Giro in moto 1

Giro in moto 1

Spread the love

GIRO IN MOTO – 1

Avevo avuto un litigio con Nadia la mia fidanzata, e visto che entrambi siamo due testoni e per qualche giorno non ci saremmo rivolto la parola, decisi di passare il weekend al mare in una spiaggia naturista dove saremmo dovuti andare insieme l’anno prima ma per forza maggiore non ci andammo. Era metà Giugno ed era caldo, prenotai una camera in un albergo di Sestri Levante e il Sabato mattina di buon’ora presi la moto e partii per la Liguria.
Arrivai a metà mattinata e dopo essermi registrato in albergo andai a fare un giro senza fretta per cercare un posto carino dove poter prendere il sole. Da un tornante vidi giù da basso una piccola spiaggia con pochi bagnanti e pensai facesse al caso mio, parcheggiai la moto e imboccai l’unico sentiero per accedervi.
A metà percorso capii perché il posto fosse così poco frequentato, quel sentiero era molto scosceso e in alcuni punti perfino pericoloso e se non si faceva attenzione c’era il serio rischio di scivolare e farsi seriamente male.
Una volta arrivato constatai che oltre al sentiero impervio pure la spiaggia ci metteva del suo. Era per metà coperta da alghe marine portate dalle onde e al sole emanavano un odore nauseabondo, notai tra l’altro che la maggior parte dei frequentatori a eccezione di un paio di coppie erano maschi e tutti prendevano il sole nudi.
Dall’alto non li si vedeva perché la conformazione delle rocce non permetteva la visuale e per quel motivo che potevano permettersi di stare nudi.
Non sapevo dove mettermi e mi stava venendo lo sconforto, mi guardai intorno e vidi che per fortuna gli scogli erano lisci e permettevano di sdraiarcisi sopra, camminai fino in fondo alla spiaggia per cercarne uno adatto che mi desse un po’ di privacy fino a che ne trovai uno che sembrava facesse al caso mio.
Lo raggiunsi e vidi che a ridosso della parete c’era un uomo steso al sole anch’esso nudo, mi vide e mi fece un cenno di saluto, risposi a mia volta e mi scusai dicendogli che non mi ero accorto che il posto fosse già occupato e mentre mi girai per andarmene mi disse che se volevo potevo mettermi li anch’io, che di posto ce n’era a sufficienza per tutti e due.
Così accettai, stesi il telo e mi spogliai, ma tenni il costume da bagno.
Lui vedendo che non lo toglievo mi disse che quello era un posto per naturisti riconosciuto anche dal Comune e sarebbe stato meglio se me lo toglievo.
Ci pensai un attimo e per non fare la figura del secchione lo tolsi, mi stesi sul telo e mi misi a prendere il sole.
Era dura però resistere sotto il sole, quel giorno non c’era un filo d’aria e il caldo si faceva sentire, così mi alzai e mi tuffai in mare in cerca di frescura.
Nuotando vidi che dietro agli scogli c’era una barchetta assicurata alla punta di uno da una fune, immaginai fosse del mio vicino, lo guardai e vidi che si era seduto sullo scoglio coi piedi nell’acqua e mentre mi guardava si toccava il cazzo che nonostante non fosse eretto mi sembrò più grosso del mio che piccolo non è.
Non gli diedi peso e mi feci una bella nuotata. Quando tornai e mi avvicinai per risalire gli chiesi se la barca fosse sua. Si rispose, disse che veniva in barca perché era più comodo che non fare quel sentiero che a suo dire “ma anche secondo me” era pericoloso. Ma mentre parlava scappellò il cazzo davanti a me senza vergogna, con la mano prese dell’acqua e la bagnò, ripeté il gesto un po’ di volte e se la strofinava come per lavarlo. Feci finta di nulla ma la cosa mi colpì, l’aveva fatto apposta per mostrarmelo, evidentemente era attratto da me e pensai fosse un culo. Risalii e mi stesi a pancia in giù perché mi accorsi che stavo per avere un’erezione, non ne capivo il motivo avevo vergogna che lui mi vedesse.
Steso in quel modo con le braccia protese, da sotto l’ascella potevo vederlo, era seduto con la schiena appoggiata alla roccia e voltato verso me si toccava il cazzo che ora aveva duro constatando che l’aveva delle dimensioni di un attore porno.
Pensai che fosse un gay e che gli piacevo, ma tutto sommato mi piaceva sentirmi desiderato e il cazzo mi si gonfiò ancora di più. La posizione in cui ero però era infelice e cominciai a sentirmi il cazzo indolenzito e così mi voltai.
Non perse tempo e vedendomi in tiro mi fece i complimenti, disse che avevo un bel cazzo, io arrossii e non sapendo che dire per togliermi dall’impiccio mi tuffai nuovamente in acqua.
Riemersi e con delle bracciate mi portai verso il largo, il cazzo si ammosciò subito e dopo poco tornai indietro.
Era sempre li appoggiato alla roccia e senza vergogna guardandomi se lo menava lentamente.
Feci fatica a fare finta di nulla, e quando risalii sullo scoglio mi disse “vedo che l’acqua fredda te ha fatto effetto”.
Quelle parole mi fecero venire le guance rosse dalla vergogna, cazzo ma cosa voleva da me sto bestione!
Sei diventato rosso disse, non avrai mica vergogna, anche a me è venuto duro a veder sparire e riapparire il tuo bel culetto tra le onde, guarda.
Lo teneva stretto alla base e lo sbatacchiava avanti e indietro per farmi vedere com’era duro.
Aveva davvero un grosso cazzo, chi l’avrebbe mai detto che un tipo insignificante e peloso con sta pancia prominente potesse avere un cazzo da fare invidia, e pensare che da moscio sembrava come il mio.
Mi piace vederti nuotare disse, sembri una troietta che mena il culo di qua e di la apposta per far tirare il cazzo ai maschietti.
Gli risposi un po’ seccato “ ma non lo ero, era solo scena” gli dissi che il mio era un culo normalissimo e che evidentemente lui che aveva dei problemi se gli sembrava che avessi un culo da troia.
Non ho nessun problema rispose, so solo che il tuo culo me lo fa tirare, è bello tondo e si direbbe pure bello sodo proprio come piacciono a me.
Rimasi senza parole, non sapevo che dire e con le guance che sentivo arrossate tornai al mio asciugamani e mi stesi ancora a pancia in giù nascondendo il viso tra le braccia.
Ero un po’ arrabbiato per la sua sfacciataggine e dall’arroganza di come mi parlava e per quello che aveva detto, però il fatto che lo eccitassi mi piaceva e quel pensiero mi portò un’altra erezione, mi era venuto duro e come prima data la posizione in cui ero iniziò a farmi nuovamente male, ma a quel punto non me ne fregava più niente e mi girai.
Ah! disse lui, ce l’hai ancora duro, è a causa di quello che ti ho detto o perché me l’ha visto duro.
Senti risposi, mi sembra che basti, sono venuto qui perché ho visto che il posto era poco frequentato e l’ho scelto per questo motivo, se da sopra mi accorgevo che la spiaggia era impraticabile non sarei neanche sceso e sarei andato da qualche altra parte magari con della sabbia dove potersi stendere e stare più comodi che non qui.
Se è per questo qui è pieno di piccole insenature con spiggette di sabbia disse lui, però ci si arriva solo in barca e in questo periodo che non ci sono ancora i villeggianti sono tutte vuote, se vuoi ti ci porto, sono subito qua dietro.
La cosa mi allettò e il giro in barca pure, ero stufo di stare sdraiato su quella roccia e accettai.
Ci mettemmo il costume e dopo aver infilato le mie poche cose nello zaino salimmo in barca e partimmo. Poco dopo entrammo in una piccola insenatura dove c’era una spiaggia piccola ma piena di sabbia, lui disse che in estate era molto gettonata dai villeggianti e facevano a gara alzandosi presto per occuparla.
Scendemmo dalla barca e l’aiutai a tirarla in secco, l’insenatura era a ferro di cavallo con i due lati dell’ingresso che sembrava volessero chiudersi, scegliemmo il lato più riparato alla vista, ci togliemmo i costumi e ci sdraiammo al sole e visto che gli piaceva il mio sedere, con malizia mi misi a pancia in giù.
Lui stese il suo asciugamani vicino al mio e si sedette.
Che pelle liscia che hai disse sfiorandomi la schiena con le dita. Ebbi un brivido, non me l’aspettavo ma non dissi nulla. Non hai neanche un pelo, ti depili oppure sei proprio così mi chiese.
No, sono così, ho i peli solo sull’inguine ma mi depilo.
A guardarti da dietro non sembri neanche un uomo, sembri una figa con un culo da sballo che mostra il suo bel culo.
Sollevai la testa per rispondergli e lo vidi intento a guardarmi le chiappe e a toccarsi. Oh! Dissi, ma sei tremendo. Lui mi guardò serio e rispose che ero una bella troietta ma ancora non lo sapevo ma che avrei imparato presto. Non ebbe finito di parlare che mi prese il polso e diresse la mia mano sul suo cazzo pulsante. Non aspettandomi una mossa del genere sentii subito arrossarmi il viso e cercai di allontanare la mano senza riuscirci, poi come se un interruttore interno fosse scattato l’aprii e strinsi il cazzo.
Brava puttanella disse lui, non vedevi l’ora di prendermelo in mano vero? Ti piace sentirlo vero? E’ diverso che tenere in mano il proprio cazzo, dai menalo, prendi confidenza che poi te lo metto nel culo e ti faccio sentire com’è bello.
Quelle parole mi fecero venire un brivido di paura, ma che cazzo stavo facendo, lo stavo menando a un pancione peloso che mi offendeva senza ritegno, eppure invece di fermarmi continuavo a menarlo.
Però qualcosa nel mio profondo mi diceva che già da quando eravamo sugli scogli qualcosa di quell’omaccione mi turbava e allo stesso tempo mi eccitava.
Dalla cappella uscì un po’ di liquido pre eiaculatorio, lui me lo fece vedere e mi disse di leccarlo.
No risposi, questo no, ma forse non lo dissi convinto perché mi prese per la nuca e mi spinse giù, fallo e basta mi ordinò, ti devi abituare a fare la troia quale sei, succhiami il cazzo disse perentorio e io lo feci.
Per non toccare con la lingua il suo liquido spalancai la bocca, ci infilai dentro la cappella e cominciai a succhiare ma così non potei evitare di leccargli anche il seme che era fuoriuscito, ma mi accorsi che non aveva un sapore cattivo come pensavo, sapeva di maschio e così cominciai a leccarlo.
Sei brava disse lui, sei sicuro di non averlo già fatto, fammi un po’ sentire, allungò una mano e mi sentii scrutare tra le natiche e con un po’ di pressione ci infilò il dito.
Cercai di divincolarmi ma non potei perché mi teneva la testa con la mano, meno male che smise, tolse la mano e accarezzandomi la schiena disse che non vedeva l’ora di mettermelo nel culo.
Quando mi fece smettere avevo la mandibola indolenzita, poi vide che l’avevo duro e disse che ero davvero una brava puttanella e che adesso aveva voglia di leccarmi.
Cercai di oppormi più che altro per vergogna, non volevo che mi guardasse o toccasse la mia parte più intima, ma era forte, mi prese per i fianchi e mi girò, mi fece sdraiare e una volta allargatomi le chiappe si mise a leccare.
Era talmente bello quello che sentii che a quel punto lo lasciai fare, quello che provavo era paradisiaco, era la prima volta che mi leccavano il buchino e provavo un piacere indescrivibile, lui lo capì e mi disse di mettermi a pecora che sarebbe stato più comodo, col culo sollevato mi fece appoggiare la testa sul telo da bagno, mi allargò nuovamente le chiappe e riprese a leccarmi.
Ma quanto bello era! Fantastico, non avevo mai provato nulla di simile, girava con la lingua tutto intorno all’ano facendomi desiderare che mi leccasse al centro e quando lo faceva premeva con la punta come se volesse entrare e io speravo lo facesse.
Mi portò a un livello di libido che non credevo avere, quando la punta della lingua premeva sull’ano istintivamente tendevo il culo verso lui come per aiutarlo a entrare, poi qualcosa mi penetrò. Hai! Feci io.
Non è niente rispose, ti ho messo un dito nel culo per provarti, ora te ne metto un altro per farti abituare e poi ti inculo.
No dissi io, quello no. Non volevo ma evidentemente non lo dissi convinto perché lui si fece una risata e mi disse che mi stavo comportando come certe puttanelle che dicono di no ma non vedono l’ora che gli lo mettano dentro, tu stai facendo lo stesso.
Continuava a sputarsi sulle dita e a infilarmele nel culo e a rigirarle. Poi le tirò fuori e se le pulì dalla saliva. Capii che eravamo arrivati al capolinea e ora invece delle dita mi avrebbe infilato il cazzo, ma non mi ribellai e lui non fu violento.
Si insalivò la cappella e fece lo stesso sull’ano, poi appoggiò il cazzo e con una pressione continua lo sentii farsi spazio e lentamente mi entrò dentro.
Feci un urlo, ebbi l’impressione che mi avesse lacerato il culo, fu una fitta lancinante che però si attenuò quasi subito.
Lui rimase fermo e disse parlando come se fossi una femmina che ero stata brava, che aveva capito che ero una puttanella vogliosa dal primo momento che mi aveva visto e ora che ti sei fatta sfondare il culo come premio ti farò godere come mai hai provato.
Mi tenne per i fianchi e cominciò a incularmi piano e poi man mano sempre più velocemente.
Senza volerlo cominciai ad ansimare dal piacere che provavo, lui sentendomi sospirare cominciò a dirmi che ero la sua troia, ero sua perché era stato lui il primo a sfondarmi il culo e continuava a chiedermi se mi piaceva che m’inculasse così.
Dirmi se ti piace troia mi diceva, òo senti come sei rotta, non ti scorderai mai di questa prima volta e la ricorderai fin che campi, ora che hai provato chissà quanti ne prenderai e quanti ne farai sborrare col tuo bel culo.
Senza quasi accorgermi ebbi un orgasmo tanto intenso che sporcai tutto il telo, lui se ne accorse e mi afferrò il cazzo imbrattandosi la mano e cominciò a incularmi con vigore fino a che lo sentii conficcarlo tutto dentro e si irrigidì, prima sentii i suoi versi e subito dopo sentii il cazzo vibrare e gli schizzi fuoriuscire violenti. Mi stava venendo dentro.
Rimase attaccato a me fino a che sentii l’ano che non era più teso come prima, gli si stava ammosciando e quando lo tirò fuori mi alzai per andare in mare a lavarmi.
Mi accorsi mentre camminavo che perdevo lo sperma dal culo finendo a imbrattarmi le gambe di sborra, entrai in acqua e sciacquai anche l’asciugamani che poi stesi al sole.
Non preoccuparti disse lui se l’abbiamo fatto senza preservativo, non l’avrei mai fatto se non ero certo che per te fosse la prima volta, io sono sanissimo e non ho nessuna intenzione di prendere malattie.
Deve esserti piaciuto di brutto visto come sei venuto, mi venne vicino e accarezzandomi la nuca mi chiese se mi fosse piaciuto. Si risposi, non l’avrei mai pensato ma mi è piaciuto.
Fammi un po’ vedere disse facendomi abbassare, mi allargò le chiappe e disse che il buchino si era già richiuso, poi si abbassò e mi leccò l’ano facendomi venire ancora i brividi da quanto mi piaceva.
Sei proprio una cagnetta in calore disse, ora non ti basta più e lo vuoi rifare vero? Vedendo che non rispondevo insistette: lo so che ti piacerebbe, ma se lo vuoi ancora devi dirmelo tu, dai dillo, è vero che lo vuoi! Si risposi, lo voglio ancora. E il cazzo mi venne ancora duro.
Vieni disse sdraiandosi, prendimelo in bocca.
Senza farmi pregare mi stesi al suo fianco, gli presi in mano il cazzo e dopo averlo smanettato un po’ lo presi in bocca.
Non ci volle molto che l’aveva già duro, pensando che potesse bastare sollevai la testa ma lui premette sulla nuca dicendomi di non avere fretta.
Avevo ancora la mandibola indolenzita quando mi fece smettere, mi disse di erigi e mi misi nella stessa posizione di prima, lui mi prese per i fianchi e mi sistemò come meglio gli piaceva, mi disse di alloggiare la testa sulla salvietta e mi diede una bella leccata, mi insalivò per bene e dopo averlo posizionato me lo ficcò dentro.
Anche stavolta sentii male, ma non tanto come prima, ora che sapevo ero anche più sereno e partecipai di più, mi muovevo assecondando i suoi colpi e quando lui spingeva io gli andavo incontro, ma nonostante fosse già venuto poco prima non resistette più di tanto e mi riempì un’altra volta la pancia di sborra, io non ero venuto.
Quando tirò fuori il cazzo moscio dal culo mi alzai per andare a lavarmi in mare, ma mi fermò, si mise in ginocchio e mi prese in bocca il cazzo iniziando a farmi un pompino da favola. Sto per venire lo avvisai. Lui anziché smettere iniziò a pompare con più vigore fino a che quando sentì il primo schizzo se lo cacciò tutto in gola e mi fece venire in un modo celestiale.
Mi tremavano le gambe da tanto fu intenso il piacere che provai, con le gambe ancora imbrattate della sua sborra fuoriuscita dal culo entrai in acqua e mi lavai.
Rimanemmo fino al pomeriggio inoltrato, poi mi accompagnò con la barca in un punto agevole poco distante da dove avevo parcheggiato la moto e ci salutammo.
Prima che ci dividessimo mi disse che il giorno dopo sarebbe passato di li con la barca insieme a un suo amico e se volevo avrei potuto andare con loro in una spiaggia ancora più bella, bastava che mi facessi trovare li per le nove e trenta.
Non credo risposi, ho intenzione di spostarmi per vedere nuovi posti, comunque tu passa, se avrò cambiato idea mi farò trovare qui.
Quella sera in albergo non riuscivo a non pensare a quello che era accaduto e tra vergogna e eccitazione ero combattuto se andare con loro il mattino dopo oppure no. Se ci fossi andato sapevo già che anche l’amico avrebbe voluto farmi il culo perché sicuramente il bestione gli aveva già raccontato tutto.
Mi addormentai sapendo già cosa fare.
Al mattino mi feci una doccia veloce e andai a fare colazione in un bar vicino alla spiaggia dell’appuntamento, da li li avrei visti arrivare e infatti poco prima dell’ora stabilita vidi spuntare la loro barca, andai sulla spiaggia e vedendomi puntarono la prua verso di me.
Mentre faceva manovra per prendere il largo il suo amico mi tese la mano e si presentò, si chiamava Aldo, mi squadrò da capo a piedi e disse che era contento di conoscermi, constatando che quanto gli aveva detto l’amico a proposito di me era vero e cioè che ero un bel ragazzo. Lo ringraziai pensando a cos’altro gli avesse detto quel buzzurro del suo amico, ma la risposta la conoscevo già.
Una volta messa la prua nella direzione in cui dovevamo andare, il buzzurro si rivolse a me facendomi notare che nonostante tutto… noi non ci eravamo presentati, mi porse la mano dicendo di chiamarsi Antonio.
Eravamo in barca da una decina di minuti, Aldo non mi toglieva gli occhi di dosso e il suo era uno sguardo da desiderio, mi bramava e si toccava l’inguine.
Un po’ questo mi preoccupavamo nel contempo mi piaceva sentirmi desiderato, si toccava l’inguine ma non riuscivo a quantificarlo perché la maglietta era larga e copriva tutto. Infine Antonio indicò un’apertura nell’alta parete di roccia e disse che eravamo arrivati, manovrò la barca e entrammo.
Era davvero una meraviglia, l’acqua era cristallina e la piccola spiaggia era a dir poco incantevole, sembrava essere fatta apposta per essere usata allo scopo per cui pensai mi avessero portato li perché era riservata alle barche di passaggio. Era ovvio che l’avessero scelta per farmi la festa in tranquillità e chissà quante altre volte l’avevano usata per quello scopo e a quel pensiero mi preoccupai, ma che cazzo c’ero andato a fare li con quei due, ero diventato scemo? Ma pensando a quanto era accaduto il giorno prima la curiosità di quanto sarebbe accaduto prese il sopravvento e non mi diedi peso.
Tirammo giù gli zaini dalla barca e mentre loro due la tiravano in secco io mi spogliai e mi stesi al sole nudo attendendo di vedere Aldo spogliarsi per la curiosità di vedere come fosse il suo cazzo e poco dopo ebbi la risposta alla mia curiosità, si tolse la maglietta e vidi che era magrino e con un po’ di pancetta, ma a cinquant’anni ci sta, poi fu la volta dei pantaloncini e quando li calò rimasi di stucco, tra le gambe aveva una mazza come quelle dei porno attori di colore, era enorme.
Si stesero affianco a me uno da una parte e uno dall’altra e Antonio additando l’amico si rivolse a me dicendo: hai visto che bel serpentone che ha il mio amico, oggi sarai la nostra puttanella e ti faremo godere come non hai mai goduto in vita tua e dopo oggi non potrai più fare a meno di venire a trovarci.
Neanche il tempo di assimilare quelle parole che Antonio mi accarezzò il culo invitando l’altro a fare lo stesso dicendogli di sentire com’era vellutata la mia pelle.
Già dal giorno prima quel bastardo si era accorto che mi piacevano i complimenti e non li disdegnavo, come pure non disdegnavo il fatto che mi chiamava troia o puttanella e quindi ne approfittava.
Comunque a me sentirmi accarezzare la schiena e il culo dalle loro mani mi piaceva, e quando sentii il fiato di uno di loro nel solco delle chiappe sperai che mi leccassero come aveva fatto Antonio il giorno prima.
Non feci in tempo a pensarlo che sentii allargarmi le chiappe e una lingua iniziò a leccarmi. Era Antonio, il metodo era lo stesso del giorno prima, Aldo stese l’asciugamani davanti a me e si sdraiò mettendomi il cazzo davanti al viso.
Non l’aveva ancora duro, era a una via di mezzo e nonostante tutto era enorme.
Come fosse una cosa naturale lo presi in mano, ne apprezzai la consistenza e lo portai alla bocca cominciando a leccarlo.
Anche lui come Antonio il giorno prima mi mise la mano sulla nuca e con la voce già arroccata dall’eccitazione mi disse che ro bravo, quelle parole mi incitarono a fare di meglio, aprii la bocca e a fatica gli presi in bocca la cappella e cominciai a spampinarlo.
Antonio smise di leccarmi e cominciò a penetrarmi con le dita, e quando pensò che ero pronto mi fece sollevare il culo, ci poggiò sopra la cappella e in men che non si dica sbuffando me lo ficcò dentro. Cazzo, ancora quella fitta atroce, non credevo di sentire ancora dolore visto che l’avevo già preso due volte, ma passò subito e lui cominciò a stantuffarmi che non riuscivo più a tenere in bocca il cazzo dell’altro.
Ora Aldo l’aveva duro, ma per fortuna le misure restarono simili a prima, gli si era solo gonfiato un po’ di più in circonferenza e ora non mi entrava più in bocca.
Antonio gli disse che mi aveva aperto per bene e che ora ero pronto per lui.
Tirò fuori il cazzo e si spostò per lasciare il posto all’altro. No dissi io, è troppo grosso,continua tu. Stai buona troietta rispose Antonio, siamo esperti in queste cose, vedrai come ti piacerà averlo dentro.
Sentii Aldo insalivarmi l’ano con le dita e quando ci appoggiò sopra la cappella sentii subito quanto fosse diverso da quello di Antonio, lo sentivo enorme e quando cominciò a spingere e lo sentii entrare mi sentii dilatare e un piacere indescrivibile mi percorse lungo la spina dorsale.
Nel momento in cui lo sentii oltrepassare il punto dove di solito sentivo dolore la paura scemò, evidentemente Antonio mi aveva davvero preparato a lui e quando mi penetrò a fondo ebbi una sensazione di pienezza, ero orgoglioso di essere riuscito ad accogliere in me quell’enormità e mi sentivo pago del piacere che mi dava.
Mi sbatteva come una foglia al vento, se non mi teneva con le sue spinte sarei caduto in avanti, mi inculava con una voglia terribile. Poi Antonio mi afferrò il cazzo e menandomelo cominciò a darmi della checca e della puttana da strada, e sentii che l’orgasmo era vicino, se ne accorse pure lui. Si sdraiò sotto di me e me lo prese in bocca. Sentendo il calore della sua bocca non resistetti e cominciai a gridare il mio piacere sborrandogli in bocca.
Dopo aver goduto però, il grosso cazzo non mi dava più il piacere di prima, ora era quasi un fastidio sentirlo, meno male che Aldo accelerò i colpi e disse che stava per venire. Ora l’aveva duro fino allo spasimo, me lo ficcò dentro fino alla radice tanto che ebbi l’impressione d’averlo in pancia, lo sentii vibrare come una corda di violino e con dei versi lamentosi sborrò riempiendomi del suo piacere. Quando smise di sborrare ricominciò a incularmi lentamente, lo sfilava quasi a farlo uscire e poi me lo spingeva piano fino in fondo, io per accrescere il suo piacere stringevo e allentavo i muscoli dell’ano fino a che si svuotò completamente e io mi sentii orgoglioso di averlo messo al tappeto.
Quando il cazzo si ammosciò per ringraziarmi mi diede un bacio sul collo e uscì liberandomi, misi prontamente la mano sul culo per non sporcare di sborra il telo come avevo fatto il giorno prima e barcollando mi alzai e entrai in acqua per lavarmi seguito da loro due.
Che ti avevo detto disse Antonio rivolto all’amico, ha un culo fantastico e rivolto a me disse “lo sai che sono pochissime le persone che sono riuscite a prenderlo tutto il cazzo di Aldo, ti sei preso nel culo ventisei centimetri di cazzo e se ce n’era ancora prendevi pure il resto.
Devo dire che provai vergogna a sentirmi dire quelle cose, non pensavo che fosse così lungo, forse il fatto che era grosso non dava l’impressione che fosse tanto lungo, mi avvicinai a lui e lo presi in mano, non avevo nulla con cui misurarlo, ma a occhio e croce mi sa che aveva ragione, era proprio una bestia e tenendolo in mano mi chiesi come avessi fatto a prendere un cazzo del genere visto a tenerlo in mano mi ero accorto che la circonferenza era pari a quella del mio polso.
Bello e? Disse Antonio vedendo che non lo mollavo. Ora però tocca a me disse, tieniti a lui e mettiti a novanta che ti voglio inculare nel mare. Mi girai per vedere se diceva sul serio e vidi che si teneva in mano il cazzo duro.
Mi piacque quella cosa di farlo in mare, avevo il culo coperto dall’acqua, mi appoggiai ai fianchi di Aldo che mi aiutava tenendomi per le braccia, Antonio appoggiò la cappella sull’ano dilaniato e con dentro ancora dei residui di sborra e senza alcuna fatica mi penetrò.
Mamma mia come l’hai allargato disse all’amico, gli hai proprio sfondato il culo a questa puttanella, ora ci ballo dentro col mio, è diventato come il culo di una troia da reggimento, quando torni a casa devi regalargli uno strap-on alla tua fidanzata e farti inculare da lei perché ora sei più puttana di lei.
Invece d’incazzarmi quelle parole mi fecero eccitare e il cazzo mi divenne ancora duro, mi sentii afferrare i fianchi in modo animalesco e dopo aver accelerato i colpi scaricò anche lui il suo piacere riempiendomi il culo di sborra.
Quando lo tirò fuori, la sborra che usciva fluttuava nell’acqua trasparente e sembrava una nuvola di fumo denso, era davvero tanta.
Andai a sdraiarmi al sole col culo che mi bruciava, Aldo mi diede un po’ di crema nivea e me ne spalmai un po’ sull’ano indolenzito dandomi un po’ di sollievo.
Visto che ero ancora mezzo arrapato Antonio si offerse per farmi un pompino, ma gli dissi di no perché volevo tenermi per dopo che volevo farlo ancora con Aldo.
E brava la zoccoletta disse Antonio, ormai sei diventato irriducibile, mi sa che ora ti piace più prenderlo nel culo che scopare, ma se la porti a noi la tua fidanzatina sistemiamo pure lei. E rise.
Non lo dissi ma pensai a Nadia, magari con Antonio no, non ci sarebbe stata perché aveva la pancia e i modi da buzzurro, ma con Aldo magari ci stava pure visto le dimensioni del suo cazzo, d’altro canto lei era attratta dai grossi calibri, non per niente quando a casa guardavamo i film porno e vedeva dei grossi cazzi diceva che sarebbe piaciuto anche a lei provare.
Dopo aver mangiato dei panini ci assopimmo tutti e tre, fui svegliato dalle carezze sulla schiena, era Antonio che voleva svegliarmi, mi voltai ed erano li che mi guardavano con i cazzi già per metà duri.
Mmmm, siete incontentabili dissi. Rispose Antonio dicendo che visto che il pomeriggio sarebbe passato in fretta e io sarei dovuto partire ed era meglio non perdere tempo. Vai a darti una rinfrescata e poi torna qui.
Uscii dall’acqua e mi misi a sedere, Antonio si avvicinò e stando in piedi mi mise il cazzo in faccia e mi disse di succhiarglielo. Era stato perentorio come sempre, lo presi e me lo misi in bocca. Aldo si avvicinò pure lui e si mise in bocca il mio. Era un tripudio di piacere e oscenità.
Quando per Antonio fu sufficiente mi chiese se ero pronto e gli risposi di si ma che mi sarei messo un po’ di nivea perché avevo l’ano indolenzito.
Questa volta volle che lo facessi prima con Aldo, ma volli essere io a decidere come, gli dissi di stendersi perché volevo provare a mettermi sopra.
Mi sistemai a cavalcioni sopra di lui, presi in mano la bestia e ci posizionai sopra il culo unto di nivea e quando lo sentii ben posizionato mi lasciai andare su di lui.
Uauuuh, era molto meglio così, la crema mi aiutò moltissimo, e mentre mi abbassavo sentii l’ano dilatarsi e in un lampo lo sentii dentro e non mi fermai fino a quando non mi sedetti completamente su di lui. Provai nuovamente quella sensazione di pienezza, con il cazzo conficcato dentro cominciai a ruotare i fianchi eccitandolo.
In quella posizione lo sentivo davvero nella pancia, non era un’impressione e questo accresceva il mio piacere, mi muovevo risalendo lentamente fino a sentire la cappella che quasi usciva per poi ridiscendere e sentire il piacere di essere pieno di lui e i brividi mi percorrevano lungo tutta la schiena.
Mentre accadeva tutto ciò Aldo giocava con il mio cazzo che avevo duro in maniera incredibile moltiplicando il piacere che già provavo.
Dopo un po’ mi ero stanco di stare in quella posizione e sempre con il cazzo conficcato nel culo riuscimmo a girarci, ora ero sdraiato sulla schiena e lui in mezzo alle mie gambe mi stantuffava a suo piacimento come fossi una donna.
Cominciò a dare degli affondi violenti tanto che a ogni colpo espiavo e capii che era sul punto di venire e visto che da un po’ mi trattenevo per non sborrare, cercai di resistere e vedere se riuscivamo a godere insieme.
Aveva raccolto le ginocchia contro le mie cosce che tenevo sollevate e con il busto eretto mi sconquassava di colpi tenendomi per i fianchi. Con gli ultimi colpi mi spaventai, sembrava volesse uccidermi tanto erano profondi e violenti, poi me lo spinse tutto dentro, si fermò e cominciò a sborrare. Non vedevo l’ora e toccandomi venni anch’io con delle schizzate che mi raggiunsero fino sotto il mento. Eravamo stremati.
Antonio, del quale ci eravamo dimenticati era arrapato come non mai, disse a Aldo di alzarsi che voleva sborrarmi nel culo pure lui. Se l’energumeno aveva deciso così non sarei certo stato io a fargli cambiare idea, così mi rassegnai e non dissi nulla.
Aldo si alzò e Antonio prese il suo posto, e forse a causa del liquido seminale di Aldo mi scivolò dentro con una tale facilità che quasi non lo sentii.
Doveva essere arrapato di brutto perché iniziò subito a sbuffare e dopo pochi colpi lo sentii sborrare.
Ero sfinito, ma lo erano pure loro. Mi tenni il culo con la mano e entrammo in acqua. Come prima lasciai che il loro piacere fuoriuscisse creando nuove nuvole di sperma nell’acqua cristallina.
Rimanemmo in spiaggia ancora un paio d’ore, ci scambiammo i numeri di telefono e poi mi riaccompagnarono alla spiaggia di partenza.
Prima di salutarmi Antonio prese il cellulare e mi mostrò una foto sul suo cellulare che mi ritraeva sopra Aldo mentre gli tenevo il cazzo in mano in procinto di infilarmelo dentro, e un’altra nella quale l’avevo tuttto conficcato in culo.
Ero allibito e spaventato allo stesso tempo, ma sei pazzo dissi arrabbiato, perché l’hai fatto, cancella immediatamente quelle foto. Neanche per idea rispose, le tengo tutte per ricordo. Tutte? Ne hai altre?
Ne ho fatto una decina mi rispose abbassando la voce disse che ero la più bella puttanella che gli era mai capitato di farsi e quando gli sarebbe venuta voglia di me mi avrebbe mandato una di quelle foto per dirmi che sarei dovuto andare da lui, aggiungendo che ora che aveva il mio numero di cellulare nella sua rubrica mi avrebbe rintracciato su facebook e se non fossi andato da lui quando lo chiedeva non era escluso che mi sputtanasse sul social.
Che schifo, era finita nel peggiore dei modi, chi poteva immaginare una cosa del genere. Col tempo comunque la cosa si sistemò, ci furono dei sviluppi nei quali fui costretto a coinvolgere pure Nadia, ma questo ve lo racconterò in seguito.

Se vi è piaciuto o meno vi sarei grato per i commenti come stimolo futuro
[email protected]

 

One thought on “Giro in moto 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.