il risveglio

il risveglio

Spread the love

Il risveglio
Apro gli occhi lentamente una leggera luce entra nella stanza da letto dalla camera adiacente. Guardo l’orologio sono le cinque del mattino. E’ presto ma devo preparare la prima colazione per il mio boy. Vorrei restare sotto le coperte al caldo ma devo alzarmi. Sono nudo sotto le coperte e la mano grande del mio boy stringe il mio addome, peccato doverla scostare, quella mano grande come il suo giovane padrone. Bello muscoloso possente. La sua mano è tre volte la mia e le sue dita grandi quella notte mi avevano esplorato il mio culo a fondo con mio grande godimento. Scostai lentamente la mano e mi alzai. Cercai di fare tutto in fretta perché volevo accucciarmi di nuovo sotto le coperte al fianco del mio boy. Appena finito sgattolai sotto le coperte mi ero raffreddato ad uscire da quel calduccio tutto nudo. Come mi infilai sotto le coperte il mio Lui mi strinse a se, il suo corpo era rovente e la sua grande mano mi stringeva il mio morbido addome. Mi riscaldai subito al suo fianco, ma volli di più. Mi avvicinai così tanto che il mio corpo era totalmente fuso con il suo. Sentivo ogni muscolo del suo corpo diventare una cosa sola con il mio morbido corpo un po’ pienotto di ciccia. La notte era stata lunga e focosa i nostri corpi si erano fusi in una armonica “farfalla” e il mio boy era restato dentro di me a lungo ed immobile mentre la sua grande mano masturbava freneticamente il mio mini membro. Era splendido e quando stavo per venire lui mi sfondò penetrandomi con forza così esplodemmo insieme io nella sua grande mano potente e lui inondò il mio intestino ! Non mi ero lavato completamente avevo trattenuto dentro di me il suo caldo profumatissimo seme ed ora volevo usarlo come il giusto lubrificante. Sentivo il suo corpo bollente muoversi lentamente il suo respiro era quello di un sonno profondo, ma sapevo che di lì a poco si sarebbe svegliato e ….mi avrebbe cercato !!! Così fu ! Sentii la sua grande mano stringermi in una morsa ferrea e non solo stringeva la mia morbida ciccia ma mi avvicinava ancora di più a lui. Il calore del suo corpo si concentrò tutto nel suo cazzo che sentivo crescere a dismisura. Man mano che diventava duro come il marmo si strusciava sul mio fondo schiena. Il suo corpo iniziò a muoversi ritmicamente e sentii la sua bocca carnosa avvicinarsi al mio collo. Le sue roventi labbra mi baciarono era meraviglioso sentire il caldo del suo corpo incollato al mio, le labbra baciare il mio collo e il suo cazzo che si muoveva strusciando la mia schiena. Lentamente lo sentii scendere lungo il letto e capii…stava cercando la mia “vagina anale” e ….la trovò ! la sua sborra che aspettava pazientemente dentro di me all’ingresso di quel cazzone inizio a scendere lubrificando l’ingresso. Dopo una notte di Amore il mio buco del culo era molo ben dilatato e non ci fu problema alcuno al suo cazzone di penetrarmi. Fu dolcissimo entrava lentamente ma sempre più a fondo e quando il lungo membro mi aveva tutto penetrato ebbi un sussulto di piacere. Il suo corpo ora era totalmente fuso con il mio le sue braccia muscolose mi stringevano ancora di più e lo sentii iniziare a muoversi lentamente su e giù . Ma voleva di più lasciò la presa del mio addome e la sua mano forte alzò la mia coscia ed ecco sentire un veemente affondo seguito da altri sempre più forti sempre più profondi e sempre più veloci. Quella posizione mi fa godere moltissimo. Il mio respiro si accelerò sempre di più e per aiutarlo iniziai a tenermi la coscia alzata, ma voleva tenerla lui alzata allora decisi per aumentare il mio godimento di dilatarmi il mio culo già molto accogliente. Lo sentivo entrare ed uscire sempre più veloce e sempre più forte. Come godevo. Accelerava sempre di più percepivo in ogni suo affondo violento la voglia di possedermi, la voglia di esplodermi dentro e ….poco dopo con una violentissima botta esplose dentro di me. Eccolo si ferma in profondità sento quella mazza enorme riempirmi tutto. Il mio corpo inizia a vibrare poi ci immobilizziamo ambedue. Ora siamo una sola cosa un corpo fuso con l’altro. Abbasso la mia coscia e ci stringiamo l’uno all’altro ancora di più. Sento lentamente il suo bastone ammorbidirsi e poi fermarsi. Siamo felici e ora mi stringe il torace e …. Ci addormentiamo uniti !!!!
Dopo più di un’ora lo sento muoversi lentamente, ma io non voglio lo stringo a me ….è ancora dentro di me !! inizia baciarmi di nuovo sul collo ed io gli accarezzo la testa. I suoi capelli sono come seta sotto la mia piccola mano. Inizia ad allontanarsi e sento il suo cazzo non più duro ma comunque gonfio uscire lentamente. Ma quella uscita è fantastica sento il mio culo dilatarsi lentamente per far passare quella mazza ora morbida ma così eccitante. Faccio un gridolino ed esce definitivamente. Il mio boy si stende supino ed io non esito un attimo e mi stendo su quel suo corpo muscoloso. Ora affondo il mio viso vicino al suo e gli bacio il collo ! Mi sposto su un fianco ed inizio ad accarezzarlo. Sotto la mano sento ogni suo muscolo perfettamente tornito come una statua di un Dio greco. Le mie mani scendono ed inizio ad accarezzare il suo cazzo ora piccolo e morbido. Poche carezze e subito inizio a sentirlo crescere. E’ di nuovo duro come il marmo e sempre più dritto ! Lui è immobile ed ha gli occhi chiusi, ora sono io che devo prendere l’iniziativa il messaggi è chiaro, inizio a scendere e lo prendo in bocca con un solo “boccone”. Inizio prima a giocare con la lingua poi su e giù freneticamente. Sento il suo corpo contrarsi le sue mani che vorrebbero accompagnare il mio movimento ma che timidamente mi accarezzano la testa. Il suo respiro diventa affannoso e finalmente le sue mani prendono coraggio e bloccano la mia testa ed il suo bacino inizia a muoversi ritmicamente….mi scopa in bocca ! Una sensazione unica sono in sua balia ! Mi possiede con un fervore straordinario ha voglia di me ha voglia di esplodere. Io godo come una puttana poi lo sento mugugnare e mi blocca la testa e affonda nella mia bocca quella mazza enorme e sento la sua sborra calda inondarmi la bocca. Non vogli perdermi una goccia ed ingoio tutto. E’ esausto vorrei tenermelo in bocca ancora un po’ ma lui mi tira vicino a se e mi stringe a lui. Non abbiamo detto una sola parola fino a quel momento i nostri corpi hanno usato il linguaggio del desiderio dell’Amore….” Buon Giorno Amore mio” ecco le sue prime parole ! lo guardo lo bacio e mi accuccio vicino a lui, “Grazie Amore mio” gli rispondo, ed un altro giorno inizia !

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.