SESSO E BASTA VOLUME 3

SESSO E BASTA VOLUME 3

>>>>GODI ORA AL TELEFONO CON UN PARTNER OCCASIONALE -CHIAMA IL 899.005.022<<<<<

SESSO E BASTA VOLUME 3 Alessandro Bardi ([email protected]) […] La Playa, a Cagnes Sur Mer, vicino a Nizza, era esattamente come me la ricordavo. Solo il mio ingresso fu diverso. Erano passati anni dall’ultima volta in cui avevo messo piede in quella discoteca, accompagnato da qualche amico e da mille speranze. Ora, all’età di trentanove anni, stavo entrando come un re, tenendo a braccetto, una a destra e una a sinistra, due fighe pazzesche, il cui passaggio aveva la capacità di azzerare le parole degli uomini per moltiplicarne gli sguardi. Mia moglie Monica e sua cugina Elisa non sarebbero passate inosservate neanche alla più esclusiva sfilata di moda, figurarsi l’effetto che potevano fare sui ragazzotti che si erano precipitati in quel luogo sperando di poter incrociare donne affascinanti anche solo la metà, di quelle che mi stavano addosso in quel momento. Prendemmo subito possesso di un divanetto e di un tavolino, sul quale andai ad appoggiare tre Mojito. Un’ora dopo avevo perso il conto dei Mojito, e avevo iniziato a sentirmi stanco di ballare. Eravamo in mezzo alla pista, in mezzo a mille ragazzini che si muovevano scomposti al ritmo di una musica che avrei definito troppo lenta solo qualche anno prima, ma che ora mi stava travolgendo senza pietà. Sentivo i bassi rimbombarmi nella testa, mentre sfioravo maliziosamente il corpo di mia moglie e guardavo quello dell’Elisa strusciarsi su diversi ragazzi. In particolare ne aveva scelto uno che avrà avuto una quindicina d’anni meno di lei. Pensai che non arrivasse ai venti, e che se fosse andato a letto davvero con una donna come quella, probabilmente non avrebbe superato l’infarto e non sarebbe arrivato ai ventuno. Era sicuramente un bel ragazzo, una bellezza mediterranea. Aveva i capelli neri, piuttosto corti, e occhi ancora più neri. Molto ben fisicato. Probabilmente si ammazzava di palestra o di attività sportiva, e il suo metro e ottanta abbondante rendeva ancora più evidente la sua prestanza. Ballare al fianco di quella Dea l’aveva portato a sudare parecchio, e la camicia bianca che indossava, ormai completamente bagnata, rendeva ancora più evidenti i suoi pettorali. Mi chiesi se si sarebbe trovata la stessa prestanza anche sotto i jeans che indossava, ma decisi che scoprirlo sarebbe stato, nel caso, compito della mia amante. Li stavo ancora guardando, quando capii di essere giunto al capolinea. Feci un cenno alle mie due donne e tornammo a crollare insieme sul nostro divanetto. Chissà perché quel ragazzino ci aveva seguiti, ma poi capii che, evidentemente, era perché l’Elisa l’aveva preso per mano. Si sedettero davanti a me, mentre la Monica venne a mettersi alla mia destra. “Sono stanchissimo”, annunciai, e alle mie parole rispose lei, a voce alta, facendo sentire a tutti, anche al nuovo arrivato, la sua solita, sfrontata naturalezza. “Vedi di darti una svegliata, perché io ho una voglia pazzesca di andare a scopare in spiaggia.” Scoppiammo tutti a ridere. Anche lo sconosciuto. Lo guardai e mi rivolsi alla fata che gli stava seduta in parte: “Ma il tuo amico capisce l’italiano?” “E che ne so? Senti”, gli chiese rivolgendosi a lui per la prima volta “ma tu parli italiano?” “Un poco”, ci rispose una voce sicura e profonda. “Di dove sei?”, continuò la fata. “Toledo, Spagna. Italiano capisco un poco. Molto similare a spagnolo.” “Già. Allora, senti, la mia amica vuole andare a scopare in spiaggia con suo marito. Tu che programmi hai?” Ero sconvolto dalla sfrontatezza e dalla naturalezza con cui l’Elisa stava parlando a quello sconosciuto. E pensare che solo fino a pochi mesi prima tutti la consideravamo una frigida totale. Scambiai uno sguardo fugace con mia moglie e capii che anche lei stava pensando la stessa cosa. Le dissi mentalmente: “Cazzo, abbiamo creato un mostro!” Intanto il volto del giovane spagnolo era stato sfigurato da un sorriso che gli partiva da un orecchio e gli arrivava fino all’altro. “Bueno! Porchè no?”, esclamò con il tono più allegro che avessi mai sentito. Non ebbi il tempo di pensare. L’Elisa si alzò, lo prese per mano e si avviò verso la spiaggia portandoselo dietro. Facemmo altrettanto, e mentre li seguivamo venni raggiunto da un sussurro: “Hai capito la mia cuginetta? Direi che si è finalmente svegliata.” “Già. O è l’effetto dell’alcool, o è l’effetto del sangue che comincia a scorrerle nelle vene.” Scoppiammo a ridere, e il suono della nostra risata non mi impedì di sentire che stava chiedendo allo sconosciuto il suo nome, e che quello le aveva risposto “Moreno, ma tutti mi chiamano Momò.” Non dovemmo camminare molto per arrivare in spiaggia. Ci guardammo un po’ intorno, e dopo qualche istante dissi: “Andiamo là.” Alla nostra destra c’erano diverse barche tirate in secca, e c’era un punto in cui erano state talmente ammassate una addosso all’altra da sembrare una diga. Sicuramente lì dietro non ci avrebbe visto nessuno. Non fu facile scavalcarle e sia io che Moreno, detto Momò, dovemmo aiutare le nostre donne nell’impresa. Superata la diga ci trovammo immersi in una sorta di radura. Un’alta parete di roccia chiudeva la via. Dietro di noi e a sinistra c’era un muro di barche senza interruzione, mentre davanti ai nostri occhi si perdeva infinito il mare della costa azzurra, ora reso nero dal buio della notte. Solo la cresta delle onde si schiariva in un argento schiumoso, mentre il loro suono, ritmico e lento, non riusciva a raggiungere le nostre orecchie, coperto com’era dal frastuono frenetico che ci arrivava dalla discoteca, seppure un po’ attutito e reso distante dallo spazio che avevamo messo tra noi e i bassi ipnotici che quelle centinaia di casse continuavano a sparare. Il buio della notte nel quale eravamo immersi era completato da un cielo senza luna e senza stelle, ma distratto dalle luci impazzite della discoteca che arrivavano fino a noi e che si infrangevano contro il muro di pietra alla nostra destra. Era solo grazie al movimento frenetico di quei fasci di luce che il buio più profondo si faceva oscurità, regalando ai nostri occhi il piacere della vista dei nostri corpi. Il breve momento di imbarazzo che ci colse venne immediatamente spezzato dall’audacia di mia moglie, che mi buttò le braccia al collo e mi riempì la bocca con la sua lingua. Ma fu solo un secondo. Non feci in tempo a lasciarmi immergere dal sapore della sua saliva che la sentii staccarsi da me per abbassarsi in un movimento che conoscevo perfettamente e che, ogni volta, sapeva farmi ribollire il sangue. Si inginocchiò e, come se fosse stata la cosa più ovvia da fare in quel momento, mi slacciò i jeans, che lasciò cadere alle mie caviglie, arrotolati insieme alle mutande. Mi prese il cazzo in mano, reso già duro dalla situazione, e se lo mise in bocca, arrivandomi subito fino alle palle. Sentii la sua lingua avvolgermi, e mi lasciai annegare nella sua saliva, mentre alzavo lo sguardo spostandolo dai suoi capelli neri, completamente schiacciati contro la mia pancia, ai nostri due compagni d’avventura, che ci stavano guardando con gli occhi fuori dalle orbite. Lanciai un sorriso all’Elisa, che ne colse al volo il significato. Si voltò verso il suo nuovo amico e ci mise meno di un secondo per inginocchiarsi davanti a lui e fare quello che la Monica stava facendo a me. Mi godetti ogni istante di quello spettacolo. Vidi il cazzo di Momò, non grosso come il mio, ma assolutamente dignitoso, sparire nelle fantastiche labbra leporine della mia amante, che come guidata dall’istinto che per troppo tempo aveva lasciato sopito, si mise a succhiarglielo freneticamente, muovendosi con la testa avanti e indietro a una velocità estrema. Incrociai lo sguardo del giovane spagnolo che, ancora incredulo di quello che stava succedendo, mi stava fissando come a chiedermi conferma del fatto che fosse tutto vero. Gli regalai un pensiero che gli mandai con gli occhi: “Sì, amico mio. È tutto vero. Stasera hai incontrato la donna più figa che tu abbia mai visto. Non l’avresti mai creduto possibile, ma lei ci sta. E ora è inginocchiata davanti a te e ti sta succhiando l’anima.” Credo che capì quello che gli stavo dicendo, perché mi sorrise e poi abbassò lo sguardo su quella donna stupenda, le mise le mani nei capelli e cominciò ad assecondare il suo movimento sfrenato. Andammo avanti entrambi per alcuni minuti, godendo delle bocche delle nostre donne, poi la mia si staccò e mi sussurrò: “Dai, amore, sdraiati.” Non la feci aspettare e mi sdraiai a pancia in su sulla sabbia ghiaiosa della spiaggia di Cagnes. In pochi istanti mi tolsi le scarpe per sfilarmi definitivamente i pantaloni, e rimasi col cazzo durissimo che puntava verso il cielo, pronto per incontrare il piacere più assoluto. Nel frattempo mia moglie si era alzata la minigonna fino a farla diventare poco più che una cintura, lasciando sulla faccia dello sconosciuto spagnolo un’espressione di sconvolta incredulità, nel vedere che sotto la gonna non aveva le mutande. Si mise sopra di me, mi impugnò il cazzo con la mano destra e, tenendosi aperte le grandi labbra con la sinistra si lasciò cadere, infilandoselo tutto nella fica. Nel buio della notte sentii le sue mani appoggiarsi sulle mie spalle, e la sua voce calda e profonda mi arrivò dritta allo stomaco, sovrapponendosi alla musica in lontananza: “Oddio, Ale… cosììì… dai, scopami… scopami così.” Le misi le mani sui fianchi e cominciai ad assecondare il suo movimento, su e giù. Aveva la fica fradicia e potevo sentire i suoi umori caldi colarmi sul cazzo e finirmi sulla pancia. Con la coda dell’occhio continuavo a guardare la coppia alla nostra destra. L’Elisa, sentendo