Il nero incontrato per strada

Il nero incontrato per strada

>>>>GODI ORA AL TELEFONO CON UN PARTNER OCCASIONALE -CHIAMA IL 899.005.022<<<<<

Con fuseaux neri, maglietta e scarpe da ginnastica, mi rendevo conto di essere arrapante ed invitante per qualsiasi maschio, nonostante i miei 52 anni.

Passeggiavo tranquillamente ascoltando musica con le cuffiette quando incrociai un nero piuttosto coatto, alto, con i capelli da rasta, muscoloso e subito pensai maliziosamente tra me e me, sicuramente con un grande cazzo da vero toro tra le cosce.

Inutile dire che mi sentii immediatamente attratta sessualmente da quel bel maschione e così iniziai a fantasticare e desiderare le cose più porche da fare con questo nero sconosciuto. Mi colse, improvvisa, la voglia di fare la troia, di darmi completamente a lui, di “farmelo” in maniera completa, di succhiargli il cazzo, di farmi scopare e anche inculare da lui senza alcuna esitazione. E alla fine di assaggiare e bere la sua sborra calda….

Mi fermai, guardandolo mi appoggiai ad un muretto e cominciai a fingere di fare degli esercizi sparandogli volutamente delle pecorine incredibilmente sexy ed invitanti tant’è che il negrone dovette eccitarsi non poco perchè mi sorrise con sguardo malizioso. In pochi attimi lo agganciai sorridendogli a mia volta e ci sedemmo sul muretto. Mi feci offrire una sigaretta e fumammo insieme, cominciando a parlare del più e del meno.

Mi disse di avere 27 anni, di essere senegalese e mi confessò di piacergli molto. Io lo misi al corrente di avere un compagno ma altrettanto in fretta gli confessai che non era un problema, anzi godevo nel trasgredire e tradirlo e che anche lui mi piaceva tantissimo, addirittura, senza freni inibitori, gli dissi che mi eccitava da morire e gli chiesi timidamente se fosse disposto a “soddisfare” una donna di 52 anni impegnata. Lui non solo disse che era disponibile, ma aggiunse di ritenersi fortunato che lo avessi “scelto” e che mi avrebbe “trombato” molto volentieri. Scoppiammo a ridere e, con fare malizioso da gran troia, gli chiesi come ce “l’avesse”, mettendolo al corrente che amavo il cazzo duro e grosso. Lui, visibilmente eccitato, mi rassicurò garantendomi che era un fuoriclasse, sia per le dimensioni, sia per la sua abilità a letto e aggiunse che se volevo me lo avrebbe fatto vedere, se mi piaceva era mio, avrei potuto farci tutto quello che desideravo, altrimenti pazienza. Con la brasiliana già bagnatissima dalla mia figa in fiamme, accettai subito rispondendo che adesso ero decisamente molto curiosa di vederlo.

Continuammo a fare battute, da finta ingenua gli guardavo la patta e lo stuzzicavo dicendogli che non sembrava che fosse così grosso come asseriva, con lo sguardo fisso sulla sua patta mi mordicchiavo il labbro inferiore e gli chiedevo di farmelo vedere li, subito. Ovviamente non era possibile, ma visto che in quel momento non passava anima viva, poggiai un dito sui suoi pantaloni, come una liceale alle prime armi. Quando poi lui, ormai arrapato come un animale da monta, divenne apertamente disinibito dicendo che desiderava farmi godere, soffocarmi con il suo cazzo enorme, che mi avrebbe massacrato il culo, che mi avrebbe riempita di sperma…. beh persi completamente la testa, mi fece eccitare tantissimo e, decisa sempre più a farmi fottere da lui, gli dissi senza più indugi di voler provare il suo attrezzo, di volerlo sentire tutto dentro di me.

Impaziente, lo misi al corrente di avere l’auto nei paraggi e che potevamo andare subito, con prudenza e cercando di non dare nell’occhio, a casa mia a trombare e lui non se lo fece di certo ripetere due volte.

E così ci recammo da me.

Una volta arrivati, gli dissi di essere piuttosto sudata e che avevo bisogno di una doccia, ma lui mi disse che voleva “prendermi” così, sudata e strapazzata. Un brivido di piacere e di libidine mi percorse tutto il corpo e, presolo per mano, lo condussi in camera da letto dove cominciammo a baciarci. Era alto, molto alto e facevo fatica a baciarlo, ma lui mi prese praticamente in braccio e, con le mani appoggiate alle chiappe, prese a slinguazzarmi per bene. Io contraccambiavo in un bacio profondo e prolungato.

Prese a leccarmi il collo e dietro le orecchie (il mio punto erogeno per eccellenza), lo sentivo ansimare mentre mi leccava le orecchie eccitandomi ancora di più. Mi calò i fuseaux e la brasiliana, mi fece sedere sulla poltrona e cominciò a leccarmi figa e culo. Sentivo e vedevo la sua lingua esplorarmi l’intimità, sputava sul buco del culo e lo leccava avidamente, mentre due dita presero ad esplorarmi la vagina. Dopo qualche minuto, non ce la facevo più, volevo scopare, volevo il cazzo e glielo dissi.

Si alzò, si spogliò completamente nudo e si stese sul letto. Lo spettacolo che si parò ai miei occhi mi lasciò senza fiato. Un nero tatuato, un vero bull volgare con un cazzo nerissimo, umido, grosso, noduloso che aspettava solo i miei servizi da porca, era lì a mia completa disposizione. La cappella, fungo invitante e goloso, era turgida e violacea, gonfia e lucida. Reggeva dritto l’impressionante cazzo già durissimo guardandomi in attesa mentre in fretta finivo di denudarmi, impaziente di godermi quell’uccello incredibile.

Completamente nuda, lo raggiunsi sul letto e mi adagiai al suo fianco e mentre lo baciavo in bocca e gli leccavo i capezzoli, presi il grosso cazzo in mano cominciando ad andare su e giù in una gran sega. Duro, lo stringevo in mano e ne rimaneva fuori una buona metà tanto era grosso. Rapita da quello spettacolo e dall’eccitazione della situazione, vedevo il grande cazzo scappellarsi nella mia mano, durissimo, sentivo delle venature al tatto. Andammo avanti così per qualche minuto, assaggiandoci a vicenda. Mi accarezzava e palpava tutto il corpo.

Poi, impaziente di prenderlo in bocca, presi a leccare la grossa cappella con colpi decisi e profondi, lappavo la testa del cazzo come fosse un cono gelato, filamenti appiccicosi di saliva si allungavano dalla cappella alle mie labbra. Uhm che odore che emanava, un odore di selvatico, misto all’odore tipico della cappella, il suo sudore aveva un profumo acidulo che mi faceva letteralmente perdere la testa. Intanto, tenendola stretta nella mano, gli leccavo tutta l’asta, la mordicchiavo di lato e sopra, arrivavo ai testicoli, li leccavo e succhiavo per bene e poi ritornavo alla cappella che ingoiavo avidamente. Era estremamente faticoso tenerla in bocca, era veramente grossa, gonfia, turgida. Mugolando di piacere, con la bocca allargata allo spasimo date le dimensioni, la circondavo alla base del prepuzio con le labbra a ventosa avvertendo un vago odore di smegma, intanto la lingua solleticava come impazzita l’uretra; ero eccitatissima mentre gli facevo quel pompino. Con la mano dietro alla mia nuca, godeva tantissimo e mi osservava intenta a lavorarmi di bocca il suo cazzo, mentre con la lingua continuavo a solleticare la testa del cazzo, con le labbra la ciucciavo, la risucchiavo. Intanto gli accarezzavo il torace e i coglioni e presi ad andare velocemente su e giù sull’uccello tenuto fermo dal senegalese, il cazzo nero entrava e usciva dalla mia morbida e calda bocca come fosse acciaio rovente nel burro in un grandioso pompino da manuale. Reso ancora più umido dalla mia saliva, era così duro da far spavento. Cercavo di prenderlo per intero in bocca ma con scarsi risultati, infatti quando sentivo la cappella lambirmi la gola, notavo che ne avevo in bocca circa un terzo, di più non ne entrava.

In pochi minuti lo portai al massimo dell’erezione con la bocca e gli chiesi di mettermelo in figa. Mi posizionai carponi sui gomiti e sentii la pressione della sua cappella sulle labbra della mia passera. Fu una sensazione paradisiaca quando mi entrò completamente in corpo col suo cazzo esagerato, andava avanti e indietro a ritmo serrato mentre le mani mi palpavano le tette, i glutei. Era veramente bravo a letto, mi scopava con esperienza e passione, nonostante i suoi 27 anni.

Ad occhi chiusi godevo come una porca, da gran troia lo esortavo a non fermarsi, a scoparmi selvaggiamente cosa che lui faceva senza pietà. Con colpi violenti e ben assestati, mi stava scopando alla grande, ad ogni colpo mi faceva andare in avanti in un gioco incredibilmente selvaggio ma proprio per questo eccitantissimo. Mi ficcò un dito in bocca ed io cominciai a succhiarlo avidamente mentre mi dava della troia, mi chiedeva se mi piacesse ed io annuivo lamentandomi, la testa immersa nel cuscino, stringendo tra le mani il lenzuolo e incapace di parlare tanto stavo godendo. Il palo turgido mi entrava ed usciva dalla vulva sfregando sulle sue pareti portandomi a godere come una folle, mi sentivo riempita da quel tubo caldo e duro, pulsante, noduloso, avvertivo la cappella dalla circonferenza maggiore confronto all’asta che mi allargava e mi riempiva la figa mentre sbrodolavo copiosamente. Ad occhi chiusi godevo, godevo da morire fino a che, con un lamento prolungato, venni in maniera intensa, profonda, selvaggia, in un orgasmo incredibilmente indecoroso e prolungato.

Con la vulva sgocciolante, mi girò su un lato, mi alzò una gamba e mi penetrò da dietro. Mentre mi palpava le tette, potevo vedere quel “mostro” che entrava ed usciva dalla mia figa piena di umori e di liquido seminale del nero in una scopata da antologia. Intanto mi poggiò una mano sulla pancia, accarezzava il punto dove il suo cazzo mi entrava in figa e cercavamo di baciarci in un tripudio di libidine e godimento. Mi stava letteralmente massacrando la patata, ma mi piaceva quel trattamento selvaggio e maschio. Lui era un vero toro da monta, con il cazzo pieno dei miei umori ed ancora duro come il marmo, si distese e mi fece salire su di lui. Sentii la grossa cappella che si faceva di nuovo strada nella mia figa e, in uno smorzacandela da paura, cominciai a saltare col bacino sul suo cazzo in maniera violenta, praticamente adesso ero io che mi scopavo lui, con le tette che sbattevano sul suo torace mentre mi teneva ferma con le mani sul culo. Poi mi alzai, sempre con l’uccello dentro di me, mi feci sorreggere dalle sue mani e continuai a cavalcarlo con una voglia e una passione incredibili. Godevo nel sentirmi porca, mentre tradivo il mio compagno con un nero sconosciuto, nel lettone dove tante scopate facevo con lui, godevo al pensiero di trombare con un negrone da monta che mi stava devastando la figa. Venni intensamente una seconda volta strillando e mugolando, con gli occhi strabuzzati. Squirtai bagnando il materasso.

Adesso lo volevo in culo, desideravo “venire” con quel cazzo enorme nell’intestino. L’unico timore era per l’incolumità del buco del culo che, nonostante ne avesse beccati tanti, non sapevo se reggesse l’urto con un mostro del genere, ma lo volevo, lo volevo intensamente nel culo e glielo dissi senza alcun timore.

Andai in cucina e presi il panetto di burro dal frigo chiedendogli di lubrificarmi il buco prima di ficcarmelo in culo e incularmi a dovere.

Mi riportò a pecorina e prese a spalmarmi il burro sulla zona fino a lubrificarmelo per bene e poi, appoggiata la grossa cappella alla rosellina, inserì l’intero, enorme cazzo nel mio intestino, cominciando ad incularmi in maniera inesorabile, selvaggia e laida; era uno spaccaculi incredibile. A parole è impossibile descrivere il dolore che mi provocava quel bastone in culo, so che, nonostante fosse stato ben lubrificato col burro, me lo aveva rotto ed infatti notai tracce di sangue, ma ormai ero partita di testa, lo scongiuravo di non fermarsi, di andare a fondo e il porco mi accontentò di buon grado inculandomi ancora più violentemente tanto che avvertivo l’intero cazzo piantato in culo, fino all’intestino.

Dallo specchio dell’armadio, vedevo me stessa stravolta dal piacere e lui dietro intento a “farmi” il culo, eccitata all’inverosimile mi godevo quell’inculata inesorabile ed incredibile, mi prendeva sulle scapole e mi attirava a se facendo entrare il cazzo giù in profondità, ero prigioniera di quel nero sconosciuto. Me lo stava spaccando per bene e mi ritrovai a pensare divertita che avrei camminato in maniera innaturale per i prossimi giorni, ma ora tutta me stessa era proiettata solo verso il godimento estremo per cui il dolore si attenuò lasciando il posto al solo godimento.

Era bravissimo. Lo tirava fuori dal culo e lo ficcava nella mia figa, poi faceva il contrario in una girandola incredibile e fu così che, folle di piacere intenso, venni per la terza volta, sempre in maniera intensa e profonda, come una cagna raggiunsi l’orgasmo mentre mi fracassava culo e vulva. Fu una “venuta” intensa, profonda, appagante. Capii che ormai era prossimo pure lui a sborrare e desideravo la sua sborra, la desideravo tutta in bocca, intensamente.

Stravolta dalla goduria, “sborrami in bocca” fu l’unica cosa che riuscii a dirgli con un filo di voce sensuale e immediatamente lui, ormai pronto a godere, si alzò, gettò un cuscino in terra, mi fece inginocchiare e mi disse di mostrargli come sapessi far venire un maschio con la bocca, promettendomi tanta sborra calda tutta da ingoiare.

Una gran pompinara, esperta di cazzi in bocca come me, accetta tali sfide e così, mani appoggiate alle sue cosce, presi nuovamente in bocca il grosso cazzo. Avvertivo l’odore di burro misto a quello dei miei e dei suoi umori andando avanti e indietro ben decisa a farmi sborrare in bocca. Lasciavo scivolare la cappella fino alla gola, con una sensazione di riempimento totale che mi soffocava, le narici allargate in maniera innaturale in cerca d’aria e l’inevitabile sensazione di vomito mentre lo spompinavo in maniera incredibile, magistrale. Lui, ormai impazzito dal piacere, mi reggeva la testa con tutte e due le mani incrociate dietro la nuca, sudato ed ansimante, quando improvvisamente lo sentii urlare e uno, due, tre, quattro schizzi violenti e densi mi inondarono la gola; ad ogni schizzo lanciavamo insieme dei mugolii. Uh quanta sborra mi scaricò in bocca, era pazzesco. Di pompini con ingoio ne ho fatti tantissimi, ma sinceramente una quantità così esagerata di sborra non mi era mai capitata fino a quel momento. Avevo la bocca completamente piena del suo sperma denso e caldo che, per forza di cose, con un rumore strano, mi schizzava fuori dai lati delle labbra come vomito colandomi sul mento, sulla gola e sulle tette. La maggior parte la mandavo giù ingoiandola avidamente e facendo una vera scorpacciata di latte di nero.

Dopo essermi sciacquata velocemente, lo riaccompagnai e non lo rividi mai più. Tornata a casa, subito feci una doccia e spalmai una crema lenitiva sia sulla figa che sul buco del culo, ambedue devastati da quel grande cazzo nero che mi aveva fatto andare in estasi. Inoltre, avevo mascella e mandibola indolenzite. Sistemai il letto eliminando le tracce del mio tradimento.

La sera, con una banale scusa, rifiutai le avances del mio compagno. Nonostante fossi ingorda di cazzo duro, ero ancora sazia di cazzo nero beccato nel pomeriggio!

N.B.: I MIEI RACCONTI SONO TUTTI REALI E NON IMMAGINARI.

FavoriteLoadingAggiungi ai tuoi preferiti
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *