Visita inaspettata

Visita inaspettata

Spread the love

il racconto è di una mia amica particolare, io ho solo cercato di metterlo in discreto italiano.

Ero sposata da una decina di anni, ormai all’estero da circa otto anni
Avevo già due figlie che andavano a scuola ma passiamo al fatto accaduto.
Mi telefonò mio marito dicendomi che avrebbe portato a casa un suo carissimo
amico d’infanzia che era venuto dalle nostre parti per lavoro, non ebbi nulla da
obiettare solo che avrei dovuto preparare il pranzo in modo leggermente più
accurato, ma detti il consenso.
Preparai un pranzetto abbastanza velocemente ma non per questo scarno, insomma avrei fatto una discreta figura, poi mi resi presentabile con una bella camicetta una gonna non lunga ma vaporosa insomma non stavo male, mi piacevo, non potevo farmi trovare in tuta o in vestaglia anche perché non sapevo chi fosse.
Arrivati a casa facemmo le presentazioni, era un uomo dell’età di mio marito ma messo molto meglio fisicamente, insomma un bel uomo veramente, tanto da farci un pensierino subito scacciato via almeno per il momento
Era molto elegante, affabile, educatissimo, non perdeva occasione per farmi i complimenti diretti o indiretti, sul cibo, sulla tenuta della casa e sull’arredamento, insomma mi mise a mio agio e mi crogiolavo quasi.
Mentre mangiavamo notai che non di rado mi lanciava delle occhiate che mi mettevano in subbuglio facendomi tornare alla mente ciò che avevo scacciato all’inizio, notai che mentre con mio marito ricordava i tempi della gioventù lui gli versava da bere tenendo il bicchiere del consorte sempre pieno e stimolandolo a fare brindisi, mio marito evidentemente preso dai ricordi continuava a bere mentre il suo amico anche se portava il bicchiere alla bocca beveva pochissimo, dopo un po’ finita la bottiglia mio marito mi chiese di prenderne un’altra e anche questa presto fece la stessa fine della precedente ma ormai eravamo a fine pasto, le occhiate dell’amico si facevano sempre più intense e prolungate.
Finito di mangiare gli uomini si sedettero sul divano per vedere un po’ di tv ed io portai dei dolcetti che avevo fatto io, dolci secchi che vanno imbevuti nel vino o nel liquore per essere meglio assaporati;
Portai del liquore dolce e lo versai nei bicchieri, mio marito ormai euforico ne abusò e dopo un po’ cominciò a lasciarsi andare e alla fine si addormentò.
A quel punto scusandomi con l’amico gli chiesi se volesse un caffè che accettò.
Mi recai in cucina a prepararlo, ma dopo qualche secondo lui mi seguì e avvicinandosi da dietro, al mio orecchio mi chiese se mi fossi accorta del suo interesse per me, non dissi nulla, lui si avvicinò ancora aderendo con la sua patta al mio sedere, era già eccitato ed io invece di evitare da buona moglie, spinsi indietro per sentire meglio.
Il dado era tratto mi girai e ci baciammo come se fossimo due amanti in astinenza
Iniziò a toccarmi ovunque, sul seno sui fianchi, sul sedere per andare a finire alzandomi la gonna, sulla fica che ovviamente era bagnata all’inverosimile
Continuando a baciarmi mi infilò prima un dito poi due facendomi sentire nelle sue mani, in suo possesso;
decisi che era ora di prendere l’iniziativa, mi abbassai gli aprii la patta e facendo questo schizzò fuori un cazzo di tutto rispetto , non grandissimo ma ben fatto, iniziai a baciarlo a leccarlo per poi infilarmelo in gola.
Ero al settimo cielo ed anche lui ma non ero tranquilla, mio marito avrebbe potuto svegliarsi e glie lo dissi.
Mi tranquillizzò dicendo che mentre non guardava aveva versato nel suo bicchiere un po’ di sonnifero, non mi ero accorta di questo neppure io.
A quel punto lo presi per mano e lo portai in camera, ci spogliammo a vicenda continuando a baciarci ovunque, mi fece stendere sul letto ed inginocchiatosi iniziò a leccarmi con una passione e maestria mai provata; era veramente bravo ma io lo volevo dentro e glie lo dissi;
salimmo al centro del letto aprii le gambe e in un attimo mi fu dentro iniziando a stantuffarmi con forza, dapprima con calma poi sempre più violentemente.
Io guaivo come una cagna mentre lui mi diceva che ero una troia, una puttana, una zoccola ed io ad ogni parola invece di arrabbiarmi mi sentivo godere di più e dicevo siiiiiiii sono la tua troia, la tua puttana, la tua zoccola.
Arrivai come un fiume in piena mentre lui ancora resisteva; restò dentro di me per qualche secondo mettendo una mano sulla fica e da sotto trascinò i miei umori fino al buco del culo infilandomi un dito dentro e lubrificando il condotto.
Era un po’ di tempo che non lo facevo ma in quel momento non vedevo l’ora che si decidesse a chiedermelo per potergli dire ancora siiiiiiiii; non lo chiese mi girò e puntandolo lo conficcò con determinazione ma con calma;
mi sentivo piena, stavo bene, era tantissimo che non godevo in quel modo e con mio marito i rapporti erano sporadici e troppo veloci per riuscire a godere, tanto che avevo imparato a far finta di venire e dopo quando lui si addormentava mi masturbavo per godere bene.
Mi inculò per una decina di minuti poi mentre io godevo per la terza o quarta volta, mi sentii allagare lo sfintere mentre lui sembrava un maiale che grugniva tutta la sua soddisfazione.
Finito di sborrare cominciò ad ammosciarsi e quindi ad uscire, appena fatto mi girai e volli prenderglielo di nuovo in bocca per sentire il suo sperma e pulirglielo per bene.
Dopo ci stendemmo per una decina di minuti per rilassarci, mentre lo facevamo mi disse che aveva scopato con molte ma nessuna era stata così troia come me, la cosa mi fece piacere.
Andammo in bagno a lavarci non senza qualche contatto e una leccata lui a me ed io a lui
Ci rivestimmo e tornammo in sala dove il marito ancora dormiva ma ormai era sul punto di svegliarsi, infatti dopo un po’ aprì gli occhi trovandoci a discutere di cose futili, si scusò per essersi addormentato ed al suo amico disse di uscire a fare due passi per la città, cosa che fecero mentre io dopo la loro uscita riordinata la cucina, andai in camera e ripensando a quanto successo mi stesi sul letto, presi il mio vibratore e mi masturbai ancora pensando che l’amico fosse ancora con me, non so perché ma io sono così.
ciao

 

2 thoughts on “Visita inaspettata

  1. peterpan55

    Belle eccitanti Fantasie notturne. Anche se aveva bevuto tanto, e non l’hai drogato si sarebbe svegliato al minimo fruscio figuriamoci a degli gemiti, è poi tu fin quel momento donna onesta e fedele, solo al pensiero che lui tuo marito è appisolato li non avresti mai fatto tutto quello che hai scritto, per di più con una persona che non sai chi cazzo è, poi addirittura andate nel bagno e lo rifate… Scusa se eravate a pranzo, hai dimenticato le tue due figlie, o abitate in un castello e il bagno e la cucina nell’altra torre?.

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.