Moglie da religiosa a puttana !! Part.1

Moglie da religiosa a puttana !! Part.1

>>>>GODI ORA AL TELEFONO CON UN PARTNER OCCASIONALE -CHIAMA IL 899.005.022<<<<<

Moglie da religiosa a puttana

Il racconto che vorrei narrare non è di fantasia ma mi è realmente accaduto , non mettero i veri nomi perché quando è successo ha fatto molto scalpore .
I fatti sono successi ad iniziare alla fine del 2017 .
Io mi chiamo Claudio , sono alto 1,75 peso medio in quell’anno avevo 45 anni , mia moglie Tiziana ne aveva 42 , è alta 1,72 capelli castani , una quarta di seno , ma la cosa che si nota di più è il suo culo sodo perché frequenta assiduamente una palestra , dato che ha tempo , non lavora . Abbiamo una figlia di 16 anni, ci siamo sposati presto , sono 20 anni che lo siamo , due di fidanzamento . Mia moglie frequenta la chiesa andando a messa ogni domenica , portando con sé la figlia , io un po ‘ di meno . Come dicevo in precedenza Tiziana non ha mai lavorato , si è sempre occupata della figlia e della casa, ce lo possiamo permettere perché io ho una ditta abbastanza avviata di impiantistica che poi negli ultimi anni è stata convertita nella installazione di impianti fotovoltaici , ho degli operai , io provvedo solo a fare i contratti e sopralluoghi . Abitiamo in centro Italia , a fine anno 2017 , nella parrocchia della mia città , dato che il parroco era ormai vicino agli anni 80 la curia gli affianca un nuovo parroco di origine polacca , don Danilo , di anni 29 . Il nuovo parroco è stato accolto con calore da parte di tutti i parrocchiani perché aveva portato una ventata di aria fresca , era pieno di iniziative , aveva cominciato subito con il cercare di coinvolgere nelle sue iniziative i giovani , aveva con il passare dei mesi anche creato un coro parrocchiale con la partecipazione anche di molta signore .
Mia moglie dato che alcune sue amiche si erano inserite nel coro volle provare anche lei .
Oltre al coro aveva anche istituito un associazione di caritas per la raccolta di beni di prima necessità per aiutare le famiglie povere del comune . Mia moglie mi chiede se ero contento se lei poteva andare ad aiutare in parrocchia insieme alle altre persone dato che oramai la figlia non la impegnava più molto perchè oramai era grande e gli rimaneva parecchio tempo libero , io gli dico che non ho nulla da obbiettare se a lei fa piacere. Così inizia ad andare in parrocchia un paio di pomeriggi a settimana per il volontariato della caritas , e due sere a settimana per le prove del coro . Siamo in estate del 2018 e l’impegno di mia moglie con le questioni parrocchiali cominciano a essere più frequenti , fino a diventare quasi tutti i giorni. All’inizio non ci feci molto caso dato che il mio lavoro mi porta spesso fuori per tutta la giornata , poi finite le scuole , mia figlia a casa , un giorno torno e la trovo arrabbiata , gli chiedo cosa avesse fatto e mi dice che era arrabbiata con sua madre perché gli aveva chiesto di accompagnarla nel pomeriggio al centro commerciale per fare degli acquisti e sua madre si era rifiutata perché doveva andare in parrocchia che avevano degli impegni presi e non poteva mancare. Era uscita alle 15 e erano le 19,30 ed ancora non era tornata , mi dice che tutti i giorni è così da quando è finita la scuola , quasi un mese lei è sempre sola a casa perché mamma è molto impegnata . La cosa comincia a piacermi poco , sono quasi le 20 e rientra a casa, gli chiedo dove era stata fino a quell’ora , e perchè non c’era pronto nulla per cena . Lei con un sorriso da santarellina mi dice che era stata insieme con Danilo e la sua amica Rosalba a consegnare dei pacchi con degli alimenti ad alcune famiglie , e che per cena era passata poi dal ristorante cinese ed aveva preso del susci . Gli chiedo un po ‘ incazzato come mai non aveva accompagnato nostra figlia , e come mai tutti i giorni rimane sola ? Lei cambia espressione e seria mi dice che lei ha preso degli impegni con il parroco e gli altri e vuole mantenerli . Allora gli dico che la decisione che avevamo preso insieme era per due volte a settimana e non come ora tutti i giorni , con questo comportamento stava togliendo tempo da dedicare alla sua famiglia e a sua figlia e a me non andava bene , doveva darci un taglio. Si è subito arrabbiata ha cominciato ad urlare che la volevo segregare in casa, lei voleva fare quello che gli piaceva , piangendo e sbattendo la porta si è chiusa in camera. Io e mia figlia ci siamo guardati esterefatti , Tiziana non si era mai comportata così , da quando era andata a frequentare la parrocchia era cambiata notevolmente , anche i rapporti tra di noi che dopo 20 anni erano abbastanza raffreddati , comunque si faceva all’amore almeno una volta a settimana , ora si erano diradati notevolmente, vuoi perchè la sera usciva per fare le prove del coro e rientrava tardi , vuoi sempre impegni con il gruppo della caritas , per riunioni organizzative , non si faceva più quasi nulla. Per alcune settimane non ci ho badato dato che ero molto impegnato con il lavoro , avevo in piedi un progetto molto remunerativo di istallazione pannelli fotovoltaici quindi andavo a letto presto per alzarmi la mattina alle 6 , non notavo a che ora tornasse
Solo alcune volte rare mi svegliava , accarezzandomi l’uccello e poi scendeva giù e lo prendeva in bocca , cominciava a leccarlo e lo ingoiava quasi tutto , sapeva che quello era il modo che mi piaceva essere svegliato , non riusciva a ingoiarlo tutto perchè non è molto piccolo è sui 18 cm e 9,5 di circonferenza , quando poi dopo alcuni minuti di su e giù , e constata che era pronto si impalava . Iniziava a fare su e giù e a roteare il culo , era il modo che preferiva e così raggiungeva anche due orgasmi fino a che non la inondavo anche io . Avendo goduto tutti e due se ne andava in bagno a sciacquarsi la fica che da qualche mese era completamente depilata , con solo una piccola strisciolina di peli corti sul monte di venere, tornava a letto mi diceva buona notte e si girava di schiena e si metteva a dormire.La prima volta che l’ho vista con la fica rasata entrando in bagno mentre si faceva la doccia gli ho chiesto come mai e da quando l’aveva così , mi risponde che senza peli è più igienica e è un po di tempo che la tiene rasata non ti eri ancora accorto ? No gli rispondo , è più di un mese che non facciamo l’amore quindi non l’ho vista di sicuro , perchè per me non era sesso ma amore perchè se anche erano passati tanti anni io la amavo sempre molto . Allora gli faccio notare che ogni volta che andavo al letto la sera lei non veniva mai , o era fuori o rimaneva alzata fino a tardi. Sicuramente si era sentita in colpa , allora mi ha preso per un braccio e con tutto il pigiama mi ha tirato dentro , poi mi ha calato i pantaloni e ha preso in mano il cazzo lo ha massaggiato un po e quando lo ha sentito duro abbastanza si è girata chinandosi un poco e con una mano se lo è appoggiato sulle grandi labbra della fica e mi ha detto dai spingilo tutto dentro , fammelo sentire sbattere contro l’utero . Ho iniziato a pompare avanti e indietro e dopo un po ‘sono venuto inondando la sua fica , avevo le palle cariche da oltre un mese di astinenza. Quella sera della litigata , si era chiusa in camera , era la prima volta, ho dormito sul divano cosa che non avevo mai fatto . Se avessi dato retta al nervosismo avrei rotto la porta , ma poi ero sicuro che la cosa non finiva molto bene, la avrei presa a schiaffi . Sono andato in cucina, ho bevuto un bicchiere di acqua, ho mandato mia figlia a letto e ho cercato di calmarmi e dormire un po . La mattina quando mi sono alzato la porta della camera era aperta , sono entrato a prendere i vestiti puliti per il lavoro , lei era girata di schiena e faceva finta di dormire. Durante la mattinata ho ripensato al suo comportamento degli ultimi mesi , volevo vederci chiaro , c’era qualche cosa che mi sfuggiva ,dovevo indagare. Così mi sono organizzato con il lavoro sono tornato a casa per pranzo , la figlia era contenta , lei un po meno non mi parlava , abbiamo mangiato poi gli dico che sarei rimasto a casa per un po ‘di giorni che dovevo riposare . Lei ha fatto subito una espressione scocciata , nel pomeriggio gli dico che dovevo uscire per poco tempo , che poi saremmo andati con nostra figlia al centro commerciale. Il giorno prima avevo preso appuntamento con il presidente della caritas , volevo indagare se era vero che erano così impegnati durante la settimana come diceva mia moglie , parlando di vari argomenti , gli dico poi , questo vostro volontariato è diventato come un lavoro , siete impegnati quasi tutti i pomeriggi ! No mi risponde , solo quando ci portano del materiale da sistemare , ma massimo due giorni , altrimenti passano delle settimane che non ci vediamo mai . Lo saluto e mi avvio verso casa, il dubbio mi assale , dove va Tiziana mia moglie tutti i pomeriggi in questi mesi quando dice che è impegnata con la caritas?

Continua “

FavoriteLoadingAggiungi ai tuoi preferiti
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.