il nostro ansimare alle sue spalle si era voltata, e vedendo la nuova posizione assunta dalla sua maestra, decise anche stavolta di imitarla. Si alzò, prese per mano il suo amante e lo portò a un passo da noi. A quel punto gli diede una leggera spinta che lui interpretò correttamente e si sdraiò alla mia destra. Eravamo separati da non più di mezzo metro, e potei ammirare la straordinaria sensualità dei movimenti con i quali si alzò la gonna, mostrò la sua splendida fica allo spagnolo, che sfuggì per un pelo all’infarto vedendo che anche lei aveva ballato per un’ora con lui senza mutande, e gli si sedette sopra esattamente come aveva fatto sua cugina poco prima di lei. Eravamo talmente vicini che mi parve di avvertire sul cazzo il calore della fica dell’Elisa, mentre quello che sentii veramente fu la voce strozzata di lui: “Mmmhhh… sììì…” Non resistetti alla tentazione di allungare la mia mano sulla caviglia destra di quella dea della bellezza assoluta, che iniziai ad accarezzare con passione, mentre mia moglie continuava a muoversi su di me. Vedendo quello che stavo facendo, mi sussurrò: “Ti piacciono i piedi di mia cugina, èh?” Ero talmente sconvolto che quasi non mi accorsi della mia risposta: “Cazzo, sì. Mi piacciono un casino!” “Dai, diglielo!” “Eli, tesoro, i tuoi piedi mi fanno morire!” Mi rispose con un soffio: “Sì, Ale, dai, toccameli. Toccami i piedi!” Si aggiunse anche la voce dello spagnolo, che si voltò verso di me e mi sussurrò: “Cugina… prima???” Gli feci cenno di sì, ma non riuscii a parlare. Mi raggiunse ancora la voce di lei: “Ale… toccami… toccami che mi piace un sacco.” Si sovrapposero ancora le parole della Monica: “È bella, èh? È bella l’Elisa?” “Cazzo, Moni, sì. È una figa pazzesca!” “Ti piace scoparla èh?” “Oh, sììì…” “E allora guardami… guarda cosa faccio”, e così dicendo si voltò verso di lei, allungò la mano sinistra dietro la sua nuca e la attirò a sé. Le sbattè la lingua in bocca e si perse in un bacio profondissimo. Io e lo spagnolo restammo incantati nel guardare le lingue di quelle due fighe pazzesche incrociarsi e perdersi una nella bocca dell’altra. Era tutto il giorno che ammiravo quella scena, e non mi sarei mai abituato. Buttai un occhio a Momò, che aveva la bocca spalancata e, pensai, le coronarie ormai prossime a lasciarci. E quando l’Elisa allungò la mano sinistra, facendo saltare due bottoni alla camicia di sua cugina per palparle le tette, rivolsi un silenzioso addio all’uomo che mi stava sdraiato in parte. Ero sicuro che non sarebbe riuscito a superare la notte. Sentì il mio sguardo su di sé e si voltò a guardarmi. “Primos… cugine…” gli sussurrai, pensando in questo modo di dargli il colpo di grazia. E invece mi soprese e sopravvisse. Si voltò di nuovo verso di loro, ancora vivo ma con lo sguardo stravolto come non mai. Ci provai ancora e gli dissi: “Todo el día se follan entre ellos. Nunca se cansan”, ma nemmeno a sentire che quelle due strafighe avevano passato la giornata a scopare tra di loro e non erano ancora stanche, gli fece saltare il cuore. Tornai ad ammirarle senza mai togliere la mano da quella caviglia stupenda. Si stavano ancora intrecciando, mentre l’Elisa sembrava non volesse più staccarsi dalle grosse tette di mia moglie. Questa volta fui io a sentire lo sguardo di Momò sulla pelle. Quando mi voltai, mi disse: “Puedo?” Gli risposi in italiano: “Ti piace mia moglie?” “Molto figa.” “Dai, toccala.” Non stava aspettando altro. Mentre l’Elisa continuava a muoversi sul suo cazzo, lui allungò la mano sinistra e cominciò a palpare il seno della Monica, alternando la sua mano a quella della donna che gli stava seduta sopra. Sentendosi toccata, mia moglie aprì gli occhi e gli lanciò uno sguardo carico di desiderio. Si staccò dalla bocca di sua cugina e gli disse: “Ti piacciono le mie tette?” “Sì… mucho.” Lei si mise a provocarlo: “Allora sei un porco.” Lui capì solo quando lei gli ordinò: “Avanti, dillo che sei un porco!” “Oh, sì, Señora.” “Dillo, stronzo!” “Oh, sì… sono un porco.” “Bravo porco! E ti piace scoparti la mia ragazza?” “La sua ragazza?” “Sì. Lei è la mia ragazza, la mia donna. Lei è mia. Hai capito, porco?” “Sì, Señora.” E per rendere ancora più chiaro il concetto, le mise di nuovo la lingua in bocca. Poi si staccò e tornò a provocare il giovane spagnolo, che le stava ancora palpando le tette con una forza animalesca. Ormai avevo capito che quel sottile gioco di dominazione l’aveva accesa completamente. Sentivo la sua fica sempre più fradicia e dedicai un pensiero a sua madre, che se fosse stata al suo posto in quel momento, mi avrebbe squirtato addosso già da un pezzo. La sua voce era forte, sicura. Era la voce di una padrona: “Senti, stronzo, ti piacciono solo le mie tette o hai voglia di scoparmi?” La risposta era un sussurro tremolante: “Anche scopare.” “Sei proprio un porco!” “Sì, Señora.” Sentii