scopare con un altro uomo, quindi credo che non mi sarà difficile soddisfare questo suo desiderio.»
Si girano, abbracciano i due ragazzi, guardandomi negli occhi, Silvia sorridendo parla con voce ferma e decisa.
«Cari ragazzi, dai nostri discorsi, siamo giunti alla conclusione che voi due siete inconsapevolmente due aspiranti cornuti, che desiderano ardentemente vedere noi due, fare le troie, le puttane, con tutti i maschi, con cui vorremmo godere. Sono convinta che con la vostra complicità, riusciremo a farvi avere un meraviglioso palco di corna, che andranno come minimo lucidate giornalmente.»
Scoppiamo tutti e quattro ridere, si abbracciano, si avviano verso il parcheggio per riprendere l’auto, e tornare alla vita di tutti i giorni, consapevole del fatto, che il futuro sicuramente gli regalerà tutto quello che loro desiderano ardentemente.

FavoriteLoadingAggiungi ai tuoi preferiti
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *