Pompino al cliente dell’hotel

FACCIAMO SESSO AL TELEFONO! CHIAMA IL 899005022 O CLICCA QUI

Pompino al cliente dell’hotel

Spread the love

Lavoro come cameriera in un albergo, 50 anni da poco compiuti, mora, un fisico di tutto rispetto, con un compagno che amo e che mi ama. Era piena estate e nel primo pomeriggio ero intenta a pulire una camera. La stanza era vuota in quel momento ed io ero impegnata nel mio lavoro, quando entrò il cliente in tenuta da spiaggia, un uomo oltre la sessantina, grassoccio, pancia prominente, semi calvo, molto peloso e per dire la verità, piuttosto insignificante e brutto.

Gli dissi che di li a poco avrei tolto il disturbo e lui rispose educatamente di non preoccuparmi, di fare con calma e che nel frattempo lui avrebbe fatto una doccia. Dopo circa un quarto d’ora tornò in accappatoio ed io gli dissi di aver terminato e gli augurai il buon pomeriggio.

Con mia grossa sorpresa, mi invitò a riprendere fiato e a fare quattro chiacchiere perché sarebbe rimasto solo sino al giorno seguente visto che la moglie era dovuta ritornare a casa per motivi di lavoro. Io, infastidita da questo suo atteggiamento alquanto sospetto e non vedendo l’ora di smontare e tornare a casa, accettai seccata sedendomi su una poltroncina, accarezzandomi i lunghi capelli neri come ero solita fare ed un pò in imbarazzo non sapendo in realtà cosa dire visto che era praticamente uno sconosciuto visto solo qualche volta di sfuggita nell’hotel.

Lui si sedette di fronte a me e non potei non notare, attraverso l’accappatoio semi aperto, la pancia prominente ed il suo “attrezzo” in posizione “18 e trenta”. Fui colta da una sorta di divertita curiosità, mi veniva da ridere oltre che sentirmi piuttosto imbarazzata e fuori luogo.

Mi stavo annoiando, poi però, mentre parlavamo del più e del meno, capii che lo stavo eccitando, infatti ora il suo cazzo non era più in posizione di riposo, ma alle ore 12!

Maliziosamente mi ritrovai a pensare che nonostante l’età fosse comunque ben dotato, con un gran bel cazzo noduloso e scuro, quasi fosse un uomo di colore. Il cliente notò queste mie occhiatine maliziose e cominciò a parlarmi del suo rapporto con la moglie, dicendomi che non era affatto appagato dalla sua vita sessuale e che aveva tanta voglia di fare sesso in maniera extra coniugale. Cominciò sempre più a stuzzicarmi dicendo che mi aveva notato da subito, dal suo arrivo in albergo, che mi trovava molto carina e sexy e chiedendomi se avessi mai tradito, se avessi mai pensato di farlo, visto che con il mio lavoro di certo non mancavano le occasioni, fino ad arrivare a chiedermi se fossi interessata e se praticassi il sesso orale, visto che gli sarebbe piaciuto se glielo avessi succhiato un pò.

A questo punto mi alzai con aria offesa e infastidita e dissi che era meglio se andassi via, al che lui si scusò per avermi imbarazzata ed essere stato troppo intraprendente e mi esortò a calmarmi e di rimanere ancora un pò, cosa che io feci piuttosto volentieri perché, inutile negarlo, la cosa cominciava ad eccitarmi non poco oltre al fatto che mi intrigava un casino la situazione trasgressiva e decisamente erotica che si stava creando.

Non so cosa mi stesse accadendo, ma mi sentivo fortemente attratta, non tanto da quell’uomo insignificante, ma dalla situazione che mi portava a sentirmi una grande porca e poi il pensiero di tradire il mio amato compagno, la trasgressione fecero il resto e così, sentendomi sempre più eccitata, gli dissi di avere caldo e che intendevo mettermi un pò più a mio agio togliendomi il camice della divisa.

Lui, capita l’antifona, felice e consapevole di poter raggiungere il suo scopo, mi disse che non c’erano problemi. Così rimasi in pantaloni attillati e canottiera scollata, con le mani incrociate in grembo.

Anche se mi sentivo piuttosto imbarazzata, con l’impulso razionale di uscire immediatamente da quella sordida situazione, mi stavo eccitando sempre di più, ed infatti iniziavo a bagnarmi. Lui, visibilmente attratto dalle mie forme ora ben visibili, cominciava a toccarsi con sempre maggior insistenza il cazzo fino a scappellarlo completamente. Rimasi letteralmente rapita dalla visione della sua cappella enorme, violacea, dura, non riuscendo a distogliere lo sguardo dal suo cazzo ed intenzionata ad andare fino in fondo.

Anzi, sentendomi una gran troia già per il fatto di aver lasciato che la situazione arrivasse a questo punto di non ritorno, mi ritrovai a desiderare fortemente di toccare e addirittura prendere in bocca il grosso cazzo del cliente, in una situazione squallida ma eccitante, in una camera d’albergo dove ero impiegata, consapevole di star tradendo il mio compagno, e mi resi conto di aver perso completamente il controllo di me stessa, di essere alla sua mercé e che sarebbe bastato il suo più piccolo approccio ed io sarei capitolata senza più indugi.

Mentre un vortice di pensieri osceni mi riempiva la mente, quasi avesse letto il mio pensiero, il gran porco mise il cartello “non disturbare” e chiuse la porta a chiave, poi senza ritegno lasciò cadere l’accappatoio rimanendo completamente nudo di fronte a me. Fu in quel momento che capii che ero completamente sottomessa a lui, che desideravo soddisfare il suo lurido piacere e di non potere, ma soprattutto, non volere tornare indietro.

Mi si avvicinò, mi tolse la canottiera ed il reggiseno scoprendomi le tette, una terza abbondante e ancora sode. Si piegò a leccarmele, a mordicchiare e succhiare i capezzoli ed accarezzarmele in maniera oscena.

Una parte di me tendeva ancora a ribellarsi, provavo una certa vergogna con me stessa, continuavo a pensare al tradimento, al mio compagno, all’oscenità della situazione, sentendomi tremendamente in colpa, ma non avevo la forza di scappare via, anzi godevo, stavo godendo come una troia, con gli occhi chiusi mi godevo quel trattamento incredibilmente eccitante.

Pian piano, il cliente mi denudò completamente tirandomi via pantaloni e brasiliana. Rimanemmo così ambedue nudi e subito ricominciò a leccarmi tutto il corpo, ficcandomi due dita in figa e cominciando a sditalinarmi senza ritegno, in maniera violenta e veloce. Con la testa riversa all’indietro, mi mordicchiavo le labbra e mugolavo di piacere, mentre lui scendeva a leccarmi prima l’ombelico per poi giungere all’interno delle cosce fino ad arrivare alla mia figa. Allargandomi le cosce, leccava le labbra, mordicchiava il clitoride succhiandolo, ficcava la lingua dentro alternandola alle dita, poi risalì e ci baciammo in un intreccio di lingue e saliva incredibile.

Ci mordicchiammo labbra e lingue per un pò, poi mi chiese, senza tanti giri di parole, di fargli un pompino!

Senza una parola, come in trance, adagiai un cuscino per terra, mi ci inginocchiai davanti e lui prese a strusciarmi la cappella sul viso, imbrattandomelo di filamentoso liquido seminale. Mi arrivò pungente l’odore della sua cappella turgida e dura e, persa completamente la testa, iniziai a leccare dapprima i coglioni, poi l’intero uccello e la grossa cappella con voluttà e passione.

Dallo specchio dell’armadio vedevo l’incredibile scena: nudi, io inginocchiata davanti al cliente mentre gli facevo un pompino con passione incredibile, le mie mani appoggiate alle sue cosce ed il cazzo ben piantato in bocca con la sua mano dietro la mia nuca a dettarmi il ritmo della pompa. Lui, da gran porco qual era, mi prese la testa all’altezza delle tempie con ambedue le mani e cominciò a scoparmi velocemente in bocca, ficcandomi il cazzo fino in gola portandomi a sbavare copiosamente, con rivoli di saliva che mi fuoriuscivano dalla bocca colandomi sulle tette, senza respiro, ma mi piaceva, a parte una forte sensazione di conati subito passata, cavolo se mi piaceva.

Eccitata all’inverosimile e pronta a tutto, mugolavo sonoramente mentre, oramai in visibilio, succhiavo e pompavo con gli occhi chiusi ed in maniera indecorosa il bel cazzo del cliente. Mi doleva la mandibola talmente era grande la foga con cui mi stavo lavorando il grosso cazzo che, nel tentativo di contenere tutto in bocca, mi deformava le guance, mi dedicavo in particolare alla cappella, passandoci sopra l’intera lingua, stringendola tra le labbra, ciucciandola e ritrovandomi a pensare che amavo quel cappellone umido, duro e grosso, idolo di piacere intenso. Lo veneravo, volevo letteralmente ingoiarlo.

Continuavo a pompare guardando dritto negli occhi il cliente, accarezzandogli i grossi coglioni, con sguardo da gran porca e come a sfidarlo, quasi a volergli dire: “porco, non era questo che volevi? Tua moglie te li fa così bene i pompini? Guarda come la cameriera te lo succhia, come ti ciuccia la cappella, ti sta piacendo vero, ti faccio impazzire con la mia bocca e la mia lingua vero”?

Lui, come risposta al mio pompare, godeva tantissimo e mentre mi guardava pompare mugolava, col cazzo che sembrava volesse scoppiare tanto era duro, dicendomi che ero bravissima a succhiarlo e dandomi della troia, pompinara, succhiacazzi, trivellatrice di sborra. Una pompa fantastica che sarà durata circa 10 minuti, quando capivo che stava per venire rallentavo, stringevo la testa del cazzo tra due dita per poi riprendere a pompare fino a che mi disse che non resisteva più e di volermi venire in bocca.

E così, tirato fuori il grosso uccello dalla mia bocca, iniziò una sega velocissima a pochi millimetri dalla mia faccia mentre io, fissandolo negli occhi, attendevo avidamente la sua sborra, accarezzandogli i coglioni, quasi a volerli mungere. Vedevo la cappella che entrava ed usciva dal prepuzio, ne avvertivo la puzza a bocca spalancata e con la lingua pronta ad accogliere quella enorme ed infinita esplosione di sborra che mi inondò la bocca, con fiotti abbondanti e densi che mi colpirono il palato e si adagiarono sulla lingua. Una quantità incredibile di sperma caldo si era accumulato sulla mia lingua a formare degli archi di poltiglia densa e perlacea, lo assaporai sentendo un sapore acidulo, poi sempre guardandolo negli occhi, ingoiai il tutto in un sol colpo, giù dritto nello stomaco.

Soddisfatta e sazia, mentre lui, sudatissimo, ansimava ancora, continuai a leccare la cappella ripulendola degli ultimi residui di sborra, guardandolo sempre dritto negli occhi, fino a che il cazzo del cliente rimase pulito e cominciò ad afflosciarsi.

Lui avrebbe anche voluto chiavarmi e farmi il culo, ma gli risposi che per ora bastava così, che non me la sentivo di tradire il mio compagno – come se l’incredibile pompino appena fatto non fosse già un grande tradimento – poi chissà, l’estate era ancora lunga….

Corsi in bagno, mi sciacquai il viso e la bocca impastati di sperma, mi rivestii e scappai via, sentendomi in colpa per aver tradito il mio lui, ma con una sorda soddisfazione per la porcata che avevo appena fatto e che mi era piaciuta tantissimo.

Spesso mi masturbo al pensiero del pompino fatto al cliente, sperando di ripetere ancora, al più presto, questa bellissima esperienza!

Fu la prima volta che avevo tradito il mio compagno, e questa esperienza mi è rimasta in mente, e da allora l’ho tradito e lo tradisco sistematicamente, appena un maschio mi piace me lo faccio senza pensarci sopra troppo.

N.B.: I MIEI RACCONTI SONO TUTTI REALI E NON IMMAGINARI.

 


ASCOLTA AUDIO LIBRI EROTICI - PROVA 30 GIORNI GRATIS

One thought on “Pompino al cliente dell’hotel

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.