Desiderio soffocato

Desiderio soffocato

Spread the love

Raccontarmi qui mi permette di pubblicare scenari della mia vita mai confessati a nessuno e magari ricevere commenti per confrontarmi
Avevolta 18 anni quando,nonostante il mio interesse per le ragazze,ho scoperto attrazione anche per i maschi. Non proprio casualmente,perché mio cugino, che allora aveva 22 anni,ha stimolato in me un certo interesse sul sesso in generale. Premetto che ero vergine e fino ad allora non avevo mai avuto nessuna esperienza
, ma ero anche molto curioso. Inizio’ un po per gioco, spogliarsi per guardarci, sfiorarci, solo che succedeva sempre più spesso che lui mi toccava il sedere e io a lui il cazzo, che forse anche per la differenza di età,era più grosso del mio. Lo toccavo sempre con maggior interesse soprattutto quando il provocargli l’erezione mi dava una certa soddisfazione.
Non è trascorso molto tempo quando in uno dei nostri incontri segreti in soffitta, lui mi ha invitato a toccarglelo meglio facendosi masturbare da me. I suoi apprezzamenti sul mio sedere sembravano di circostanza,ma invece ne ho ricevuti anche da amici che naturalmente non sapevano nulla di me e nemmeno lo sopettavano,erano semplicemente considerazioni scherzose come succede sotto la doccia di uno spogliatoio di un campo di basket.
Col tempo gli incontri con mio cugino hanno preso una forma più definita perché lui per farmi venire, è vero che me lo toccava, ma lo faceva mentre strusciava il suo cazzo tra le mie matiche finendo per farmi colare lo sperma sull’amo. Beh decisamente mi piaceva e per un bel po è andata così. Poi un bel giorno sembrava avesse perso interesse gli chiedo perché è lui dice che non gli basta farlo così. Ho capito subito ovviamente che cosa voleva e anche se ne avevo paura,ho accettato almeno di provare.
Siamo andati in soffitta e dopo avermi palato il culo per un po,mi ha detto dai girati e allargati le chiappe
Ho paura fai piano
Sì dai ci metto un po di saliva.
Ma la sua inesperienza e la mia rigidità mi ha provocato un forte dolore solo facendo entrare la cappella. Abbiamo dovuto rinunciare con suo disappunto
, ma quando io per farlo venire lo segavo, lui senza dire nulla mi spinge in giù. Non sapevo bene cosa fare ma sentendo la sua cappella strusciarsi sulle labbra. l’istinto mi ha fatto aprire la bocca. Non facevo quasi niente,lui mi disse di non fargli sentire i denti e praticamente mi scopava la bocca. Quando stava per venire ho cercato di staccarmi ma lui mi ha tenuto dalla nuca e per la prima volta ho conosciuto il sapore dello sperma.
Per almeno un mese, più o meno 2volte ogni settimana, gli ho fatto pompini migliorando sempre di più dietro le sue guide
Poi il trasferimento della mia famiglia in un’altra città ha interrotto bruscamente i nostri incontri e quando ci si rivedeva non avevamo libertà sufficiente per appartarci. Quando però mi sussurrava
Ti ricordi in soffitta?
Io mi eccitavo immediatamente.
Combinazione lui che nel frattempo si era arruolato nell’esercito, è stato trasferito nella mia stessa città. Erano trascorsi quasi 2 anni dall’ultimo incontro.io un bel 20enne e lui 24enne con un fisico formato dalla costante attività sportiva. Ci siamo visti spesso ma senza accennare a quanto successo tra noi, anche perché ha avuto modo di conoscere la mia ragazza.
Succede però che i miei genitori partono per sbrigare delle pratiche nella città della nostra precedente residenza.
Quando chiedono a mio cugino di vegliare un po su di me, entrambi abbiamo avuto un momento di disorientamento. Stavano via 3 giorni e mio cugino ha chiesto una licenza per l’occasione.
La giornata in giro e la serata in pizzeria sembrava avessero allontanato quei pensieri, ma non era così. Andando a letto ci siamo spogliati, eravamo imbarazzati, aveva un’erezione, ho fatto finta di non accorgermene ma quando per appoggiare i suoi vestiti sulla poltroncina è passato dietro di me, il poco spazio ha fatto sì che sentissi il suo cazzo strusciarmi sul culo coperto solo dagli slip. Ho avuto un brivido e forse un sussulto soffocato, ma lui sicuramente si è accorto che non era indifferenza infatti quando è ripassato stavolta si è proprio fermato. L’ho sentito spingere tra le natiche e in un attimo non ho più avuto dubbi e mi sono preparato mentalmente per fargli ancora un pompino. Lui mi sussurra dalle mie spalle
Troppo bello sto culo per un maschio
mentre lo palpava con gusto. Mi ha spinto dolcemente in avanti ma non c’era spazio perciò ho appoggiato le mani sul letto regalandogli una posizione inequivocabile. Non abbiamo più detto nulla , mi fa scivolare gli slip alle ginocchia e mi mette il cazzo tra le cosce che io tenevo strette e comincia a muoversi avanti e indietro, intanto . Mi stropicciava il culo con le dita e mi dice ti piace sempre vero!!?
Si mi piace
E sei rimasto vergine?
Si …. guarda che non lo sa nessuno
Bravo hai fatto bene in fondo è giusto che sia io il primo
Non ho detto più nulla pervaso dalla paura e dalla voglia
Ero sdraiato su un fianco, quasi tremavo dalla forte emozione quando sento la punta del suo cazzo puntare sull’ano con un movimento rotatorio molto dolce, non c’era attrito, lo aveva lubrificato e improvvisamente una spinta, lo sento entrare, fa male si ferma per un po cosi
No no aspetta fa troppo male
Lui indietreggia, sembra che voglia farlo uscire ma non è così, subito dopo con una spinta decisa lo rimette dentro, più dentro mi sento aprire fa male ma lui amsima facendo avanti e indietro Sei stretto ma te lo allargo
con un’altra spinta lo fa entrare tutto, adesso si ferma e mi dice rilassati adesso, finalmente, che bel culo, ti brucia adesso, ma poi passa
Sì lo so ma in questo momento non so se è più forte il piacere o il dolore.
Più lo facciamo e più sentirai piacere. Comincia a pompare, su e giu , lo sento scivolare dentro, mi piace
Ma lo sai da quanto tempo ti volevo inculare!?
Anch’io volevo
Mmmmmm si bravo così, sculetta bravo, ti piace il cazzo eh
Ohhh si si si mi piace
Lui aumenta il ritmo adesso spinge forte, sta per godere e infatti
Siiiii ti rompo il culo
In quel momento sento il calore della sborra e subito dopo vengo anch’io sul lenzuolo.
Anche oggi sposato e non più giovanissimo ho un ricordo piacevole e non ho nessun rimorso, anzi a volte non nego che qualche uomo mi suscita ancora delle voglie, ma immagino un rapporto diverso da quello con mio cugino. L’età ci cambia e oggi quando penso ad un uomo in quei momenti , penso ad un vero porco e io la sua puttana.
Credo che con le dovute cautele e accertata integrità fisica, non farei troppe storie a rimettermi a 90 gradi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.