Sesso a tre

FACCIAMO SESSO AL TELEFONO! CHIAMA IL 899005022 O CLICCA QUI

Sesso a tre

Spread the love
Ero uno studente 20enne in cerca di lavoro per mantenermi agli studi. Avevo da pagarmi le spese per l’università e la stanza in cui vivevo e i miei non potevano far miracoli. Avevo trovato prima un lavoro come barista ma gli orari non mi permettevano di seguire gli studi. Un giorno vidi un annuncio di un 70enne vedovo che cercava qualcuno per fargli compagnia e aiutarlo nelle faccende domestiche. Oltre ai soldi offriva anche una stanza nella sua casa dove vivere. Era una offerta da non perdere e mi catapultai. Era un 70enne ma ne mostrava decisamente meno per l’aspetto fisico si chiamava Luigi e aveva una casa grande in cui lui viveva col fratello Carlo di un anno più vecchio di lui ma anche lui ben portati. Parlai con loro e feci subito una buona impressione tanto che mi mostrarono subito la mia stanza sicuri che avrei accettato. E infatti non persi tempo e mi trasferii da loro. I primi tempi si viveva tranquilli non avevano grosse necessità per cui potevo lavorare e studiare. Una domenica pomeriggio di giugno stavo oreparando un esame e faceva davvero caldo per cui mi misi in stanza in slip neri a studiare. Ero un ragazzone di 1.84 metri peloso al punto giusto gambe lunghe e sode dopo alcuni anni di nuoto fatti da ragazzo e muscolatura minima ma ben messa. Mentre studiavo venne in camera Luigi chiedendomi se volevo aiutarlo ad entrare in vasca per farsi un bagno rinfrescante. Gli dissi :”dammi il tempo di rivestirmi”, ma lui mi disse che per lui potevo restare così tanto non gli creavo problemi. Lo accompagnai in bagno e mentre io riempivo la vasca lui iniziò a spogliarsi e prepararsi per il dopo bagno. Mi voltai per dirgli che la vasca era pronta e lui era nudo dietro di me e i miei occhi andarono subito sul suo cazzo duro e grosso. Lui imbarazzato mi disse che erano solo gli ultimi sussulti di erezione di un vecchietto ma a guardarlo non sembrava proprio fosse così. Lo aiutai ad entrare in vasca e gli lavai la schiena, poi le braccia e infine le gambe e i piedi ma attraverso la schiuma il suo pene lo si vedeva ancora duro e dritto. Mentre gli lavavo le gambe mi prese la mano e la avvicinò al suo cazzo facendomelo toccare. Io imbarazzato resistetti ma lui con forza mi tirò il braccio tanto che ebbi tra le mani il suo grosso membro. Mi disse che desiderava che glielo toccassi visto che non lo faceva nessuno da tempo ormai. Inizia a toccarglielo e ben presto lo segai. Era davvero duro come il marmo. Mi disse:” aiutami ad uscire dalla vasca che andiamo a metterci comodi nella mia stanza”; lo assecondai e andammo nella sua camera da letto lui solo con un asciugamani che gli copriva le parti intime ed io in slip un po bagnato a causa degli schizzi d’acqua. Appena arrivati in stanza si tolse l’asciugamani ed il suo membro era ancora duro. Si sedette sul letto ed io accanto a lui che lo segavo. Carlo, forse attratto dai gemiti di piacere del fratello Luigi venne in camera e vedendoci in quelle condizioni ben presto si aggiunse anche lui nudo e col cazzo dritto pronto ad essere segato. Ero in mezzo ai due che godevano ed io fra l’imbarazzo ed il piacere di renderli felici speravo venissero presto così da poter tornare agli studi. Ma loro ormai erano incontentabili e la sega non bastava più. Mi fecero sdraiare sul letto e mentre Luigi accanto a me mi toccava il petto e mi massaggiava i capezzoli Carlo mi sfilava gli slip attaccandosi subito con la sua bocca godereccia al mio cazzo ormai voglioso. Ero ormai preso anche io dal sesso e non facevo nulla per fermarli, anzi inizia anche io a toccare Luigi ovunque. La mia bocca si riempì ben presto col grosso cazzo di Luigi mentre Carlo non mollava il mio. Luigi mi disse che aveva voglia dopo tempo di provare piacere con la penetrazione ed io ero restio a concedere il mio culo vergine ma ormai eravamo travolti dal sesso e quando mi prese a pecora con un po di forza per voncere la mia resistenza io cessai di resistergli e lo lasciai fare. Era attrezzato di tutto punto tanto che dal cassetto Luigi prese del lubrificante e mi oliò il buco e iniziò la penetrazione. Dopo un dolore intenso iniziale sentii il suo cazzo che era dentro di me mentre Carlo prese a scoparmi la bocca con veemenza. Ero ormai inerme e loro certo non si limitarono nel togliersi ogni voglia repressa tanto che restammo a letto nudi sul letto tutti e tre fino a tarda ora ed appena i loro cazzi ridiventavano duri ricominciavano a scoparmi alternandosi. Mi riempirono il mio buco non più vergine del loro sperma ed anche la mia bocca fu bagnata dal loro seme. Non avrei mai pensato di diventare l’oggetto del desiderio di due uomini ma tutto sommato fu davvero piacevole sentirsi posseduto.
 


ASCOLTA AUDIO LIBRI EROTICI - PROVA 30 GIORNI GRATIS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.