Mio Cognato

Mio Cognato

Spread the love

Mi chiamo Antonella ho 36 anni una 4 di seno alta 1.65 belle gambe un
culetto duro e sporgente come piace ai maschietti, sono bionda naturale e
occhi color marrone mi considerano una bella fica e mi piace il maschio
meglio se dominante, sono sposata e ho tre figli stupendi, mio marito
lavora in una fabbrica vicino casa.
Ha vent’anni ho conosciuto il mio principe azzurro, e stato amore a prima
vista, a quel tempo non ero piu vergine, ero stata sverginata di fica e di
culo dal mio primo ragazzo avevo 17 anni, e tanta voglia di provare per
il mio futuro marito non e stato mai un problema, al contrario dopo tre
anni ci siamo sposati e dopo 6 anni avevo gia i miei tre ragazzi.
Mio marito all’inizio del matrimonio era focoso lo facevamo dappertutto
e nei momenti piu impensabili, dopo i primi anni e dopo le gravidanze, ha
cominciato a diventare un pantofolaio, trascurandomi, sempre con poca
voglia di uscire e di lavorare non frequentavamo amicizie, passa interi
pomeriggi davanti alla tv, e irrascibile, urla per niente, anche a letto e
passato da essere un amante focoso a uno che ti scopa dieci minuti quando
ne ha voglia fregandosene di te, una volta scaricato lui ti da il bacino
e ti dice buonanotte lasciandoti li ha gambe all’aria e con tanta voglia in
corpo, ma in compenso e un padre eccezionale, con i figli sempre presente
sempre disponibile per loro.
Io sono costretta a fare dei lavori in casa d’altri per arrotondare il magro
stipendio di mio marito e poter sbarcare il lunario.
Sono la seconda di tre figlie femmine e rispetto a loro due mi considero il
brutto anatraccolo, loro due sono belle e hanno fatto dei buoni matrimoni,
mia sorella maggiore ha sposato il figlio di un piccolo imprenditore della
zona, hanno una casa favolosa appena fuori dal paese ovviamente non
lavora una sola figlia ormai grande un marito che e uno schianto d’uomo
brillante generoso solare uno che quando ci parli assieme il tempo vola,
mia sorella ama mettere in mostra le sue ricchezze e lo fa con tutti noi
compresi, questo suo atteggiamento mi da sui nervi.
Qualche tempo fa mia sorella mi chiama, e mi dice, non voglio che vai a
fare la sguattera in giro a degli estranei, da domani lavorerai per me, il
mio primo istinto era di dirle ma va ha fanculo con la tua boria, chi credi
di essere la principessa sul pisello per caso, ma la necessita fa virtu’.
La sera stessa siamo invitati a cena da loro e Marco mio cognato che parla
mi dice, tua sorella mi ha chiesto se posso farti lavorare per me, posso
farlo se ti fa piacere.
Gli rispondo, si certo dimmi cosa devo fare.
Appena puoi vieni in ufficio che ti faccio parlare con la mia segretaria,
voglio che tu non abbia vincoli di orario, puoi venire quando vuoi, e
andare quando vuoi, puoi anche portarti una parte del lavoro a casa, cosi
da evitare di trascurare i ragazzi, la paga e quella sindacale ti va bene?
Sono contenta lo ringrazio e lo abbraccio e lo faccio anche con mia sorella
che ci tiene a farmi notare che e stata lei l’artefice di tutto, anche quello
stronzo di mio marito e contento.
La notte sul letto sveglia penso, perche tanta generosita da mia sorella, lei
che non pensa che alle amiche alle feste, mi rode e mi metto in testa, Anto
ti devi far scopare da Marco.
Sono passati alcuni mesi lavoro gomito a gomito con Marco, e un vero
gentiluomo mai un avance mai una parola fuori posto, e diventato il mio
confidente, mi ascolta in religioso silenzio mi aiuta generosamente di
nascosto senza nulla chiedere facendoli passare per benefit per evitarmi
umiliazioni, quando sono particolarmente demoralizzata ha sempre una
parola buona, per lui mi vesto in modo provocante, lo stuzzico appena
posso, sono agevolata dal fatto che trascorriamo tanto tempo soli in ufficio
la sua segretaria e quasi sempre fuori uffucio, ma sembra che non gli
interessi, mi rendo conto che mi guarda di continuo con quegli occhioni,
decido di mettere in atto un mio piano, voglio accellerare, lo voglio, voglio
fargliela pagare a quella stronza che quando passa per l’ufficio mi guarda
con quella sua aria da snob.
Un giorno vado in ufficio sapevo che la segretaria al mattino non sarebbe
venuta, mio cognato di solito arriva in ufficio sul tardi dopo essere passato
per i cantieri, e qualche volta non si vede neppure, guardo di continuo
l’orologio sulla parete sono le 11 e di Marco neppure l’ombra, quando
ormai comincio a pensare che non sarebbe passato, eccolo sulla porta mi
saluta come al solito con il bacino, si siede alla sua scrivania, e mi chiede se
ci sono novita’, mi ero preparata, niente reggiseno, niente mutandine e una
gonna molto larga , ne approfitto mi porto davanti a lui mi piego appoggio
i gomiti alla scrivania mettendo in bella mostra le tette, gli riferisco le
novita facendo in modo che veda bene le tette senza ostacoli, lo vedo
guardare dentro la scollatura ma niente, ritorno alla mia scrivania delusa
ma non arresa, apro sempre di piu le gambe per mostrargli la fica nuda,
non mi leva gli occhi di dosso ma non si alza fino all’ora di pranzo quando
nel salutarmi noto il gonfiore dei suoi pantaloni, ne sono delusa e penso
che sia impossibile con lui, mille pensieri mi affollano la testa, non gli
piaccio, non osa provarci perche sono sua cognata, forse non ha mai
tradito la moglie, mi sento rifiutata.
Alle 14,30 mi squilla il telefonino, e lui,
Pronto Anto sei libera?
Si dimmi Marco.
Avrei bisogno di un favore, mi potresti raggiungere all’albergo tal dei tali
devo fare un sopraluogo per un preventivo e mi servirebbe una mano ti
dispiace venire quanto prima ti aspetto.
Ok dammi un quarto d’ora e sono da te.
Quando arrivo mi presenta al titolare come una sua collaboratrice
omettendo che sono sua cognata mi offrono un caffe e cominciamo il
giro, ma dopo due minuti il proprietario con una scusa ci lascia soli e da a
mio cognato un passepartoue e gli dice continuate pure ci vediamo giu.
Sembra tutto normale, solo dopo vengo a conoscenza che Marco aveva
preparato il tutto, non c’e nessun preventivo da fare, sono amici complici,
e’ l’albergo che usa Marco per portare le sue amichette ha scopare appena
siamo in una matrimoniale, Marco mi si avvicina mi stringe a lui e mi
bacia oppongo una blanda resistenza, mi spinge verso il letto le sue mani
sono dappertutto, comincia a spogliarmi molto lentamente sono al settimo
cielo finalmente sua, quando sono nuda si ferma a guardarmi.
Mi dice; Anto sei proprio bella, intanto anche lui si spoglia non oso fare
niente non voglio rompere l’incantesimo, quando e nudo vedo un cazzo
svettare di tutto rispetto un po piu piccolo di quello di mio marito ma
grosso almeno il doppio, mi stende delicatamente sul letto, mi porta sulla
sponda mi tiene le gambe e mi infila il suo grosso cazzo tutto dentro di me,
sono fradicia mi sento la fica piena lo aiuto come posso..
Si, ferma mi dice; e questo che volevi vero, sai essere provocante, ieri ti
avrei scopato sulla scrivania, mi hai costretto a farmi una sega.
Perche non lo hai fatto?
Non essere sciocca, in ufficio con il rischio che arrivi qualc’uno e succede
il finimondo qua siamo al sicuro.
Marco basta parlare scopami.
Ho si troia ti voglio chiavare in tutti i modi dovrai dirmi basta, cos’e quel
coglione di tuo marito non ti chiava piu, ho non ti basta vuoi anche il mio
di cazzo vero.
Si Marco smettila di parlare stronzo e chiavami fammi godere fammi
vedere quanto vali a letto spingi adesso sto godendo dacci forte, mi ha
scopato per dieci minuti scaricandomi in fica un mare di sborra senza
nessuna precauzione per poi fermarsi e riprendersi solo due minuti mentre
io mi sono pulita dello sperma che usciva, ha ripreso a scoparmi per oltre
mezz’ora non ho contato quanti orgasmi ho avuto, tutte le volte che stava
per venire si fermava dentro per poi ricominciare non appena si calmava
sempre con il cazzo duro, come se nulla fosse, mi ha fatto cambiare tutte le
posizione, alla pecorina, a smorzacandela di fianco, si e fermato si portato
sulle mie grosse tette per farsi una sega alla spagnola sempre senza venire
poi su sulla bocca offrendomi un cazzo lucido e duro da leccare cosa che
ho fatto e quando l’ho preso interamente in bocca facendogli un pompino
sento che finalmente ha deciso di lasciarsi andare sta godendo mi afferra
per i capelli e mi tiene spinta sul cazzo per farmi ingoiare tutto stavo
soffocando da tutta quella crema che non riuscivo a trattenere e la lascio
colare, una volta finito mi ha chiesto ti piace bere, ma non pensare di aver
finito girati voglio il tuo culo spero che sia ancora vergine.
Mi dispiace per te, si sono gia serviti e piu di uno.
Sei proprio una troia sei nata per il cazzo ti piace vero?
Si mi piace ma anche tu non ci sputi su, dimmi quante donne hai scopato?
Tante Anto tante.
OK ora invece di parlare perche non usi la lingua per leccarmi un po.
Ho si ti accontento subito, e sceso tra le gambe a cominciato a leccarmi
mi dice: e buono il tuo sapore, hai una fica meravigliosa bella rossa con
una peluria folta ma curata e con un clitoride grosso come un piccolo pene
sporgente proprio come piace a me, mi lecca senza trascurare il culo con
dolcezza mi infila prima uno poi due e infine tre dita nel culo scopandomi
contemporaneamente anche in fica, ero in sua balia continuavo a godere e
colavo come un fontana e lui che non ne lascia una stilla.
Quando mi ha girato e mi ha fatto mettere alla pecorina porta il cazzo
sul mio forellino ha cominciato a spingere sento il culo aprirsi e poi flop e
dentro l’ho pregato di fermarsi mi faceva male passati alcuni attimi ha
ricominciato a muoversi lentamente avanti e indietro e cm x cm il cazzo
avanza fino a sentire le palle sbattere sulle chiappe, mi sono sentita venir
meno da tanto che godevo, era da molto tempo che non scopavo cosi
intensamente, mi ha preso con una tale delicatezza che passato il primo
momento quasi senza accorgermente mi sono ritrovata tutto il suo cazzo
ben piantato nel culo mi bruciava un po, mi ha scopato per un’ora senza
venire con quel cazzo che sembra un martello pneumatico non la smetteva
mai, poi l’ho sentito dire Anto vengo e sento il culo riempirsi di sborra.
Si leva, si stende al mio fianco siamo tutto sudati e stanchi, lo bacio al
termine mi sono resa conto che scopare con un uomo non e la quantita’ che
fa la differenza e la qualita e come lo si usa per far impazzire una donna
Marco ha un cazzo un po piu grosso della media ma lo usa da Dio dopo
questa riflessione gli chiedo; dimmi ti e piaciuto, sono stata brava.
Si Anto hai il fuoco dentro, sei la donna che ho sempre desiderato non si
direbbe.
Marco adesso non ti interesso piu vero hai avuto quello che volevi.
Mi stringe sul suo petto mi bacia; ma cosa vai farfugliando io ti voglio, ti
ho sempre desiderata avevo timore di un tuo rifiuto, sapessi quante volte
ho scopato con tua sorella e immaggino che ci fossi tu sotto, dobbiamo
solo stare attenti evitiamo i casini se tu vuoi.
Certo che voglio, voglio essere la tua donna, la tua amante la tua puttana
quello che vuoi.
Dopo un anno che siamo amanti, Marco mi dice che vuole lasciare mia
sorella che vuole me e innamorato anch’io lo sono di lui tra le sue braccia
passo dei momenti magici sa come farmi sentire desiderata e attento e
dolce e romantico sempre pieno di attenzioni verso di me, mi riempie di
regali mai futili, se non fosse mio cognato non avrei esitazioni, ma non me
la sento proprio non voglio e mia sorella in fondo sarebbe una tragedia per
tutti, penso ai miei ragazzi, penso a mamma a papa come farei a guardarli
negli occhi ne parliamo molto io e Marco alla fine la decisione e presa si
continua cosi si rischia se venissimo scoperti affrontiamo la cosa.
Quando siamo soli e facciamo sesso facciamo anche volare la fantasia e
Marco un giorno mi dice; Anto ho una fantasia vorresti accontentarmi.
A si e quale?
Vorrei scoparti insieme ad un altro uomo ti va di farlo per me.
Se mi prometti che dopo niente cambio tra noi che non sia un’abitudine si
lo faccio per te solo per te.
Ma questa un’altra storia sono contenta di cornificare mia sorella, cosi la
smette di fare la super donna e dicendo in giro che metterebbe la mano sul
fuoco per suo marito attenta ti resterebbe il moncherino.
Mi possono anche giudicare che sono una puttana, la vita va cosi non sono
la prima e non saro l’ultima donna che scopa con il cognato chi e senza
peccato che scagli la prima pietra. Ciao

 

3 thoughts on “Mio Cognato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.