La troia e il cornuto.

La troia e il cornuto.

>>>>GODI ORA AL TELEFONO CON UN PARTNER OCCASIONALE -CHIAMA IL 899.005.022<<<<<

In piedi davanti a me c’è Gianfranco, mio marito. Mi osserva dubbioso.

«Sei decisa?»

«Certo! Dai vai, che ti aspetto».

Esce. Mi siedo in poltrona, chiudo gli occhi e mi rilasso. No. Non ci riesco. Sono emozionata, tesa, ma come ci son giunta a questo punto? Tutto è partito da lontano. Dieci, o forse dodici anni fa, o forse da sempre, ero innamorata di Luca, il miglior amico di mio padre, praticamente un fratello per lui. Luca, di professione pompiere un maschio fantastico, alto, bello, forte, sembrava un dio. Non perdevo mai l’occasione di strusciarmi su di lui. Da sempre, ma in special modo dopo i diciotto anni. Ero talmente invaghita di lui, che ho trascurato ogni altra amicizia maschile. A scuola, tutti, o quasi, credevano che fossi lesbica. Ero talmente decisa ad averlo, che non volevo altro. Però tutti i miei tentativi di farmi notare da lui, come donna, erano miseramente falliti. Luca adorava sua moglie, che era amica intima di mia madre. Una donna molto bella, fine, sempre perfetta in ogni occasione. Le invidiavo due cose. La possibilità che poteva avere lui quando voleva e, poi, la bellezza. Non che io fossi brutta, ma lei lo era di più e lui sembrava fedelissimo. Mi diplomai nell’anno del mio diciottesimo compleanno. Ricordo che i miei genitori affittarono una casa al mare con loro. Ero raggiante. Per raggiungere il mio scopo, l’occasione era perfetta: avrei potuto portarmi a letto Luca. La prima settimana le tentai tutte. Costume infilato in mezzo alle chiappe, reggiseno che si apre in maniera imprevista e mostra un seno. Leccate di gelato molto provocanti, ma niente, lui mi notava solo, quando la sera si usciva per un gelato.

«Claudia come lo vuoi il gelato?»

Ero furiosa. Vorrei il tuo, quello che hai fra le gambe, lo leccherei da morire, ma, naturalmente, lo pensavo senza poterlo dire. Poi ci fu un’emergenza: lui dovette rientrare e, per tre giorni, non potei mettere in pratica i miei stratagemmi. Ero di una tristezza unica, ma fortunatamente tornò: era così stanco, che dormì un pomeriggio intero. La sera disse che voleva dormire ancora, fece l’occhietto a mio padre; io lo notai, ma non ne compresi subito il significato. I miei uscirono da soli, io dissi che andavo a dormire e lo stesso fece lui e sua moglie. La mia camera era posta fra quella dei miei genitori e la sua; aveva il terrazzo in comune. Poco dopo cominciai a sentire dei rumori, diciamo insoliti. Silenziosamente sono uscita sul terrazzo, mi sono messa bassa, per non essere vista a spiare dentro la loro camera. Erano nudi: lei gli stava leccando il cazzo e, cazzo, che CAZZO!
Non che io ne avessi visti molti, ma era stupendo, lungo e di notevole circonferenza. Aveva una cappella che mi ricordava una grossa fragola. Lei lo leccava ed io non mi perdevo un gesto. Mimavo ogni singolo movimento, con la lingua cercavo di copiare i gesti che lei faceva, mentre lo teneva in bocca. La mia micetta era in fiamme, ero così eccitata da quello spettacolo, che mi mancava il respiro. Ad un tratto lui la fa girare, si posiziona dietro di lei, si abbassa e lecca la sua fica da dietro. Lei geme, si spinge indietro, poi lui, con un movimento deciso, le pianta dentro il palo. Io mi ero posizionata come lei e, a quel punto, ho fatto le stesse cose che faceva lei, con la sola differenza, che lei aveva il cazzo dentro per davvero. Io potevo solo immaginarmelo, mi sono toccata il bottoncino e subito sono venuta: mi sono dovuta mordere le labbra, per non urlare. Poi mi sono accorta del ritorno dei miei e sono tornata di corsa a letto, dove ho finto di dormire. Mamma è passata, ha detto a papà che dormivo, così anche loro si sono messi a scopare. Ricordo ancora quella notte che mi sono masturbata tantissimo, quasi a sfinirmi. Il giorno dopo, mentre mamma era al mercatino con la moglie di Luca, incontra una sua amica in vacanza nello stesso posto. Quattro chiacchiere. L’amica le invita a fare una mini crociera per vedere delle isole. Partenza sabato pomeriggio, pernottamento in barca, poi domenica, escursione nell’arcipelago. Loro accettano con entusiasmo, Luca dice che le ha già viste, mentre papà odia l’acqua profonda, quindi loro vanno. Restiamo io, Luca e papà. La sera noi tre usciamo a fare la solita passeggiata, con il relativo gelato. Mi rendo conto che, mentre camminiamo, loro guardano le altre donne, quindi, ne deduco, che proprio fedeli non sono. Tornati si va dormire; io aspetto che papà si addormenti: lui ha il sonno pesante; poi, con addosso uno perizoma molto striminzito, silenziosamente mi infilo dentro la camera di Luca. Dorme nudo perché fa caldo. Il suo cazzo è moscio, disteso con la punta verso sinistra. Mi avvicino e sono decisa: mi giocherò il tutto per tutto, o mi scopa o scoppia un casino. Prendo delicatamente quel membro, lo infilo direttamente in bocca e succhio con determinazione; lui si sveglia, ecco ora scoppia il casino, mi guarda, e mi parla con la sua voce calma.

«Se hai deciso di fare questa cosa, allora facciamola bene: dai, stenditi sul letto».

Io sono raggiante di felicità. Mi toglie l’inutile indumento, mi spiega, per filo e per segno, tutto quello che c’è da sapere per eseguire un perfetto pompino. Come vuole che sia leccato o succhiato. Poi si gira, mi trascina su di lui e mi mette al rovescio, per il mio primo 69.

«Vediamo se hai capito».

Detto questo, infila la testa fra le mie cosce e comincia a leccarmi la passera con la sua lingua rugosa. Passa dal bottoncino alla rosetta del culo ed io muoio. Sento il mio stomaco sciogliersi in un languore fantastico. Un piacere totalmente diverso, da quello provato masturbandomi. Infilo, più che posso, il cazzo in bocca, mentre lui continua a leccarmi provocandomi un nuovo orgasmo, urlo! Sono sconvolta da brividi di piacere tremendi. Lui mi rigira, si posiziona fra le mie cosce, appoggia il palo, divenuto durissimo ed enorme, fra le labbra della mia fica e mi schiaccia il bottoncino, procurandomi un dolcissimo piacere; poi, con una voce dal tono deciso, mi dice:

«Ora, deciditi: se vuoi mi fermo, pensaci, poi non sarà possibile tornare indietro».

Lo guardo con gli occhi illanguiditi dal piacere che sto provando. Gli sorrido.

«Dai, che aspetti, lo voglio».

Si abbassa un poco. Sento la sua cappella farsi strada fra le labbra della fica, che si sta sciogliendo.

«Rilassati, sentirai un po’ di dolore, ma sarà un momento, poi sarà solo piacere».

L’ho sentito entrare, era immenso. Mi dilatava, ho avvertito solo un pizzico, come una puntura, poi lui è dilagato in me. Spingeva il membro dentro. Sentivo chiaramente la sua cappella farsi strada in me. Quando si è fermato, per farmi abituare a lui, io ho goduto immediatamente, fremendo tutta. Ho emesso solo un lungo gemito, abbracciandolo forte. Ha continuato a spingere, fin quando non è entrato tutto. Ero senza fiato, la bocca spalancata. Lui immobile in me, poi mi ha abbracciato e mi ha sollevato verticalmente, con lui che si è messo in ginocchio. Le sue mani mi accarezzavano i glutei, mi ha sollevato, poi mi ha lasciato andare. Mi sono impalata su di lui. Sentivo tutto il suo meraviglioso palo entrarmi dentro quando il mio corpo scendeva: e lì, in quel momento, è stato il paradiso. Non mi ricordo quanto ho goduto e nemmeno quanto tempo abbiamo scopato: mi ricordo solo che, alla fine, ero quasi svenuta. Da quel giorno sono diventata la sua amante. Per circa sei mesi, lui mi ha insegnato tutto, come vestirmi, come truccarmi. Mi ha scopato in ogni luogo, mi esibivo per lui in ogni occasione. Uscivo di casa senza mutandine e, a volte, gli telefonavo al lavoro.

«Sono nuda sotto, pensa a quanti potrebbero vedere la mia fighetta».

Lui restava un giorno intero col cazzo duro a queste mie parole. Poi mi sono iscritta all’università, ho cambiato città, ho conosciuto Gianfranco e tutto è cambiato. Ho deciso che lui era quello giusto. Ci siamo innamorati e, dopo due anni, quando lui era quasi alla fine degli studi, abbiamo deciso di sposarci. Luca quando l’ha saputo, non ha fatto nessun problema. Ha solo fatto un commento:

«È giusto così, lui è il tuo futuro».

Da quel giorno la nostra storia è finita. Solo un mese prima delle nozze, una sera a casa dei miei, mi ha proposto di passare una sera, come addio al celibato. Ci ho riflettuto alcuni giorni, la tentazione era forte. Poi mi sono detta, che se lo facevo per una volta, lo avrei fatto sempre, lui non ha aggiunto altro, e tutto è finito così. Da allora Luca, mio padre e mio marito, son divenuti amici e, spesso, vanno a pesca insieme. Luca lo tratta con tanto rispetto. Da allora son passati tre anni, le cose vanno bene in quasi tutto, tranne nel sesso. Non che Gianfranco non mi scopi, ma il fatto è che ce l’ha piccolo e, quando dico piccolo, è piccolo.
È lungo circa dodici centimetri al massimo dell’erezione, laddove ero abituata al palo di Luca, che era il doppio anche in circonferenza; ma oramai avevo fatto la mia scelta. Lui è bravo a leccarmi, mi eccita, ed è bravo con le mani, ma quando mi penetra, quasi non lo sento. Questo a lungo andare, ha cominciato a rendermi insoddisfatta, ma lo amo e non voglio ferirlo. Poi tre settimane fa è avvenuta la svolta. Eravamo insieme quando abbiamo visto una nostra amica, in atteggiamenti tanto intimi che non lasciavano nessun dubbio: era con un uomo che non era il marito. La sera a letto, dopo aver fatto l’amore, ne abbiamo parlato. Lui ha chiesto il mio parere.

«Credo che lei avrà i suoi motivi, per renderlo cornuto».

Mentre stavamo parlando mi sono accorta, cosa insolita, che lui si era di nuovo eccitato.

«Ti stai eccitando? È perché pensi a lei che ti piace, o cosa?»

Per un momento è rimasto in silenzio, poi le sue parole mi hanno stupito.

«Lo faresti con un altro uomo, al di fuori di me? Prendi Luca, alcuni mesi fa, mentre eravamo a pescare lo vidi pisciare: ebbene ce l’ha grosso e lungo».

Ero veramente stupita. Nello stesso tempo mi stavo già eccitando al ricordo del palo di Luca.

«No, dai, che dici?! Luca lo conosco da una vita e, poi, non saprei… No, dai, lui proprio no».

Lui mi ha guardato.

«Allora se non fosse lui? Con uno sconosciuto lo faresti?»

«Forse io…»

Le mie parole lo hanno fatto eccitare tantissimo. Mi ha scopato subito di nuovo, cosa assolutamente insolita nel nostro rapporto. Da quella sera, ci siamo messi su internet alla ricerca di un valido maschio che mi facesse provare certe emozioni. La scelta e caduta su di un ragazzo calabrese, di passaggio dalle nostre parti. Ora lui è uscito per incontrarlo e portarlo a casa. Sento la porta aprirsi e mio marito entra in compagnia di un bellissimo fusto. Alto, capelli scuri, barba leggermente incolta, da duro. Fatte le presentazioni, lui mi guarda e commenta.

«Accidenti che bella donna, fatti guardare per bene».

Mi rigira, mi aiuta a spogliarmi: è lui che subito prende l’iniziativa nel gioco.

«È proprio una bella fica, me la voglio scopare tutta, dai, andiamo in camera».

A quelle parole mi eccito molto, sento di nuovo il maschio che si prende cura di me. Andiamo in camera, io sono già quasi nuda mentre lui si spoglia velocemente. Un bellissimo cazzo, di notevoli proporzioni, emerge dai suoi slip. Io ne sono subito affascinata. Mi ordina di sdraiarmi sul letto. Eseguo subito perché non vedo l’ora che mi penetri. Poi si mette a leccarmi. La sua lingua si insinua fra le pieghe della mia vulva, la apre, mi succhia il bottoncino, io ho subito un primo orgasmo che mi scuote tutta. Godo e gemo di piacere, mentre gli schizzo in bocca il mio primo orgasmo.

«Ma è proprio piena?! Tranquilla, che questa sera ci penso io a farti scaricare tutta la voglio che hai».

Gianfranco intanto si è messo di lato al letto. Mi osserva, poi, lentamente, tira fuori il suo cazzo e si sega lentamente. Lui lo vede.

«Una fica da sballo come questa, credi di poterla accontentare con quel cazzetto? Ecco spiegato la gran voglia che ha. Ora ti faccio vedere io come si fa impazzire di piacere una femmina come questa. Coraggio bella, che questa sera si gode!»

Dopo aver pronunciato queste parole, si solleva, mi alza le gambe in alto sopra le sue spalle e mi infila dentro con decisione il suo cazzo. Lo fa lentamente, dandomi il tempo, di centellinare l’introduzione. Godo; mi dimentico subito di tutto e godo. Urlo con tutto il fiato che ho in gola. Lui comincia a limarmi la fica con decisione, lentamente ma in maniera costante. Non ho più la cognizione del tempo, nemmeno del luogo, sento solo che godo. Quasi semisvenuta, gli sento aumentare il ritmo del pompaggio, si gonfia dentro di me. Poi gode, riversando tutto il suo piacere dentro di me. Improvvisamente mi inonda di liquido bollente. Lo sento colare dalle labbra della fica ormai aperta. Di colpo esce e si porta con il palo ancora duro davanti alla mia bocca.

«Succhialo, che ti voglio fare anche il culo. Tu, cazzetto, leccalo bene, preparalo, che lo voglio sfondare. Fai un bel lavoro, altrimenti ti rompo il tuo!»

Lecco e succhio con vigore. Sento mio marito che mi fa piegare in avanti e mi lubrifica il culo; lo voglio, non vedo l’ora di sentire dentro il meraviglioso paletto che sto succhiando. Lui me lo sfila di bocca e si posiziona dietro. Mio marito si mette di lato al letto e continua segarsi; credo abbia sborrato almeno tre volte.

«Rilassati bella troia, che ora ti sfondo il culo».

Mi posiziono bene per riceverlo. Lui si sputa sulla mano e vi bagna la punta, poi lo spinge dentro di me: si stupisce del mio culo stretto.

«Accidenti che bel culo stretto! Rilassati che te lo sfondo!»

Con un grido di vittoria, mi si pianta tutto dentro. Sento quel palo entrare nell’intestino. Mi sfonda, mi apre e dilata il culo, godo, come non ricordavo da tempo. Lo incito a scoparmi forte il culo.

«Dai spaccami il culo, fammelo sentire tutto!»

Mi pompa di brutto. Rivolto a mio marito, lo invita a guardare bene.

«Guarda, cazzetto, come faccio godere questa troia di tua moglie».

Lui ha il viso sconvolto dal piacere. Si sega velocemente. Io impazzisco di piacere. Ad un tratto lo sento tutto immerso dentro e rimanere ben piantato in fondo. Una sensazione di calore invade il mio intestino: mi sta riempiendo di sborra! Schizza dentro, poi si sfila e lo porta alla mia bocca.

«Succhia e pulisci, finisci il lavoro troia!»

Nella gola mi infila tutto il palo, che comincia a tornare a dimensioni più umane. Lecco, succhio tutto, poi resto sfinita sul letto; lui si riveste e mio marito lo accompagna alla porta.

«È stata una bella scopata – gli dice – Se ripasso, possiamo rifarlo. Tua moglie è una bella troia, complimenti».

Quando Gianfranco torna in camera, è raggiante di felicità.

«Amore sei stata grande, mi hai fatto godere tantissimo vederti scopata da lui; tu come sei stata, ti è piaciuto? Lo rifaresti? Ti prego, dimmi che lo rifaresti con chiunque ti intrighi».

Lo guardo, sono sfinita ma, nello stesso tempo, sorpresa da quanto lui sia felice. Se questo è quello che vuole, non mi resta che accontentarlo.
Una settimana dopo, a casa dei miei genitori, incontro Luca. Siamo a cena per festeggiare la partenza dei miei e sua moglie, per un viaggio che lì terrà lontani alcuni giorni. Mi avvicino a Luca e gli sussurro il mio invito.

«Domani sera, vieni a cena da me, che ho una sorpresa per te».

La sera dopo si presenta puntualissimo. Gianfranco gli apre e lo fa accomodare; mi presento con una micro gonna ed un reggiseno, che non lascia nulla all’immaginazione; lui resta basito.

«Ti piace Claudia? E’ proprio una bella donna, vero?»

Commenta mio marito, mentre lui mi guarda e sorride.

«Lo dici a me? Io ho conosciuto tutte le fasi del suo diventar donna».

Afferma Luca. Il nostro sguardo spiega che non servono parole fra noi, per capire il doppio senso della frase: ero fra le sue braccia, quando mi ha fatto donna. Durante la cena mio marito ci serve come un perfetto cameriere. Luca capisce tutto e a me non resta che spiegargli solo qualche dettaglio. Finito di cenare, ci mettiamo sul divano e gli prendo il cazzo in bocca; quando entra mio marito con il caffè, si compiace con un sorriso.

«È brava vero?»

Luca sorride a sua volta, poi lo faccio alzare e lo conduco in camera da letto: lì sono ripetutamente sua. Mi scopa come solo lui sa fare. Mi impalo su di lui, godo tanto che, alla fine, quasi svengo. Mio marito è infinitamente contento. Luca è tornato ad essere il mio amante e mi scopa tantissimo: spesso viene a casa, anche quando non c’è mio marito. Da alcuni giorni ha accettato di realizzare un progetto che gli ha proposto Gianfranco: mettermi incinta. Egli sarebbe felicissimo di allevare un figlio del mio amante. Da un mese ho smesso di prendere la pillola; da una settimana Luca viene tutti i giorni a scoparmi, riempiendomi la fica di copiose sborrate; io non vedo l’ora di donargli un figlio e mio marito e raggiante di felicità.

Author

FavoriteLoadingAggiungi ai tuoi preferiti
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *