La mia storia con lui – Capitolo 3

La mia storia con lui – Capitolo 3

Spread the love

Capitolo 3

Un colpo alla porta del bagno mi spaventò. Spensi la doccia. L’acqua finalmente aveva annullato i rimasugli delle molte scariche si sperma sul mio stomaco. Cazzo. Era tardi, ero sotto la doccia da trentacinque minuti. “Bruno” Mamma era dietro la porta: “Cati sta aspettando, fai in fretta!” Non potevo fare a meno di sorridere. Ancora una volta ero in ritardo per un appuntamento. Lei mi stava aspettando per portarla a quel concerto. Controlliamo il tempo… hmm… cinque minuti alle sei… ed il concerto era alle sette. Avevamo tempo.
Le mie mani raggiunsero l’asciugamano giallo. Sorridendo e guardando in giù al mio corpo nudo, leggermente rosso, e cominciai ad asciugarmi. Lentamente, cominciai dai piedi che, sorprendentemente mi sembrarono deliziosi. La ruvidità dell’asciugamano mi diede un’erezione quando massaggiai lentamente il mio e scossi le rimanenti goccioline di acqua dallo scroto. Dopo fu la volta dello stomaco. Con disappunto notai che non avevo ancora raggiunto la mia meta di avere gli addominali ad asse da bucato che gli altri ragazzi della mia scuola esibivano nello spogliatoio. Dovevo cambiare la scheda di allenamento ed anche smettere di mangiare quei cioccolatini. Maledizione. Oh bene. Asciugai i peli biondo scuro appiccicati alla pelle umida, contro il mio torace, fermandomi in mezzo per pizzicare un capezzolo e poi l’altro.
“Bruno!!!” Gridò la mamma: “C’è il tuo allenatore di calcio al telefono. Vuole sapere se sei ok. Ti sei allenato ultimamente?”
“No mamma… no… non ci sono andato, esco fra pochi minuti. Digli che non posso parlare adesso.”
“Ok.”
Uscii dal bagno e feci il breve tragitto per andare alla mia stanza, superando mia sorella che stava dormendo sul pavimento e trattenendomi dal gridare dopo aver messo il piedi sulla sua Barbie. La mia luce era accesa. Strano. Pensavo di averla spenta prima di andare in bagno. Lo stereo stava diffondendo musica francese e nell’aria c’era il profumo di incenso di cocco che amavo tanto. Cosa diavolo? Nessuno dentro. Vuoto. Una candela bruciava sul mio davanzale con sfondo lo scuro dei boschi che circondavano la mia casa. Mi voltai per chiudere la porta.
“Bu!”
Gelai e gli occhi mi si allargarono per la sorpresa. Cati era lì con un sorriso da orecchio ad orecchio. Approfittando del mio shock, chiuse la porta a chiave e tirò via l’asciugamano avvolto intorno alla mia vita. Facendolo portò in vita il mio uccello che stava dormendo quietamente.
“Woah. Scusa ma credo che al mio cazzo piacesse stare dov’era, coperto.”
“No.” Disse lei prendendo aria: “Gli piace di più stare nella mia bocca. Perché non sta diventando duro?”
“Perché ho appena fatto una doccia. Lascia che mi cambi o saremo in ritardo.”
Lei fece scivolare fuori della sua bocca i 10 centimetri flaccidi, sorrise, aprì la porta ed uscì: “Ti aspetterò in macchina.”
Io scossi la testa, perché non mi diventava duro? Rabbrividendo per l’improvviso colpo di vento freddo proveniente dalla finestra, mi vestii. Rinunciai alla calze bianche e scelsi invece quelle nere che andavano meglio col colore dei pantaloni, non presi la maglietta bianca che mia madre aveva lasciato sul letto. Indossai la camicia ricordandomi di lasciare slacciati i primi due bottoni. Non aveva colletto. Wow. Bello. Mamma finalmente cominciava a rientrare nel mondo. Da quando papà era morto, quando avevo quindici anni, avevo dovuto sorbirmi le sue vecchie camicie oxford rosa. Erano troppo grandi prima di tutto e, nonostante le avessi lavate più volte, l’odorato era ancora il suo. Quella era una camicia nuova, ci spruzzai dell’acqua di colonia e finii tutto il rituale. Scendendo la scala sentii Cati ridere e dire: “Sciocco, non stai dimenticando qualche cosa?” Mi girai e vidi le mie mutande nella sua bocca. Sembrava gli piacesse assaggiare ciò che aveva contenuto le mie palle. Erano state lavate? Io sorrisi.
“Pensavo stessi aspettando in macchina?”
“Ci hai messo maledettamente tanto tempo, Bruno.”
“Bene poi, dove sono le chiavi?”
“Nella macchina.”
“Andiamo?”
La presi sotto braccio e la guidai giù per la scala, baciai la mamma ed uscii.
“Bello scherzo, Bruno dove è la macchina?”
Decisi di allungare lo scherzo: “Oh. Mi sono dimenticato.”
“Arriveremo in ritardo!”
Panico. Lei non stava scherzando. E la macchina effettivamente non c’era.
“Non so, Cat.”
La serata finì lì. Lei gridò. E per una buona ragione anche: qualcuno aveva rubato la sua macchina. E naturalmente diede la colpa a me. Corse piangendo di nuovo in casa. Venne la Polizia. I nostri progetti per il concerto furono annullati. Cati pianse. Io la abbracciai ma non sentivo rimorso. Lei lo capì e mi guardò negli occhi: “Dio ti ha dato degli occhi blu meravigliosamente profondi, lo sai Bruno?”
“Sì” Risposi.
“Ma non ti ha dato cuore.”
Lei andò via. Mia madre mi guardò interrogativamente quando salii nella mia stanza, la mia vita si stava sbriciolando.
La nostra relazione era morta. Quello era un fatto che non potevo accettare. Quando lei perse la sua macchina, io persi lei.
Arrivai tardi a scuola il giorno seguente, alla seconda ora ed ero ancora depresso. Storia non era mai stata il mio forte e non era servito che mia madre mi avesse trovato che dormivo sotto le coperte, non aveva creduto alla mia dichiarazione di essere influenzato. Mi sedetti vicino a Michele. Lui mi salutò con un cenno e tornò ad ascoltare l’insegnante che prese nota del mio ritardo. Feci rapidamente una lista mentalmente… quaderno ok… libro ok… Merda! Nel turbine degli eventi di quella sera, avevo dimenticato il compito. Un rapido colpetto mi portò a guardare alla mia destra versa Michele. Lui stava sorridendo con quel suo sorriso. Quel sorriso che aveva sempre afferrato l’attenzione di ragazze, ragazzi, animali, libri… Io mi scossi dal mondo dei sogni e ricevetti un pezzo di carta dalle sue mani. Le sue mani… così morbide, delicatamente lunghe ed aggraziate, quelle di un violinista, così deliziose… Aprii il foglio e vidi, con sorpresa, che era il compito con l’augurio di “stare meglio” in spagnolo ed uno smiley disegnato sul retro.
Lo incontrai dopo la lezione e lo ringraziai gentilmente. Sembrava estremamente felice. Il suo sorriso irradiava di giovialità: “Nessun problema fratello. Non ti preoccupare.” La campanella trillò ed io lo lasciai fischiettando.
La settima ora mi vide impegnato in una partita di ping pong. Non riuscivo a battere il mio avversario, continuavamo a combattere quando notai che i suoi pantaloncini stavano scivolando giù dalla sua vita. E quando lo fecero rivelarono che ambedue condidevamo lo stesso segreto, non portavamo mutande, io fallii la pallina, caddi sul pavimento e risi come un matto. Lui era evidentemente imbarazzato, si scusò e mi lasciò ancora mentre ridevo istericamente. Quando la risata finalmente morì, mi accorsi che avevo un’erezione furiosa che chiedeva insistentemente attenzione. La campana suonò: “Gesù santo, figlio di Geova!” Gridai correndo nello spogliatoio, il mio cazzo non riusciva a stare nei confini dei miei calzoncini e si dimenava liberamente. Sentii il rumore di una doccia che veniva usata. Decisi di non fare la doccia per mancanza di tempo, ma decisi di dare una sbirciatina mentre mi chiedevo chi era.
Avevo notato che ultimamente stavo guardando sempre più i ragazzi. “Guardando” ma non solo, guardando “realmente”, ed immaginando, specialmente nello spogliatoio, come ce l’avevano grosso quando erano eccitati. Lo avevo archiviato come mancanza di sesso. Ma quando vidi Michele in quel locale docce da solo, il mio cuore di fermò per un momento.
Stava sotto il soffione, intento ad insaponare il suo set meravigliosamente dotato di cazzo e palle, con la pelle abbronzata che brillava sfolgorante sotto le luci. Si insaponava lentamente col sapone in una mano. Con l’altra si menava quelli che, da dove stavo, sembravano quindici buoni centimetri eretti. Con mia sorpresa mi trovai con le mani dentro i miei pantaloncini. Sapevo che l’ottava ora stava per iniziare e che il mio insegnante probabilmente mi avrebbe scuoiato per essere in ritardo, ma per qualche ragione mi trovai a lamentarmi all’unisono col bel corpo che avevo davanti agli occhi.
Lui non venne e quando spense la doccia, il suo cazzo puntava ancora al soffitto. Mentre si avviava verso di me, che stavo nascosto dietro l’angolo, si dimenava su e giù, diventando lentamente molle battendo contro cosce e stomaco ad ogni passo. Rapidamente corsi indietro, dal mio punto di osservazione alla stanza, dove cercai il ricovero di una fila di armadietti. Fortunatamente, lui non mi vide. Camminò sulla pozza della mia sborra sul pavimento ma probabilmente pensò si trattasse di acqua. Io sorrisi. Forse si sarebbe chiesto più tardi togliendosi le calze perché una non veniva via dal piede.
Quando andò via sapevo che avrei avuto abbastanza immagini per riempire le mie fantasie di masturbazione per tutto l’anno. Dapprima mi arrabbiai con me stesso per il “peccato” di guardare un altro uomo. Ma poi compresi, dovevo sentire la canzone del mio corpo. Mi spogliai, ancora una volta resistetti alla tentazione di una calda doccia, mi vestii, misi la mia roba nella borsa e lasciai lo spogliatoio chiudendo silenziosamente la porta dietro di me.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.