il cugino dopo 15 anni, seguito

il cugino dopo 15 anni, seguito

Spread the love

Con il cuginetto, seguito

I due giorni successivi non accadde nulla ma io non potevo non ripensare a quanto era accaduto e continuavo a masturbarmi con il mio giocattolino ripensando a quello che avevo fatto.
Il terzo giorno, di mattina ricevetti una telefonata, era lui, mi chiedeva se poteva venire a trovarmi, io prima di rispondere chiesi a mio marito gli impegni che aveva e avendomi risposto che lui non poteva stare a casa risposi a Giorgio, non facendomi sentire dal marito che poteva venire e alzando la voce dissi che mi dispiaceva ma che il marito non poteva assentarsi dal lavoro.
Ovviamente lui capì bene cosa io intendessi e ci salutammo.
Poco prima di pranzo sentii suonare all’uscio, andai ad aprire ed era lui, lo feci entrare in fretta e gli gettai le braccia al collo per poterlo baciare; mentre lo facevamo mi strusciavo a lui facendogli capire quanto lo desiderassi e strusciando capii che anche per lui era così, ma volli freddare un attimino gli animi e gli offrii un aperitivo.
Ci sedemmo vicini in salotto per prenderlo ma non perdevamo occasione per darci delle toccatine e dei baci.
Ero in subbuglio avrei voluto buttare i bicchieri, saltargli addosso e infilzarmi al suo spiedo, cercai di trattenermi ma non fu per molto, gli dissi: non ce la faccio più, ti voglio e senza togliermi la gonna né le mutandine, mi alzai la prima, spostai le seconde e dopo averglielo tirato fuori e datagli una leccatina me lo infilai dentro facendolo stare seduto.
Lo cavalcai per un po’ giusto il tempo di placare la voglia poi lo presi per mano e lo portai in camera, non avevo ancora rifatto il letto e questo lo eccitò ancora di più, scoparmi nel letto ancora caldo di mio marito.
Ci spogliammo a vicenda e iniziammo un lavoro di mani, di bocche e di lingue sul corpo dell’altro mi ritrovai a 69 una posizione che a me piace; dare e ricevere piacere con la bocca.
Dopo qualche minuto di forsennato piacevole lavorio ci mettemmo in posizione normale e lui mi entrò dentro in tutta la sua possanza, con vigore come se non desiderasse altro che aprirmi.
Era piacevole, a me piace essere trattata da troia dal mio partner, mi chiedeva se mi piacesse, se mi sentivo abbastanza troia e io non potevo che rispondere siiiii
Continuavo a godere ma lui niente, non veniva, forse avevo capito cosa desiderava e non mi feci pregare quando mi disse di girarmi.
Mi leccò il buco bagnandolo bene, io lo aiutai tenendomi le natiche aperte, appoggiato il cazzo al buchetto iniziò a spingere con lentezza e forza insieme fermandosi solo quando ebbe raggiunto il contatto delle palle sulla mia fica e il suo inguine sul mio culo.
Stette fermo per qualche secondo poi iniziò a muoversi lentamente io stringevo i muscoli ogni volta che lo sentivo dentro e allentavo quando lo tirava fuori, non so descrivere il piacere che provavo; la volta precedente mi aveva quasi sverginato il culo, ora era un poco più pronto e riuscivo a godere ancora di più.
Mi inculava con passione, con dolcezza, poi iniziò ad aumentare la velocità di penetrazione ed il ritmo, mi diceva le cose più incredibili che mai mio marito avrebbe neppure immaginato o almeno non aveva mai detto, ti piace troia? vuoi essere sbattuta sempre più forte? dillo che sei una troia una puttana, una zoccola, una vacca da monta; ed io morendo di piacere dicevo: si sono la tua troia, la tua puttana, la tua zoccola, la tua vacca, continua a sbattermi sempre più forte fammi impazzire di piacere siiiiiiiiiiii.
Lo sentivo ingrossarsi dentro di me sempre di più, segno evidente che stava per sborrare allora con una mano arrivai alla mia fica e iniziai a martoriarla mentre lui sempre più infoiato continuava a spingere, a sbattermi, la mia mano toccava sia al mia fica sia il suo cazzo, era fantastico e non durò molto sborrammo insieme e lui mi riempì lo sfintere di sperma.
Eravamo sudati, stanchi ma appagati però lui non si tolse, mi disse alziamoci piano piano senza farlo uscire ed andiamo in bagno, così facemmo, mi portò in doccia e continuando a toccarmi a baciarmi il collo la bocca, toccandomi il seno, mi sentii riempire di un liquido caldo, una cosa mai provata, mi stava orinando dentro ed io ripresi a godere come non mi era mai successo.
Finito il getto stette un pochino ma poi lui si ammosciava ed il liquido spingeva, allora uscì mi girò e mentre io spurgavo mi strinse a se baciandomi con passione, aprii l’acqua e mentre ci lavavamo lui mi disse che lo sapeva che ero così, per lui e con lui, la più zoccola mai conosciuta.
Lo ringraziai abbassandomi e facendogli un ultimo pompino con l’ingoio, poi ci rivestimmo e lui andò.
L’indomani sarebbe ripartito e al momento non so quando lo rivedrò ma ricordo sempre con infinito piacere le sue due visite a casa mia e dentro di me ed ogni tanto lo faccio con il mio giocattolo ripensandoci.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.