Svezzato dalla nonna della mia fidanzatina

Svezzato dalla nonna della mia fidanzatina

>>>>GODI ORA AL TELEFONO CON UN PARTNER OCCASIONALE -CHIAMA IL 899.005.022<<<<<

Ciao a tutti
Il mio è un racconto reale al 100%100
Datato a qualche anno fa, precisamente primi anni 90 quando per le vacanze scolastiche si andava a lavorare, almeno io facevo così per raccomolare qualche soldo in più
Mi chiamo Giuseppe,ai tempi vivevo in un piccolo paese di poche anime nella provincia di Benevento
Essendo molto piccolo il paese,ci si conosceva più o meno tutti
Sono cresciuto fino alle medie con Francesca,una mia vicina di casa e insieme andavamo anche nella stessa classe essendo coetanei
Tutti ci chiamavano la coppietta del paese perché eravamo sempre insieme davvero, nonostante l’età adolescenziale, con Francesca fin a quel momento ci era scappato solo qualche bacio e nulla più e dovevo ricorrere sempre più spesso alla masturbazione più volte al giorno perché si sa i ragazzi a quell’età come sono
Coincidenza con Francesca che eravamo anche entrambi figli unici,i suoi mi conoscevamo praticamente da sempre e sapevano che avevo una specie di relazione con la figlia, si fidavano di me perché non ho mai dato modo di farli ricredere,fin da piccolo appena c’era un giorno festivo a scuola,io andavo ad aiutare un signore del paese che faceva l’imbianchino
Noi del paese eravamo più a valle,mentre un po’ più su in collina abitava nonna Rosetta, la nonna vedova di Francesca
Una signora di una sessantina di anni più o meno
Era molto in forza, faceva tutto da sola e ricordo che il suo fisico era ancora tirato et nonostante l’età era molto in forma
Nonna Rosetta aveva chiesto di me alla nipote,in quanto sapeva del mio apprendistato come imbianchino e voleva farsi imbiancare camera da letto, solo la parte superiore perché sotto aveva la carta da parati
Aveva già la pittura e gli attrezzi, dissi che sarei andato domenica mattina perché era l’unico giorno che avevo libero
In paese la domenica mattina andavano quasi tutti alla messa, compresi i miei, Francesca e i suoi genitori,io mi reco intanto su dal paese in bicicletta
Intravedo Rosetta che annaffia delle piantine
Ricordo perfettamente cosa indossava quel giorno
Un vestitino di quelli estivi con il sopra tipo canotta e sotto gonnellina con fantasie floreali
Ma essendo bianco lo sfondo era leggermente trasparente e si vedeva l’intimo
Mi venne incontro con un grande sorriso,mi adorava,lo diceva sempre
Mi abbraccia talmente forte che ogni volta mi schiaccia la faccia tra le sue grosse mammelle
Come sta il mio bel ragazzone?
Bene Rosetta,tu stai bene?
Lei voleva assolutamente che le dessi del tu
Si si,entra ti do qualche cosa di fresco da bere
Una bella limonata fresca,poi mi metto subito all’opera e Lei intanto va a finire di annaffiare
Dopo qualche ora,io avevo quasi finito, lei rientra tutta sudata,ho bisogno di una doccia ora e va a lavarsi
Io intanto finisco, vado accanto alla porta del bagno e chiamo Rosetta dicendo che avevo finito
Lei apre la porta ed esce con la gonna e reggiseno
Scusa tesoro, mica ti imbarazza?
No no
Wow,sei stato bravissimo, cavolo, davvero un ottimo lavoro
Accidenti e non hai sporcato nulla
Mi da un bacio sulla guancia
Vieni dice, andiamo in terrazza sul retro della casa che c’era l’ombra e si stava benissimo,in più nei dintorni non c’erano altre case,era sola per qualche centinaio di metri
Siediti ti porto da bere e intanto mi dici quanto ti devo tesoro
Nulla, Rosetta figurati è un piacere aiutarti
Amore così mi metti in difficoltà, qualcosa vorrei darti
Davvero,a posto così sono stato felice di aiutarti
Che amore sei,non posso neanche pagare in natura che sono vecchia,dice ridendo
Io sorrido e dico zeh insomma mica tanto vecchia
Lei mi guarda e dice, vuoi farti pagare così da una vecchia come me? Un bellissimo ragazzo come te chissà quante ne avrai oltre mia nipote
Magari, dico io
Lei sempre in reggiseno, si siede accanto a me, ma te l’ha da, spero?
Chi? Dico io
Francesca…
No nulla
Ma davvero non fate nulla?
No,solo qualche bacio
Ma lei non vuole?
Si , fosse per me..
E ti credo, povero… Poi se non fate ora le vostre esperienze, quando le fate
Io da giovane ero molto carina,sai?! Ne avevo diversi dietro che mi corteggiavano
Sei ancora una bella donna,guarda che fisico hai ancora
Grazie mille mi fanno davvero tanto piacere i tuoi complimenti sai?! Ma posso chiederti una cosa?
Si dimmi
Non lo hai ancora fatto quindi?!
No ancora no
Vorresti farlo?
Io li per li non avevo mica capito e risposi, eh magari
Hai capito cosa intendo?
Si, ma non vuole mica posso costringerla
Non con lei.. con me
Con te?
Si vuol farlo?
Cosa in particolare? Ero rincoglionito ancora
Vuoi scopare con me?
Si subito
Però ascolta, bisogna mantenere il segreto questo,me lo prometti?
Te lo giuro hai la mia parola
Vieni andiamo in camera
Lei si spoglia davanti a me e il suo culo era duro nonostante la sua età e la figa pelosa solo al centro
Mi spogliai velocemente e il cazzo perennemente duro come sempre
Che bel cazzo
Vieni che Rosetta tua te lo succhia tutto ora
Lo prende in bocca e mi fa sobbalzare, come una scossa di corrente
Avanti e indietro con la testa e sento la sua lingua che gira intorno all’asta turgida
Sto per sborrare,sborro e lei aumento il ritmo prendendolo tutto e facendolo sparire in gola
È squisito
Il più buono mai assaggiato prima
Ti piacerebbe leccarmela?
Si ma ovviamente non sono bravo come te, non preoccuparti, ti dico io come fare ora
Mi guidava lei mentre io affondavo la lingua nella sua fessura piena zeppa di umori che colavano a fiumi e ingoiavo più leccavo più ne uscivano fino a che non urlò fortissimo e uscì un getto di piscio umori e mi disse che non succedeva da moltissimi anni, squirto come una fontana rotta,mi inondò completamente
Cavolo meno male che non eri bravo,mi stavi facendo morire mamma mia
Vieni ora mettilo dentro e chiavami forte più che puoi
Lo punto e lei mi afferra e mi fa entrare velocemente
Spingi forte
Chiava la tua Rosetta
Mamma mia che voglia di cazzo avevo
Ce l’hai bello grosso
Spingi forte
Chiava questa puttana,vuoi che diventi sempre la tua puttana?? Dimmi di sì ti prego
Si era completamente trasformata
Da signora gentile e tranquilla a ninfomane assatanata
Si lo voglio
Si chiavami forte, spingi pure le palle dentro dai così così
Sto per sborrare ancora
Si anche io sono venuta ancora,sborra dentro di me
Si vengoooo
Sversai tutto dentro di lei
Madonna che bel cazzo hai ed è ancora duro cavolo mi fai venire ancora, vengo, vengo e continuava a godere
Tesoro mettimelo nel culo per favore
Rompimi il culo , aspetta mi metto a pecora
Si piegò sul letto allargando le grosse chiappe
Spaccalo pure, spingi
Incredibilmente il culo era molto stretto rispetto alla figa
Godevamo entrambi di più
Lei non riusciva a trattenere l’urina mentre la trapanavo e riempiendo anche il suo intestino di sborra lo stavo tirando fuori
Mi fermo,ci penso io amore perché non ho pulito prima,poi ho capito col tempo che c’è una procedura da seguire per la pulizia del retto prima di fare l’anale
Lo afferra e velocemente lo infila in bocca pulendo tutto
Ci rivestimmo, prendiamo da bere e stiamo un po’ seduti
Sei stato davvero molto bravo,mi hai fatto godere molto anzi moltissimo e tu?
È stata la prima volta più bella che potessi desiderare
Davvero dici?
Lo giuro
Sono contenta perché è stato bellissimo anche per me,vuoi continuare con me?
Si lo voglio davvero
Sarò tua tutte le volte che vuoi
Così appena riuscivo andavo su da lei e facevamo di tutto e di più ogni giorno sempre meglio con molte fantasie, fino a che un giorno mentre la inculavo, lei disse,ti piacerebbe scopare me e Francesca insieme?
Magari, cazzo sarebbe fantastico
Allora lascia fare a me domenica invito entrambi a pranzo e ci penso io
La domenica ci rechiamo da lei, Francesca ignara di quello che può succedere indossa una gonna corta
Finito di pranzare stiamo sul divano
Rosetta inizia con domande e frasi un po’ spinte e tranquillizzare Francesca che nessuno saprà nulla e lei è più aperta rispetto al paese
Così dopo qualche bicchiere di vino fresco, Francesca inizia ad essere meno inibita
Ma praticate la masturbazione? Io si specialmente di notte,tu invece Francy? Dai nonna.. che c’è di male lo faccio anche io dai
Davvero?! certo tesoro mica è un male
Si, allora, anche io spesso di notte lo faccio
Perché non lo fate tra voi, sarebbe meglio no?
Se lo sanno mamma e papà poi
Chi glielo dice, dovete divertirvi che siete giovani
L’ultima volta che andai all’edicola in paese ho preso una vhs di film porno lo vediamo? Si si
Francy fa spallucce
Il film parte e noi tre sul divano, Francy in mezzo
Rosetta si toglie la maglia lasciando il seno scoperto e si tira su la gonna senza mutandine
Francy però non disse nulla e continua a guardare le due donne che succhiano insieme il cazzo a un ragazzo
Perché non togli la maglietta?!fa caldo
Non ho reggiseno nonna
Neanche io,ma tanto ci siamo solo noi
Lei con mio stupore toglie la maglia lasciando le sue tettine dritte fuori
Brava tesoro così devi fare,sii più decisa e sciolta goditi la vita
Annuì con la testa
Rosetta si alza e prende la sua mano e tira fuori il mio cazzo e lo fa afferrare dalla nipote,guarda che bel cazzo ha il tuo ragazzo,devi godertelo ora,su segalo fa vedere quanto sei brava
Francy cominciò così a segarmi
Brava tesoro continua così
Rosetta si avvicina a lei e inizia a leccare le sue tette
Mentre infila la mano sotto la sua gonna e inizia così a penetrarla con le dita
Francy incominciò a godere la sentivo gemere e aveva degli spasmi forti e tremava con le gambe
La nonna ota ti fa godere tanto ok?
Si nonna
La sdraia e si immerge con la testa tra le cosce della nipote ed era fottutamente brava con la lingua, Francy stava impazzendo tanto godeva era pronta, desiderava il cazzo
Così andai sopra di lei e Rosetta salì sopra la sua bocca e chiese di leccare
Ma non riusciva perché la sfondai letteralmente spaccandola in due, all’inizio bruciava,ma poi cominciò a godere più e più volte
E quando ormai stanchissima Rosetta le disse di godersi lo spettacolo e mi chiese di incularla mentre baciava la nipote
Fu fantastico e cominciò così ad essere una routine quotidiana
Francy però dopo un po’ di tempo chiese di farlo in quattro e ci voleva però un uomo fidato perché era rischioso
Passò circa un anno da allora e Rosetta propose un suo conoscente di vecchia data, un contadino di un paese vicino e che qualche volta in passato ci ha già scopato,era al nord ma da qualche giorno era rientrato e volendo potevamo farlo, Francy ovviamente euforico, tanto era eccitata che non chiese neanche l’aspetto o l’età di quell’uomo
Primo pomeriggio Rosetta ci da l’ok e Francy già arrappata con gonna mi dice di non avere le mutandine
Arrivati, Rosetta ci spre e lei è già nuda dicendo che lo stava succhiando gia ad Antonio,il contadino,un po’ in penombra per le persiane abbassate, la figura nuda sul letto si alza,un uomo tarchiato, basso, stempiato, più o meno l’età di Rosetta , guardo il suo cazzo e aveva un altra gamba,era quasi il doppio del mio e molto largo
Francy senza guardare neanche la sua faccia,guarda estasiata solo il cazzo, mamma mia come è grosso e largo, mica mi farà male?
Male? Ti può solo fare bene vieni qui puttanella ti faccio vedere
Rosetta mi fa sedere sul divano di fronte e mi spompina
Francy estasiata da quel cazzone che lui lecca per preparare la sua figa e lei non resiste e lo implora
Le allarga le cosce e la impala facendola urlare e lacrimare
Che bello siiiii
Sono piena mamma mia lo sento tutto
Io sborro intanto e Rosetta va in bagno, mentre Antonio la spacca in tutte le posizioni e ultimo il culo che ad ogni affondo lei urinava tanto godeva
Ti piace eh??
Si da morire da morire
Non hai mai goduto cosi
No mai
Come è il mio cazzo?
Meraviglioso, grosso, fantastico
Meglio del cornuto di fronte eh puttana, diglielo
Si, è meglio il tuo, molto di più
Digli che cos’è,guarda come ti scopo la tua troietta diglielo
Si sono una puttana, sono tua, non credevo possibile ma mi venne duro mentre osservavo e mi dicevano quelle cose
Segati tesoro,disse Rosetta,sei un bravo cornuto
Comincio a segarmi velocemente e sborrai a terra mentre Antonio riempì Francy nel culo
Ti è piaciuto troietta?
Si molto,lo voglio sempre il tuo cazzo
Il cornuto lo facciamo guardare d’ora in poi
Rosetta mi spinge verso di loro
Antonio sfila il cazzo e Rosetta mi abbassa la testa e dice ora puliscilo bene
A fatica lo prendo in bocca tanto e grosso
Lecco e ingoio tutto
Successe sempre più spesso,ma ormai la voce iniziò a circolare fino a che praticamente lo venne a sapere tutto il paese e ci toccò trasferirci,da allora non ho più avuto notizie di loro,io ho continuato con la mia passione di Cuckold e ogni tanto ripenso volentieri a come cominciò tutto
Scusate se ci sono errori di scrittura, spero vi sia piaciuto e ne ho ancora altri

FavoriteLoadingAggiungi ai tuoi preferiti
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *