Finalmente il sogno che si avvera 1° parte

Finalmente il sogno che si avvera 1° parte

>>>>GODI ORA AL TELEFONO CON UN PARTNER OCCASIONALE -CHIAMA IL 899.005.022<<<<<

Mi presento sono Paolo ho 55 anni e mia moglie Elena ne ha 50 siamo di Bari.io sono un uomo normale mi definisco simpatico e carino non sono certamente un adone, lei è una bella donna non molto alta ma formosa al punto giusto con un bel viso e soprattutto una carica sensuale che sprizza da tutti i pori. L’episodio che vado a raccontare è avvenuto all’incirca 5 anni fa. Io sono stato sempre quello alla ricerca della novità nel campo sessuale e lei quella un po’ più posata e responsabile qualche volta assecondava le mie fantasie altre volte rifiutava categoricamente. Pero devo dire che sono sempre stato soddisfatto del nostro rapporto e della nostra intesa a letto e non solo. avevamo fatto qualche gioco di esibizionismo e la cosa ci eccitava molto entrambi. Ma veniamo a quello che è accaduto quel fatidico giorno. Ero salito a Rimini per lavoro e lei era venuta con me per farmi compagnia e per passare qualche giorno da soli lontani dalla famiglia. Da subito avevo capito che sarebbero stati tre giorni particolari. Durante il viaggio verso Rimini rimasi un po’ deluso mi aspettavo qualcosa invece non accade nulla, lei era troppo stanca, arrivammo nel B&B che avevo prenotato io ero visibilmente deluso, lei fece finta di nulla ripose le nostre cose organizzo la casa e ordinammo delle pizze li vicino che andai a ritirare io stesso, le divorammo e io stavo per alzarmi per andare a cambiarmi e andare a letto quanto lei mi dice di aspettare li seduto un attimo. La sento trafficare con il fono con le valige e capisco che aveva voglia di qualche giochetto. infatti entra in cucina con indosso solo un completino molto sexy formato da un perizoma con motivi floreali e sopra una vestaglietta, vedo i capezzoli che sembrano voler bucare il tessuto tanto sono grossi e duri, cosi capisco che sotto non ha messo il reggiseno. spegne le luci si e truccata e sistemati i capelli ha messo anche le scarpe alte nere legate alla caviglia senza calze è fantastica. Cammina ancheggiando verso di me che sono rimasto seduto alla sedia. Vuole stuzzicarmi finge di cercare qualcosa nei vari cassetti della cucina soprattutto quelli bassi lo fa senza piegare le ginocchia e allargando le gambe mostrandomi il suo splendido culo e la sua figa gonfia cerco di sfiorarla ma me lo impedisce. Cosi prende una zucchina dal frigo e la lava guardandomi con fare malizioso, capisco lo abbiamo già fatto questo gioco al solo ricordo mi viene duro. Quando e soddisfatta del risultato si avvicina, allontana le mie mani non vuole essere toccata, si piega al mio fianco sempre senza piegare le ginocchia e comincia a toccarmi tra le gambe mi infila la lingua in bocca con fare prepotente. Ummmmm mi sento impazzire mi piace, continua a tenere le mie mani lontano fino a quando non mi slaccia i pantaloni e finalmente tira fuori il mio caz… e lo fa scomparire in bocca, succhia divinamente mi guarda maliziosa mentre lo lecca lungo tutta l’asta lo morde, ummmmm ancora non vuole che la tocchi. Poi mentre comincia a succhiarmi le pall… con una mano mi masturba con decisione mi passa la zucchina che aveva appena lavato. Il messaggio e chiaro le sposto il perizoma , e completamente bagnato, lentamente giocondo con la punta della zucchina la spingo tra le sue labbra lei si tuffa sul mio cazzo ingoiandolo e succhiandolo tutto( sono normo dotato)io non resisto e troppo e mentre accelero il movimento della zucchina dentro la sua figa le vengo in bocca, lei ingoia tutto ( lo fa molto raramente e solo quando è davvero molto eccitata) mi rilasso lentamente e mi godo il trattamento di pulizia la zucchina e tutta dentro la sua figa solo adesso mi rendo conto che ne ha scelta una molto larga e ma poco più lunga del mio mi guarda e prendendomi per mano mi guida in camera da letto osservo la zucchina che è rimasta nella mia mano ricoperta dei suoi succhi. mi guarda e dice “Non penserai che sia finita cosi… adesso voglio venire anche io”.. ma questa è un’altra storia.

FavoriteLoadingAggiungi ai tuoi preferiti
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *