Da etero a trav capitolo 3

Da etero a trav capitolo 3

>>>>GODI ORA AL TELEFONO CON UN PARTNER OCCASIONALE -CHIAMA IL 899.005.022<<<<<

E il suo ci vediamo domani mi lasciava da solo frastornato confuso ma al tempo stesso strabiliato e goduriosamente spossato.
Mi riportava alla realtà la voce di mia mamma che mi chiamava dal corridoio per tornarcene a casa ; in un nano secondo mi ricomponevo alla bell’è meglio e le andavo incontro.
“Ma dov’eri finito?Ma che faccia hai?Hai lavorato in miniera?Daiii muoviti che nel salone spiegano la giornata di domani”
Nooo…allora è vero…bisogna tornare!
“no mamma non ho niente solo un po stanco e vorrei cambiarmi”
“ah meno male…hai una faccia che pari uscito da un incantesimo…su forza…datti una mossa”
Già…vorrei vedere lei trovarsi con una lesbica che di colpo la fa godere e diventare lesbo senza che ciò le fosse mai passato per la mente.
In salone invitano a ripresentarsi per il giorno dopo a ritirare premi pergamene e riconoscimenti per tutti e classe per classe.
Finalmente ce ne andiamo e lui mi saluta con un sorrisone che mi lascia i brividi.
E siamo a casa…mi spoglio completamente faccio una lunghissima doccia pulendomi tutto e con maniacale precisione culo e buco del culo ; mangio qcosa e mi chiudo in camera mia ; pigiamino e mi sdraio…con tanti pensieri in testa inerenti la mia prima esperienza da…da non so definirmi!
Mi addormento e risveglio per la classica pipì che son circa le due di notte…espleto la piccola formalità e torno a letto mi risdraio ma resto ad occhi aperti a fissare il soffitto nella penombra e qui comincia forse la mia storia : mi riscopro mentre la mia mano destra accarezza la mia coscia destra poi entrambe le mani accarezzano entrambe le cosce proprio come faceva lui provocando il fruscio della calzamaglia.
Chiudo gli occhi e ripenso in automatico anche se cerco di scacciarlo al suo cazzo alle sue parole al suo respiro ma sopratutto al suo cazzo contro le mie natiche.
E le mie mani palpano le cosce e le mie dita iniziano a cercare il buco del culo…mi giro sul fianco sinistro e sento che il mio buco del culo ha l’esigenza di essere riempito e ci infilo prima un dito poi due poi tre…è bellissimo!
I pensieri sempre incentrati sul suo cazzo mentre tolgo infilo tolgo infilo le mie dita nel buco del culo e mi rendo conto che mi è diventato il cazzo durissimo e gonfio ma…non ci credo!!!
Impossibile : non sono gay ne femminuccia ne femminiello eppure eccomi qua a masturbarmi il culo eccitandomi per il cazzo di un uomo e scoprendo che per tutto ciò ho pure il cazzo pronto a sborrare!
Cosa mi stia succedendo non lo so;so soltanto che tutto ciò sta per farmi godere!
Ma come non volessi accettare questa mia nuova inclinazione sessuale blocco tutte le mie azioni e mi alzo;mi sciacquo il viso rinfresco pisello e culo.
Niente da fare xkè come torno a letto mi torna in mente il suo cazzo!
E mi ritorna il cazzo in erezione…devo proprio rassegnarmi e cercare di finire questo tormento…in bagno ho un bel tubo di crema idratante normalissima che usano sia maschi che femmine e che spalmo attorno e dentro al buco del culo.
Poi ne applico un po anche sul tubo e mi siedo sul bidet…infilo il tubo ed è piacevolissimo…poi inizio a far dentro fuori dentro e mi ritorna il cazzo durissimo !
I capezzoli sono in tiro ed ho leggeri brividi; continuo a masturbarmi il culo e se non mi tengo con la mano sinistra al portasalviette cado dal bidet perchè all’improvviso il mio pisello spara sborrate ad un metro di distanza!!!
E senza la necessità di prenderlo in mano.
Non mi riconosco più ma continuo a sentire con estrema chiarezza che voglio esigo e desidero qualcosa di grosso e duro nel culo…
Torno a letto camminando senza togliermi il tubetto dal culo…è emozionante passeggiare con un paletto nel culo e mi torna il cazzo duro; a letto mi sego sborrando ancora immaginando che domani aderirò all’invito della scuola.

FavoriteLoadingAggiungi ai tuoi preferiti
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *