Sesso orale con mia madre

Sesso orale con mia madre

Spread the love

Mi chiamo Francesco, ho 21 anni e lavoro in un locale come cameriere. I miei genitori hanno divorziato quando ero ancora molto piccolo e ho vissuto tutta la mia vita in compagnia della mia mamma la quale ha avuto qualche breve relazione solo con un paio di uomini, forse perchè sfiduciata dal sesso maschile, dai loro falsi comportamenti e dal fatto che nessuno volesse accettare la presenza di un figlio avuto da un altro uomo.
Era un giorno come tanti quando per caso ho scoperto un lato di mia madre che non avevo mai immaginato potesse avere. Ovviamente crescendo mi sono reso conto che anche la vita sessuale di una donna va soddisfatta, ma mai avrei creduto che anche mia madre si masturbasse per appagare le sue strane voglie!
Il tutto ha avuto inizio tre mesi fa quando io ero sul divano a guardare un programma televisivo, sentivo mia madre parlare al telefono con un’amica e improvvisamente un silenzio tombale.
Dopo qualche minuto ho sentito i cassetti del comodino aprirsi e chiudersi e poi dei gemiti provenienti dalla sua stanza. Non riuscivo a capire cosa stesse succedendo ed il giorno dopo incuriosito mi sono recato nella camera di mia madre a cercare qualche indizio.
Ho aperto i cassetti del comodino che credevo di conoscere alla perfezione dato che in passato avevo sbirciato diverse volte tra le sue splendide mutandine e i suoi reggiseni di 4a misura. Nell’ultimo cassetto con mia grande sorpresa ho trovato un perizoma e mi ero eccitato al solo pensiero di immaginare mia mamma che ha un bel culone mentre lo indossava.
Nel tirare fuori il perizoma ho spostato le altre cose che c’erano all’interno del cassetto ed ho notato uno strano oggetto, l’ho preso ed era un enorme cazzone di gomma con tanto di palle.
Ero rimasto sbalordito ed imbarazzato e sentivo il mio cazzo gonfiarsi dall’eccitazione anche perchè iniziavo a pensare mia mamma come una vera e propria porca mentre a pecorina utilizzava quell’oggetto lungo forse 25 centimetri.
Talmente che ero eccitato il mio cazzo era uscito dalle mutandine e lo sentivo estremamente bagnato. Annusavo quel cazzo di gomma e potevo sentire l’intenso profumo della figa di mia mamma che immaginavo bella larga, sfondata e magari pure depilata.
Tenendo quel cazzo finto tra le mie mani, continuavo a pensare a quella porcona che lo prendeva nel culo mentre io cercavo di farmi spazio nella sua calda figa ammirando le sue belle tettone che rimbalzavano su e giù a causa delle violenti spinte.
Quei pensieri erotici mi avevano fatto sborrare senza neanche farmi una sega, ma ormai avevo realmente voglia di possedere mia madre che è ancora una donna in forma e molto sexy.
Quegli assurdi desideri su mia mamma mi hanno accompagnato per giorni fino a quando non ho deciso di farmi trovare nel letto senza mutande e con il mio cazzo di modeste dimensioni fuori, mal che andava avevo la scusa di essermi addormentato nudo a causa del troppo caldo. Insomma, avevo voglia di suscitare anche in lei strane voglie e ci ero riuscito alla perfezione.
Mia mamma infatti, una volta entrata nella mia camera per svegliarmi, alla vista del mio cazzo ben eretto e arrapato è rimasta quasi esterefatta ma anche imbarazzata.
Ho potuto scorgere un pò di malizia nel suo sguardo, forse non vedeva un vero cazzo da diverso tempo e la voglia iniziò a farsi sentire. Lei aveva una vestaglietta leggera color lilla che lasciava intravedere i suoi capezzoli ed io che fingevo di dormive sentivo il mio cazzo esplodere a quella meravigliosa vista. Da ottima mamma si è poi avvicinata a me per coprirmi ma io le ho subito bloccato la mano sul mio bestione.
Mia mamma, davvero in imbarazzo, non sapeva cosa fare ma poi con un fare delicato ha iniziato ad esplorare il mio intimo, accarezzandomi il cazzo e le palle. Aveva forse dimenticato che il cazzo che stringeva tra le mani fosse del figlio ed io ho iniziato a vedere la sua espressione sempre più eccitata.
Mi ha poi preso la mano e l’ha portata al suo seno, di colpo ho fatto finta di svegliarmi. “Ma mamma, cosa stai facendo?!”, lei non ha saputo rispondere ed io le ho detto che poteva continuare perchè mi stava facendo davvero un bel massaggio.
Quelle carezze si erano trasformate in una vera e propria sega che nemmeno io sapevo fare così bene. L’imbarazzo era passato e mia madre sembrava quasi posseduta tanto che all’improvviso ha tirato fuori la lingua, segno che era pronta a leccarmelo.
Ha iniziato a stuzzicarmi con la lingua la cappella e le palle per poi infilarsi quasi tutta la mia asta in bocca fino a farselo arrivare profondamente in gola. Sembrava di essere in paradiso e sentivo di dover sborrare tanto che ho preso la sua testa e l’ho spinta sempre più velocemente.
Si è poi fermata, è salita su di me, mi ha messo la sua figa in faccia appoggiandomela sulla bocca. Aveva intenzione di praticare un bel 69 e l’idea, ad essere sincero, mi è piaciuta davvero tanto.
Mentre lei succhiava io le ho infilato la mia lingua nella sua passerona che era ben depilata proprio come avevo immaginato. Potevo assaporare i suoi liquidi che fuoruscivano come un una cascata. Leccavo la sua vagina e poi salivo fino ad arrivare al buco del culo dove le ho infilato due dita della mano. Dopo infiniti minuti di sesso orale e di puro godimento io le sono arrivato in bocca e lei ha ingoiato fino all’ultima goccia mentre si dimenava con il bacino per fare in modo che le mia dita le allargassero il suo minuscolo ano. E’ poi esplosa in un orgasmo intensissimo, mi ha detto di essere orgogliosa di avere un figlio che ci sa fare con le donne a differenza del padre.
Proprio in quel momento infatti, mi sono chiesto perchè mio padre avesse lasciato mia mamma che sa fare certi pompini da urlo e seghe meravigliose. Si è fatto scappare una dea del sesso che sono sicuro scoperò violentemente e in tutti buchi a breve!

Autore: Biagio B.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.