Una stupida ripicca. Primo capitolo

Una stupida ripicca. Primo capitolo

>>>>GODI ORA AL TELEFONO CON UN PARTNER OCCASIONALE -CHIAMA IL 899.005.022<<<<<

Mi chiamo Anna, ho ventisette anni e sono sposta da tre anni con Paolo, che ha la mia stessa età. Sono una bella ragazza, alta un metro e settantacinque, seno di una terza un po’ scarsa, occhi chiari, capelli neri e lunghi. Ho un bel fisico snello e tonico, gambe lunghe e affusolate e, anche se tutti mi dicono il contrario, credo di avere il culo un po’ troppo grande. Mio marito è un bell’uomo, alto più di me, spalle larghe, fisico da vero nuotatore, occhi scuri ed ha anche una discreta dotazione: sì, ha un bel cazzo, non troppo lungo, ma abbastanza grosso. Siamo stati fidanzati due anni, poi un bel matrimonio e, da allora, abbiamo iniziato al nostra vita matrimoniale fatta di cose semplici, allo stesso modo di quella di tante coppie coetanee: lavoro, amici, serate con i suoceri, ferie, a volte da soli ed altre in compagnia. Ha un carattere allegro, e questo mi piace molto di lui, ma ci sono cose che ho scoperto con il tempo, vivendo insieme, che mi mandano letteralmente in bestia. All’inizio non gli davo molta importanza, poi, col tempo, mi sono accorta che per lui erano cose assolutamente normali. La prima vera incazzatura la ebbi quando dovevamo andare al battesimo di mia nipote. L’evento coincideva con una gara di pesca, cui lui voleva partecipare e, di conseguenza, non ci voleva venire: le sue necessità erano inderogabili, infischiandosene di quelle degli altri. Dopo aver tanto insistito, eravamo giunti ad un compromesso: vai a pesca, ma, a metà mattinata, torni e andiamo al battesimo. Stupida io che ci ho creduto. È tornato alle sei del pomeriggio, quasi sbronzo, con un trofeo in mano, felice di quello che aveva fatto in barba ai miei desideri.
Per ripicca, sono stata alcuni giorni col muso, facendo in modo che lui si rendesse conto del mio disappunto; ha cercato di coccolarmi per un po’, ma poi le cose sono tornate come prima: per quieto vivere ho lasciato perdere. La seconda volta è stata davvero grossa, una vera carognata. Erano trascorsi circa sei mesi da quella volta e dovevamo partecipare, assieme ai miei genitori ed altri parenti, al cinquantesimo anniversario di matrimonio di una zia, sorella di mio padre, che abita in una città piuttosto distante da noi. Per questo evento avevo speso tempo ed energie, sia per organizzare le persone che sarebbero dovute venir con noi, sia per il viaggio. Stupidamente non avevo fatto caso che la data, a metà maggio, coincideva con un’importante gara di campionato, dove la sua squadra del cuore, a pari punti con la diretta inseguitrice, avrebbe giocato una partita che, in caso di vittoria, le valeva il campionato. Ovvio che un simile evento per lui era imperdibile. Il sabato che saremmo dovuti partire per l’evento da me organizzato, che ci avrebbe tenuti fuori tre giorni, lui mi dice che ha la febbre a 39°. Ci resto malissimo: lui sembra un moribondo e sono combattuta fra il rinunciare o andare con gli altri.

«Amore, vai pure, non ti preoccupare per me; mi bastano un paio di giorni di riposo e qualche tachipirina e vedrai che lunedì starò già bene».

Decido di partire, con dei sensi di colpa mostruosi: mi dicevo di esser una moglie snaturata, che abbandona il proprio marito malato per andarsi a divertire. Nei due giorni lo chiamo e lui mi rassicura e, quando torno il lunedì, lui è già al lavoro; mi faccio perdonare, facendolo sentire molto importante per me, coccolandolo, e facendo sesso come piace a lui, in piedi, come fossi una puttana, che fa una marchetta. Questa fantasia lo eccita tantissimo. Passa circa un mese e ci troviamo assieme ai suoi amici. Per due volte l’anno, si ritrova con tre di loro, che sono amici da sempre. Questa volta spetta a noi ospitarli nel giardino della nostra villetta, con tanto di barbecue acceso.
Non sono entusiasta dei suoi amici. Luciano, il più porco, è divorziato, perché la moglie lo aveva sorpreso che si scopava la badante della madre. È davvero un maiale e la sua natura non si discosta da quello che è, anche quando arriva a casa mia e mi fa degli apprezzamenti, che per me sono pesanti, ma che per mio marito sono solo complimenti.

«Accidenti, Paolo, che bella puledra è tua moglie. Dovrebbe essere un piacere cavalcarla».

Tutte frasi che non mi piacciono per niente, ma a Paolo sembra solo un linguaggio po’ spinto. Poi c’è Andrea, l’igienista. È talmente fissato con la pulizia e l’igiene, che per lui tutto non è mai troppo pulito e sterilizzato. I suoi amici lo sfottono dicendo che non si fa fare i bocchini dalla moglie per una questione igienica e che la scopa con il preservativo per paura di qualche contagio. Ora mi chiedo: come ha fatto a restare incinta, se lui usa queste precauzioni? Ha partorito due volte e, a guardare bene i suoi figli, non gli assomigliano per niente. Poi c’è Marco. È l’unico che mi sta un po’ simpatico. È un bravo padre, forse tra i quattro è quello più con la testa sulle spalle. È quello che cerca sempre di mettere un freno alle porcate di Luciano ed alle pazzie di mio marito. Erano tutti fuori ed io sono andata in bagno, non quello principale, ma nel nostro privato, che abbiamo in camera da letto. Ha una finestrella, in quel momento aperta che si affaccia sul giardino, ma con la persiana chiusa. Devo cambiare l’assorbente; ho un ciclo mestruale piuttosto abbondante ma che, per fortuna, viene contenuto dall’azione della pillola anticoncezionale, altrimenti avrei un collasso, quando sento mio marito e Luciano parlare.

«Finalmente Diego mi ha mandato le foto della partita. Sai, ero convinto che non saresti riuscito a venirci. Sei un grande! Far credere a tua moglie che stavi male. Una trovata davvero unica. Adesso te le mando sul cellulare».

Lui ride divertito.

«No, non sul cellulare, mandale nella mail, altrimenti rischio che lei potrebbe vederle. Sì, devo ammettere che è stata proprio una trovata geniale; inoltre lei ha anche avuto dei sensi di colpa».

Ridono divertiti, mentre io sono sbalordita. Mi ha preso in giro e se la ride alle mie spalle. Sono furiosa! Vorrei uscire e prenderlo a pugni. Resisto, pensando velocemente a come fargliela pagare. Poi ho un’idea. Esco silenziosamente e vado nella cameretta dove abbiamo il pc. È acceso, come sempre, ed apro la sua mail: non mi serve la password, tanto lui la tiene memorizzata; vedo le mail di Luciano e le invio alla mia posta elettronica. Cancello tutto ed esco, passando per la cucina, dove prendo, come scusa per il mio allontanamento, delle bottiglia di birra. Sono un fascio di nervi, ma non lo do a vedere. Ho già in mente come fargliela pagare e questo mi soddisfa. Passano dei giorni ed arriva la prima domenica di luglio. Siamo invitati al matrimonio della nipote di mio suocero. Antonio, mio suocero, ha un fratello che a sua volta ha due figli, un maschio di circa trenta tre anni, sposato da più di cinque, e la femmina, che ha la mia stessa età. Lei, nonostante sia mia coetanea, è una tipetta molto boriosa, la classica ragazza che si dà un sacco di arie e, per questo, non abbiamo mai legato molto. Per i miei suoceri, questo è un evento molto importante, ma io ho deciso che non ci vado. Quando lo dico a mio marito, va su tutte le furie. Dapprima mi impreca, poi minaccia e strilla che non posso rifiutarmi. Pretende di sapere la motivazione, ma io, con calma, gli rispondo facendolo infuriare ancor di più, affermando semplicemente non ne ho voglia. Passiamo dei giorni in cui i miei rapporti con lui sono molto tesi e, quando arriva la domenica, mentre lui è già vestito e pronto, io riempio la vasca del nostro bagno in camera e mi ci metto dentro, chiudendo la porta a chiave. Lui è furioso, minaccia di sfondare la porta, ma io non demordo. La mia ripicca è servita. Quando arrivano i suoceri, con i quali avremmo dovuto andare insieme all’evento, sento suo padre imprecare, bussano alla porta, ma io continuo a non rispondere, fin quando, dopo una bella sfuriata, è mia suocera Flavia a chiedere di entrare. Flavia è una bella donna. Ha quarantotto anni, cinque in meno di mio suocero. Alta come me, ha i capelli biondi, tinti giusto quel tanto per mascherare qualcuno bianco. È una donna che veste sempre molto elegante, con classe, mai sciatta. Ho sempre pensato che fosse succube del marito, mai uno screzio, mai un tono di voce alto o una parola fuori luogo: insomma una persona che sa stare al suo posto, presente, ma mai invadente. Mi piace per cui metto l’accappatoio e la faccio entrare. Appena dentro mi sorride e si siede sul bordo della vasca; la sua gonna sale un po’, mostrando delle belle gambe.

«Mia cara ragazza, capisco che sei arrabbiata per quello che ha fatto quell’imbecille di mio figlio. Sono furiosa come te, ma, credimi, non è questo il modo di fargliela pagare. Tieni conto che tuo suocero e mio figlio sono dei perfetti imbecilli. Per essi, comportarsi come ha fatto tuo marito con te, è normale. Sono talmente pieni di boria ed il loro ego è talmente smisurato, che non concepiscono che una persona possa avere delle esigenze, desideri o voglie diverse dalle loro. Se credi che, tenendo in piedi questa stupida ripicca, possa risolvere qualcosa in tuo favore, ti sbagli. Lasciatelo dire da chi, da più anni di te, ci combatte. Adesso ti vesti, vieni con noi e poi, tra due o tre giorni, ti trovi un bel maschio da cui ti farai scopare a morte, ti farai sborrare in bocca e, venuta a casa, bacerai tuo marito, facendogli avvertire, nella tua bocca, il sapore di un altro maschio. Sono talmente ottusi che non lo riconoscono, ma, dentro di te, ti sarai presa una rivincita, che va ben oltre questa semplice ripicca. Se continui così, non fa altro che aumentare la loro convinzione che hanno ragione, una donna non deve chiedere, ma ubbidire. Questa è nella loro stupidità, la giusta regola che si deve seguire.»

Guardo basita mia suocera! La conosco da quasi cinque anni e non l’ho mai sentita parlare in questo modo. Ma lei prosegue:

«Credi che io, in tutti questi anni, non abbia subito delle carognate, come ha fatto Paolo con te? Suo padre è anche peggio. Mi stupisce che tu ci abbia impiegato così tanto tempo a ribellarti. Ero certa che, prima o poi, questo momento sarebbe arrivato e l’ho aspettavo fin da quando lo hai sposato. Vestiti, mettiti elegante, sei una bella ragazza. Ora devi essere anche una bella donna elegante, per far in modo che loro abbiano un bel trofeo da mostrare ai loro amici, ma è dentro di te che devi sentirti sexy, per dimostrare a te stessa che sei una vera signora, impeccabile in pubblico, ma troia dentro! Io ti insegnerò tutto questo, se me lo permetterai. Un pomeriggio, dei giorni a venire, ci prendiamo un bel caffè a casa mia e ti farò da maestra, così finalmente sarai veramente felice».

Mi ha convinto. Credo che le darò retta, anche se non mi sarei aspettata una simile confessione. Andiamo in camera e mi spoglio nuda davanti a lei, che vedo riflessa nello specchio dell’armadio che mi guarda con occhi pieni di desiderio. Ne resto meravigliata, ma non perdo tempo. Apro un cassetto, prendo le mutandine, ma lei interviene.

«No, queste non ti servono! Metti queste calze e solo questo reggiseno».

La guardo senza capire.

«Ti ho detto che devi essere elegante per loro e “troia” per te. Sapere che non porti l’intimo ti farà sentire troia per te! Ma loro non lo sanno. Questa per te sarà una prima, piccola ripicca».

La guardo con occhi nuovi. Mi piace da morire quello che mi sta proponendo e l’assecondo in tutto. Mi siedo sull’angolo del letto e metto le calze. Lei si inginocchia sul letto, solleva la gonna e mostra le autoreggenti che indossa; da dietro mi aggancia il reggiseno a balconcino che ha scelto per me. Sento le sue mani sui miei seni e la cosa mi provoca un certo languore: lei è così delicata, mi accarezza il seno, fingendo di aggiustare l’indumento. Mi eccita e la guardo perplessa. Le nostre bocche sono così vicine che, per un attimo, ho creduto volesse baciarmi. Mi sceglie una gonna a portafoglio, non troppo lunga, camicetta bianca ed una giacca del colore della gonna. Fruga fra le mie scarpe, e mi porge delle decolleté, con tacco dodici. Mi fa sedere sul letto e si mette davanti a me, piegata sui talloni. La sua gonna sale fino all’inguine, mostrando che anche lei non indossa intimo. Mi prende un piede fasciato dalle calze velate e, prima di indossare la scarpa, lo accarezza; con la scusa di verificare che la calza sia a posto, mi massaggia delicatamente il piede e la coscia, risalendo fin quasi all’inguine. Ripete al stessa cosa con l’altro piede. Poi, mi mostra la sua natura bella e semi depilata. Vedo le grandi labbra sporgere: mi sto eccitando ed avverto forte la sensazione delle farfalle nello stomaco. Sono due settimane che non ho un orgasmo e sono facilmente lusingabile. Lei deve averlo intuito e fremo, dentro di me, per un desiderio assolutamente sconosciuto.

«Queste sono perfette, per farti apparire come una vera signora. Sei giovane e, quindi, devi essere bella: un pizzico di malizia devi esibirla. Con queste scarpe sei perfetta! Un lieve trucco e un filo di rossetto, rigorosamente rosso, e sarai perfetta».

Entro di nuovo in bagno, prendo il necessario per il trucco, ma lei mi fa sedere sullo sgabello e mi trucca in maniera semplice, ma perfetta. Prende il rossetto e mi si avvicina con la sua bocca. Siamo di nuovo tanto vicine; i nostri occhi si guardano, sento forte il desiderio di baciarla e lei fa proprio quello. E’ un attimo e le sue labbra sono incollate alle mie. Mi sollevo e la stringo a me. La sua mano destra, scende rapida fra le mie gambe. Solleva la gonna e subito risale, fin quando non incontra la mia lumachina, che sta schiumando da paura: sono un lago! Un lungo gemito liberatorio esce dalla mia bocca. Mi sento le gambe tremare. Passo una mano dietro la sua testa e la stringo di più contro di me. Un bacio carico di passione e desiderio ci travolge. Si stacca, mi dà altri baci sulle labbra e noto che i suoi occhi sono colmi di desiderio, libidine, ed io sono stupita per tutto questo. Non ho mai baciato una donna! Mi è piaciuto tantissimo. La guardo con desiderio, ma lei mi sussurra, con tono complice, che dobbiamo andare, ma che avremo modo di soddisfare le nostre voglie. Quando usciamo dalla camera, mio suocero da un colpetto con il gomito a mio marito, come a dire che, per merito di Flavia, era tutto sistemato. Durante tutto l’evento, lei mi è stata sempre vicina. Ho potuto ammirare la sua classe nel rivolgersi a tutti, sempre con modi gentili, pacati. Era sempre presente, me lo era in maniera discreta, sempre in secondo piano, lasciando al marito tutta la scena che, ovviamente, occupava insieme al figlio. Ho notato che lei, non si è mai trovata al centro dell’attenzione, in nessuna occasione. Ho provato una strana sensazione ad esser nuda sotto. Mi sentivo eccitata al pensiero che nessuno, a parte Flavia, sapeva che ero nuda. Mi sentivo libera e leggera, ma, nel contempo, tanto porca. Spesso ci siamo tenute, mano nella mano. Quando è giunto il momento del taglio della torta nunziale, tutti si sono accalcati vicino agli sposi, che si erano spostati sotto un gazebo, appositamente addobbato. Noi due siamo rimaste un po’ in disparte, con in mano i calici per brindare. Eravamo appoggiate ad una colonna, quando lei mi ha fatto un cenno con la testa ad indicarmi la madre della sposa, che veniva verso di noi con la nuora.

«Ciao, Flavia, vedo che sei in compagnia della tua giovane nuora. Come le va, la vita matrimoniale? Si diverte?»

Si rivolge a me, mentre con lo sguardo ha incrociato quello di Flavia.

«Cara Angela, mia nuora è come la tua; ha da poco capito le regole del gioco, ma credo che dovrò istruirla a dovere, anzi conto su voi due, per un aiuto».

Le due donne si rivolgono uno sguardo complice, poi Sara, la nuora di Angela, solleva il calice e lo fa tintinnare assieme al mio.

«Ben venuta nel club!»

Le guardo, cercando di immaginare quello che la mia mente pensa di aver intuito. A gran voce, reclamano Angela per le foto e lei se ne va portando Flavia con sé. Sara si avvicina e mi parla fissandomi negli occhi.

«Mi fa piacere sapere che anche tu hai capito che con uomini come i nostri mariti c’è ben poco da fare, se non prendersi delle piccole, ma significative rivincite, specie se te la fanno davvero sporca. All’inizio non avevo capito come girava il mondo, ma poi ci ha pensato Angela a spiegarmi come sopravvivere. Avere la suocera dalla mia parte è stato fondamentale, specie quando ho deciso di rimanere incinta. Se aspettavo quel fesso di mio marito, sarei diventata troppo vecchia, così lei mi ha dato una mano a cercare lo stallone giusto per la mia monta. È stato sconvolgente! Credimi, queste due donne che sono amiche ed amanti da sempre, sanno come ci si diverte e si sopravvive a maschi come quelli che abbiamo sposato. Sono felice che anche tu lo abbia capito; avrai modo di constatare quanto lei saprà farti felice e spero che, qualche volta, potremo stare insieme: mi sei sempre piaciuta ed una profonda leccata fra le tue cosce la darei volentieri».

La guardo incredula, ma anche eccitata. Poi mi viene da chiederle se anche lei è nuda sotto. La sua risposta è più di quanto immaginassi.

«Solo nuda? Indosso anche un cuneo ben piantato nel culo, per fare in modo che questa sera, lei me lo sfondi con il suo strap-on di taglia XXXL. Non vedo l’ora; è una settimana che alleno il culo. Le ho promesso che sarebbe stata lei a sverginarmi con il suo cazzone finto, prima di offrirlo a due nuovi amanti, che voglio provare insieme».

Si solleva un clamore di esultanza per il brindisi, poi tornano le due signore, e Sara mi chiede se l’accompagno in bagno. Guardo verso Flavia che mi fa cenno di andare e la seguo in silenzio. Giunte all’interno della struttura principale, ci dirigiamo al piano superiore, dove ci sono le camere ed entriamo dentro una vuota. Lei chiude la porta a chiave e immediatamente me la ritrovo incollata alle mie labbra. Mi bacia con infinita dolcezza e, nello stesso tempo, con molto trasporto. La sua mano mi fruga fra le cosce e accertato che sono nuda, mi distende sul letto e vi si infila tra di esse. Mi lecca in modo sconvolgente per me, che non ho mai avuto un simile trattamento; dopo breve, raggiungo il primo orgasmo, che mi fa tremare tutta. Rimane immobile fin quando il piacere che mi ha travolto, lentamente svanisce; si rialza e si siede a sua volta sul letto, apre le gambe e mi ritrovo davanti la sua fica completamente depilata. Più in giù è visibile il gioiello del plug che le adorna il culo; non resisto alla tentazione di infilare la mia lingua fra le labbra umide di quel fiore rosa, che profuma di femmina in calore. Gode all’istante.

«Dai, continua, che vengo! Non sai da quanto ti volevo! Leccami…ora!»

Trema e mi sconvolge per la rapidità con cui l’ho fatta godere. Lei si calma e torniamo di sotto. Lungo le scale mi dice che fra le braccia di Angela e Flavia ha provato emozioni stupende. Spesso le inseriscono dentro la fica delle palline o ovuli vibranti, che la stremano, specie se poi, uscite, ci deve camminare. Angela è abbastanza sadica in questo, ma, in compenso, è molto autoritaria, anche con il marito ed il figlio ed essi la rispettano.
Gli sposi hanno aperto le danze e tutti ballano; anche Flavia si concede a dei ragazzi che la fanno divertire. Io invece non accetto di ballare con nessuno. Mi sento benissimo e, quando si avvicina Paolo, lo bacio in bocca consapevole che nella mia è ancora presente il sapore del piacere di Sara. Lui è contento e risponde compiaciuto al mio bacio. In quel momento mi tornano in mente le parole di mia suocera: sono davvero ottusi e non si rendono conto di nulla. Mi guardo in giro, alla ricerca di un bel cazzo da succhiare, per completare la mia ripicca.

Author

FavoriteLoadingAggiungi ai tuoi preferiti
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *