Il mio uomo

Il mio uomo

Spread the love

Il mio uomo
Mi chiamo Anna oggi o 55 anni sono davanti a un pc cerco di scrivere
la mia di storia di donna e moglie, faccio un passo indietro con la memoria
e vado ai miei 18 anni sono una bella ragazza molto simile ad una
indossatrice all’epoca peso solo 48 chili e porto una 42 come taglia, il mio
seno sta tutto in una coppa, un culetto perfetto sono castana chiaro di
capelli due occhi azzurro mare, a sentire i commenti dei ragazzi che mi
conoscono, sono una strafica molto corteggiata ma nessuno dei ragazzi che
conosco mi a colpito in modo particolare qualche simpatia ma niente di
che, un sabato sera sono con le amiche quando una di loro mi presenta un
ragazzo che non faceva parte della nostra compagnia subito sono molto
infastidita dalla sua spavalderia, dalla sicurezza credeva che forse tutte
cadessero ai suoi piedi, io non sono fra quelle, finita la serata non lo rivedo
per molto tempo e quando ci rincontriamo a parte un fugace ciao mi
snobba completamente, e allora che decido devi essere mio faccio di tutto
per stargli vicino e alla fine della serata e lui che mi riaccompagna a casa
sulla sua 500, al momento di lasciarmi sotto casa mi dice; non mi dai un
bacio, mi avvicino e lui ne approfitta mi prende il viso e mi bacia sento la
sua lingua e mi lascio andare e un bacio molto passionale bello vado via
con il suo sorriso, da quel momento non mi a mai più mollato.
Dopo qualche mese litigammo e all’ora che mi accorgo che quando non e
con me mi manca, ne sono gelosa credo di essermene innamorata, Marco
con me si trasforma e un ragazzo sensibile ama molto le cose semplici e di
buona famiglia e molto, molto carino, lavora con una grossa azienda
presto mi porta a casa sua a conoscere la sua famiglia, da subito mi
accettano come una figlia, del resto anche i miei stravedono per lui sempre
educato, rispettoso inutile dire che ne sono pazza lo amo e quando dopo
qualche mese mi chiede di essere sua mi do con amore, e lui che mi fa
conoscere le gioe del sesso sono passati solo tre anni che decidiamo di
sposarci io o 22 anni Marco 25.
Andiamo ad abitare nella vecchia casa di famiglia ristrutturata appena
fuori dal paese io non lavoro faccio la mogliettina, il mio Marco e molto
focoso ogni momento ogni luogo e buono per far sesso, in casa ormai giro
senza intimo, e ricco di fantasia sa come farmi godere, del resto e stato il
mio primo e unico uomo eravamo a letto che facevamo sesso ero girata a
69 che gli facevo un pompino mentre lui mi leccava fica e culo quando mi a
chiesto se poteva usare il mio culetto assicurandomi che non mi avrebbe
fatto alcun male l’ho lasciato fare, anch’io lo volevo anche se non avevo
mai il coraggio di chiedere e stato dolcissimo mi a preparato a lungo e
bene quando l’ho sentivo entrare mi faceva male, ma volevo che
continuasse che andasse fino in fondo dopo nulla e stato bellissimo,
Presto sono rimasta incinta era l’apoteosi il coronamento di tutti i nostri
sogni, anche in quella occasione e stato un grande sempre accorto a non
farmi male, sempre a coccolarmi poi e nata la nostra bambina sana e forte
e bella non potevo desiderare di più ero la donna più felice del mondo cosa
volevo di più, un marito che non aveva occhi che per me una casa bella
arredata come volevo io economicamente stavamo bene Marco faceva
carriera e guadagnava bene l’unico neo era che spesso era fuori casa in
albergo per intere settimane, quando potevo lo accompagnavo, e vedevo
come gli volevano bene, le colleghe se lo mangiavano con gli occhi ma a
parte qualche battuta stava al suo posto, tanto che quella che più gli stava
vicino nelle sue trasferte una sera a cena candidamente mi a detto;
sei proprio una donna fortunata, ti invidio sai ci o provato con lui ma
niente con educazione mi a rifiutata e proprio innamorato beata te.
Sono passati anni, ora sono impossibilitata a seguirlo la bambina va a
scuola, sono una bella donna nel pieno della sua maturità parecchi uomini
mi fanno una corte serrata ma spesso passo per una che se la tira, eppure
non e cosi, sono molto aperta solare ma basta una parola di troppo un
complimento un’allusione che subito torno al lei con le dovute distanze non
permetto a nessuno di oltrepassare una certa soglia cosi li scoraggio.
Ultimamente Marco e affiancato da un collega più giovane che dovrebbe
prendere il suo posto, spesso me lo ritrovo per casa a cena o a pranzo non
mi piace, non mi piace il suo modo di fissarmi, mi sento come essere
spogliata messa a nudo, non mi piacciono i continui complimenti ai miei
pranzi alla mia casa e peggio alla mia persona, mi tengo tutto dentro
non ne o mai parlato con Marco, la nostra vita sembra scorrere su binari
fissi sta diventando sempre più routine Marco sta cambiando sempre più
spesso e sempre più con insistenza durante le nostre intimità mi chiede di
fare sesso in tre, mi dice; mi piacerebbe vederti scopare anche con un altro
come suo solito mi sta portando per mano a desiderare cio che vuole lui, a
me va bene cosi, si aiuta con falli finti simulando un rapporto a tre,
comincio a vedermi, a desiderarlo, eravamo a letto mentre mi scopava alla
pecorina e con un fallo finto nel culo mi dice ti piacerebbe che questo fosse
un cazzo vero, ero all’orgasmo quanto gli rispondo; si si lo voglio voglio un
cazzo vero voglio un uomo con te voglio farvi godere lo voglio sembrava lo
sfogo di un momento, ma cosi non fu finito e disteso al mio fianco con
ancora il suo cazzo duro in mano quando mi dice; va bene ci penso io
organizzo io grazie amore, ancora una volta resto zitta accettando
tacitamente per il suo piacere.
E un sabato mattina quando mi dice; amore stasera porta le bambine dai
nonni io e te abbiamo da fare stasera con il nostro ospite, chi sa perché non
e una sorpresa quando mi dice viene Gio, e inutile protestare tanto era da
fare e uno vale l’altro in fondo e solo sesso niente di più, sono decisa a
stupirlo voglio essere una puttana voglio che mi veda come non mi a mai
visto e allo scopo mi preparo minuziosamente, per tutta la giornata Marco
e particolarmente gentili premuroso, finalmente siamo soli noi tre a cena.
Per tutta la durata della cena Gio non mi a tolto gli occhi di dosso, mi sono
vestita molto provocante senza essere volgare una gonna corta, senza
intimo e una camicetta bianca leggermente trasparente di quelle che vedo
non vedo, Marco tutte le volte che gli sono vicino mi mette le mani sotto la
gonna, mentre sparecchio Marco si avvicina e mi dice; lascia amore vieni
fai vedere la tua mercanzia al nostro ospite non vedi che gli sta scoppiando
il cazzo e nel mentre mi sbottona la camicetta e prende a leccare un
capezzolo e il via anche Gio si avvicina e prende l’altro capezzolo mentre
sento le loro mani scorrere dappertutto sul mio corpo, poi sento due dita
sulla fica sono già bagnata scendo sbottono i pantaloni di Gio sono curiosa
voglio vederlo infilo la mani negli slip e afferro un cazzo duro lo tiro fuori
lo guardo dio che grosso, ( mi e stato sempre fatto credere che non fosse la
grandezza del cazzo a fare la differenza ma come lo usa mi dicevano, balle
un cazzo grosso che ti riempie la fica e tutt’altra cosa )tiro fuori anche quello di Marco prendo a
leccarli e succhiarli un po per uno, dopo 5 minuti e dopo denudati ci spostiamo in camera mi
stendo sul letto e subito Gio si posizione in mezzo alle cosce e prende a
lapparmi la fica cominciando dall’esterno sempre più in profondità sono
passiva lo lascio fare e mi piace sento la sua lingua e sto godendo vedo mio
marito che si mena il cazzo lo chiamo a me gli afferro il cazzo e lo porto in
bocca succhiandolo a più non posso dio che bello o un orgasmo bellissimo
dopo che mi sono calmata voglio quel cazzo dentro di me, lo capisce si
porta sopra lo appoggia all’entrata e con una leggera spinta lo fa scivolare
tutto dentro mi sento piena e una sensazione mai provata prima, mi lascio
scopare in tutte le posizioni come se fossimo soli dimenticandoci di mio
marito completamente mentre lui ci guarda, mi sta scopando da mezz’ora
sento il cazzo spingere sull’utero e piacevole godo di continuo la mia fica
cola come una fontana, vedo Marco infilarsi sotto di noi e leccare fica e
cazzo, subito mi piace, Marco sposta Gio e tirato fuori il cazzo di Gio a
preso a succhiarlo, sento Gio dirgli ora tocca a te girati, Marco si mette
alla pecorina e Gio lo incula vanno avanti da soli Marco mi tira a se e
spinge la mia testa verso il suo cazzo vorrebbe che lo prendessi in bocca,
sono scioccata da quello che vedo sto vedendo scopro un lato di mio marito
che non conosco sono li che guardo e sento Gio dire ora ti riempio frocio,
lo vedo aumentare le spinte e poi sbuffando e dicendo prendi ti riempio
come a quella puttana di tua moglie brutto cornuto prendi e Marco che
continua a menarselo quando lo vedo sborrare sul letto e troppo mi alzo
scendo dal letto e vado via.
Sono in salotto seduta quando sento Marco avvicinarsi e con un sorriso mi
dice; cosa c’è amore perché sei andata via ci stavamo divertendo.
Quella fu la prima di una serie di discussioni che ci anno poi portati alla
separazione, continuavamo a rinfacciarci quello che era successo su quel
maledetto letto, io che lo accuso di aver una relazione gay con Gio e chi i sa
da quanto tempo dura e lui che mi accusa di essermi lasciata andare come
una puttana, di essermi fatta scopare e riempire scordandomi di lui.
O contribuito per una scopata al dissolversi della mia famiglia il crollo di
tutto ciò che credevo, con il senno del poi non lo biasimo l’ho voluto
anch’io e ora ne pago il conto, sono passati anni sono ancora sola e tale
intendo restare mai più un uomo resterà una notte intera nel mio letto o
imparato a usarli spremerli e poi buttarli via.
Questa e la mia storia potete anche non crederci non mi importa non devo
vendervi nulla mi andava di scriverla forse per esorcizzare quanto e
accaduto tanto tempo fa
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.