Mia Sorella Porca – Capitolo 2

Mia Sorella Porca – Capitolo 2

Rientro molto prima del solito dalla palestra e sento delle urla, mi sembrava mia madre e penso si è fatta male, vado a vedere era mamma con lo zio Mario, la stava montando a pecora, e lei gridava dal godimento, era uno spettacolo lei sotto lo zio a cavalcioni che la inculava di brutto, lei diceva fai piano mi rompi in due, vedo bene il cazzo entrare perché erano con le spalle alla porta, lo zio prende mia madre per i fianchi e la gira di fianco sul letto gli alza una gamba e continua ad incularla, vedo bene anche la figa rossa di mia madre, in quel momento lei apre gli occhi e mi vede, io vado via e aspetto dopo 10 minuti viene in camera mia in perizoma e reggiseno e vestaglietta corta, tutta trafelata e visibilmente imbarazzata mi dice cosa hai visto, lo zio che ti inculava rispondo,modera il linguaggio mi risponde, io modero il linguaggio ma sempre nel culo lo prendevi e non ti dispiaceva, mi guarda e dice, non dire nulla a licia per favore,mi giudicherebbe una troia,vedremo rispondo ormai la tenevo in pugno, cosa vuoi in cambio, sorrido e gli dico, levati la vestaglia il reggiseno e vieni sul letto che finisco dove lo zio ha lasciato, mi guarda e si arrabbia ma sei matto sei mio figlio,allora rispondo io rifiuti, o ti spogli o vai via decidi tu,mi guarda incredula per uno o due minuti poi si toglie la vestaglietta e il reggiseno, era statuaria con i suoi 178cm e le tette una quarta diritte come pere, con il perizzoma a forma di farfalla era una fica da urlo, rimane li non si avvicina, le dico vieni sul letto,ubbidisce e si corica vicino a me,non ne potevo più ero eccitato come un cavallo, gli dico di spogliarmi,ubbidisce mi toglie la maglia del pigiama,poi toglie i pantaloni in quel momento esce fuori il mio cazzo diritto e pulsante, lei sussulta un pò spaventata e dice che sberla di cazzo, non sapevo di questo, sembra un paletto e lo prende decisa in mano,era tremante non so se per l’eccitazione o per l’imbarazzo, lo tiene e lo stringe io la incito, allora lo imbocchi o no cerca di fallo entrare in bocca si sforza e ci riesce sono stupito, comincia a succhiare e mordicchiare la cappella, la afferro per i fianchi e la metto sotto di me, voglio fare un bel 69, voglio vedere la sua figa, tolgo il perizzoma ha una fica bellissima e profumata,la apro e ci pianto la lingua dentro, la sento spingere il bacino verso di me, io spingo il mio di bacino e la sento tossire, piano mi dice non spingere mi fai male in gola, mi vuoi soffocare,gli lecco il clitoride poi lo succhio, lei comincia a godere e mugula con il mio cazzo in bocca, viene con un getto di umori nella mia bocca (come licia), e aumenta il pompaggio, io vengo quasi subito vigliacca lo ha fatto apposta crede che mi calmi così,gli inondo la gola lo tira fuori e la sborra gli lava la faccia e sporca il letto, mi lascia si mette in ginocchio per respirare e dice cazzo quanta sborra non ce l’o fatta ad ingoiare, con la mano mi tiene il cazzo non lo ha lasciato si alza lo punta in fica scende piano e si impala da sola, chiude gli occhi urla poi sospira apre gli occhi dicendo, cazzo mi è entrato tutto nell’utero lo sento puntare, rimane 2/3 minuti ferma con il cazzo nella fica, mi guarda con la bocca semi aperta senza parlare, poi comincia a pompare piano poi accelera la chiavata con violenza,gridando cazzo che palo, maiale mi stai spaccando l’utero, la giro e la metto sotto adesso conduco io comincio a spingere, do dei colpi di bacino potenti, lei mi cinge con le gambe e mi abbraccia sotto le spalle dimenandosi, e spingendo con il bacino, li vedo l’esperienza della chiavata mi morde le spalle e il collo e grida incitandomi a spingere più forte, veniamo insieme, lei grida vengono, tanto forte che sicuramente hanno sentito da fuori, do due colpi poi gli riempio l’utero di sborra era tantissima lei freme e sussulta, lo tolgo e gli sparo 7/8 schizzi in faccia e sulle tette,.ricomincio a pompare il cazzo non si ammosciava do 4/5 colpi e lei riviene urlando e sborrando, schizzava come una fontana e intanto mi diceva maiale, porco,mi fai sborrare maiale, mi spinge fuori e si accascia sul letto sfinita, poi vede il mio cazzo diritto e duro, e dice mamma mia cosa vuoi ancora sono sfinita, la guardo e la giro senza parlare la metto con il bacino sollevato, e gli lecco il culo, lei spaventata dalle proporzioni del mio cazzo si ritira, no il culo no mi vuoi rovinare ma che dici lo prendevi in culo dallo zio e come ti sbatteva, arrossisce e ribatte si ma ha il cazzo la metà del tuo, io la sollevo di nuovo e dico, dai faccio pianissimo, vado in bagno e prendo l’olio di licia ungo il cazzo e il culo di mamma con un dito spingo un po’ di olio dentro, mi metto dietro punto la cappella sul buco e piano spingo, poi do un colpo deciso e il cazzo entra tutto e la tengo ferma per il bacino, lei si dimena cerca di uscire, io non la lascio, e comincio a pompare lei mi supplica di smettere, incomincia a piangere gridando mi rompi il culo basta, io non smetto anzi accelero l’inculata e sento che il cazzo scorre meglio lei si calma e spinge con il culo, dando dei colpetti gli dico ti piace adesso è lei annuisce e dice piano fai piano o rompi tutto, io continuo a pompare la sento prima ansimare poi comincia a gridare e spinge con decisione il culo sul mio cazzo, e grida, grida e urla frasi sconce raggiunge un orgasmo squassante urlando e gemendo , io continuo a pompare come un pistone do colpi su colpi, lei riviene tremando, poi mi implora, basta mi stai sfasciando il culo, non ne posso più, non le do retta è troppo bello sento il culo che mi avvolge il cazzo e pompo, dopo due o tre minuti inarca il bacino ed esplode in un nuovo orgasmo emette una specie di rantolo gaaaaa, poi scoppia a piangere, basta non ce la faccio più ho il culo in fiamme, io non ascolto e continuo l’inculata, quasi all’orgasmo do tre o quattro colpi decisi, e vengo un fiume di sborra invade il culo di mamma, 10/12 schizzi caldi e abbondanti gli invadono il culo. cola sborra ovunque lei geme e ha un nuovo orgasmo non si fermava più, fa dei sussulti come spasmi spinge il culo verso di me rimane così poi sviene, mi spavento, esco dal culo e gli do due schiaffi sulle chiappe, alza la testa e ride un pò intontita,adesso basta mi viene un infarto, mai preso tanto cazzo in vita mia e che sborrate sembri un idrante, ma io ne ho ancora voglia dai fammi una pompa e le infilo due dita nella fica, ma sei matto non ce la faccio più, domani forse se mi riprendo, ci vestiamo dopo un po’ arriva licia e ceniamo finito dico a licia che ne avevo voglia e dovevo dirle una cosa, mamma esce, va dallo zio Mario un po’ malferma sulle gambe, vado in camera di licia era già nuda a pecora per terra e belava come piaceva a lei, la scopo e gli faccio il culo due volte, lei mi chiede cosa dovevo dirle, mi anticipa e dice hai visto mamma sembra un pò stanca che ne dici, io rido e gli dico l’ho inculata e scopata, per tre ore, mi guarda allibita e ride ha visto il tuo cazzo scommetto, rido anche io e dico si lo ha anche sentito,
quando facciamo una cosa a tre dico io, licia si fa seria, chiedi a mamma ho sempre voluto leccarle la fica, al tuo cazzone non dirà di no e ridiamo di gusto, domani gli faccio la proposta ok, ok dice lisa, mentre mi fa un pompino

FavoriteLoadingAggiungi ai tuoi preferiti
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.