Bud Sex- Non chiamarmi bisex

Cos’è il bud sex?

Non chiamarmi bisex, io sono etero. Questa frase potrebbe riassumere in pochissime parole il concetto del fenomeno sessuale del bud sex. Di cosa si tratta quindi? Semplicemente di uomini che si dichiarano apertamente eterosessuali, in alcune occasioni anche spiegando le loro scelte a figli e mogli, ma che rivendicano in modo aperto, l’esigenza da loro ritenuta legittima di divertimento di tipo sessuale anche con persone appartenenti allo stesso sesso. Il fondamento per il quale il bud sex, non si dichiara bisessuale, sta nel fatto che per loro, il rapporto con l’altro uomo è solo di tipo trasgressivo e sessuale, senza nessun tipo di complicazione di tipo emotiva-sentimentale. Questa teoria, resta molto dibattuta nel mondo LGBD, in quanto appare piuttosto curioso che un uomo, che faccia sesso con altri uomini, possa ritenersi eterosessuale.

Il profilo del bud sex.

Si tratta spesso di uomini sposati, che nella maggior parte dei casi, nascondono questo loro gradimento e lo tengono quanto più segreto possibile. La fascia di età dei Bud Sex, si concentra tra i 35-50 anni. Il legame con i partner nasce spesso nel mondo del lavoro, negli hobby o praticando uno sport, mentre in altre occasioni, le relazioni si creano nelle chat e nei social, nella maggioranza dei casi inizialmente attraverso identità anonime, al fine di difendere la propria privacy. I rapporti di bud sex, sono caratterizzati dal cameratismo e la complicità, ma non da veri e propri rapporti amorosi.

Oltre al piacere sessuale, le caratteristiche di questo rapporto sono per l’appunto, la volontà di rimanere in un stato tra sesso e amicizia, di tipo maschile, dove spesso elementi come: effusioni, baci, carezze ed altre premure simili, appartenenti al mondo femminile, sono del tutto bandite o ritenute fuori luogo.

Il perchè del bud sex

Le ragioni per il quale un uomo che rivendica convintamente la propria eterosessualità, vada a cercare rapporti di sesso con altri uomini sono svariati. Alla base c’è soprattutto una vena trasgressiva ed una voglia di rompere un tabù o di provare il sesso anale con un uomo. Il bud sex, inoltre non è attratto dagli aspetti fisici o caratteriali del partner, quanto invece da quanto questo possa offrirgli nel rapporto sessuale. Tra le fantasie più ricorrenti di queste persone ci sono:

  • Il piacere di fare pompini e provare il ruolo orale femminile;
  • Il piacere di ricevere pompini da uomini, in quanto ritenuti più disinibiti e capaci di dare piacere, rispetto ad una donna;
  • Il piacere del sesso anale attivo. Considerando anche, che taluni uomini, hanno questo desiderio ma spesso non riescono a convincere la propria partner a praticarlo;
  • Il piacere del sesso anale passivo, che può dare un effettivo piacere anche nei maschi al di là della loro virilità;
  • Il piacere di masturbarsi reciprocamente, esprimendo un concetto di cameratismo e complicità del tutto maschile;
  • La voglia di soddisfare alcune fantasie sessuali, senza la complicazione della fase del corteggiamento, come spesso avviene invece nei rapporti eterosessuali. Insomma la praticità di andare subito al sodo.