La prima volta con un Black. Seconda parte.

La prima volta con un Black. Seconda parte.

>>>>GODI ORA AL TELEFONO CON UN PARTNER OCCASIONALE -CHIAMA IL 899.005.022<<<<<

«Grazie, miei magnifici stalloni. Ma adesso ne voglio ancora».

Appoggia il calice vuoto sul letto e capisco che non ha più sete di spumante, ma di cazzo. Riprende a leccare quel palo nero e lucido, che ben presto è di nuovo teso e duro. Mi fa avvicinare e succhia anche il mio, che sta tornano duro come prima per lo spettacolo molto eccitante che lei mi ha offerto. Poi si inginocchia davanti a lui e mi guarda facendomi capire che adesso lo vuole nel culo. Si mette con le spalle sul materasso e resta in attesa dell’evento. Io prendo il tubetto del lubrificante e mi avvicino a lui, che afferra le natiche di Irene e le apre. Vedo quel grosso palo lungo e duro che si avvicina alla rosetta del culo di mia moglie e lascio profondere una bella dose di lubrificante. Lo spalmo attorno al buco e poi lo metto anche sul suo cazzo. Lo spalmo e ho una strana sensazione. Sto lubrificando il cazzo del maschio che poi sfonderà il culo a mia moglie! Lo guardo e ci scambiamo un cenno d’assenso. Amir avvicina la sua bestia al buco e vi appoggia la cappella, poi spinge piano. Lo vedo entrare molto lentamente. Il culo si apre e pian pianino lui affonda deciso, dentro di lei, che porta le mani dietro e le appoggia al suo corpo per fermarlo, qualora fosse necessario. Lui si ferma per un attimo, ma lei lo incita a spingerlo ancor più dentro.

«NO! Non ti fermare! Spingi. Ti sento, sei enorme, ma lo voglio, quindi spingi. Cazzo, mi sfondi?!»

Lo seguo mentre affonda in lei e, poco dopo, il suo corpo entra in contatto con quello di Irene, che ha un sussulto e poi lo incita a scoparla forte. La guardo estasiato. Mi rendo conto che Irene si sta facendo sventrare da quella trave che, adesso, scorre molto agevolmente dentro e fuori da quel buco oscenamente slargato, sicuramente ben lubrificato, sia dalla mia sborrata che dal gel che ci ho spalmato sopra. Irene ha subito un primo orgasmo ed urla il suo piacere. La vedo scossa da brividi di piacere e lui la tiene per i fianchi, mentre le pompa il culo con un buon ritmo. Lei si gira, mi osserva, e poi lo fa fermare
«Amir, mettiti disteso con me sopra, ti prego non farlo uscire dal culo».

Lui mi guarda alla ricerca di una mia conferma per quello che Irene ha meditato: una doppia con me davanti. Annuisco e lui la prende per i fianchi, si solleva e poi lentamente si distende, facendola sdraiare su di sé, mentre continua a tenere il cazzo ben piantato nel suo culo. Mi posiziono fra le gambe di Amir e poi, lentamente, cerco di entrare nella fica di mia moglie, che appare ben stretta. Lui, come ha fatto già prima, la solleva e questo mi agevola; riesco perciò ad entrare. Lei annoda le gambe attorno al mio corpo e poi bastano i colpi che lui le imprime dal basso, per farla impazzire in una doppia da infarto. Gode e urla parole che non ho mai sentito, in tante volte che abbiamo giocato con altri singoli, uscire dalla sua bocca.

«Fatemi impazzire! Vengo! Forza, più forte! Sfondatemi tutta… Voglio morire adesso, mentre VENGO, ora!»

Mai vista godere così tanto e poi, improvvisamente, prende a schizzare tanto liquido dalla sua fica slabbrata. STA SQUIRTANDO! Incredibile! Gode in continuazione al punto che diventa un orgasmo continuo, ininterrotto. Io ed Amir la pompiamo con molto impeto, fino a che, sfinita, si accascia su di lui. Dopo un tempo indefinito, anche noi due siamo di nuovo all’apice del piacere. Il primo a sborrare sono io. Le sbatto ancora il cazzo dentro e poi esplodo, scaricandomi dentro di lei. Mi sembra che anche questa volta le riverso dentro il ventre una quantità enorme di sborra. Mai schizzato così tanto. Amir mi lascia uscire, poi la mette di lato e le sfonda letteralmente il culo pompandola come un toro scatenato. Vedo il suo enorme cazzo entrare tutto in profondità, dentro di lei, e poi, d’improvviso, resta immobile, mentre si svuota dentro il suo intestino. Si scarica dentro di lei, restando immobile e ben piantato nel suo culo. Sfiniti ci guardiamo in faccia. Lei lentamente lo fa uscire e subito un’abbondante dose di sborra le esce dal culo, oscenamente aperto. Lei non se ne preoccupa, ci abbraccia e bacia con le lacrime agli occhi, per il piacere provato.

«Vi adoro! Mi avete sventrato, sfondato e probabilmente slargato il culo, ma vi amo e non me ne frega nulla. È stata la più bella scopata che abbia mai fatto. Amir spero che il mio regalo per la tua laurea sia stato di tuo gradimento».

Ci stringe e ci bacia in bocca, prima a lui e poi a me. Amir le parla con occhi lucidi ed emozionati.

«Grazie, è stata la scopata più bella della mia vita. Da quando sono nel vostro paese sono stato tre volte a scopare con delle ragazze di colore, le uniche che non mi hanno rifiutato. Per me, questa sera, si è realizzato un sogno che ho da quando sono entrato nella vostra casa e ho visto che splendida donna sei. Ti assicuro che mi sono segato molte volte, la sera, quando vi sentivo scopare; anche se lo facevate con discrezione, io vi sentivo e morivo dalla voglia di essere con voi, ma non volevo rovinare la splendida amicizia che mi avevate offerto. Questa sera ho ricevuto il più bel regalo che potessi desiderare e non lo dimenticherò mai».

Restiamo distesi e la stanchezza ci avvolge in un sonno ristoratore. Quando mi sveglio vedo Irene distesa e Amir che le fa da cuscino con il corpo. Silenziosamente me ne vado in bagno. Una rapida doccia e poi nudo vado in cucina e preparo una colazione con caffè, the e fette di pane con burro e marmellata. Metto tutto su di un carrellino e lo spingo in camera. Quando entro, la scena che ho davanti è stupenda. Irene sta succhiando il cazzo di Amir che, sorridendo, mi fa le spallucce come a dire che ha fatto tutto lei. Irene mi guarda con occhi allegri, si sfila il cazzo dalla bocca e poi mi fa cenno di mettermi inginocchio, sul letto accanto a lei.

«Mi manca una cosa che ieri sera non ho avuto: le vostre sborrate in gola! Quindi adesso ti sistemi buono buono e, dopo che avrò ingoiato la crema dal suo cannolo al cioccolato, vorrò anche la tua. Vi avrei voluto ancora dentro, ma mi sento tutta sconquassata. Avverto dolori dappertutto ed ho quasi paura che mi avete davvero rotto il culo, ma non me ne importa, va bene così!»

Lui mi guarda ed io gli sorrido.

«Amico mio, ti conviene lasciarti andare. Quando decide che vuole farti un pompino non hai scampo! Più cerchi di resistere e più ti farà impazzire».

Lei lo succhia con vigore. Vedo le guance infossarsi mentre cerca di aspirare il glande. Lui sorride e poi lo prende in mano. Si sega velocemente, mentre lei gli succhia solo la punta e, poco dopo, lo vedo tendere il corpo, per poi eruttare in bocca a mia moglie una buona quantità di crema bianca e densa. Di colpo le sue guance si gonfiano, indice che le sta riversando in bocca una bella sborrata. Lei non ne perde nemmeno una goccia. Lecca e ripulisce tutto, poi si gira verso di me, che mi distendo supino. Mi afferra il cazzo bello duro e si mette a succhiarlo. Amir le ispeziona il culo e poi la fica.

«Hai solo la fica molto arrossata, gonfia e tumefatta. Un po’ di crema di quella per le mani, quella che usi d’inverno, e sarai subito a posto. Anche il tuo culo è a posto, non ci sono lacerazioni. Per due o tre giorni, ti consiglio di seguitare a fare solo bocchini, altrimenti non riuscirai a lenire l’infiammazione».

Le stampa una bella pacca sul culo e va a farsi la doccia. Irene mi guarda compiaciuta e poi ricomincia a succhiarmi anche l’anima. Le sborro in gola nel preciso momento in cui Amir torna dal bagno. Lei mi lecca e pulisce tutto e poi si mette seduta sul letto.

«Bene, adesso che ho avuto la crema da due splendidi cannoli, vorrei del caffè!»

Ci mettiamo a fare colazione sul letto insieme, cazzeggiando allegramente. Poi mentre accompagno Amir a fare le ultime spese, lei ci prepara un bel pranzetto e nel primo pomeriggio, passiamo a salutare Marco direttamente a casa sua. Ci accoglie nel salone e la sua signora ci offre del caffè e conversa con noi amabilmente. E’ una bella donna che si nasconde sotto abiti molto semplici, ma che non riescono a celare lo splendido corpo che si intravvede.

«Ci è davvero dispiaciuto non poterlo ospitare noi, ma nostro figlio era malato e siamo stati molto felici che lo abbiate fatto voi».

Parla a bassa voce, ma il tono è quello di rammarico, di chi è convinto di aver perso una bella opportunità. Lui annuisce e poi si complimenta con Amir.

«Ho saputo che hai ottenuto il massimo dei voti: non ne avevo dubbi. Vorremmo averti a cena questa sera, ma, da quello che ci hai detto, il tuo volo parte alle ventuno e quindi non c’è possibilità di festeggiare con te. Se ti fa piacere potremmo accompagnarti noi all’aeroporto».

Mentre parla mi guarda e poi mi invita a seguirlo nello studio. In realtà ci fermiamo a metà del corridoio.

«Vorremmo avere la possibilità di fare anche noi una piccola festa con lui. Inoltre voi avete già fatto tanto che ci sembra giusto almeno offrirci per accompagnarlo a prendere il volo».

Mi guarda in maniera intensa, cercando di farmi capire che lo vorrebbe avere un po’ con lui. Mi volto e vedo che sua moglie lo guarda con occhi carichi di desiderio. Mi rendo conto che sto per fare una pazzia, ma azzardo.

«Caro amico mio, penso proprio che tu debba darti da fare per permettere anche alla tua signora di esternare la sua disponibilità per quel ragazzo così garbato e gentile. La mia ha avuto tutta la notte e lui è stato molto prodigo nell’accettare e ricambiare le sue attenzioni. Quindi, se non gli volgiamo far perdere il volo, sarà opportuno che tu dica a tua moglie che è meglio non indugiare oltre».

Mi guarda basito. Poi si gira e vede la sua donna che sta in piedi davanti ad Amir e gli parla, mentre Irene sta seduta ed osserva la scena in silenzio. Torniamo in sala e lui, dopo aver dato una occhiata a me, Irene ed Amir si avvicina a sua moglie e la spinge fra le braccia di Amir che, per un attimo, resta sorpreso ed immobile. Si gira, mi guarda e vede il cenno di assenso che gli rivolgo. Allora stringe la donna fra le braccia e la bacia con passione, sotto lo sguardo estasiato di Marco, che vede Clara, sua moglie, prima rispondere a quel bacio focoso e poi inginocchiarsi ed afferrare, da sopra i pantaloni, il cazzo quasi duro di Amir. Mi siedo vicino a mia moglie e restiamo a guardare Clara lo spoglia velocemente e resta ammirata quando vede quel cazzo enorme, non ancora del tutto eretto, che penzola fra le gambe di Amir.

«ODDDIO! È enorme! Com’è possibile prenderlo? È troppo grosso! Mi fa paura!»

Irene scatta in piedi e si posiziona vicino a lei. Afferra il palo che sta lievitando e lo imbocca, per leccarlo un poco e poi passarlo a Clara.

«Dai, non fare la verginella! Io ieri sera me lo sono preso assieme a quello di mio marito e ti assicuro che anche lui non è messo male. Rilassati e goditi questa scopata che, vedrai, resterà indimenticabile».

Marco sta seduto su di una poltrona. Ha estratto il cazzo dai pantaloni e si sega. Certo in paragone a quello di Amir è microscopico e anche nei confronti del mio, ma lui non se ne cura. Tutto quello a cui è interessato è vedere sua moglie alle prese con il cazzo enorme che ha davanti. Amir la fa inginocchiare sul divano, si mette dietro di lei e la lecca, portandola ad un’eccitazione pazzesca. Clara trema, scossa dal piacere, mentre Irene si occupa del cazzo di Amir: glielo succhia e lo sta facendo diventare lungo e completamente eretto. Un vero gigante che Marco non può far a meno di ammirare ed attendere con ansia che penetri la sua donna.

«Accidenti! Un vero MOSTRO! Clara, questo ti sventra e slabbra tutta la fica con quel palo! Finalmente sarai appagata! Era da tanto ne volevi uno grosso e, adesso, te lo puoi prendere tutto e farti sfondare tutta, culo compreso, perché anche quello ti deve sfondare. Te lo deve far arrivare in gola. Questa troia si è scopata tutti i maschi che abbiamo ospitato, ma mai un ragazzo di colore, e le era dispiaciuto molto ad apprendere dalla nostra amica che lui era iperdotato. Dai ragazzo, sfondala tutta!»

Lei non ascolta nemmeno le parole del marito, presa com’è dal piacere che sta provando. Poi lui si solleva e imbocca il suo totem fra le fradice labbra di quella fighetta stretta, mentre Irene si abbassa e va a leccarla da sotto. Mi sollevo a mia volta e non perdo l’occasione di mettermi davanti alla sua bocca, per farle succhiare il mio cazzo: era da tanto che lo desidero. Mi ha sempre eccitato il suo volto da santerellina, che adesso si sta rivelando essere una vera troia, cosa che io e mia moglie avevamo sospettato da sempre: si danno arie da bigotte, ma, in realtà, celano la loro indole da scatenate puttane. Amir le affonda dentro il suo mostro e, ad ogni spinta, la solleva dal pavimento. Lei si appoggia al divano e gode per tutto quello che le stiamo facendo, lui in fica, Irene che la lecca e le impasta i seni e io che le spingo il cazzo in gola sempre più in profondità. Gode vibrando come le corde di un violino: è scossa da un piacere immenso. Si sfila il mio cazzo dalla bocca ed urla il suo orgasmo. Marco la guarda estasiato. Incrocio lo sguardo di Amir e, con un cenno del capo, decidiamo che adesso deve sentire il massimo del piacere. Lui la prende per i fianchi e si siede sul divano, con lei che gli dona le spalle; poi la solleva. Irene le tiene le gambe aperte, avendo intuito il nostro piano e Amir si sfila dalla fica slabbrata e, con un movimento deciso, glielo pianta dentro il culo. Lei sbarra gli occhi, spalanca la bocca, ma non le esce alcun suono. Il suo volto è stravolto! Marco che ha assistito con interesse alla scena, ci incita ad essere ancor più duri con lei.

«Sì, bravi! Spaccatela in due! Dai, Amir scopala nel culo che a lei piace molto. A questa vacca piace da impazzire prenderlo nel culo».

Lei, quasi implorante e con un filo di voce, ci chiede di esser un po’ meno duri.

«Vi prego …Mi state aprendo in due; in culo mi piace…ma il tuo è troppo grosso!»

Amir aspetta che io le sia entrato davanti, poi cominciamo a scoparla come se non ci fosse un domani. Gode e si sbatte fin quando, quasi sviene dal piacere. Amir mi fa cenno di essere al limite e devo riconoscere che anch’io ci sono molto vicino. Marco che ha assistito alla monta in piedi, davanti a noi e si è segato, sborrando due volte. E’ lui a suggerire:

«In faccia e in bocca! Dovete sborrare in bocca a questa vacca!»

La sbatto ancora un po’, poi decido che voglio sborrare. Mi sfilo e mi sego, imitato da Amir, che la fa inginocchiare davanti a noi e in breve le scarichiamo dei getti di sborra in faccia, coprendogliela completamente. Al mio schizzo fa seguito quello di Amir; Marco, che si sta smanettando come un pazzo, le schizza anche lui, in lieve getto di sborra in faccia. Lei ci prende i cazzi e li lecca e spreme, fino all’ultima goccia. Poi è Irene che la lecca e la bacia, scambiando la sborra che riesce a raccogliere sul suo volto. Per finire, Clara si alza e bacia Marco in bocca, mentre noi li osserviamo soddisfatti. Amir stringe mia moglie al suo fianco e la bacia anche lui, poi Irene mi guarda contenta e mi sorride con malizia. Due ore dopo siamo davanti al banco del check-in e Irene bacia in bocca Amir con molto trasporto, e lui ricambia, stringendola a sé. Lei incolla il suo corpo a quello di lui e la cosa è ben notata da tutti quelli che li guardano. È palese che fra i due ci sia una forte intesa ed io, che li guardo, ho una violenta erezione. Mi fa impazzire vedere lo sguardo dei ben pensanti, mentre osservano mia moglie offrirsi così apertamente alle braccia di Amir. Durante il viaggio di ritorno lei mi chiede se, per caso, non abbia esagerato. La mia risposta la fa sorridere.

«Esagerato, in cosa? È stata la cosa più emozionate che abbiamo fatto in pubblico da tantissimo tempo! Non so bene se te ne sei accorta, ma ho avuto una violenta erezione, che ti avrei scopato lì, davanti a tutti. Devo ancora una volta ringraziarti per l’immenso piacere che mi hai donato, mentre vi guardavo».

Lei ride divertita e mia accarezza il cazzo ancora barzotto, poi smette e chiarisce alcune cose.

«Che sia ben chiaro: se Clara ti vuole scopare ancora, io non sono d’accordo! Quella finta puritana, molto zoccola, se vuole un osso da spolpare, deve cercarselo altrove! Il tuo è mio!»

Ridiamo divertiti. Un anno dopo Amir ci ha invitato al suo matrimonio in Kenya. Abbiamo preso due settimane di ferie e siamo partiti. All’aeroporto ci è venuto incontro, assieme alla sua futura moglie, una splendida ragazza etiope di nome Zeudia. Guardando lui così massiccio e imponente c’era da domandarsi come faceva lei, cosi minuta e, all’apparenza, fragile, a reggere un simile gigante. Il matrimonio è stato bellissimo. Un misto fra il sacro ed il profano. Due giorni dopo, ci siamo inoltrati, con la giovane coppia di sposi, nel parco per ammirare le meraviglie di quell’insolito ambiente. Abbiamo posto il nostro campo base sotto un enorme albero e, per tutto il giorno, siamo andati in giro ad ammirare le meraviglie della natura. Zeudia si è rivelata una donna stupenda. Ha fatto subito amicizia con me ed Irene. Parla abbastanza bene la nostra lingua, avendo studiato ginecologia in Italia e, nonostante l’aspetto fragile, si è rivelata decisa e molto tenace, in grado, cioè, di reggere il confronto con tutti. La sera, dopo cena, ci siamo messi a dormire in una unica tenda. Appena dentro, loro hanno cominciato a fare sesso liberamente ed io e mia moglie lì abbiamo imitati. Era bellissimo vedere lei ondeggiare impalata su di lui che, delicatamente le massaggiava i seni, e lei ne godeva molto. Anche Irene ha avuto due orgasmi, molto intensi, poi, d’improvviso, Zeudia si è sollevata dal cazzo di Amir e si è avvicinata a noi; ha guardato Irene in faccia e le ha chiesto di fare cambio. Io son rimasto del tutto strabiliato, ma lei, dopo aver guardato verso Amir, ci ha spiegato:

«Amir mi ha detto che, al vostro paese, voi avete scopato con lui, e che tu hai un bel cazzo. Io sono vergine di culo e non ho nessuna intensione di farmelo rompere da lui, che lo ha esagerato. Se tua moglie è d’accordo, io vorrei essere sverginata da te, che hai un bel cazzo, ma non esagerato come il suo. In cambio, se a lei può far piacere, si può godere mio marito».

Il discorso non faceva una piega; guardo mia moglie, che annuisce, e poi Amir, che mi fa cenno di accettare. Poco dopo sento le calde labbra di Zeudia che si gusta il mio cazzo, mentre Irene gode con Amir.

«Che bello! Non me lo ricordavo così grosso! huuhumhmmm…sfondami!»

Io lascio che Zeudia si rilassi, mentre mi dedico a lubrificarle il buchetto, che, da subito, appare molto stretto e, con una crema che mi ha dato lei stessa, le metto un dito dentro, lei si irrigidisce, ed io mi fermo e le parlo con calma.

«Stai tranquilla. Non irrigidirti. Non farò nulla, fin quando non ti senti pronta e qualora non dovesse esser questo il momento, riprenderemo un altro giorno. Quindi rilassati e non ti irrigidire».

Lei mi sorride e poi torna succhiare il mio cazzo. È molto brava. Lo ingoia quasi tutto e mi stupisco della abilità con cui lo fa. Lentamente le dita diventano due e sono molto lubrificate. Ben presto scorrono libere dentro e fuori; sento che anche lei si diverte succhiarmi il cazzo, sembra provarci gusto. Quando mi rendo conto che è pronta, le chiedo se vuole provare. In quello stesso istante, anche Irene ha un violento orgasmo. Zeudia la guarda, poi guarda me e mi fa un cenno con il capo e si gira mettendosi a pecora. Mi posiziono dietro di lei e molto lentamente glielo spingo dentro il suo culetto. Per un interminabile momento sento che il suo sfintere non cede, poi di colpo entro e lei grida. Mi fermo, ma subito dopo è lei che mi esorta ad proseguire fino in fondo.

«hhaaii! NO! Non…ti…fermare…entra…tutto…dentro…lo sento…sei grosso…ma lo voglio…tutto!»

Lentamente affondo in lei. È maledettamente stretta e mi muovo molto lentamente, fin quando non sono tutto dentro. Lei geme, ma non molla. Lentamente incomincio a limare quel buco, che si sta abituando alla mia intrusione. Lei si porta una mano sulla fica e si masturba, e allora la cosa migliora. Irene, che si è fermata per osservare quello che stiamo facendo, si sfila dal cazzo di Amir e si distende sotto Zeudia e le lecca la fica. È il colpo di genio che risolve la situazione. Zeudia è meravigliosamente sollecitata dalla lingua di mia moglie, mentre le pompo il culo sempre più agevolmente, finché comincia a prenderci gusto. Improvvisamente ha un orgasmo che la fa tremare tutta. Amir, che si è messo ad osservarci, si posiziona davanti a lei e le infila in bocca il proprio tronco. Lei, con estrema disinvoltura, ne ingoia quasi la metà e io, adesso, la scopo con molto vigore, facendola godere ancora. Sento che non resisterò ancora per molto. Le pareti del suo culo molto stretto mi fasciano il cazzo come un guanto e mi provocano un piacevolissimo strofinio.

«Sento che sto per venire… vieni ancora anche tu…dai, che godiamo insieme».

La sento tremare e poi esplodere. Il suo orgasmo innesca il mio. Mi svuoto dentro di lei, che resta immobile. Poi si sfila e si gira verso Amir.

«Dai, adesso tocca a te. Prendimi».

Si posiziona davanti a lui e Irene provvede a lubrificare il grosso membro con la stessa pomata che mi aveva dato lei. Quando è ben unto, Irene lo appoggia al culo di Zeudia, che emette un bel respiro e poi lo invita ad entrare.

«Dai, scopami il culo…sono consapevole che non sarà una passeggiata …ma ti voglio…dai sfondami tutta!»

Lui comincia a scoparla molto delicatamente e, ben presto, lei prende a godere, urlando tutto il suo piacere. Io sono oggetto delle attenzioni della bocca di Irene, che mi succhia con calma, osservando l’amica che si sta facendo slargare il culo. Quando viene, il suo corpo trema, scosso da un’ondata di puro piacere. Appena finito di godere, si gira verso Irene, la guarda e le fa una domanda:

«Amir mi ha detto che tu li hai presi entrambi contemporaneamente. Pensi che ci possa riuscire anch’io?»

Irene le si avvicina e chiede ad Amir di distendersi e, mentre lei ha ancora nel culo il cazzo del marito, solleva le gambe di Zeudia e fa cenno a me di posizionarmi davanti alla sua fica. Con determinazione, si adopera per guidare il mio cazzo fra le labbra della sua intimità e, lentamente, scivolo in lei. Subito comincia godere ed è per noi il momento di scoparla come tori impazziti. Amir dal basso le sfonda il culo con colpi possenti, mentre io da sopra le slabbro la fica e, alla fine, dopo l’ennesimo orgasmo di Zeudia, godiamo entrambi in lei con un vero ruggito. Siamo stravolti dal piacere e, poco per volta, ci adagiamo abbracciati. All’alba ci rendiamo conto di aver dormito ancora avvinghiati. Per il resto del nostro soggiorno abbiamo fatto sesso molte volte insieme e abbiamo scopato le nostre donne ripetutamente in doppia. Di tanto in tanto, andiamo a trovare i nostri amici, o, a volte, vengono loro da noi. Per noi due, questa è stata una esperienza che ci ha lasciato un magnifico ricordo ed abbiamo dovuto riconoscere che resterà unica.
Abbiamo avuto altri maschi nel nostro letto, ma nessuno era di colore. Amir resterà il solo e unico che mia moglie ha voluto fra le sue cosce.

Author

FavoriteLoadingAggiungi ai tuoi preferiti
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *