Cesira, la mia nuova “sorellina”

Cesira, la mia nuova “sorellina”

Cesira e la sua famiglia vivono in una cascina a circa venti chilometri dalla città dove abito. Siamo state compagne di banco alle medie, poi lei ha dovuto interrompere la scuola e iniziare a lavorare i campi con i genitori. A vent’anni si poi è sposata ed ha avuto due bei figli: Lorenzo di diciannove anni e Marcello di ventuno. Ora – dopo che i suoi genitori sono morti – vive con il marito Carlo e i due figli sempre nella stessa cascina.
Io ho fatto le scuole superiori e poi, dopo il diploma, ho iniziato a lavorare come segretaria in una ditta di rivendita d’auto. Io mi chiamo Francesca, ho avuto alcuni fidanzati, ma non ho mai voluto sposarmi. Amo troppo la mia libertà e ho sempre sentito che la vita della mogliettina non mi si confaceva.
Le nostre strade si siano separate però la nostra amicizia non si è mai interrotta e con regolarità, ogni mese, vado a trovarli passando una intera giornata rigenerante in campagna.

Anche il mese scorso, ho preso l’auto e mi sono recata a trovare la mia cara Cesira. L’ho trovata nella stalla mentre mungeva. Mi sono seduta a fianco a lei e abbiamo cominciato a parlare del più e del meno. Poi lei mi ha invitato a provare la mungitura. Con un po’ di titubanza e di timore mi sono messa all’opera.
“Senti come sono piacevoli le mammelle delle vacche. A loro piace molto sentirsele accarezzare… Ma non così forte… Con più delicatezza, non le stai masturbando… non è mica un cazzo…”
“Sei sempre la solita Cesira, non cambi mai…” Risposi ridendo.
Una volta terminato, lei si allontanò per occuparsi di altre mansioni e io andai nell’orto e, dietro sua indicazione, con il tubo dell’acqua innaffiai per bene i vari ortaggi che già stavano mettendo i primi germogli. Dalla mia posizione vedevo anche i due ragazzi che lavorano nei campi. Mi videro e fecero ampi cenni di saluto ai quali risposi con altrettanti gesti del braccio.
All’una, con la solita puntualità, tutti sono a tavola. Cesira aveva preparato un arrosto succulento che spandeva profumi intensi anche all’esterno della cascina. Il pranzo si svolse con la solita allegria e solo Carlo, al secondo bicchiere di vino, diede i primi segni di alterazione. Infatti, spesso lei si lamentava con me proprio di questo. Il marito purtroppo era ormai alcolizzato e quasi sempre era completamente ubriaco e incapace di svolgere il lavoro nei campi. Era la sua pena o “disgrazia” come la definiva lei.
Poco dopo Carlo si alzò barcollante e si buttò, semi cosciente, su una poltrona e si addormentò.
Anche io avevo bevuto abbastanza. La testa mi girava e una strana allegria mi faceva dire cose non sempre controllate.
“Per fortuna che ci sono loro…” Disse Cesira indicando i due figli.
“Ma certo… devi essere più che soddisfatta… guarda che bei ragazzi hai fatto…” Risposi e posi un braccio sulle spalle di Lorenzo. “Devi stare attenta Cesira, perché questi due bei torelli sono capaci di ingravidare chissà quante ragazze del paese…”
“Hai ragione Francesca. Sono proprio belli e forti e devi stare attenta a loro anche tu che sei così bella…” Così dicendo fece alzare Marcello quasi per metterlo in mostra. “E poi ammira che bei gioielli hanno…” E posò la mano proprio sulla patta del figlio. Ma non fu un gesto sfuggente, anzi trattenne a lungo la mano accarezzando il l’evidente rigonfio dei pantaloni.
“Ma Cesira cosa fai!…!” Esclamai sorpresa. “È tuo figlio…”
Cesira aveva però uno strano sorriso e mi guardava diritto negli occhi. Poi pian piano fece scorrere la cerniera e infilò una mano nella patta. Manovrò alcuni secondi poi estrasse il cazzo del figlio già decisamente ingrossato. “Guarda che bello… di la verità è proprio molto bello…”
Non sapevo più cosa dire. Ero sconvolta e turbata nello stesso tempo.
“Lorenzo vieni anche tu dalla mamma…” E Lorenzo si alzo ubbidendo all’invito ponendosi sull’altro fianco della madre. Cesira fece la stessa operazione anche con lui. Ora aveva i due membri ben duri in mano e li stava masturbando lentamente. Io mi accorsi di essere affascinata dalla visione di quella donna che giocava così oscenamente con i suoi due figli ed ero completamente incapace di parlare o di muovermi. Quella scena incestuosa era così coinvolgente che cominciai a tremare tutta e una eccitazione violenta, mai provata prima si era impossessata di me.
“Per fortuna ho loro che mi sanno consolare…” Ripetè la donna alzandosi. “Vieni Francesca, non stare li da sola, avvicinati a noi…” Ero come ipnotizzata e feci ciò che mi venne chiesto.
“Ma da quanto tempo tu…” Chiesi senza rendermi conto dell’inutilità della domanda.
“Da più di un anno… mio marito, come vedi è ormai inservibile in tutto e io sono ancora giovane… sono una donna e anche io ho le mie voglie…” Rispose. “Prima con Marcello… l’ho visto d’estate nudo nella doccia e non ho più saputo fermarmi, poi Lorenzo, sono andata una notte in camera sua… ora dormiamo spesso tutti e tre insieme…”
Fece una breve interruzione, mi prese per un braccio e mi costrinse a prendere in mano il cazzo di Lorenzo. Poi riprese “In fondo ho sempre pensato che anche tu fai parte della famiglia… è come se fossi la mia sorella gemella… perciò è giusto che anche tu…”
La libidine è spesso una sensazione totalizzante e irresistibile. Non mi trattenni, abbracciai Lorenzo e incollai la mia bocca alla sua, nello stesso tempo, in totale frenesia, quasi mi strappai i vesti di dosso. In breve ero nuda completamente e tenendolo con la mano mi sfregavo il cazzo del ragazzo contro il clitoride. Cesira intanto aveva trascinato il figlio sul divano e continuando a masturbarlo gli mordicchiava un capezzolo.
“Scopatemi tutti…” Mi sentii urlare e mi sedetti sull’orlo del divano proprio a fianco della mia amica. “Scopami Lorenzo… infila questo cazzo… siete tutti dei porci e io sono come voi…” Erano parole ormai incontrollate, non le avevo mai pronunciate, ma ebbero un effetto ancor più dirompente eccitando e portano al parossismo sia la madre che i figli.
Il cazzo duro del ragazzo mi penetrò di colpo senza nessun impedimento. Io muovevo il bacino freneticamente accompagnando i vigorosi colpi del ragazzo. Cesira osservandomi, salì a cavalcioni di Marcello e fece sparire il cazzo del ragazzo dentro di lei. Scopavamo mentre il marito di Cesira, nella poltrona a fianco, ci guardava con occhi spenti bofonchiando qualcosa di incomprensibile. Poi Cesira si tolse da quella posizione, spostò il figlio e mormorandomi “Grazie sorellina…” si stese su di me e unì la sua bocca alla mia. Ci baciammo a lungo e in modo estremamente appassionato. Era il mio primo bacio lesbico e mi piaceva. In quella posizione, Cesira era praticamente in ginocchio, fu molto facile per Lorenzo introdurre il suo cazzo nella fica della madre. Una mano della donna raggiunse la mia fica e comincio a masturbarmi introducendo due dita. Improvvisamente ci ritrovammo il membro di Marcello vicino alle nostre bocche. Non ci chiedemmo cosa volesse, lo sapevamo già e subito lo prendemmo in bocca alternativamente e mentre una era impegnata con la cappella, l’altra leccava le palle del ragazzo. Poi lui si spostò avvicinandosi e ponendosi tra di noi. Cesira aveva il cazzo del figlio davanti e lo ingoiò completamente e io mi ritrovai le palle propio in faccia. Mi allungai leggermente e presi a leccargli il buchetto, poi dopo averlo ben lubrificato gli introdussi prima una, poi due dita.
Ma Cesira voleva che fossi io, quel giorno, la maggiormente beneficiata dai figli. Fece coricare Marcello sul divano, mi fece adagiare su di lui e con una mano mi introdusse nella fica il cazzo del figlio, poi invitò Lorenzo a posizionarsi dietro di me e questo volta, dopo avermelo leccato e lubrificato con la lingua, fu il mio culetto a ricevere il cazzo del fratello.
Cesira mentre venivo scopata in tutti e due i buchi mi parlava e mi diceva cose sconce ed eccitanti “Mi sei sempre piaciuta Francesca… ho pensato tante volte a te e mi masturbavo ogni volta la fica… sei una femmina fino in fondo… calda e libidinosa… con una testa porca e lasciva… con una fica bagnata e calda… sempre vogliosa di prendere dei cazzi… piena di voglia di sentire quelle cappelle turgide e gonfie … che lentamente spingono e ti penetrano allargandoti la fica… senti dentro di te tutte le pieghe di quei cazzi pieni di sborra… ti piace sentirti completamente piena di cazzo… sentire che il cazzo ti tocca in fondo e ti riempie tutta la fica… e tu ti muovi come una cagna in calore… ti inarchi tutta per farlo entrare ancora di più… ti muovi e urli di piacere… ti senti puttana fino in fondo… vorresti più cazzi in quel momento… due o tre da menare e prendere in bocca mentre scopi con uno… non ti interessa di chi sono… non ti interessa nulla di loro… sono solo cazzi che ti scopano a turno… infinitamente… e tu sei completamente aperta per prenderli tutti… godi come una cagna… ti dimeni… mugoli… urli di piacere… sborri anche tu su di loro… poi li fai sborrare tutti insieme e ti fai coprire dal loro sperma…

Quel pomeriggio fu quasi interamente dedicato ai nostri piaceri. Fummo scopate ripetutamente da entrambi i fratelli e lesbicai con Cesira negli intervalli dovuti ai necessari tempi di ripresa dei ragazzi.
Questa è la mia storia ed vera, anche i nomi sono veri, tanto non potreste sapere dove è ambientata. È una vera confessione la mia, la confessione di una situazione che mi ha letteralmente cambiato la vita e il modo di pensare. Da allora non perdo fine settimana. Infatti è un mese che passo ogni sabato e ogni domenica in cascina con la mia nuova “sorella” e con i “nostri” comuni due figli. E Cesira e i suoi figli in quelle notti non dormono più in tre nelle stesso letto… ma in quattro.

FavoriteLoadingAggiungi ai tuoi preferiti
 

One thought on “Cesira, la mia nuova “sorellina”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.