il mio patrigno

il mio patrigno

Spread the love

Fin da piccola sono sempre stata molto gelosa della bellezza di mia madre, mi ha avuta a 18 anni e questo la rende una mamma giovane e attraente. E’ da quando ho 12 anni che desidero assomigliarle, e sopratutto che desidero la sua quarta di seno. Ho sempre sofferto molto che tutti la guardassero mentre io passavo inosservata, e non importava quanto mi crescesse il seno: il suo era sempre più grande del mio! A 17 anni, avevo assunto uno stile da zoccoletta, i vestitini estramente corti, tacchi altissimi, calze a rete e sigarette sempre accesa solo per il gusto di sentirmi sexy con qualcosa tra le labbra; Ho conosciuto in un pub un ragazzo più grande, aveva 25 anni e questo lo rendeva ai miei occhi molto attraente. Pur di farmi notare ero diventata già prima di conoscerlo una vera porca, i miei primi appuntamenti finivano sempre con un pompino, con lui però è stato diverso, mi piaceva veramente… ero innamorata.
Una mattina arrivata a scuola (quinta liceo) decisi di tornare a casa perchè non mi sentivo bene, aperta la porta sentii mia madre in camera da letto gemere: qualcuno se la stava scopando di brutto, ; e il letto continuava a sbattere fastidiosamente contro il muro.
Pensai fosse quel cretino del suo compagno, un ciccione senza un soldo che non portava niente di buono se non qualche orgasmo a mia madre.
salii di sopra con l’intenzione di masturbarmi ascoltandoli, senza farmi vedere, ma salendo le scale mi sembrò di riconoscere i gemiti di lui, e non sembravano quelli del compagno di mia madre ben sì del mio ragazzo.
Mi misi a corre velocemente per le scale fino alla camera da letto quando davanti a me si presentò la scena che mai mi sarei aspettata di vedere…. mia madre con in bocca il pisello di daniele, il mio ragazzo, che proprio in quel momento stava sborrando sulla sue labbra, vedevo lo sperma colarle sulla gola e sulle sue enormi tette; e nelle mani di daniele un vibratore viola con cui stava penetrando mia madre.
Ero arrabbiata, ma alo stesso tempo eccitata, loro non mi avevano ancora vista, e io solo a guardarli mi ero bagnata. Ero infuriata…. eppure non potevo smettere di vedere con che potenza Daniele stesse usando quel vibratore, desideravo lo usasse su di me.
Ho continuato a guardare fino a quando hanno finito… mia madre è andare a farsi la doccia e io mi sono lanciata su Daniele che era steso a letto, succhiandoglielo e poi cavalcandolo come una assatanata.
Non ho mai detto a mia madre ne a Daniele di averli visti, ogni tanto so che li rifanno, li spio sempre e godo da morire nel farlo.

 

2 thoughts on “il mio patrigno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.