L’amica speciale!

L’amica speciale!

Spread the love

Prime Volte

your-message
Salve a tutti, mi chiamo Marco, vivo in un paesello nella provincia di Bergamo, in questo paesello di campagna siamo in pochi abitanti ma ci sono tanti ragazzi della mia età, siamo una compagnia composti da tanti maschi e poche femmine, molti di loro hanno una ragazza ma io non ho anzi non avevo mai fatto esperienze prima d’ora.
Premetto che in questa racconto non rivelerò né la mia né l’età del mio partner anche se entrambi maggiorenni, lei si chiama Claudia, abbiamo un ottimo rapporto di amicizia, non siamo mai andati oltre, ci incontriamo ogni sera, io lei e altri amici.
Una sera mi chiama finito mangiare e mi chiese di andare a casa sua ad aiutarla con il computer e poi saremmo stati da lei e sarebbero arrivati anche gli altri come al solito.
Sono arrivato a casa sua alle 9.30 e infatti aveva un problema con il computer, ho sistemato quasi subito ciò e abbiamo avuto l’idea di guardare un film mentre aspettavamo gli altri, siamo andati sul divano ci siamo seduti e abbiamo iniziato un film.
È da un po’ che avevo voglia, non ho avevo mai avuto esperienze così sono andato in bagno e ho trovato le sue mutandine nella biancheria sporca le ho annusare mentre mi ci masturbarci.
Premetto che lei non mi piace perché è grassotta e non mi attrae.
Sono tornato sul divano e ad un certo punto mi ha detto che andava a farsi la doccia, io gli ho detto che faccia con comodo intanto avrei aspettato sul divano, mentre faceva la doccia ovviamente ho spiato dal buco della porta per vederla nuda ma purtroppo la doccia era in angolo e non si poteva vedere niente, è uscita ha aperto la porta e ha detto, sono nuda mi sono dimenticata di prendere le mutande, così è passata per di lì e ho intravisto la patata, era un po’ grassoccia e pelosa, fortunatamente mi è piaciuta e mi è diventato dritto come un palo.
Dopo di che è venuta da me e dopo un po’ mi ha detto che era stanca perché era vergine e non si era nemmeno mai toccata.
Ho capito subito che aveva voglia così le ho messo la mano sopra le mutande e ho toccato i peli, erano un po’ umidi ho cominciato a toccarla ed entrare un po’ con un dito, ha cominciato a bagnarsi avevo il cazzo drittissimo, ho completamente tolto mutande e pantaloni, gliel’ho messo in mano e ha cominciato a toccarmelo, era inesperta e si vedeva, avevo voglia di scoparla ma non so se voleva.
Gli ho detto di stendersi sul divano e appena stesta ho appoggiato il cazzo sulle labbra della vagina, lei mi ha subito fermato e mi ha detto che non lo voleva fare senza preservativo, io le ho subito detto che non ne avevo entrambi avevamo voglia ma io di più ed ero disposto a tutto.
Le dissi che le sarei venuta fuori ma non c’era verso, così corsi al self service a comprarli e tornai dopo appena 10 minuti, ma tornai molto deluso perché i suoi genitori erano già ritornati e così non avevamo possibilità.
Le dissi di andare un attimo in camera sua, appena entrammo le chiedi di andare in un altro posto e lei mi disse che due giorni dopo avrebbe avuto casa libera un’altra volta ma non volevo attendere così feci finta di accettare e le chiesi di uscire, i nostri amici non uscirono poiché preferirono andare al cinema.
Arrivammo nella piazzetta deserta del mio paese e avevo voglia così gli misi una mano nella fica da sopra i leggings e lei cominciò a bagnarsi, dovevamo trovare un posto per finire, andammo in un campo vicino al cimitero del nostro paese, fortunatamente c’era una stradina di asfalto che era privata e non c’era nemmeno una casa nei dintorni, subito mi tolsi i pantaloni e le mutande e lei si tolse il reggiseno, si abbasso e cominciò a succhiarmelo dopo un po’ si tolse le mutande, vidi meglio la fica e rimasi per un po’ con la torcia del telefono accesa, inginocchiato a leccargliela, era buonissima.
Era arrivato il momento, prese un preservativo e me lo messe, mi disse subito di fare piano perché era vergine, lo ero anche io così eravamo entrambi molto inesperti.
Inizialmente non avevo pensato di metterla a pecora ma mi stesi per terra e la misi sopra di me, piano piano cominciai ad appoggiare il pisello vicino alla vagina, feci pressione ma non entrava, scivolava verso la parte alta così pensai quanto ingenuo ero stato, non avevamo quasi nemmeno fatto preliminari, invertiti la mia posizione e cominciai a rileccarla con la lingua leccavo sempre di più verso dentro, certo che se l’avesse depilata avrei visto qualcosa di più.
Comunque iniziai con un dito piano piano e poi con due e ad un certo punto sangue, capii di averla sverginata con le dita non era molto contenta però adesso sarebbe entrato meglio.
Questa volta invece la misi a pecora e gli punti la passerà con il pisello, spinsi ed entrò come se nulla fosse cominciò a emettere piacere io sinceramente ero talmente eccitato che stavo già per venire però mi trattenevo, lentamente, appunto per non venire continuavo su e giù dentro la sua magnifica figa, ma mi mancava quel qualcosa.
Io non volevo assolutamente farlo con il preservativo quindi dopo un po’ lo tolsi e cominciai a scoparla senza, sentii subito la differenza avevo una voglia di venire dentro quella patata che era fuori dal normale, continuai e ad un certo punto mi disse di leccarglielo e appena si girò verso di me si accorse che il profilattico non c’era più, subito si arrabbiò ma dopo avermi fatto mille raccomandazioni si tranquilizzò.
Me lo succhiò per 10 minuti poi si mise seduta sopra di me e ricomincioò a prenderlo per me era quasi ora di venire, però mi mancava una cosa:il culo!
Senza chiederglielo la rimisi a pecorina e gli misi un dito nel culo, lo leccavo e lo mettevo, dopo averlo ben lubrificanti spinsi con la cappella e lei non mi disse niente solamente urlò dal dolore insieme al piacere, gli dissi che stavo per venire e gli chiedi dove voleva essere innondata.
Feci un breve passaggio da culo a passerà, ho continuato per due minuti, poi l’ho girata e ho sborrato nella sua bocchetta, infine la girai le allargai le labbra della fica e controlla con la torcia, non c’era traccia di sperma, pulii il cazzo con il fazzoletto lo misi per l’ultima volta dentro per salutarla e le diedi una leccata, la rivestii e ci salutammo.
Quella sera rimarrà nella mia mente per tutta la mia vita, ora io e lei scopiamo ogni settimana, mi diverto ancora come la prima volta.
Spero che questo racconto via sia piaciuto.
Ciao a tutti!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.