Esibita al bar

Esibita al bar

>>>>GODI ORA AL TELEFONO CON UN PARTNER OCCASIONALE -CHIAMA IL 899.005.022<<<<<

Anna aveva conosciuto Marco a una festa. Lei bella ragazza senza né arte né parte, lui ricco professionista affermato, che fin da subito l’aveva stregata e posseduta. Quello che Anna, però, non aveva immediatamente capito era quanto Marco fosse anche un gran figlio di puttana. Uno capace di essere dolce e romantico nei momenti giusti, tanto quanto porco e spietato a letto.
Lei aveva ben presto imparato che la cosa migliore era stare ai suoi voleri, altrimenti con le buone o con le cattive lui avrebbe comunque fatto e preso quello che avrebbe voluto. Lei era il suo giocattolo sessuale e nulla più, sempre disponibile, sempre pronta ad esaudire anche le sue voglie più perverse.
E di voglie perverse ultimamente Marco ne stava tirando fuori ogni giorno una diversa. Ma in fin dei conti tutto questo ad Anna stava benissimo.
Aveva ben presto imparato a convivere con il lato sottomesso e un po’ masochista che era in lei e, anzi, le continue sorprese, paure, violenze, sopraffazioni fisiche e psicologiche a cui veniva sottoposta la eccitavano e in fin dei conti la gratificavano. Così aveva passato di tutto, dall’essere presa all’improvviso senza nessun preliminare, ancora secca e non pronta, facendole inizialmente un male cane, all’essere legata e frustata.
Soprattutto l’essere frustata su tette e fica la lasciava dolorante per qualche giorno, ma le dava anche una sensazione fisica continuata nel tempo di possesso da parte di lui nei suoi confronti. E comunque Marco era bravissimo ad alternare tortura a masturbazione, a tenerla sull’orlo dell’orgasmo un tempo indefinito, fino a che era sempre lei a pregarlo di farla venire, a umiliarsi di fronte a lui per raggiungere il tanto agognato piacere.
Il tutto, comunque, si era sempre svolto a casa loro, in privato, e nulla era trapelato nella normale vita di società che conducevano. Nessun amico o conoscente avrebbe mai neanche lontanamente intuire quale era il loro vero tipo di rapporto.
Anna sapeva che con Marco sarebbero dovuti andare a cena a casa di amici, ma diversamente dal solito le aveva chiesto di vestirsi come voleva lui, facendole trovare un pacco in camera e lasciandole un biglietto che le spiegava che per la serata avrebbe dovuto indossare quegli indumenti.
Solo che, ora che aveva indossato il tutto, Anna si vedeva allo specchio come una vera troia. Il mini abito elasticizzato era cortissimo e scollatissimo sia davanti che dietro. Davanti arrivava a coprire a malapena la fica, in basso, e l’aureola dei suoi capezzoli, in alto, e dietro scendeva praticamente fino allo spacco delle sue natiche. Le calze autoreggenti, inoltre, le finivano almeno 10 centimetri prima che iniziasse il vestito, lasciandole scoperta una buona parte di pelle nuda delle cosce. Le scarpe, infine, avevano tacchi vertiginosi, alti come lei non li aveva mai portati. Ma soprattutto nel pacco non c’erano mutande e reggipetto e, nel biglietto, Marco era stato categorico su cosa avrebbe dovuto indossare: solo ed esclusivamente il contenuto del pacco.
Ormai si era fatta l’ora dell’appuntamento, quando Marco, puntuale come al solito rincasò. Lei era pronta e bellissima, provocante come sa esserlo una bella fica vestita da troia.
Ma non era finita lì. Marco le disse che avrebbe dovuto indossare anche questo, e con ‘questo’ intendeva una cosa che Anna non aveva mai visto. Era un aggeggio di plastica a forma di piccola farfalla, con due elastici ai lati, che Marco le fece infilare come fossero delle mutande.
L’aggeggio di plastica, così, andava a finire direttamente sulla sua fica, anzi proprio sul clitoride. E la forma di quel coso era fatta apposta per tenerle larghe le labbra, per premere nelle sue parti più sensibili, e gli elastici lo tenevano ben saldo e spinto, senza che da lì si potesse muovere.
Anna non fece neanche in tempo a chiedere a Marco di cosa si trattava, che una leggera scarica elettrica la colpì in mezzo alle gambe.
Anna non riuscì a trattenere un urletto, più di sorpresa che di dolore vero e proprio. Ma non ebbe di nuovo neanche il tempo di chiedere spiegazioni che immediatamente seguì una vibrazione stimolante direttamente sul clitoride.
‘Ti piace questo nuovo giocattolo? ‘ disse Marco ‘ E’ un simpatico stimolante a controllo remoto. Posso decidere, mediante il telecomando, di mandarti scosse elettriche o vibrazioni, con l’intensità e per il tempo che voglio io. Vedrai, sarà una bella serata, ci divertiremo un mondo’ concluse con sorriso enigmatico e comunque divertito.
Anna aveva capito, il tutto non era altro che un nuovo gioco inventato da Marco per tenerla in tensione, per farla soffrire e godere, per farla sentire una volta di più la sua puttana devota. Solo che questa volta stavano per uscire e il gioco, probabilmente, si sarebbe svolto fuori casa.
Anna era stata abituata a non chiedere, ma questa volta la preoccupazione di uscire vestita in quel modo e con quel coso tra le gambe la stava spaventando.
Una volta in macchina Marco iniziò a sperimentare le varie possibilità che il nuovo gioco gli offriva e nell’arco di pochi minuti Anna subì scosse elettriche di varia intensità e vibrazioni più o meno potenti.
Volente o nolente tutto questo l’aveva eccitata molto. Un po’ per la vergogna di essere vista agitarsi e contorcersi attraverso i finestrini della macchina, quando si fermavano a un semaforo o in mezzo al traffico, un po’ per le stimolazioni che comunque quel maledetto apparecchio era in grado di darle.
Le scosse erano abbastanza forti da farla sussultare e gridare, inoltre le facevano gonfiare e rendere sensibilissimo il clitoride. Così le vibrazioni, elargite da Marco immediatamente dopo, venivano recepite in modo molto più intenso ed eccitante. Ma appena il suo livello di eccitazione cresceva, quel bastardo di Marco smetteva o, peggio, le mandava una nuova scossa.
Così, nel breve volgere di una mezz’ora lei era già fisicamente uno straccio. Eccitata e bagnata tra le cosce come una sgualdrina, sudata e stanca per la continua tensione muscolare. Lei, infatti, cercava disperatamente di non far trapelare quasi nulla, rimanendo composta e controllata, sempre con il terrore di farsi accorgere da passanti e altri automobilisti. Ma rimanere ferma, non urlare o non mugolare, a seconda dei momenti, costava ogni volta una gran fatica.
Finalmente la macchina si fermò, e solo allora Anna si accorse che era davanti a un piccolo bar di periferia.
Lui perentorio le ordinò di scendere dall’auto e di entrare senza dire niente e senza fare storie. Dentro c’era una varia umanità fatta per lo più da uomini dall’aspetto rozzo e poco curato, e qualche donna che in passato sicuramente non aveva disdegnato di vendersi per denaro.
Anna era schifata da quel posto, ma non osava dire niente. Inoltre era terrorizzata, ben sapendo come era vestita, quale era il suo stato in quel momento e immaginando che comunque non sarebbe stata una serata facile. Lui le intimò di mettersi in piedi davanti al bancone con le gambe leggermente divaricate. E con noncuranza ordinò da bere degli alcolici.
Intanto, nascosto nella sua tasca, il telecomando continuava ad essere spinto un po’ a caso. Anna era invasa da una serie di sensazioni tra le più disparate tra loro e faceva veramente una gran fatica a cercare di mantenere un contegno. Ma non riusciva sempre a contenere gridolini o mugolii e soprattutto non riusciva a stare ferma, a non muovere le gambe cercando di chiuderle quando le sensazioni si facevano più violente, a non ondeggiare con il bacino.
Per chi la vedeva da dietro doveva essere uno spettacolo molto eccitante, con quel vestito cortissimo che le arrivava a malapena a coprire la parte bassa del culo, con delle leggere striature lungo le cosce per i suoi umori colati a causa del trattamento subito fino a quel momento, ma soprattutto con quei fianchi che non stavano un attimo fermi, che ondeggiavano a destra e sinistra, come in preda a un raptus di libidine.
Inoltre dalla sua bocca uscivano i suoni inconfondibili di una donna che vuole godere, che ogni tanto soffre, ma soprattutto che cerca in tutti i modi di non darlo a vedere, senza ovviamente riuscirci.
Anna ingoiò in un attimo il gin che il barista le aveva messo davanti, quasi senza accorgersi che si trattava di un superalcolico e che lei non era tanto abituata a bere.
A quel punto Marco, bruscamente, la fece girare e disse al barista di tenerle ferme le braccia. Queste, tirate da dietro, la obbligavano ad assumere una posizione con il bacino proteso in avanti, con il bancone che le fermava i fianchi.
Marco, inoltre le piazzò uno sgabello in mezzo alle gambe, il che le impediva ora di poter chiudere le cosce.
Se prima Anna poteva sperare di far finta di niente, ora l’essere costretta a guardare la platea dei presenti ammutolita che osservava tutta la situazione la gettò nel panico più totale.
Marco sadicamente, come un bravo imbonitore, con poche parole spiegò a tutti che lei era Anna, la sua schiava, che aveva quel maledetto aggeggio sulla fica e che stava sbrodolando per l’eccitazione visto che era una cagna in calore nelle sue mani. E, mentre diceva questo, le alzò il vestito davanti fino alla pancia, mettendo a nudo la situazione in cui si trovava Anna.
Lei voleva morire dalla vergogna. Mai prima nella vita si era trovata in una simile situazione, esposta davanti a degli sconosciuti in quelle condizioni.
Marco scelse un uomo e una donna tra i presenti e, come se niente fosse, diede loro il permesso di poter fare ad Anna tutto quello che avessero voluto. Lui sarebbe stato lì, in disparte semplicemente a godersi la scena. E, ovviamente, a maneggiare sempre il suo bel telecomando.
Tanto per chiarire subito le cose, spinse il pulsante che dava la scossa elettrica più elevata e lo premette per una decina di secondi. Anna venne quasi svegliata come da un sogno improbabile e il dolore che provò alla fica la riportò decisamente alla realtà. Questa volta si lasciò andare in un urlo che ben resto si trasformò in un profondo mugolio, inarcandosi all’indietro e rovesciando la testa.
Non fece neanche in tempo a riprendersi dalla scossa e a sentire la sua fica pulsare e gonfiarsi per il dolore, che subito si ritrovò l’uomo sconosciuto attaccato a una tetta. La strizzava, la impastava, le pizzicava il capezzolo e soprattutto rideva di gusto dicendo che gli sarebbe proprio piaciuto scoparsi questa troia in calore. A quel punto partì la vibrazione alla massima potenza e Anna non riuscì a nascondere il piacere che le montava dentro.
La sua fica era martoriata dalle sensazioni fortissime che ormai provava da più di un’ora, i suoi umori continuavano a colare sempre di più, segno della sua incredibile eccitazione sessuale, e il clitoride era gonfio, un po’ dolorante, ma ricettivo al massimo per qualsiasi tipo di stimolazione.
I suoi sensi erano in fiamme e tutta la situazione da un lato la sconcertava, dall’altro le faceva provare nuove sensazioni perverse che non credeva di poter provare.
Non era solo la stimolazione alla fica ad eccitarla, ora si stava accorgendo che anche l’essere esposta di fronte a sconosciuti e mostrata come una troia risvegliava in lei sensazioni profonde e violente.
L’uomo, intanto, la guardava direttamente negli occhi per cogliere immediatamente il suo godimento e se Anna per la vergogna provava a distogliere lo sguardo, lui la prendeva per i capelli e la girava di nuovo per farsi fissare negli occhi.
Anna stava godendo sempre di più, ma non aveva la possibilità di isolarsi da quel contesto. Era obbligata a godere davanti a tutti, mettendo in piazza le sue sensazioni e il suo essere una lurida cagna in calore.
Inoltre le manovre che l’uomo effettuava sulle sue tette le stavano facendo ugualmente provare un piacere perverso, differente da quello che proveniva dalla sua fica, ma sempre forte e violento. Lui le strizzava i capezzoli, glieli prendeva molto oltre l’aureola e poi, tenendo sempre le dita serrate e strusciandole lungo quella zona così sensibile, risaliva fino alla punta del suo capezzolo quasi fosse la mammella di una vacca da mungere.
Con questo trattamento i suoi capezzoli si stavano allungando e gonfiando in modo esagerato e più lui effettuava la sua mungitura e più lei si ritrovava con i capezzoli eccitati e dritti, che le inviavano ondate di calore e di piacere fino al cervello.
A quel punto Marco intervenne: ‘Basta ‘ disse all’uomo ‘ ora lasciamola un po’ a lei’ indicando la donna che si era avvicinata e che si stava gustando la scena.
La donna in gioventù sicuramente aveva fatto stragi di cuori per la sua bellezza, e ancora oggi mostrava un fascino torbido che sicuramente avrebbe attirato uomini di ogni tipo.
‘Vediamo quanto sei troia e quanto ci metto a farti godere. ‘ disse lei con tono di sfida ‘ Secondo me tra un minuto ti farò urlare di piacere qui davanti a tutti’.
Anna non aveva mai avuto contatti con donne in tutta la sua vita e ora trovava la cosa abbastanza ripugnante e spaventosa.
Non solo era trattata come una troia in pubblico, ma anche come una lesbica pronta a godere al primo tocco di una donna.
A lei questa volta non gliela avrebbe data vinta, si ripromise.
‘Togliamole questo giocattolo’ disse lei inginocchiandosi e mettendosi con la faccia davanti alla sua fica.
Con una mano lo spostò di lato e in un attimo la sua bocca aderì alla fica di Anna. La iniziò a succhiare come fosse un frutto da cui estrarre il succo e contemporaneamente la penetrava con la lingua.
‘Ma quanto è lunga questa lingua?’ si trovò a pensare Anna, la sentiva arrivare in fondo ad un’altezza impensabile.
La donna si staccò un attimo e disse: ‘Questa troia ha la fica tutta invischiata dei suoi umori, ormai ha fatto la crema dentro. Però sono buoni sai? Credo che me li gusterò con vero piacere. Sei pronta a urlare?’
E in effetti un urlo le uscì quando lei, avvicinata di nuovo la bocca, le diede un morso direttamente sul clitoride. Lo teneva prigioniero tra gli incisivi, che spingeva molto in fondo, all’attaccatura di quel pezzetto di carne così sensibile, alternando una pressione ora forte ora delicata, e nel frattempo faceva roteare la lingua intorno alla punta del clitoride che si trovava con la pelle tutta tirata e ormai del tutto fuori. Con i denti praticamente glielo scappucciava e con la lingua lo colpiva e lo schiaffeggiava.
Come aveva predetto la donna, e nonostante tutti gli sforzi per cercare di resistere, Anna venne urlando dopo pochi secondi di questo trattamento.
Il suo corpo venne come preso da convulsioni per la violenza dell’orgasmo raggiunto, ma lo sgabello tra le cosce e le mani del barista che la tenevano ferma, non le permetteva più di tanto di agitasi.
Soprattutto non le permetteva di staccarsi dalla bocca della donna, che a sua volta non smetteva di torturarle la fica. E così facendo l’orgasmo di Anna non accennava a smettere del tutto. Era in una fase di orgasmo intermittente ma continuato, scemava un poco, per poi riprendere forte e potente come prima.
Una sensazione indescrivibile, che lei non aveva mai provato e che la svuotò ti ogni resistenza rimasta. Non le importava più nulla di dove era, con chi era e di quello che le stava succedendo, sapeva solo che si stava godendo un orgasmo fantastico, bellissimo e lunghissimo.
Altri ne raggiunse Anna in quella serata, quando venne scopata e inculata dagli altri uomini, quando le donne le diedero di nuovo piacere con le mani o con la bocca, ma nessuno fu neanche paragonabile a quello raggiunto per primo.
Dopo circa 2 ore Marco la fece ricomporre, le passò un vestito fresco che aveva avuto l’accortezza di portare di nascosto con sé, visto che quello con cui era venuta era ormai lurido di sperma e dei suoi umori, e la accompagnò di nuovo verso la macchina, quasi sorreggendola perché lei non ce la faceva ormai più neanche a camminare.
‘Allora ci vediamo la settimana prossima – disse a quelle persone girandosi un attimo prima di uscire – credo che Anna sarà felice di tornare qui da voi. Siete stati così carini con lei’.
E le risate di quelle persone furono la cosa che più rimase impressa nelle mente di Anna mentre saliva in macchina. Risate di scherno e di umiliazione, che di nuovo, incredibilmente, la fecero bagnare.

Per fare quattro chiacchiere: [email protected]

FavoriteLoadingAggiungi ai tuoi preferiti
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *