La mia collega, che sorpresa! 3

La mia collega, che sorpresa! 3

Spread the love

Arianna non ha ancora capito di essere lei la protagonista del racconto. Sono riuscito a farla capitare anche sulla pagina del nuovo racconto ma nulla
Io continuo a fantasticare su Arianna e scrivo ancora.
Chissà che facendola capitare anche nel nuovo racconto le venga almeno il dubbio!

 

Per chi non avesse letto i racconti precedenti descrivo di nuovo Arianna: ha un aspetto che definisco molto sexy, non è molto alta, ha capelli lughi ricci mori, gli occhi chiari ed una seconda di seno (credo). Il culo sembrerebbe bello ma non veste in maniera da valorizzarlo, a parte quando mette un paio di pantaloni neri che non lo segnano bene ma fanno capire che è bello sodo. Fuma e lo fa in un modo che definisco sensuale.

Quel giorno in ufficio ero al settimo cielo. Avevo avuto una serata ed una nottata a dir poco di fuoco con Arianna!
Era venerdì e mi stavo chiedendo cosa sarebbe successo il week end, l’avrei vista?
Oggi era vestita con dei pantaloncini, mettevano in bella mostra le sue stupende gambe ma non valorizzavano affatto il suo bellissimo culo. Chissà perché non mette mai indumenti che valorizzino il suo bellissimo culetto… Sopra portava una maglietta. Sono andato anche questa mattina con una scusa nel suo ufficio. Mi sono avvicinato a lei, era seduta al pc, era in avanti sulla sedia senza appoggiarsi allo schienale, perciò con la schiena visibile standole di lato. Ho visto una cosa che mi fa andar via di testa: la maglietta era cortina ed i pantaloncini a vita bassa, si vedeva un pezzo della riga che divide le chiappe! Che visione… Già iniziavo a sentire qualcosa che si risvegliava nei miei boxer. Sicuro di non essere visto da nessun altro, le ho infilato una mano nel retro dei pantaloncini, proprio dove si vedeva il pezzo di culetto e… oh oh, oggi portava le mutandine, anzi no, un perizoma. Molto minuto però perché non era visibile nemmeno con i pantaloncini a vita bassa.
Dopo un sorriso malizioso da parte sua ho tolto subito la mano per timore che arrivasse qualcuno.
Le ho chiesto che programmi avesse per la serata ma mi ha risposto che doveva assolutamente passare dai suoi per un problema familiare ma che ci saremmo visti sicuramente il giorno dopo.
Perciò trascorsi la serata tranquillamente con gli amici.
La mattina seguente mi arrivò un sms: Ieri sera mi sei mancato, ci vediamo nel pomeriggio? vieni da me?
Io le ho risposto: Certo! Tutto a posto con i tuoi? Per quel problema… Arrivo sulle 16.
Lei mi ha tranquillizzato e mi ha confermato l’appuntamento per le 16.
Alle 16 arrivo da lei già eccitato per quello che sarebbe successo di li a poco.
Mi viene ad aprire vestita in canottierina e minigonna, la saluto baciandola, entro e… mi presenta una sua amica che dice essere arrivata da poco per una visita a sorpresa. Io sono deluso ma cerco di non darlo a vedere, mi presenta, si chiama Elsa. Anche lei vestita in minigonna e canottierina. Elsa è bionda, alta, magra e con 2 grandi tette. Molto diversa da Arianna, che però preferivo. Mi accomodo sul divano mentre loro 2 si siedono su 2 sgabelli posti di fronte al divano a qualche metro.
Tenevano le gambe strette, perciò non si vedeva nulla sotto le mini. Peccato, perché da quell’angolazione il panorama sarebbe stato bellissimo!
Arianna ad un certo punto mi fa: “mi sembri un po’ giù, c’è qualcosa che non va?”
Io: “No no, affatto”. In realtà ero deluso dalla presenza di Elsa che aveva rovinato i miei piani.
Dopo il mio “no no” le 2 ragazze si guardano e ridacchiano un po’. Io non capisco e chiedo il motivo.
Arianna: “sarà, ma mi sembri deluso… non capisco perché!”
Io: “ti sbagli, è tutto a posto!”
Si guardano e sghignazzano di nuovo… Subito dopo si girano a guardare me e non stringono più le gambe, anzi, le allargano. Erano entrambe senza mutandine! Il cuore ha iniziato a battermi a 1000! Non poteva essere, vuoi che avesse escogitato tutto con l’amica?
Elsa rompe il ghiaccio: “Arianna mi ha parlato di te, mi ha detto che si è trovata molto bene con te…”. Si alza dallo sgabello, viene a sedersi al mio fianco sul divano ed inizia a sbottonarmi i bottoni della camicia e ad accarezzarmi il petto.
Io guardo Arianna con fare interrogativo. Lei si alza dallo sgabello viene a sedersi al mio fianco dall’altra parte e mi mette una mano sul pacco che era durissimo.
Arianna: “ho pensato di farti una sorpresina invitando anche la mia amica”
Io: “alla faccia della sopresina!”. Ed ho iniziato a baciarla mentre lei spostava la mano dal mio pacco al petto per accarezzarmelo anche lei. Finito di baciarla mi sono girato verso Elsa ed ho iniziato a baciare lei, aveva 2 labbra fantastiche.
Fin che baciavo Elsa sentivo Arianna che mi slacciava i pantaloni e me lo tirava fuori. Subito dopo ho sentito le sue labbra avvolgermelo.
Ho tirato su la canottiera di Elsa, che non portava reggiseno, ed ho iniziato a palparle quelle stupende tettone per poi iniziare a succhiarle i capezzoli. Con una mano intanto toccavo il culo di Arianna che era chinata sul mio cazzo. Ero con la faccia tra le tette di Elsa e con una mano che ficcavo un dito nel culo di Arianna.
Ho fatto fermare Arianna, mi sono alzato ed ho tolto tutti gli indumenti ad entrambe, le ho fatte mettere sedute vicine col culo in avanti e gli ho detto di tenersi su le gambe prendendole con le mani da dietro le ginocchia e di tenerle aperte. Che visione paradisiaca! Erano li tutte e 2 con le fiche spalancate. Ho iniziato a leccare quella di Arianna che ha iniziato subito ad emettere dei gemiti fortissimi mentre con una mano stuzzicavo la fica di Elsa che si stava scaldando. Dopo un po’, quando Arianna è venuta, sono passato alla fica di Elsa, iniziando a leccargliela di brutto. Anche lei ha iniziato ad emettere dei gemiti molto forti. Arianna si è alzata, si è messa a gattoni di fianco ad Elsa ed ha iniziato a succhiarle i capezzoli. Elsa stava letteralmente impazzendo con Arianna che le succhiava i capezzoli ed io che le succhiavo la fica. Arianna fin che succhiava i capezzoli di Elsa si stava stimolando il clitoride.
Dopo pochi istanti Elsa è venuta con un orgasmo molto forte.
Mi hanno fatto sedere sul divano ed hanno iniziato a leccarmi entrambe l’uccello. Avevo le loro lingue che leccavano la cappella, tutta l’asta e le palle. Era fantastico! Vuoi per il grado di eccitazione ad avere 2 ragazze così belle e così porche, vuoi perché già prima Arianna mi aveva un po’ spompinato, sono venuto quasi subito addosso alle loro facce. Loro 2 si sono ripulite a vicenda per poi passare a pulire il mio uccello che dopo un po’ di colpi di lingua è tornato vigoroso come prima.
Le ho fatte mettere inginocchiate affiancate sul sedile del divano rivolte verso lo schienale e piegate in avanti con le gambe aperte. Avevo davanti agli occhi quei 2 culetti stupendi, anche se devo dire che quello di Arianna era più bello. Ho iniziato a leccare ed insalivare un po’ l’uno, un po’ l’altro. Poi le ho preparate un po’ con le dita, avevo il medio di una mano infilato su per il culo di una ed il medio dell’altra su per il culo di quell’altra. A vedere queste 2 dita che entravano ed uscivano da questi 2 culi mi sono eccitato da morire. Ho tolto il dito dal culo di Elsa, le ho puntato il mio cazzo sul buchetto e sono entrato piano piano. Lei ha iniziato subito a godere e fin che io la inculavo, Arianna le stimolava il clitoride con la mano e per il momento si godeva il mio dito che continuava questo entra ed esci dal suo culo. Dopo un po’ sono uscito ed è stato il turno del culo di Arianna. Adesso era Elsa che stimolava il clitoride di Arianna con la mano ed io continuavo a stimolare il culo di Elsa con la mano, questa volta ce ne entravano 2 di dita!
Passavo da un culo all’altro fin che Elsa sotto i colpi della mia inculata e sotto la tortura al clitoride che le stava dando Arianna è venuta gridando il suo godimento. Subito dopo sono passato al culo di Arianna. Anche lei dopo un po’ dello stesso trattamento è venuta. Di li a poco sono venuto anch’io nel culo di Arianna.

Mi sa che la storia con Arianna durerà per un bel po’!

Contattatemi a pietro73v @ gmail.com

 

___

 

Sono riuscito a far si che Arianna legga tutti e 3 i racconti. Secondo me si è riconosciuta come l’ho descritta all’inizio del racconto 3. Da quando so che l’ha letto ho avuto la sensazione che mi guardi in maniera diversa. Secondo me inizia a sospettare che sia io l’autore.

Arianna: e togliti sto dubbio! Contattami all’email, anche da un indirizzo fasullo, scopri se sono io.

Dai che magari scriviamo assieme il quarto capitolo!