il corpo di mia moglie salire sul mio cazzo, ma questa volta non lo sentii tornare giù. Si era alzata in piedi e stava guardando quel giovane ragazzo come fosse stato un pezzente. Poi si rivolse a sua cugina: “Amore, alzati!” E quando lei si fu rimessa in piedi, le diede un bacio sulla guancia e le disse: “E adesso scopati l’Ale, che sta morendo dalla voglia, mentre io mi faccio sfondare un po’ dal cazzo del tuo amico.” Mi riempii del sorriso con il quale lei le rispose e le guardai scambiarsi di posizione. Si mossero in contemporanea, e mentre vedevo mia moglie sedersi sul cazzo del giovane spagnolo, mi sentii immergere nella fica completamente fradicia di sua cugina. Le barche che ci circondavano furono testimoni di quattro sospiri che si alzarono nel cielo e che si unirono in un’unica espressione di piacere. Incrociai lo sguardo della bellissima donna che stavo penetrando e sprofondai nello smeraldo dei suoi occhi. Si abbassò il vestito, lasciando che le sue tette mi riempissero la vista e mi sussurrò: “Toccami, amore mio.” Non me lo feci ripetere e presi ad accarezzarle i capezzoli, mentre il suo movimento sul mio cazzo si faceva sempre più profondo e intenso. Ma se la voce dell’Elisa era stata un sussurro, non altrettanto fu quello che uscì dalla bocca della Monica, che dopo essersi lasciata cadere sul cazzo di Momò, aveva iniziato a urlargli con quanto fiato aveva in gola: “Dai, scopami! Scopami stronzo, scopami!” Si muoveva su di lui come una forsennata, andando con il culo su e giù, avanti e indietro, facendo un movimento tale che sembrava fosse lei che stesse penetrando lui. La sua voce era talmente calda che mi sentivo bruciare la pelle: “Dillo, porco. Dillo che ti piace sbattermi il cazzo nella fica.” Lui le aveva aperto a forza la camicia e aveva ricominciato a palparle le tette, questa volta con entrambe le mani, godendosi il piacere del contatto con la sua pelle calda e liscia. Le rispose con un filo di voce: “Sì, Señora.” Lei reagì d’istinto. Gli diede una sberla talmente forte da fargli girare la testa verso destra, e gli disse: “Non sono una signora. Chiamami Monica, stronzo.” Quando tornò a voltarsi per guardarla dritta negli occhi, potei apprezzare il sorriso che le regalò, prima di risponderle, questa volta con voce più sicura: “Sì, Monica.” Un brivido gelato mi corse lungo la schiena nel sentire il nome di mia moglie nella bocca di quel ragazzo. Guardai l’Elisa e mi accorsi che anche lei, come me, era completamente rapita da quello che ci stava accadendo in parte. “Dai, dillo che ti piace scoparmi, porco.” Quella voce, che tanto bene conoscevo, aveva la capacità di sconvolgermi ogni volta. “Sì, Monica, me gusta mucho.” “Ti gusta, èh? E ti piacerebbe riempirmela di sperma?” “Oh, sì… sììì…” “E allora dillo a mio marito. Diglielo che mi vuoi sborrare nella fica.” Ci mise un secondo per voltarsi verso di me, e quando incrociò il mio sguardo, mi disse: “Señor, tua moglie è una donna incredibile. Voglio proprio riempirla nella fica.” Non feci in tempo a rispondergli. La mano che la Monica gli mise sulla guancia sinistra lo obbligò a voltarsi per tornare a guardarla. Lei, ormai completamente presa nel ruolo della dominatrice, si chinò su di lui fino ad arrivare a una decina di centimetri dal suo viso. Lo guardò dritto negli occhi, gli sussurrò: “Sei proprio un porco”, e gli sputò in faccia. Nella penombra che ci avvolgeva, vidi una chiazza di liquido bianco e schiumoso coprire la parte alta del naso dello spagnolo, proprio in mezzo ai suoi occhi, che lui istintivamente aveva chiuso. E non li riaprì per diversi minuti, perché la donna che gli stava sopra aveva cominciato a sputargli in faccia a ripetizione, coprendolo di saliva dappertutto. Intervallava gli sputi provocandolo e insultandolo: “Porco! Ti piace scoparmi mentre mio marito ci guarda, èh? Schifoso!”, e giù un’altra serie di sputi. Poi si allungò verso di me e, un po’ a fatica riuscì a raggiungere la mia bocca. Sentii la sua lingua entrarmi dentro e unirsi alla mia, in un bacio talmente intenso da farmi fremere in ogni parte del corpo. E quando si staccò, venne vicino al mio orecchio destro e ci soffiò dentro: “Ti piace guardarmi?” “Cazzo, Moni, mi fai morire.” “Ti amo.” Stavo per dirle quanto l’amavo anch’io, ma si era già allontanata da me. Era tornata a stare seduta sul cazzo di Momò, lasciando che lui le martoriasse le tette. Non ebbi il tempo di un pensiero che sentii l’Elisa chinarsi su di me, esattamente come aveva fatto mia moglie solo due secondi prima. Questa volta il soffio lo sentii nell’orecchio sinistro: “Ale… è stupendo. Mi fa impazzire quello che stiamo facendo.” La abbracciai e mi misi ad accarezzarle la schiena con un tale trasporto che mi parve di percepire il buio dei suoi nei entrarmi nelle mani. Quel contatto, così caldo e delicato mi fece sentire unito a lei come non mai. Ero sconvolto da tutte quelle emozioni. E ancora più sconvolto mi sentii quando, dopo alcuni secondi, mi sussurrò: “Ale, ti amo.” Si alzò leggermente su di me, mi diede un bacio sulle labbra e poi tornò a coccolarsi sul mio orecchio, che andò a riempire ancora con il morbido suono della sua voce: “Mi sono innamorata di te… non posso evitarlo… ti amo da morire.” Ero completamente paralizzato. Il piacere che provavo per avere sentito due donne straordinarie, due fighe pazzesche come quelle, dirmi che mi amavano a distanza di pochi secondi una dall’altra, doveva combattere con la consapevolezza di quanto potessero essere pericolose quelle parole. Ma non riuscii a pensare ad altro. La voce di mia moglie, che aveva ripreso a rivolgersi in modo duro e sprezzante al ragazzo che la stava penetrando, tornò padrona della notte, liberandomi dal peso della risposta che avrei dovuto dare alla mia amante, senza che sapessi cosa dirle. “Dai, stronzo, fammi male! Strapazzami le tette, che mi fai male… così… cosììì…” “Oh, sì, Monica.” Lei gli diede un’altra sberla, forse ancora più forte di quella di prima, mentre gli urlava: “Sfondami, maiale! Sfondami la fica! Cazzo, sfondami!” Lui aveva gli occhi fuori dalle orbite. Ansimava come se stesse per avere un infarto. Tolse la luce al suo sguardo e cominciò a vibrare come preso da una crisi epilettica, mentre il suo grido si alzò fino a quasi coprire la musica ipnotica della discoteca: “Sììì… oh, sììì… sììì… Monica, sìììì… aaaahhhh… aaaahhh…” Lei reagì tirandogli un’altra sberla e mettendosi a urlare: “Godi, porco! Dai, godi, godi! Cazzo, riempimi la fica… riempimi la fica, stronzo!” Inarcò la schiena, chiuse gli occhi e buttò la testa all’indietro, assaporando il piacere che le dava sentire lo sperma caldo di quel ragazzo sconosciuto, di quasi vent’anni più giovane, che le entrava nel corpo. Rimasero così a lungo, mentre lui continuava a vibrarle dentro. E quando riuscì a rilassarsi e ad abbandonarsi sulla sabbia, incrociai lo sguardo stralunato di mia moglie. Era il simbolo della felicità. Ogni millimetro del suo viso mi stava sorridendo, trasmettendomi un senso di soddisfazione fisica e mentale davvero sconvolgente. Dovette fare un paio di respiri profondi, prima di riuscire a dirmi: “Oddio, Ale, questo stronzetto m’ha riempita veramente. Me ne ha fatta un litro. Cazzo, sono anni che qualcuno non mi spara così tanto sperma nella fica. Merda, sono piena.” Si voltò verso di lui e tornò a chinarsi sul suo viso. Pensai che gli avrebbe sputato in faccia un’altra volta, e invece gli disse: “Maiale schifoso, hai capito cosa ho detto a mio marito?” Lui sembrò tornare improvvisamente sul pianeta Terra dopo esser stato un anno su Plutone. Stava ancora ansimando come un animale, ma tra un sospiro e l’altro riuscì a risponderle: “Sì, Monica.” “Ti piace avermi riempita tutta di sperma, èh?” “Sì.” “Dai, diglielo a mio marito. Digli quanta me ne hai fatta.” Mi trovai ancora a incrociare lo sguardo del toro che aveva appena montato mia moglie. Era stravolto, ma riuscì a dirmi: “Ho riempito tua moglie. Le ho pisciato nella fica tantissimo sperma.” Ero paralizzato. Sentivo la fica dell’Elisa che stava grondando sul mio cazzo una cascata di umori caldi. Anche lei era sconvolta ed eccitata come non mai. Momò non aveva ancora finito di parlarmi che mia moglie si era chinata su di lui e aveva cominciato a leccargli la guancia destra, passandogli sulla pelle la sua lingua in modo estremo e volgare. Arrivò fino al suo orecchio e gli disse: “Stronzo, non dirmi che hai già finito. Dai, che ho voglia di essere scopata ancora!” A sentire quelle parole, lui reagì d’istinto. Sussurrò: “Gran puta!”, e dimostrando che i muscoli che si portava in giro non erano solo apparenza, si alzò tenendosela in braccio. Quando venne a trovarsi in piedi sulla sabbia mi accorsi che non le era nemmeno uscito dalla fica. Continuava a penetrarla, mentre lei gli aveva avvinghiato le gambe intorno alla vita e, tenendosi appoggiata su di lui abbracciandolo da sopra le spalle, aveva ricominciato a muoversi su e giù sul suo cazzo. Questa volta fu lui a parlare: “Ti gusta così, èh?” Lei era stravolta: “Merda, sììì… cazzo, è stupendo… scopami! Scopami, porco!” Lui le aveva messo le mani sul culo, tenendola contro di sé, sospesa, e guidava quel movimento su e giù, così estremo e così profondo. Per un secondo il mio cervello visualizzò l’immagine della Monica che si faceva sfondare nello stesso modo dal Mauro, il migliore amico di suo padre. Lui l’aveva posseduta esattamente così, stando in piedi e tenendola in braccio, ma si era aiutato andando a sbatterla contro il muro. Il ragazzo che la stava scopando adesso, invece, sembrava talmente forte da poterla tenere in quella posizione per ore, senza l’aiuto di niente e di nessuno. Guardai negli occhi l’Elisa e mi sentii in dovere di dare anch’io prova della mia prestanza. Non potevo continuare a stare sdraiato sotto di lei, mentre quello stava possedendo mia moglie davanti a noi in quel modo. Non sarei mai riuscito a tirarmi su senza uscire dal suo corpo come aveva fatto lui approfittando dei vent’anni di meno che aveva rispetto a me. Ma il movimento che accennai verso l’alto le fece subito capire cosa volevo fare. Ci alzammo insieme e ci trovammo a pochi centimetri di distanza dagli altri due, che continuavano a scopare regalandoci i sospiri più profondi del mondo. Ci guardammo solo per un istante, poi lei mi buttò le braccia al collo e fece un piccolo saltello verso di me. Le presi il suo culo perfetto con entrambe le mani e la lasciai scivolare in basso, fino a trovarmi di nuovo dentro la sua fica, sempre più calda e fradicia. Si avvinghiò con le gambe su di me, esattamente come aveva visto fare a sua cugina, e mi sbattè la lingua in bocca. Non so quanto tempo passammo limonando e penetrandoci in quel modo, mentre l’unica voce che sentivamo era quella di mia moglie, che continuava a sputare volgarità al suo amante: “Bravo. Bravo, così… scopami, scopami, stronzo!” Istintivamente mi misi a muovermi verso di loro, fino a spingere il corpo dell’Elisa contro quello della Monica. In questo modo, le due donne vennero a trovarsi una con la schiena contro quella dell’altra. Io e Momò cominciammo a muoverci sincronizzati, spingendo le nostre amanti su e giù, in un amplesso di movimenti nel quale ci trovammo tutti e quattro uniti. Per la prima volta in vita mia provai la straordinaria sensazione di fare sesso in quattro. Non due a due, ma in quattro, tutti insieme. Mi parve di poter penetrare mia moglie e sua cugina contemporaneamente, anche se il cazzo che stava facendo impazzire la mia dolce consorte era quello di un altro uomo. Mi ero completamente abbandonato in queste sensazioni quando sentii l’Elisa fremere. Si staccò dalla mia bocca e si buttò col viso sulla mia spalla sinistra, sussurrandomi: “Ale, vengo…” “Oh, sì, tesoro, vieni… vieni…” Sentii il suo corpo impazzire, sconvolto da un fremito devastante che le arrivò fino ai piedi, mentre il mio cazzo veniva sommerso da una cascata di liquido caldo e vischioso che mi bagnò completamente. Non era il getto di squirting al quale mia suocera mi aveva abituato, ma fu l’orgasmo più intenso che l’Elisa mi regalò da quando avevamo iniziato a frequentarci. Il suo grido si alzò nella notte con un’intensità che non aveva nulla da invidiare alle urla di mia moglie: “Sììì… cazzo, sììì… Ale… aaaahhh… aaaaahhh… aaaahhh…” La strinsi fortissimo a me, e rimasi a lungo godendo di quell’amplesso che stava sconvolgendo il suo corpo e la mia mente. Ognuno dei suoi mille e profondi respiri mi entrò dentro e mi riempì. Ero talmente unito a lei che mi sembrava che ogni volta il suo sospiro mi entrasse nell’orecchio sinistro e si muovesse in tutto il mio corpo, come una bolla d’aria che, piano piano, scendeva nel petto, nello stomaco, e poi giù, fino ai piedi. E quando quella bolla svaniva, eccone un’altra formarsi nella testa, generata da un suo nuovo profondissimo sospiro. Mi stavo ancora riempiendo di lei, quando sentii Momò muoversi, portandosi addosso mia moglie e staccandola dalla schiena dell’Elisa. Rimasi impressionato dalla sua forza fisica. Si chinò sulla sabbia, la sbattè per terra e le ci si sdraiò sopra, ricominciando a scoparla. E tutto questo senza mai uscirle dalla fica. In una frazione di secondo di razionalità, ebbi la piena consapevolezza che non sarei mai riuscito a fare lo stesso movimento, ma ancora una volta la mia amante volle seguire l’esempio della donna che aveva eletto a sua maestra e guida. Appoggiandosi forte alle mie spalle si tirò su e appoggiò i piedi per terra. Assecondai il suo movimento e uscii dal suo corpo, mentre sentivo la sua mano prendere la mia. Fu un gesto morbido e delicato, che venne accompagnato dalla sua voce, ancora ansimante: “Amore, vieni.” Cercai di non pensare alle implicazioni più profonde di quelle parole e la seguii. Andò a sdraiarsi alla sinistra della Monica, a pochi centimetri di distanza da lei. Allargò le gambe, invitandomi a penetrarla, ma ebbi bisogno di qualche secondo per abbandonare quell’immagine straordinaria e per muovermi. Il suo corpo, così perfetto, messo in quella posizione avrebbe rallentato pericolosamente il battito cardiaco di chiunque, e io non feci eccezione. Andai incontro alle sue braccia, che stava tenendo tese verso di me, e mi sdraiai su di lei. Era una donna talmente bella che entrare di nuovo nel suo corpo fu un’emozione sconvolgente, nonostante ne fossi uscito soltanto da qualche secondo. Sentii il suo sussurro: “Dai, Ale, prendimi.” Era una voce molto dolce, accogliente, assolutamente diversa da quella che sentii provenire dalla mia sinistra: “Sì, porco, scopami! Scopami!” Mia moglie aveva ricominciato a godere e a urlare, sotto i colpi profondi che Momò le stava dando nella fica. Sentii la sua mano sinistra incrociarsi con la mia e, istintivamente, mossi il mio sguardo nei suoi occhi scuri, che mi stavano fissando intensamente. “Cazzo, Ale, questo me la sfonda veramente! Porca troia, mi piace un casino! Aaahh… aaahhh…” Anche lui si ritenne in dovere di rivolgersi a me. Le diede ancora qualche colpo talmente forte che, pensai, il suo cazzo le stesse arrivando in gola, e poi si voltò verso di me, dicendomi: “Señor, tu esposa es una gran puta!” “Sì, lo so. È una troia pazzesca.” Lei andò avanti a urlare: “Dai, stronzo, fammi godere! Fammi godere!” Continuava a tenermi la mano, mentre con la destra aveva iniziato a masturbarsi selvaggiamente. Guardai negli occhi il suo amante e gli dissi: “Dai, sfondala che sta per godere.” Conoscevo perfettamente quegli attimi. Vidi la Monica chiudere gli occhi e inarcare la schiena, puntando con forza i piedi per terra, mentre la sua voce calda e morbida diventava un urlo straziato e sovrumano: “Merda, vengo! Cazzo, sììì! Aprimi, stronzo! Aprimi la fica! Aaaahhh… aaaahhh… cazzo, sììì… aaahhh…” Vedere mia moglie raggiungere l’orgasmo tra le braccia di un ragazzino ventenne, praticamente sconosciuto, mi fece provare un brivido pazzesco. Non riuscivo a togliere gli occhi dal suo corpo che vibrava completamente, mentre lui continuava a muoversi in mezzo alle sue cosce, spingendo dentro di lei sempre più in profondità. Sentii la presa della sua mano diventare d’acciaio, mentre la voce del suo amante tornò a farsi sentire: “Puta madre! Disfruto una otra vez!” La mia voce seguì l’istinto senza chiedere il permesso alla ragione: “Dai, godi! Riempile la fica un’altra volta!” A sentire le mie parole, mia moglie aprì gli occhi, prese con entrambe le mani i capezzoli del suo amante e glieli strizzò fortissimo, urlandogli contro: “Vieni stronzo! Dai, sborrami dentro! Porca troia, riempimi! Riempimi ancora, brutto bastardo!” Vidi quel giovane spagnolo scaricare il secondo orgasmo della serata nel corpo di mia moglie, e mentre lui urlava il suo piacere, ci mancò poco che lei gli strappasse i capezzoli, continuando a dirgli: “Bravo! Così, così! Sborrami dentro, così!” E dopo qualche secondo aggiunse “merda, ma quanta ne fa questo schifoso?” Passarono alcuni lunghissimi istanti, prima che lui riuscì a smettere di gridare. Crollò esausto sul suo corpo e si sdraiò sopra di lei, finendo con la testa sulla sua spalla destra. Lei si voltò verso di noi e fissò i suoi occhi nei miei. Rimasi paralizzato nel vedere che sul suo viso si era disegnato un largo sorriso. Era il sorriso di una bambina maliziosa, che non cambiò espressione nemmeno quando mi disse: “Cazzo, Ale, dovresti sentirlo. È una cosa incredibile. Questo piscia sperma come un cavallo. Me ne avrà fatta un litro. Merda, ho dentro un lago caldo.” Poi si voltò verso sua cugina e continuò: “Tesoro, dovresti farci un giro anche tu. È pazzesco. Io uno che sborra così non l’ho mai sentito.” “Moni, a me va benissimo tuo marito”, e così dicendo si voltò e mi ipnotizzò col suo sguardo verde e con le sue labbra leporine, che mi stavano sorridendo dolcemente. Il nostro momento a tre venne interrotto dallo spagnolo, che puntò le mani per terra e, mentre si tirava su, sollevandosi dal corpo che aveva appena riempito, borbottò: “Mierda, que gran puta!” Si staccò da lei per sdraiarsi sulla sabbia, e quando le uscì dal corpo, rimasi paralizzato nel vedere un fiotto di liquido bianco uscirle dalla fica. Lei non esitò un istante, si mise in ginocchio sulla faccia dell’Elisa, stando una ventina di centimetri sopra le sue labbra. Ci ritrovammo improvvisamente uno di fronte all’altro, separati dal nulla. Vidi la mia amante aprire istintivamente la bocca, mentre dalla fica di mia moglie cominciò a uscire un getto continuo di liquido bianco. Non avevo mai visto una cosa simile. Dalla sua fica usciva talmente tanto sperma che sembrava stesse pisciando veramente. Le disse: “Amore, dai, bevi la sborra del tuo ragazzo.” Poi mi guardò e, sghignazzando, sussurrò: “È una roba incredibile. Me ne ha fatta talmente tanta che non riesco a tenerla dentro.” Tornai a guardare quella pisciata di sperma che cadeva verso il basso e finiva dritta nella bocca dell’Elisa. Fu l’ultima immagine che ricordo, prima del colpo di fucile che mi colpì dritto in mezzo al cuore. Riuscii solo a sussurrare: “Merda, vengo…” e le scaricai nella fica tutto lo sperma che avevo in corpo. Credevo che il buio nel quale ero piombato sarebbe durato per sempre. Mi abbandonai agli spasimi che mi stavano sconquassando e sprofondai in un devastante piacere caldo e bagnato. Per molto tempo non sentii più nulla. Poi, quando riuscii a riaprire gli occhi e a ricominciare a respirare, mi trovai davanti il disarmante sorriso di mia moglie. Non potevo più vedere la cascata di sperma che le usciva dalla fica. Mentre morivo di piacere, si era lasciata andare e ora se ne stava seduta sulla faccia della donna nella quale avevo appena goduto. Era bellissimo pensare che entrambi avevamo riempito di sperma, in contemporanea, quella donna meravigliosa; io nella fica e lei in bocca. Anche quello era stato uno straordinario momento di unione tra me e mia moglie. Ora si stava strusciando sulle labbra più sensuali del mondo, lasciandosi leccare dolcemente in profondità. Sentii la sua mano destra raggiungermi dietro la nuca e attirarmi a sé. Il bacio che ci unì fu un momento magico. Fu l’attimo in cui le due parti di un tutt’uno, separate per un breve periodo, tornarono a unirsi. Avevamo goduto in parallelo, io con un’altra donna e lei con un altro uomo, ma l’avevamo fatto insieme, e ora l’essere unico che eravamo si stava ricomponendo. Mi soffiò in bocca: “Cazzo, è bellissimo.” “Davvero!” Ci guardammo un’altra volta e poi, senza che ci fossimo messi d’accordo, ci alzammo insieme, ci prendemmo per mano e restammo a osservare i due compagni di quella straordinaria notte di sesso. Quando si alzarono anche loro si creò un breve momento di incertezza e di imbarazzo. Poi decisi che avrei preso in mano la situazione. Andai a riprendermi i pantaloni, che erano rimasti abbandonati per terra, e me li rimisi sotto lo sguardo silenzioso degli altri. Fu solo allora che dissi: “Mi farei un altro Mojito.” La risata collettiva che accompagnò quelle mie parole fu il preludio al nostro ritorno in discoteca. Ammirai l’eleganza dei movimenti delle mie donne mentre si rivestivano. Ci incamminammo, e quando raggiungemmo la barriera delle barche presi istintivamente per mano l’Elisa e la aiutai a passare dall’altra parte, mentre Momò fece lo stesso con mia moglie, come se quelle fossero ormai le coppie designate. E quando, dopo essere andato al bar per prendere da bere per tutti me ne tornai da loro, trovai la conferma. Il giovane spagnolo si era seduto in parte alla Monica, mentre davanti a loro, dall’altra parte del tavolo, sua cugina se ne stava da sola e mi stava facendo segno di andare a mettermi in parte a lei. Non so quanti Mojiti ci passarono davanti. Contai tre ordinazioni, poi persi il conto, e credo che, sotto l’effetto dell’alcool e della stanchezza, persi anche conoscenza. Ho dei ricordi vaghi, come dei flash. So che passai molto tempo con la lingua nella bocca dell’Elisa, le cui carezze mi riempirono di delicata dolcezza. Ero immerso in una nebbia confusa, il cui profumo era quello fresco e fruttato della sua pelle, che mi arrivava dappertutto. E in quel caos confuso e buio, rimbombante di una musica ipnotica sparata ad altissimo volume che dava il ritmo al mio battito cardiaco, ricordo vagamente l’immagine della mano di Momò in mezzo alle gambe di mia moglie, sotto la sua mini gonna e probabilmente dentro la sua fica, a giudicare dai caldi movimenti di lei, che continuava a ridere come se farsi masturbare davanti a tutti fosse stata la cosa più simpatica del mondo. Anche lo spagnolo rideva, e se non lo faceva era perché se ne stava con la lingua nella sua bocca. Ho anche la sensazione che lui mi disse qualcosa, ma non ricordo cosa e non so nemmeno se gli risposi. E poi più nulla. Il buio più totale, prima che alcune immagini in movimento riaccendessero il mio cervello, ma solo per alcuni istanti, intermittenti. Erano le luci dei lampioni della Promenade des Anglais, che stavamo percorrendo al contrario, da Cagnes-sur-Mer verso la vieille ville di Nizza. Evidentemente le mie donne, viste le condizioni di semi incoscienza in cui versavo, si erano prese le chiavi. Sono discretamente certo che alla guida ci fosse la Monica, perché quello che ricordo, oltre alle luci che scorrevano, era il profumo dell’Elisa, le sue labbra e la sua lingua. Credo di aver limonato con lei per tutto il viaggio, almeno durante i momenti di veglia. Di come fossi riuscito ad arrivare in casa invece, non ne avevo la più pallida idea. So solo che a un certo punto venni richiamato alla vita dal volere di una qualche divinità, e riaprii gli occhi. Ero a letto, nudo, con addosso solo un lenzuolo. Le persiane erano ancora chiuse ma lasciavano filtrare un filo di luce che mi consentì di capire che era giorno, che i muri che mi circondavano erano quelli di casa mia, che quello in cui stavo era il mio letto, e che la donna nuda che dormiva al mio fianco era la mia amante. Di mia moglie non c’era traccia. […] LA VERSIONE INTEGRALE DEL ROMANZO CONTINUA SU https://www.eroscultura.com/libreria/sesso-e-basta-volume-iii-ebook/ Puoi trovare tutti i romanzi di Alessandro Bardi su https://www.amazon.it/ALESSANDRO-BARDI/e/B085J368B9?ref_=dbs_p_ebk_r00_abau_000000

Author

FavoriteLoadingAggiungi ai tuoi preferiti
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *