I gemelli

I gemelli

Spread the love

Adry e Berny, siamo due giovani gemelli eterozigoti di 19 anni. Ci somigliamo ma non siamo perfettamente uguali, non abbiamo lo stresso DNA, siamo entrambi maschili ma uno è eterosessuale ed io sono omosessuale. Il percorso di crescita fino a qualche anni fa è stato molto tranquillo e condiviso. Poi, nella fase dello sviluppo sessuale, abbiamo imboccato strade divaricanti; mio fratello Adry ha cominciato a sentire l’attrazione della figa. Bisogna dire che lui è partito di slancio, senza né se né ma in quanto avvantaggiato oltre che dall’attrazione sessuale congenita per la figa anche dal fisico, dal carattere e dalla michia; non è né un proboscidato né un equino ma ha certamente ha una gran bella minchia, a dire delle compagnucce che l’hanno ripetutamente provata, è ben usata ed incandescente. Di me posso dire che il mio percorso “omosex” è stato molto più complesso come è logico che sia, a meno che non si decida di iniziare la propria presentazione dichiarando “ex abrupto” : a me piace “ il cazzo”. Io, pertanto, sono ancora nella terra quasi vergine. Con mio fratello ho un rapporto molto aperto, discorsivo, a volte anche contrastato ma sempre in maniera franca e leale ora anche sul piano sessuale; lui di sé mi racconta tutto, chi è lei, il come, il quando, il dove, insomma non mi nasconde nulla; io invece sono stato, fino al mio outing con lui sfuggente, ambiguo, raccontavo molto poco e a volte quel poco era anche frutto di fantasia; oggi per lui non ho misteri Due o tre settimane fa eravamo in giardino spaparanzati sulle sdraio e stavamo cazzeggiando quando Adry tirò fuori il discorso su una ragazza e dopo averlo ampiamente descritto, a bruciapelo, mi chiese: ma a te la figa piace pulita, odorosa o “nature”? ovviamente rimasi azzittito e lui imperterrito continuò: Berny ma tu mi nascondi qualche cosa?, c’è qualche cosa che mi sfugge?. Ero incerto se aprirmi o continuare a tacere ma lui continuò a martellarmi finché non mi pose la fatale domanda: sei gay? Si!, un si pronunciato con un filo di voce e con dentro l’ansia di sapere come l’avrebbe presa. Bsx no ? Gay… gay? Attivo o passivo? Più passivo! ne sei certo? direi proprio di si Bé allora ti toccherà nuotare molto controcorrente fratellino. Quando mi farai conoscere il tuo fidanzato? Ma che dici? Quale fidanzato! Io non ho nemmeno cominciato a guardarmi in giro, allora quando sei ammandrillato vai avanti a manetta? Adry per favore! bé non vuoi parlarne con me? Hai un tuo confidente privato? Tu lo sai che su questo campo io ho cominciato molto, mooolto prima di te e quindi la mia esperienza consolidata la metto a tua disposizione. Grazie Adry, io.. io… io…. Io….. , ma che fai ti commuovi? fratellino la scelta sarà tua ma tutta l’esperienza per la selezione te li darò io. OK Berny! Si alzò e uscendo mi diede un bacio sulla bocca. Ah! sai mi sarebbe piaciuto avere una sorella, fare quella roba lì, come si chiama ah si: l’incesto e se ne andò ridendo. Questa dichiarazione ebbe l’effetto di sbloccarmi e cominciai a prendere coraggio e a guardarmi intorno. Berny, questa settimana faccio week-end lungo vado su vuoi venire? vai solo o con una ragazza? no solo, salgo giovedì pomeriggio e poi viene Ricky. Ohhhhhhh rispondimi! Hai sentito? SI e che io ho incontrato un tipo e volevo conoscerlo meglio, bene io e te saliamo prima e poi lui sale con Ricky e scendiamo tutti insieme, ma Ricky!?, io non vorrei che… che cosa!! Ricky è bsx mettigli un culo( di donna è sempre meglio) davanti e diventa un maiale, RICKY??? Si Ricky!!!. Sono entusiasta, Andry è con me, non mi ha respinto. Arrivammo su che era appena imbrunito, ci sistemammo, andammo in pizzeria e poi tornammo a casa carichi di birra. La casa era ben calda e ci mettemmo in tuta e canottiera. Eravamo a piano terra, sul divano c’ero io e davanti al fuoco c’era Andry che mi chiamò: vieni qui Berny; mi accucciai vicino a lui e poggiai la testa sul suo petto, lui mi alzò il viso, mi guardò e cominciò a baciarmi. Andry baciava me!! E mi baciava in quel modo! come se fossi la sua donna, avevo le vertigini, sentivo la sua lingua, la sua saliva che scivolava nella mia bocca, le sue mani tra i miei capelli, poi le fece scivolare sul petto e le sue dita giocavano con i capezzoli; avevo chiuso gli occhi e mi lasciavo trasportare dal piacere. Si tolse la canottiera ed il pantalone della felpa rimanendo in slip, si accostò a me mi sollevò le braccia e tolse anche a me la mia canottiera e poi fece scivolare il pantalone della tuta e gli slip: eravamo nudi. I nostri corpi li conoscevamo da sempre non c’era nulla da scoprire ma in quel momento è come se avessi visto Andry per la prima volta, bello, ma non perchè è mio fratello, ma perché è alto, ha un fisico asciutto, tonico per lo sport che fa, quel colore della pelle leggermente ambrata, quel cazzo scuro e abbondante dal quale spunta mezza cappella rosa che gli pende sullo scroto; stavo per sborrare senza nemmeno essermi toccato. Si stese sulla poltrona, aprì le gambe, si sistemò le palle, prese il cazzo fra le dita e me lo porse, avevo la bocca e la gola secca ,feci un po’ di collutorio con l’acqua che avevo a fianco e poi lo presi in bocca, gli tirai giù la pelle e sentii la sua cappella in gola che diventava dura, sollevai la testa lo tirai fuori, glielo masturbai, stava venendo duro rapidamente, lo infilai di nuovo tutto in bocca, sentii la sua mano sulla mia testa che gestiva il movimento, la spingeva sempre più in giù, la cappella urtava contro il palato estremo e cercava di superarlo, avevo capito che a lui piaceva passare oltre e nonostante le lacrime agli occhi lo facevo fare, ora era più deciso, mi chiuse il naso e per l’improvvisa mancanza di respiro allargai la faringe lui colse l’occasione e scese in gola: la strada era stata creata.
Lo vedevo fremere, tutti i suoi muscoli si tendevano, nel momento del piacere me lo faceva scendere sempre più in fondo, gli piaceva tirarlo velocemente e scendere a poco a poco, ormai aveva le palle turgide che si appoggiavano alle mie labbra; non so come e quanto sia una normale eiaculazione ma Andry mi scaricò in gola una quantità di sperma da affogarmi. Sei stato bravo Berny, io vado a dormire, buonanotte fratellino. Se il nirvana esiste io c’ero dentro. Al mattino presto sentivo trafficare in cucina e quando scesi vidi che Adry aveva preparato la colazione, grazie fratello! Hai sbagliato a capire fratellino!! questa è la mia colazione!!! ognuno prepara per sé ed ognuno pulisce per sé. Adry mi propose: andiamo in bici fino a su o ci facciamo un paio di ore jogging, facciamo la bici, lo sapevo! Lo SAPEVO!! che preferivi la bici alla corsa là ti avrei stracciato. Siamo tornati nel pomeriggio tardi perché ci siamo fermati tante volte; come da ragazzini abbiamo fatto la corsa a chi arrivava per primo alla doccia; sotto l’acqua calda mi ha abbracciato: ti voglio bene fratellino conta sempre su di me. C’eravamo insaponati bene e prima di sciacquarci Adry fa cadere ai miei piedi le spugne e ovviamente mi calai per prenderle, lui mi cinturò e mi mise in ginocchio, sentii il suo cazzo scivoloso che saliva e scendeva, sbatacchiava fra le mie natiche, gli divenne duro e me lo puntò al centro del culo e poi un colpo secco entrò e spinse a lungo e con forza. Il mio grido dovette essere udito anche in strada perché il dolore fu tremendo: mio fratello mi aveva sverginato e mi stava chiavando, il male era ancora troppo forte e continuavo a guaire come una cagnetta. Ancora oggi credo che mio fratello in quella occasione dovette godere tanto, troppo perché dopo pochi minuti che mi inculava mi venne dentro ma non lo tirò fuori; vedendo qualche piccola goccia di sangue sul piatto della doccia si infoiò e comincio a scoparmi senza curarsi di me, dei miei lamenti, di niente, mi pompava veramente come un ossesso, non ricordo come finimmo nella posizione in cui poggiavo la testa ed il collo sul pavimento, le spalle contro un armadietto, le gambe in aria, il buco del culo all’altezza del suo cazzo ed ogni volta che entrava sentivo affondare i colpi fino alla prostata ed alla vescica. Alla fine, dopo avermi scaricato per la seconda volta tutto quella che aveva nelle palle, si alzò tirandomi fuori il cazzo tutto in colpo ed io sentii ancora un dolore terribile e il buco aperto,inoltre, mancandomi il suo sostegno mi spiaccicai sul pavimento. Si stava facendo un ‘altra doccia quando lo sentii dire: Berny hai un culo che vale una figa. In quello stupendo week-end Adry mi insegnò tutto quello che dovevo chiedere ad un maschio, Ricky si scopò con gusto il mio nuovo amichetto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.