SESSO PELLE E STIVALI 7

FACCIAMO SESSO AL TELEFONO! CHIAMA IL 899005022 O CLICCA QUI

SESSO PELLE E STIVALI 7

Spread the love

A Valeria l’esperienza Hard Stradale del racconto precedente, con una puttana ed una Trans, era piaciuta; forse il senso della trasgressione e del pericolo sommati insieme, non so. Ma la vedevo sempre più protesa e incuriosita dal mondo della prostituzione, naturalmente a patto che soddisfacesse la componente feticista per pelle e stivali, di cui entrambi oramai non possiamo più fare a meno. Quindi una propensione da soddisfare solo nelle stagioni fredde; mentre a casa e nella cerchia di amicizie che condivideva le nostre passioni fetish potevamo sempre trovare di che soddisfarle; in strada dalla primavera in poi, le troie preferiscono sfoggiare i loro corpi quasi nudi e quando ci sono, gli stivali sono raramente di pelle e di buona qualità.
Diverso è con le escort professioniste, ma anche in quel caso devi stare attento, perché quelle “in tournee” (di giro), difficilmente viaggiano con bagagli ingombranti.
Cominciammo con l’andare a trovare “Valentina”, escort 30enne di Genova, molto bella e ben attrezzata in quanto a guanti, abiti e stivali di pelle, almeno sulle foto del suo profilo di un noto “forum escort”. Poi diverse brasiliane, qualche slava – con particolare soddisfazione negli incontri con la mora tettona bulgara ANA; molto meno per gli incontri con le russe, che in realtà sono solo turiste che si pagano viaggio ed acquisti, dandola via, ma senza nessuna passione e con poca partecipazione.
Devo andare per lavoro a Berlino e Valeria mi propone di aggregarsi per fare un pò di turismo sessuale Leather-fetish; Berlino ne è la capitale ! Troviamo diversi bordelli ad orientamento “Leder und stiffeln”, dove ci divertiamo un sacco, soprattutto io, che sono delegato da Valeria alla penetrazione anale, mentre Lei si limita a leccare pelle, sessi e introdurre stivali arrotolati negli orifizi delle nostre fornitrici professioniste.
Ci sono ragazze di varie nazionalità: spagnole, qualche italiana, ma soprattutto ragazze dell’Est; una di loro ci consiglia di andare a Mosca, San Pietroburgo, o nelle Repubbliche Baltiche, dove si sta affermando una forma di prostituzione molto sofisticata e di elite.
Come suggerito, alla prima occasione andiamo a San Pietroburgo, città magica. Nell’elegante albergo in cui scendiamo, chiediamo subito al concierge come procurarci “compagnia” e lui ci spiega che basta lasciare un numero di cellulare con WhatsApp configurato nella bacheca del bar; lo facciamo e saliamo in stanza. Dopo pochi minuti cominciano ad arrivare proposte con tanto di foto allegata; basta precisare i nostri gusti, che i selfie di ragazze splendide in vestitini di pelle e stivali firmatissimi di accavallano; molti dei selfie sono fatti negli specchi della hall di questo od altri alberghi del centro, altri nei bagni, altri ancora in ascensore ! Basta chiedere: “fammi vedere che stivale indossi” o “voglio vedere il tuo culetto da sfondare” per ricevere dettagli e inquadrature. La scelta così si fà sempre più eccitante, Valeria è arrapatissima e mentre continua a selezionare le pretendenti, io le struscio il cazzo bello duro sulla morbida gonna di pelle che indossa sopra degli stivali esagerati. Alla fine arrivano le due sorelle attentamente selezionate da Valeria, che ha voluto verificare, anche in una lunga video chiamata in inglese, le loro reali fattezze ed attitudini.
Sono Oxana e Ludmilla, entrambe poco più che ventenni, intorno al metro e ottanta, di cui la maggior parte di coscia, lunga affusolata e soprattutto inguainata in due paia di stivali di pelle morbidissima, firmati Gianvito Rossi e Alexander Vauthier; tali da far invidia persino a Valeria che di solito alla costosa qualità preferisce la varietà e quantità.
Le ragazze sono griffatissime e ci spiegano di fare questo mestiere esclusivamente per potersi permettere questi lussi. In Russia se non sei stra figa e stra elegante, sei fuori dal giro che conta.
Oxana ha un bellissimo cappotto di pelle, rivestito internamente di pelliccia, quando lo apre sotto ha solo l’intimo di pizzo (Victoria Secret, ovviamente) il reggicalze e gli stivali, naturalmente lunghi guanti di pelle sino oltre il gomito.
Ludmilla invece ha un abitino di pelle molto sexy, stivali, guanti e biancheria intima di morbida nappa.
Ci aggrovigliamo con tanto bendidio e facciamo sesso senza limiti per due ore buone; le sorelline russe gradiscono la pratica della penetrazione multipla dello stivale in ogni loro pertugio; entrambe apprezzano essere leccate da Valeria e inculate selvaggiamente da me e lo esprimono con gridolini e arrapantissime frasi nel loro erotico idioma.
Insomma una serata degna di essere vissuta, che si conclude con una richiesta economica del tutto ragionevole (qui le tariffe di “alto bordo” sono la metà del cachet di Valentina a Genova (o a Roma quando viene in tournee).
Dopo San Pietroburgo ed altri due incontri meravigliosi, ci trasferiamo nella vicina Tallin e poi a Riga: un tour sessuale veramente esplosivo e pienamente soddisfacente, troviamo che la pratica del contatto WhatsApp sia pratica ed efficacissima: niente fregature, possibilità di scelta, gusto intrigante dell’abbigliamento … In uno dei contatti a Riga, la ragazza ci ha risposto da un negozio di lusso di scarpe e stivali (dove la mattina dopo naturalmente Valeria è voluta andare !) e, complice la sua amica che poi ci siamo scopata, ha fatto un intero collegamento di “prova, infila e sfila stivaloni” arrapanti e costosi, finché la nostra voglia non ha prodotto così tanti umori, da rischiare di rimanere prosciugati, se le due fighette lettoni non si fossero affrettate verso il nostro albergo con gli stivali che avevamo scelto insieme via Skype e tutta la loro attrezzatura di pelle, stacco di cosce, tette e culi bellissimi. Per punizione hanno dovuto leccare il mio sperma e lo squirt di Valeria dagli stivali con cui avevamo masturbato i nostri sessi infocati durante il loro show !!! Ma ne sono state ben contente.Insomma: Sesso Pelle e Stivali oramai Senza Confini !!!
 


ASCOLTA AUDIO LIBRI EROTICI - PROVA 30 GIORNI GRATIS

2 thoughts on “SESSO PELLE E STIVALI 7

  1. Yurill

    le donne sono più feticiste di noi uomini, mi spiego meglio, ti inducono ad esserlo di adescano e si fanno amare a modo loro, la mia esperienza è questa, avevo 16 anni e mi invaghii di mia zia la sorella di mia madre, bella fregna di 45 anni dallo sguardo ammaliante, con lei avevo abbastanza confidenza mi chiedeva se avessi una ragazza dei rapporti con le ragazze, si parlava di sesso come non si può fare con i propri genitori, mi sarebbe piaciuto molto scoparla ma mai e poi mai avrei pensati di eccitarmi sentendo l’odore del suo corpo esattamente dei piedi, si si incredibile no? Effettivamente mi garbavano molto le sue estremità sempre perfette calzanti belle scarpe, ma mai e poi mai avrei pensati di poterglieli accarezzare o peggio baciare! Eppure sono arrivato a leccaglieli incredibile noo? Fece tutto lei, mi chiese di aiutarla a toglierle gli stivali in pelle, tratteni il respiro per non sentire la puzza, invece che sorpresa, cazzo stracazzo mi trovai con il cazzo dritto nei pantaloni alla prima sniffata di quei piedini avvolti nella calze di nylon, mi sciolse in un delirio chi cazzo poteva pensare a… eppure ero li a tenerglieli in mano, appena umidi di sudore ma dall’odore che mi dava impulsi sessuali, chi cazzo ci capiva nulla, in quel momento glieli accarezzai, mi sorrise e mi chiese se mi piacevano, e mi concesse di massaggiarglieli, da li in poi tutto cambiò, divenni il suo feticista, andavo anche di nascosto ad annusare le sue scarpe nelle scarpiera e quanto le trovavo le sue calze di nylon, ero cotto mi aveva bruciato il cervello, divenni suo.
    Ecco le donne sono in gradi di schiavizzarti e renderti felice sprizzando e spruzzando sperma dal godimento anche con una parte insignificante del loro corpo, ma capisco quanto siamo deboli sessualmente noi maschi, quando penso che le ho baciato e leccato ogni centimetro della sua pelle provando soddisfazione, mi pare un sogno ma è tutto vero, sono feticista solo per lei.

     
    1. lekk

      non sei l’unico a incasinarsi la vita a causa dei piedi di una donna, sapessi io che cosa non ho patito per poterglieli baciare e leccare, sono delle stronze di prima grandezza quelle donne che sanno di avere queste armi di distruzione per maschi, io manco me li filavo i piedi delle femmine mi facevano pure schifo, ma porca eva quella volta che una mia amica mi mise un piedi vicino al viso, fu come un fulmine, che cazzo mi stava accadendo non lo capivo, lei però era consapevole del potere che stava esercitando su di me, calzava dei sandali con leggero tacco, legati alla caviglia, aveva unghie colorate di rosso ciliegia, e porca eva avevano un odore eccitante, ma come cazzo facesse ad averlo così non capisco, cazzo i piedi puzzano no? Invece no no erano invitanti da baciare da leccare, in mente mi passarono fulmini e saette e che cazzo mi succedeva non capivo, glielo presi alla caviglia e lo bacia, ma me lo tolse subito, con un viso scocciato mi disse no no dai non voglio, Ma come prima mi stuzzichi e poi ti ritrai? In sintesi ci volle un mese per poterli baciare leccare e adorare come fosse un Dea, cazzo mi aveva fatto quella mia amica, lo sapeva e mi aveva fatto suo leccapiedi senza che io me ne accorgessi sapessi d’essere feticista, porcaeva, le donne ne sanno una più del diavolo.

       

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.