Inconsapevolmente cornuti. Il suo nuovo ruolo di puttana

Inconsapevolmente cornuti. Il suo nuovo ruolo di puttana

>>>>GODI ORA AL TELEFONO CON UN PARTNER OCCASIONALE -CHIAMA IL 899.005.022<<<<<

Ripresa la via, impostata di nuovo la stessa velocità, Silvia guarda Luca in faccia con aria alquanto preoccupata. «Cosa pensi? Come ti sono sembrata?» Luca la stringe forte, poi con voce infinitamente eccitata, le risponde con un tono estremamente felice. «Come mi sei sembrata? Sei stata MERAVIGLIOSA! Penso che le tue paure siano assolutamente infondate. Sei una donna stupenda, intelligente ma soprattutto sai far emergere la femmina stupenda e vogliosa che è in te». Lei lo guarda, sente dentro di sé che quelle parole hanno un effetto molto stimolante e pensa che, come inizio, non è stato affatto male. Mentre i due ragazzi parlano, Luca vede nello specchietto retrovisore la vettura della stradale che, con i lampeggianti accesi, arriva lentamente dietro di loro e, quando li affianca e li sorpassa, un lieve cenno di saluto viene da quella vettura che si pone a poca distanza davanti a loro. Silvia, come illuminata da un intrigante pensiero, guarda Luca e gli esprime quella che ora è la sua idea. «Amore, dimmi che sono una pazza, ma, se dentro al bar abbiamo cominciato a verificare la mia reale propensione a far la puttana, solo ed esclusivamente per te, credo che dobbiamo andare fino in fondo a questo gioco appena iniziato». Luca la guarda e le chiede quale sia la mossa successiva che intende fare. Silvia resta un attimo a pensare, poi si gira, lo guarda e con un cenno del capo indica la vettura che sta davanti, con dentro le due persone che ha provocato nel bar. Lui, intuite sue intenzioni, le offre il suo totale sostegno. Silvia apre la camicetta e chiede a Luca di affiancare la vettura che li precede. Quando le due auto sono affiancate, lei si gira ed incolla i suoi seni contro il finestrino. Dall’altro lato, entrambi i maschi notano il gesto e, abbassato il finestrino, chiedono a lei di fare altrettanto. L’uomo alla guida informa Luca che, poco oltre, c’è un’area di sosta. Luca solleva il dito pollice in segno di ok, poi schiaccia sul pedale dell’acceleratore e il potente bolide, con un ruggito, divora l’asfalto seguito dagli altri due, che ora hanno spento i lampeggianti. Giunti all’area di sosta, nota che la zona è divisa in due sezioni. La più bassa, con i bagni, è posta un po’ più avanti, dove ci sono due tir parcheggiati, mentre l’altra, leggermente più in alto, è circondata da un boschetto, attrezzato con gazebo in legno e tavoli e panche. Parcheggia l’auto e scende. Anche Silvia scende e attende qualche secondo che siano raggiunti dall’altra vettura con i due uomini a bordo. Si siede su uno dei tavoli, appoggiando il piede destro sul tavolo e quello sinistro alla panchina di legno. Così messa, le sue cosce appaiono oscenamente aperte, la fica in bella mostra e la stoffa dello string completamente inzuppata dei suoi umori. Luca si muove lentamente e si posiziona dall’altro lato del tavolo, mentre i due uomini, dopo un lieve cenno d’intesa, si avvicinano e il più anziano subito si inginocchia fra le cosce di Silvia e prende a leccarle la figa, già pregna di umori. Quello più giovane, invece, fa il giro della panchina e, fatta distendere la donna, che si appoggia sul gomito, le presenta davanti alla bocca un bel membro, non troppo lungo, ma di buone dimensioni. Lei lo afferra e subito comincia a lavorarlo con la lingua, tenendolo fra le labbra. Contemporaneamente l’uomo che la sta leccando, scopre quanto sia eccitata quella femmina. «Accidenti! Questa troia è un vero lago! Sbrodola in maniera pazzesca! Mai vista una cosa del genere: veramente stupenda»! L’altro, appoggia delicatamente la mano sulla testa di Silvia che, in base all’esperienza ricevuta alla scuola delle puttane, ora tiene il suo cazzo completamente infilato in bocca e lo tortura con la lingua, facendo impazzire di piacere quell’uomo. «Che meraviglia! Questa troia, lo succhia in maniera meravigliosa! Una vera bocchinara! La miglior bocca che me lo abbia mai succhiato»! Luca guarda la sua donna godere fra le braccia di quei due maschi, estrae il cazzo e si masturba lentamente, affascinato dalla bravura della sua femmina che, improvvisamente, si gira e lo cerca. Lo guarda dritto negli occhi e, sfilato il cazzo dalla bocca e con voce dal tono deciso, che non ammette replica, gli dice: «Avvicinati! Voglio anche il tuo cazzo! O mi fai succhiare anche il tuo oppure tutto questo gioco finisce immediatamente». A Luca basta inginocchiarsi sul tavolo per offrire anche il suo uccello alla bocca famelica della donna, che, adesso, li alterna fra le sue labbra, mentre lui allunga una mano e va a strizzare quei due splendidi seni, che fanno capolino da sotto la camicetta. Silvia, sollecitata in più modi, sente il suo corpo tendersi e per poi esser squassato da un orgasmo, che le fa scaricare tutta la tensione accumulata fino a quel momento. Gode e lo urla, nonostante abbia la bocca piena di quei cazzi che sta pompando; il suo corpo trema e riversa, in bocca all’uomo che la sta leccando, un’ondata di puro piacere che egli aspira e lecca avidamente. Poi si alza in piedi e, liberato il membro, lo appoggia sulla fica fradicia di umori di quella femmina che lo ha appena gratificato con un orgasmo sconvolgente. Lo spinge con decisione, tutto fino in fondo. Silvia avverte che quella penetrazione la dilata, le apre il ventre e, anche se non ha visto di che dimensioni è fatto quel cazzo che la sta scopando, sente che la riempie tutta. L’uomo afferra le sue cosce e le porta in alto, appoggiando i talloni di lei sulle sue spalle, poi sfila di nuovo il cazzo ed affonda, con un colpo secco e deciso. Ripete la stessa cosa diverse volte, scopandola con un ritmo lento ma deciso, che ottiene l’effetto di far godere ancora una volta Silvia, che tende il suo corpo, lo inarca e, questa volta, mentre viene, si sfila il cazzo dalla bocca ed urla con tutto il fiato che ha in corpo. Quel grido eccita particolarmente anche Luca, che si rende conto che la sua donna sta veramente godendo di un piacere esagerato e questo è, in fondo, la cosa che a lui piace di più, che lo eccita e lo riempie d’orgoglio. L’uomo che la scopa, mantiene il ritmo sempre continuando a sbatterglielo dentro con colpi secchi. Silvia, quando lo sente affondare tutto dentro di sé, decide di mettere in pratica le esperienze che ha imparato in quella scuola così particolare e, nello stesso istante in cui l’uomo affonda dentro di lei, contrae ritmicamente i muscoli della vagina, cosa che, ovviamente, travolge l’uomo che ne avverte ogni sensazione. Sente il suo membro stretto e avviluppato da quelle mucose che lo mungono, provocandogli un piacere davvero particolare. «Accidenti, che puttana! Mi sta facendo un bocchino con la fica! Che troia stupenda! Mai scopata una puttana così brava! Amico, la tua donna ne deve aver presi di cazzi, se, così giovane, è già così brava a far godere un uomo». Luca lo guarda e, con un sorriso da vanitoso, gli risponde in modo da far sorridere anche Silvia, sebbene con la bocca ancora piena del cazzo dell’altro. «Sono contento che tu abbia gradito la sua bravura, perché mi è costata una fortuna farle frequentare la scuola delle puttane». Tutti ridono, ma per motivi diversi. La bravura di Silvia, porta ben presto l’uomo a raggiungere il piacere; la scopa ancora un po’ e quando sente giungere l’orgasmo, lo estrae, lo tiene stretto in mano e scarica tutto il suo seme sulla fica di Silvia. Quando anche l’ultimo schizzo è uscito da quel membro, che l’ha fatta godere, l’uomo scambia il suo posto con quello del collega e presenta quello splendido membro, davanti alla bocca di Silvia per farglielo pulire da ogni traccia di seme ancora rimasta. Mentre lei ne infila buona parte della bocca, sente l’altro posizionarsi fra le sue gambe e, con un affondo deciso, anche lui le entro dentro. A differenza del primo, questo più giovane la scopa con più irruenza. Anche con lui Silvia ripete lo stesso gioco e, quando l’ultima goccia di seme dell’uomo che sta succhiando è versata nella sua bocca, anche l’altro estrae il cazzo e le inonda la fica di schizzi di seme bollente, poi lo presenta ancora alla sua bocca, per farselo nettare. Pochi minuti dopo, tutti e due, con un saluto, salgono nella loro auto e se ne vanno, mentre lei, ora, appoggiata sui gomiti, gira lo sguardo verso il suo uomo e le sue parole sono musica per le orecchie di Luca. I suoi occhi colmi di libidine, i capelli ancora scarmigliati, le donano un’aria da vera puttana, che accendono i sensi di Luca in maniera esponenziale. «Adesso, mio grandissimo cornuto, voglio essere scopata da te. Voglio sentire il tu cazzo dentro di me, voglio sentire che mi sbatti per quella troia che sono e che mi riempi il ventre con il tuo seme, perché solo quando mi verrai dentro, io godrò con te. Scopami, Luca! Fammi impazzire!» Egli, con un rapido movimento, infila il suo cazzo dentro di lei, che è ben aperta e dilatata. La scopa con calma, con affondi lenti e decisi, che la fanno godere, in maniera completamente diversa. Allunga le mani e le afferra i seni, ne tortura i capezzoli, stringendoli forte, in modo da provocarle ancor più piacere, che lei esterna incitandolo a scoparla ancor più forte, mentre serra le sue gambe dietro i lombi di lui. «Sì, così! Ancora più forte! Amore, sfondami la fica! Amore, sto per godere! Amore, vengo! Luca, eccomi, sto venendo!» Lui ora la sbatte con veemenza, la tiene stretta serrando le mani sui suoi seni, e poi la guarda dritto negli occhi ed esprime tutto il suo piacere, mentre la scopa sempre più freneticamente. «Godi, troia! Sei una gran puttana! Una vacca sfondata! Una puttana da strada, che si è fatta sbattere da due porci che l’hanno riempita con il loro seme, ma adesso ci penso io a ripulirti, inondandoti la fica con il mio piacere». Silvia inarca il corpo, stringe forte le gambe dietro di lui ed emette un ennesimo grido, sintomo di un nuovo orgasmo, forte e intenso che la estenua al massimo. Il suo corpo viene scosso da fremiti incontrollati che la fanno vibrare. Quando Luca avverte che la sua donna ha raggiunto quella estasi che si era prefisso di farle provare, si scarica in lei con un grido che risuona nel verde del boschetto, come il ruggito di un leone. Restano abbracciati, poi, lei lo guarda dritto negli occhi e gli chiede ancora un ulteriore piacere. «Adesso, mio meraviglioso cornuto, lecca il seme di questi tre maschi che hanno scopato e profanato la mia fica, inondandola del loro seme». Le parole di Silvia sconvolgono la mente di Luca che, ora, percepisce il nuovo ruolo che la sua donna gli ha assegnato, trasformandolo, da toro da monta a suo adorabile cornuto. Si sfila da lei, si inginocchia e lecca avidamente quel mix di sborra che cola dalla sua fica slabbrata e tumefatta. La pratica dura solo pochi istanti, perché lei si solleva, lo abbraccia e lo bacia, con intensa passione. Insieme salgono in auto, si rimettono in strada e, quando giungono al casello, appena dopo averlo superato, vedono, sul lato destro della strada, la pattuglia con i due agenti che, al loro passaggio, applaudono manifestando la loro approvazione. Quel semplice e informale gesto, non sfugge agli occhi di Silvia, cui appare come una gratificazione. Di colpo si rende conto che le sue paure sono completamente svanite, si sente sicura, felice perché ha dimostrato che è in grado di far impazzire il suo uomo e poter giocare con lui ogniqualvolta ne hanno voglia. Sente che ora è più forte, il futuro meno incerto, e la loro vita, da questo momento in poi, li porterà di sicuro a vivere emozioni fortissime. Sente che le esperienze vissute sono, in qualche modo, state necessarie per arrivare ad esser la puttana del suo uomo, la troia cui lui ha sempre aspirato. Il giorno successivo, sono d’accordo con Stefania che avrebbero riportato la Maserati a casa sua, per riprendere l’auto di Luca. Stefania, dopo che ha lasciato i suoi amici, distesa nel suo letto con Luigi che le dorme accanto, beato e tranquillo, ripensa alle poche frasi scambiate con le sue amiche. Cerca di immaginare quali possano esser le situazioni in cui si siano andate a cacciare. Probabilmente anche qualcosa di grave, visto il severo ammonimento che Lucia ha rivolto a Silvia, in maniera dura e risoluta. Sente che deve cercare di sapere tutto ciò che è successo, senza aspettare i quindici giorni del ritorno di Lucia dalla luna di miele. Giunge alla conclusione che, la persona intorno a cui ruotano tutte le questioni, è Silvia. Quindi, allorché la giovane coppia si presenta per riconsegnare la Maserati, Stefania invita Silvia a mettersi in piena libertà, mentre i loro due ragazzi, seguendo un protocollo già predisposto, insieme raggiungono la proprietà di Alberto per parcheggiare la Maserati nel box. Rimaste sole, Stefania offre una bibita fresca all’amica, che è nuda e distesa al sole come lei. Le due si scambiano una occhiata, poi Silvia cerca di sfuggire allo sguardo interrogativo dell’amica, che, imperterrita, comincia il suo interrogatorio. «Ho riflettuto molto su quello che ha detto ieri Lucia e sono giunta alla conclusione che non posso attendere quindici giorni per conoscere in quali casini vi siete cacciate. Soprattutto voglio capire quanto sia diventato profondo il legame fra te e mio zio. Tieni ben presente che io sono un avvocato e, in qualità di legale, sono come un prete: tutto quello che mi dici, resterà solo ed esclusivamente fra noi due. Quindi ti prego cerca di essere il più sincera possibile». Silvia fa un profondo respiro, poi sente che è giunto il momento del cambiamento di cui parlava con Luca e ritiene che ne faccia parte anche questo ulteriore passaggio, di conseguenza le sue parole sono precise e molto sincere. Racconta a Stefania la sua brutta esperienza durante il viaggio in Olanda. Non ha trovato niente di erotico in tutto quello che ha fatto, al contrario si è sentita usata, un oggetto usato per dare sfogo alle proprie perversioni, un buco dove ognuno ha sfogato la sua libidine. In quel momento, ha capito quanto fosse grande la differenza fra l’essere una donna desiderata da uno o più maschi e l’essere usata semplicemente al pari di un water. È stato un momento di svolta nella sua vita, dove ha preso consapevolezza il fatto che l’unica cosa a cui teneva veramente era l’amore per Luca. Lui aveva da tempo scoperto il suo tradimento con Dario e l’aveva anche vista fare sesso con i suoi amici. Nonostante tutto, quel ragazzo aveva nascosto dentro di sé il dolore provato per quel tradimento, perché più forte era stata la paura di perderla per sempre. Ora che i due si erano spiegati, che, preso atto dei loro sbagli, avevano archiviato le loro paure, ora sono giunti alla determinazione che, insieme possono divertirsi ogni volta che vogliono perché lei, non più tardi della sera precedente gli ha dimostrato che è in grado di soddisfare ogni suo desiderio. È in grado di farlo eccitare, godere e assaporare il piacere della trasgressione insieme a lei, senza necessariamente subire le umiliazioni a cui lo sottopone Andrea e nemmeno sentire il dolore che prova, quando lei lo tradisce con Dario. Stefania fa un profondo respiro, riflette attentamente sulle parole e sui dettagli che Silvia le ha riferito e poi espone il suo pensiero. «Per il discorso olandese, son sicura che, se voi due tenete la bocca chiusa, le persone coinvolte sono come stelle comete, che arrivano, passano e se ne vanno, quindi con il tempo non avrete più nulla da temere. Se poi mi dici anche che con Andrea il vostro patto prevede che quando la coppia decide di chiudere il gioco è libera di farlo, anche se ieri, per tutta la durata del matrimonio, il suo sguardo è rimasto sempre fisso su di te, non ha perso un movimento, un gesto o un tuo sorriso, non dovreste avere particolari problemi a chiarirvi con lui. Un discorso diverso è invece il rapporto che tu hai con mio zio. Pur non sapendo della vostra relazione, ieri quando lui ha accompagnato Lucia all’altare, e si è girato verso di noi per andare al suo posto, ho visto lo sguardo di ammirazione che aveva verso di noi, ma, soprattutto, aveva solo e soltanto occhi per te. Come ti ha fatto notare Lucia, quell’uomo ha sofferto molto per la perdita di sua moglie, una donna bella e solare che tu certamente gli ricordi molto. Ti prego soltanto di usare la maniera più delicata possibile, per riportare la vostra storia ad un livello accettabile, senza che egli ne debba soffrire più di tanto». Silvia ascolta attentamente le parole di Stefania e, anche lei è giunta alle stesse conclusioni. Quando tornano i due uomini, le donne vanno in cucina per preparare delle insalate, mentre i due maschi iniziano a preparare il barbecue, dove intendono arrostire della carne da consumare per cena. Luigi, aiutato da Luca, inizia ad accendere il fuoco, parla con lui del matrimonio e di tutto ciò che è stata la cerimonia, la festa e, soprattutto, l’altra cerimonia che ha visto Alberto sposato alla moglie di Marco. Quel gesto, anche se simbolico, rappresenta per il suo amico un passaggio importante della sua vita. Aggiunge poi il racconto di quello che è avvenuto durante il ritorno a casa, quando cioè Stefania si è fatta scopare da Alberto che, probabilmente, l’ha ingravidata. Luca lo guarda e poi gli chiede per quale motivo ha voluto che Alberto gli ingravidasse la moglie. «Prima del matrimonio, Stefania ed io abbiamo fatto un test e altri vari esami per verificare se vi era qualche problema per procreare. Il risultato è stato che, fondamentalmente tutto era a posto, tranne un piccolo dettaglio che, per vero, ci ha rattristato: il mio liquido seminale contiene una percentuale di spermatozoi talmente bassa, che avrei le stesse probabilità di ingravidarla che avresti tu di andare sulla luna. Lei era molto dispiaciuta di questo fatto e non ne abbiamo più parlato, fin quando siamo tornati dal viaggio di nozze e, vedere Alberto montare con impeto e passione Lucia, qui sotto i nostri occhi, ci ha offerto l’ispirazione. Stefania ha sempre considerato Alberto una persona stupenda e, quando ha chiesto il mio parere su un eventuale rapporto completo con lui, al fine di renderla madre, io non ho esitato un attimo ad accettarlo. Preferisco sapere che il maschio che l’ha fecondata è una persona che ammiro e stimo, invece che con uno sconosciuto qualsiasi». Luca riflette molto sulle parole che gli ha detto Luigi. Dentro di sé, al solo pensiero che la sua donna sia ingravidata da un altro maschio, gli provoca una così forte erezione da costringerlo a sfogarla, masturbandosi. Mentre stanno consumando la cena, arriva la videochiamata dai novelli sposi, che sono allegri, felici e Lucia, spiega ai suoi amici, che il progetto di restare incinta è già iniziato e loro hanno già collaudato il metodo per un’inseminazione doppia e completa. Tutti si complimentano per questa notizia, poi, salutati gli amici, tornano a parlare del matrimonio, di quanto sia stata bella quella festa. Il giorno successivo, Silvia si trova in ufficio da sola, in quanto Dario è impegnato a saldare il conto presso la struttura che ha ospitato tutta la cerimonia. Riceve la telefonata di Andrea, che con un tono un po’ severo, la rimprovera per il fatto che, durante tutto il giorno, non ha avuto alcuna possibilità di scambiare con lei neanche un saluto. «Piccola troietta, mi hai tenuto per tutto il giorno lontano da te, anche se ho desiderato il tuo corpo ed ho ammirato la tua incommensurabile bellezza che, onestamente superava anche quella della sposa. Alla prima occasione, ti farò pagare questa tua piccola crudeltà». Silvia rimane un attimo in silenzio, poi giocando d’anticipo, gli propone di passare il mercoledì successivo insieme. Andrea obietta che quella è la sera in cui Luca generalmente gioca calcetto, quindi ne deve supporre che lei voglia passare la serata solo ed esclusivamente con lui. Silvia ribadisce l’idea: ha voglia di passare una serata insieme a lui, a cena ed in un bel posto tranquillo, perché desidera, in qualche modo ripagarlo, della cattiveria che gli ha inflitto. Andrea si dice subito molto soddisfatto di questo piccolo regalo e i due si lasciano con l’impegno di trascorrere una memorabile serata insieme. Finita la telefonata, Silvia sente dentro di sé che comunque sarà una cosa che, in qualche modo, lascerà il segno ad entrambi. L’esperienza con Andrea le ha fatto provare emozioni fortissime, anche se la nota stonata di quel dannato viaggio, continua a farla sentire sporca dentro. E’ quasi l’ora di pranzo quando torna Dario. La convoca nel suo ufficio e, insieme, fanno il punto sulla cerimonia e su tutti gli aspetti di quel matrimonio. Egli tiene a ribadire alla ragazza che la sua bellezza è stato a sufficienza apprezzata dagli sguardi carichi di desiderio, ma anche dalla immensa soddisfazione di tutti i suoi amici che, consapevoli del patto, si sono astenuti da qualsiasi gesto avrebbe potuto compromettere la tranquillità di quella coppia, ma ognuno di loro ha anche apprezzato nel vedere l’amore che il suo uomo ha per lei e, soprattutto, sapere di aver potuto godere del piacere che il suo corpo è capace di donare. Silvia lo informa che deve assentarsi per andare a portare in lavanderia gli abiti da cerimonia dei due sposi e Dario coglie l’occasione, offrendosi di accompagnarla. Mentre sono in auto diretti verso la lavanderia, Dario chiede se il rapporto con Luca abbia subito qualche mutamento. Silvia non ha il tempo di rispondere, perché sono giunti a destinazione e i due entrano nella lavanderia dove sono abbastanza conosciuti. La signora, quando li vede entrare con gli abiti della cerimonia, chiede notizie del matrimonio e poi, rivolge a Silvia una domanda che, per vero, in quel momento non si aspettava. «Allora, signorina bella, quando verrà la sua amica a portarmi il suo abito da sposa? Quando farà felice quel giovane ragazzo che è tanto innamorato di lei?» Silvia fa un sorriso e poi le risponde in maniera vaga. «Cara signora, prima di sposarci, dobbiamo trovare i soldi per comprare una casa: non possiamo mica andare a dormire sotto i ponti?» Poi sorridendo escono e riprendono l’auto. Appena soli, Dario la guarda e gli chiede se veramente hanno intenzione di sposarsi. Silvia si gira, lo guarda e legge, nei suoi occhi, un lieve velo di malinconia, quasi che quella risposta che lei darà sia da lui desiderata, ma anche temuta. Gli spiega che non sono i soldi il problema, perché anche loro, come Marco e Lucia, vorrebbero trovare una sistemazione che sia abbastanza agevole per entrambi per raggiungere il luogo di lavoro. Dario riflette un attimo e invita Silvia a consultare il padre di Cristina, una delle loro tirocinanti, che ha una agenzia immobiliare. Di certo egli sarà in grado di aiutarli nella loro ricerca. Fermi al semaforo, Silvia sente la necessità di chiarire qualche aspetto anche con lui, per capire quanto sia diventato profondo il loro rapporto. Lo invita a fermarsi al bar per prendere un caffè. Seduti al tavolino il bar, Dario si rende conto che Silvia ha sicuramente qualcosa di importante di cui parlare con lui. Lei gli prende le mani, poi, guardandolo fisso negli occhi, cerca di fare in modo che le sue parole siano il più dolce possibile. «Penso che anche tu, fin dall’inizio, eri consapevole che prima poi saremmo arrivati a questo punto, però mi sembra di capire che la cosa ci sia un po’ sfuggita di mano. Mi dispiacerebbe ferirti, perché per me sei una persona molto importante, che ho sempre ammirato come uomo e poi ho avuto modo di apprezzare come maschio. Voglio diventare la moglie di Luca e, nel fare questo, ho deciso che è giunto il momento che io diventi, solo ed esclusivamente, la sua donna, che lui possa trasformare in una puttana ogni qualvolta ne sente il bisogno o avverta il desiderio di vedermi fra le braccia di un altro uomo. Ma questo deve essere solo ed esclusivamente un suo privilegio. Oltretutto ha già scoperto la nostra tresca, perché è di questo si tratta. Per lui è stato un colpo molto duro, che ha quasi rischiato di spezzare il nostro amore, per questo, d’ora in avanti, voglio essere sincera e leale con lui». Dario la guarda con occhi velati da un sottile dispiacere, poi, però, le sue parole dimostrano quanto amore nutre per lei. «Quando sei venuta a lavorare per noi, io ho sempre cercato di mantenere un distacco, sia con te che con le altre persone, ma quel giorno che abbiamo lavorato insieme, gomito a gomito, mi sono reso conto che tu sei completamente diversa da tutte le persone che avevo incontrato. Assomigli fisicamente molto a mia moglie, il cui dolore per la sua perdita non sono mai riuscito a metabolizzare, ma vederti così bella, allegra e solare, attenta nel lavoro come lo era lei, ha destato in me il piacere di stare in tua compagnia. Tutto quello che ne è derivato, è stata la cosa più bella che mi sia capitata in questi ultimi anni. Non crearti nessuno scrupolo, puoi troncare la nostra relazione quando vuoi, anche se sono profondamente innamorato di una donna come te, sono consapevole di due cose fondamentali: primo io sono troppo vecchio per una donna come te, secondo è Luca la tua vita ed è giusto che con lui tu costruisca il tuo futuro. Sapere che la nostra relazione ha rischiato di spezzare il vostro legame, mi addolora profondamente. Mi hai detto che ha scoperto la nostra relazione e che, sicuramente si è sentito tradito, ma vi ho visto felici e innamorati, quindi presumo che le spiegazioni che tu gli hai dato, lo abbiano convinto che la vostra storia è ancora molto forte. Ti assicuro che non muoverò un dito per far cambiare la tua decisione; posso garantirti che anche i nostri amici, rispetteranno il patto che hanno con te. Eravamo tutti consapevoli che quello che avevamo tra le mani era la cosa più bella del mondo, ma nessuno di noi si è fatto illusioni che sarebbe durata per sempre. Prendi la tua decisione tranquillamente, e non ti curare di me, perché comunque spero vorrai continuare a lavorare nel nostro studio e, quindi, avrò sempre il piacere della tua presenza. Aggiungo soltanto una cosa: son felice che tu realizzi il tuo sogno con Luca, spero che il vostro rapporto sia sempre bello e soddisfacente, sotto tutti i punti di vista, soprattutto quello sessuale. Se lui, un giorno, non dovesse più renderti felice, sappi che io sarò sempre pronto ad accoglierti fra le mie braccia». Poi tornano in ufficio e lei chiama Luca, pregandolo di presentarsi nel suo ufficio, appena esce dal lavoro. La sera dopo l’ufficio passano all’agenzia immobiliare, ma le varie proposte risultano troppo onerose per le loro finanze. Anche un’eventuale possibilità di prendere un appartamento in affitto, non rientra nei loro progetti. I due lasciano l’agenzia alquanto delusi e prendono in considerazione l’idea che, forse, dovranno prendere un’abitazione che sia almeno vicina a uno dei due posti di lavoro.

Author

FavoriteLoadingAggiungi ai tuoi preferiti
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *