Ho tradito il mio ragazzo a lavoro

Ho tradito il mio ragazzo a lavoro

Spread the love

Mi chiamo Alessia, sono una ragazza molto solare, allegra, spensierata e molto generosa! Sono diplomata ma non ho ancora avuto l’occasione e la possibilità di poter entrare a far parte del mondo del lavoro in modo serio o fisso. Ho svolto diversi lavori, come la babysitter, la cameriera, la centralinista ma dopo un pò di tempo ho dovuto rinunciare a causa di turni estenuanti e pochissimi soldi. Amo i bambini tantissimo e mi piace tanto trascorrere intere ore in loro compagnia. Sarà che sono figlia unica, ma con i bimbi mi diverto tantissimo, sopratutto con le femmine con le quali giochiamo ad acconciarci i capelli, a creare abitini di carta crespa e colorarci il viso con il face painting. E’ proprio per questo motivo che ho pensato di fare di questa mia passione il mio lavoro! Sono già due stagioni che infatti parto per trascorrere tre mesi nei villaggi. Certo, non è un lavoro eterno o annuale e non è nemmeno un lavoro ben pagato. Se però ci aggiungiamo che vivi esperienze uniche e fai ciò che ti diverte, diventa tutto più facile! Sempre meglio che trascorrere due mesi in un noioso call center! Purtroppo però, se la mia prima partenza è stata dall’inizio piacevolmente indimenticabile, per la seconda stagione ho dovuto faticare un pò. Essendomi fidanzata da poco, il mio nuovo ragazzo non aveva preso bene la mia scelta di ripartire perchè troppa geloso e poco fiducioso! A me purtroppo i soldi servivano per poter iscrivermi ad un corso di cake design e non potevo assolutamente rinunciare alla partenza! Ricordo che il giorno prima di andare via Sicilia, io e Andrea abbiamo fatto l’amore più volte, siamo rimasti vicini tutto il tempo per poi litigare a fine serata. Sono partita con un’angoscia incredibile, non potevo andarmene con un saluto così brutto ma purtroppo il momento era giunto ed io quel treno lo dovevo prendere! Arrivata al villaggio, che era magnifico, ho conosciuto i miei compagni di avventura: cinque ragazze e tre ragazzi. Tutti carini, forse un pò troppo piccini per me che tra l’altro avevo lasciato il mio cuore ed ogni mio pensiero ad Andrea. Durante la stagione le cose erano però cambiate, io e il mio ragazzo litigavamo troppo spesso a causa di orari discordanti e idee troppo diverse. Non è successo nulla con i miei amici animatori con i quali c’è sempre stato reciproco rispetto, ma una sera presa un pò dalla rabbia e, diciamoci la verità, anche da una pazza voglia, ho ceduto alla passione ed ho violentemente scopato con un ospite del villaggio rischiando tra l’altro di essere anche licenziata! Manuel aveva trascorso una settimana in villaggio nel mese di giugno ed io lo avevo già notato perchè era cubano, aveva un fisico bestiale e un sorriso smagliante! La seconda volta l’ho rivisto ad Agosto e stando sempre con i bambini non avevo avuto molte opportunità di rivolgergli la parola. Fortunatamente però, una sera durante uno spettacolo il mago del villaggio lo ha chiamato sul palco per un giochino e dietro le quinte c’ero proprio io ad aspettarlo. Abbiamo chiacchierato un pò, giusto il tempo di dirgli cosa avrebbe dovuto fare. E’ stato un colpo di fulmine perchè in un attimo ho lasciato perdere ogni angoscia creata dal mio ragazzo che da lì a poco sarebbe diventato cornuto. Io e Manuel infatti, ci siamo dati appuntamento di nascosto e lui non ha potuto rifiutare perchè si sà, la maglia dell’animazione ha sempre attratto gli sguardi dei maschietti. Ci siamo dunque trovati nel bungalow dell’animazione ed io l’ho aspettato a letto già nuda facendogli capire che la mia intenzione era solo di scoparlo e nient’altro. Chi avrebbe rifiutato un’opportunità del genere? Nessuno e fortunatamente nemmeno Manuel! Appena mi ha vista ha sgranato gli occhi ed è bastato un attimo per fargli diventare il cazzo duro. Lui si è avvicinato a me e mi ha baciata ovunque, su tutto il corpo. Mi ha preso il seno sodo e molto abbondante e lo ha stretto nelle sue mani. Quando ha iniziato a pizzicare i capezzoli e bagnarli con la punta della lingua ho sentito la mia vagina bagnarsi in un instante come quando un’onda del mare bagna la spiaggia! Insomma, pensavo solo a quel momento e Andrea era totalmente sparito dalla mia mente. E’ stato tutto molto veloce ma al momento davvero eccitante. Io dovevo tornare allo spettacolo serale e non potevo essere scoperta. “Dobbiamo fare presto!” gli ho detto e Manuel ha fanno cenno. Io per indurirgli ancora di più il cazzo l’ho stretto a me, sulla mia pelle nuda. Il mio seno si è schiacciato contro il suo petto e il suo cazzone lo sentivo sul mio corpo. Gli ho sfilato i pantaloni, gli slip e la sua asta è spuntata fuori con una mega cappellona scura. Avrei voluto leccargliela, avrei voluto succhiare e prendere tutto in bocca, e quando dico tutto intendo anche le palle che erano belle sode e anch’esse scure. Quando abbiamo capito che eravamo entrambi super eccitati e bagnati, io ho aperto le mie gambe, incarcato la schiena perchè mi piace tanto, ed ho atteso che il suo cazzo potesse entrarmi tutto dentro fino in fondo. Era enorme, lungo e con una circonferenza da paura. Non nego che ho sentito un pò di dolore ma dopo qualche secondo è stata una sensazione unica. Io ho appoggiato le mie mani ai suoi glutei di marmo, era come una statua. Ed io, che avevo avuto rapporti solo con Andrea, mi sentivo in estasi. C’è chi scopa meglio e chi sopratutto ha un cazzo molto migliore del suo! Manuel ha spinto con tutta la sua forza ed io sono arrivata urlando come una matta perchè nessuno ci avrebbe sentito! Il suo sperma però non l’ho accolto dentro di me per evitare brutte sorprese, ma me lo sono fatta spruzzare tutto sulle tette, che lui ha poi massaggiato per cospargere il suo nettare calde ed appiccicoso ovunque! Di quell’incontro con me e Manuel non lo ha saputo mai nessuno, a parte Andrea che doveva sapere che con lui non avevo mai goduto come quella strepitosa sera. Alla fine ci siamo lasciati e abbiamo messo la parola fine a quella storia che per fortuna era iniziata da poco. Autore: Biagio B.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.