La barista e Gino

La barista e Gino

>>>>GODI ORA AL TELEFONO CON UN PARTNER OCCASIONALE -CHIAMA IL 899.005.022<<<<<

Ciao, mi chiamo Laura, sono una studentessa universitaria ventenne e vi scrivo per raccontarvi una mia avventura, tanto inaspettata quanto eccitante, che ho bisogno di raccontare a qualcuno. Fisicamente sono alta 1,75m, ho dei lunghi capelli biondi lisci, gli occhi castani, sono magra (ho un corpo tonico ma non mascolino) e ho dei seni abbondanti (ho una terza di reggiseno) e sodi, il sedere è tondo e sodo ma forse é la parte del mio corpo che mi piace un pò meno. Caratterialmente sono una ragazza un pò naif, allegra e socievole ma anche abbastanza riservata e con la testa sulle spalle. Non sono stata a letto con molti ragazzi ma dal punto di vista sessuale non mi reputo una bigotta anzi, vivo bene la mia sessualità senza troppi pregiudizi e limitazioni. Arrivando al punto questa è la mia storia: da tre mesi nel week-end (sabato sera e domenica mattina e pomeriggio) lavoro in un piccolo bar del mio piccolo paese di periferia. Non guadagno molto ma il lavoro è tranquillo, infatti il bar ha pochi clienti ma affezionati, inoltre al proprietario (amico dei miei genitori) serviva una persona che badasse al bar in quei giorni ed io accettai per fare un favore ai miei e per arrotondare quanto guadagno dal mio lavoro principale di commessa che svolgo durante la settimana in città. Tra i clienti abituali che frequentano il bar c’è anche Gino, che insieme ai suoi tre amici (Mauro, Piero e Luciano) tutti aventi un età compresa tra 65 e 70 anni e tutti divorziati o vedovi, trascorrono tutti i sabato sera al bar giocando a briscola fino ad orario di chiusura (a volte anche oltre) quando nel bar ormai rimangono solo loro ed io, essendo da sola, devo pazientemente attendere che finiscano l’ultima partita prima di chiudere il bar e andare a casa. Da un paio di mesi Gino, quando veniva al bar, ha iniziato a palparmi appena né aveva la possibilità, le sue palpatine erano brevi, discrete, delicate ma decise e nessuno (a parte me) se ne accorgeva. Mi palpava i seni, il sedere, le cosce e perfino le parti intime e poi faceva finta di niente. Anchio facevo finta di nulla, un pò perché non mi sembrava il caso di fare delle scenate davanti a tutti per delle semplici palpatine rischiando magari di perdere il lavoro o, peggio, i clienti del bar che ne ha già pochi, un pò perché Gino è una persona molto rispettata nel paese dato che era stato un ingegnere importante e soprattutto é una persona sempre allegra, cordiale, altruista e molto carismatica. Insomma lo lasciai fare perché tutto sommato Gino mi piaceva come persona e perché, come detto, non mi scandalizzavo per delle semplici palpatine. Inoltre pensavo che non ci sarebbero state conseguenze derivanti dal mio atteggiamento ed invece… Invece tre settimane fa, il sabato sera, come al solito, Gino e i suoi amici giocarono a carte fino ad orario di chiusura, non mancarono le consuete palpatine di Gino ma fin qui era tutto “nella norma”. Arrivato il momento di chiudere, i quattro amici (unici clienti rimasti nel bar) mi pagarono le birre e, mentre loro terminavano l’ultima partita, io né approfittai per svolgere tutte le mansioni che devono essere fatte prima della chiusura. Mentre ero nel retro del bar sentii i quattro amici salutarsi e uscire dal bar chiudendo la porta e pensai “bene, adesso finisco qui e poi scappo a casa” ma non andò cosi… Gino infatti entrò nel locale di servizio per chiedermi un pacchetto di sigarette, glielo diedi e poi parlammo un pò mentre finivo di mettere a posto alcune scatole e quando ebbi finito si avvicinò e mi fece una domanda che mi spiazzò: “Laura senti, dimmi la verità, ti danno fastidio le mie palpatine?”. Rimasi in silenzio per qualche secondo, non sapevo cosa rispondere, poi decisi di mantenere l’atteggiamento “lasse faire” e pragmatico che avevo sempre avuto e dissi “ma no, nessun problema…”. Lui sorrise e dandomi una carezza sulla guancia sinistra con la sua mano destra ruvida ma leggera e gentile mi disse “sai, lo faccio perché sei molto bella”. Non feci tempo a ringraziarlo che la sua mano destra scivolò lungo il mio corpo fino ad afferrare il mio seno sinistro, mentre la sua mano destra palpò il mio sedere e poi si spostò sul mio seno destro. Io balbettai qualcosa, non ricordo cosa ma non ebbe comunque alcun effetto, mentre lui “giocava” con i miei seni fino a che, improvvisamente, spostò le sue mani ed iniziò a sbottonarmi i bottoni della mia camicetta rosa partendo da quelli sul mio petto e scendendo. Io ero immobile e non sapevo cosa fare, lui fissava la pelle del mio petto che emergeva dopo che ogni bottone veniva sbottonato. Alla fine apri la camicetta e me la sfilò lasciandola cadere a terra, io cercai di coprirmi i seni con le mani ma lui riuscii a dare un’altra palpata ai miei seni e poi portò le sue mani dietro la mia schiena afferrando i gancetti del mio reggiseno nero. A causa dell’artrosi senile che affliggeva le sue mani ci mise un pò a slacciarlo (cosa che acuii il mio imbarazzo) ma alla fine riuscii nel suo intento e me lo sfilò lasciandolo poi cadere a terra vicino alla camicetta. Iniziò a baciare e a leccare i miei seni con avidità mentre mi abbracciava e fù proprio in quel momento che iniziai ad eccitarmi e sentivo che la mia vagina iniziava a bagnarsi. Ad un certo punto si fermò, prese uno sgabello li vicino e si sedette davanti a me. Con calma mi apri la cintura, il bottone e la zip dei jeans, me li abbassò fino alle ginocchia scoprendo cosi le mie mutandine nere ormai inumidite dai miei umori. Le sue mani risalirono lungo le mie cosce, accarezzandole, fino ad afferrare i bordi laterali delle mie mutandine e lentamente le abbassò fino a farle raggiungere i jeans mentre fissava il mio pube glabro che si manifestava ai suoi occhi. Mentre mi accarezzava il pube alzò lo sguardo e sorridendo mi disse “la preferisco pelosa ma va bene lo stesso” e poi mi mise due dita nella vagina e iniziò a stimolarmi il clitoride mentre io iniziavo a gemere, poi mi praticò del sesso orale mentre le sue mani palpavano il mio sedere, cosa che mi fece davvero eccitare e cancellò ogni mia titubanza e inibizione. In seguito si alzò in piedi e mi baciò in bocca abbracciandomi, le nostre lingue si accarezzavano e si rincorrevano a vicenda senza sosta. Quando le nostre labbra si staccarono io lentamente (quasi a chiedere una sua approvazione) mi inginocchiai davanti a lui e gli abbassai prima i pantaloni e poi i boxer fino alle ginocchia mentre lui rimase immobile e mi chiese: “ti piace il mio cazzo?”, io lo afferrai con la mano destra e risposi “si”. Il suo pene era avvolto da folti peli grigi, era in erezione parziale ed era di dimensioni medie. Iniziai a praticargli del sesso orale (attività che adoro e che a lui piaceva parecchio a giudicare dai suoi gemiti), poi mi fece sdraiare sul tavolo sito nel mezzo della stanza, mi tolse i jeans e le mutandine che ancora penzolavano aggrappati alle mie gambe e iniziò a penetrarmi sia la vagina che l’ano. Si tolse poi tutti i vestiti che aveva ancora addosso, iniziando dalla maglia, proseguendo poi con la canotta e finendo con i pantaloni e i boxer che, a causa dei movimenti del suo bacino, erano scesi alle caviglie, cosi lo vidi completamente nudo. Era alto più o meno come me, non era molto villoso ed aveva un pò di pancetta ma aveva comunque un bel fisico per la sua età. Sali sopra di me e riprese a penetrarmi nella posizione del missionario. Facemmo un 69 con io sopra, la posizione dello “smorza candela” e concludemmo di nuovo nella posizione del missionario venendomi nella vagina. Mi baciò e mi chiese: “ti è piaciuto?”, io dopo qualche secondo, ancora un pò ansimante, risposi: “si” e lo baciai. Ci alzammo e ci rivestimmo in silenzio, senza guardarci negli occhi, infatti anche se avevamo goduto entrambi forse era subentrato un pò di imbarazzo (soprattutto da parte mia) e alla fine ci salutammo come se nulla fosse accaduto. Il sabato successivo, come di consueto, all’orario di chiusura Gino e i suoi amici mi pagarono le birre, ci salutammo e loro si attardarono oltre l’orario di chiusura per finire la loro partita. Io in quella settimana non avevo ripensato molto a quello che era successo la settimana prima ma quella sera le sue palpatine mi fecero ritornare in mente tutto quello che era successo e si accese in me una grande eccitazione che provai a reprimere lavorando ma fù tutto inutile… il pensiero di quella sera non se ne andava dalla mia mente e l’eccitazione cresceva in me secondo dopo secondo e quando entrai nel retro del bar e vidi il tavolo al centro della stanza arrivò al culmine. Iniziai a toccarmi le parti intime e i seni e decisi poi di fare una pazzia… decisi di spogliarmi e aspettare li per vedere se Gino sarebbe entrato dopo la partita quando gli altri se ne fossero andati. Cosi mi tolsi i pantaloni bianchi (rischiando di rompere il bottone e la zip per la tensione del momento), poi mi tolsi la maglia blu, in seguito mi slacciai il reggiseno blu (fermandomi un attimo ripensando alle difficolta di Gino nel compiere l’operazione) e lo sfilai, infine mi tolsi le mutandine blu (già parecchio bagnate dai miei umori), sistemai con ordine i miei vestiti e mi sedetti sullo sgabello aspettando in silenzio non sapendo se sperare che entrasse o che se ne andasse anche lui. Ad un certo punto sentii i quattro salutarsi e la porta del bar chiudersi, il mio cuore inizio a battere fortissimo e dopo pochi secondi (che a me sembrarono ore) la porta della stanza si aprii ed entrò Gino. Appena lo vidi scattai in piedi, lui mi guardo un pò sorpreso e un pò eccitato e si avvicino a me, mi disse “sei bellissima” e ci baciammo intensamente. Poi lo aiutai a spogliarsi iniziando dalla maglia e finendo togliendogli le mutande e dopo iniziammo a fare sesso sul tavolo. Io ero più attiva rispetto alla volta precedente e lui sembrò apprezzare. Rispetto alla volta precedente provammo qualche posizione in più, ad esempio quella che apprezzai maggiormente fù con lui seduto sullo sgabello ed io seduta su di lui abbracciandoci reciprocamente. Entrambi godemmo molto e venimmo quasi nello stesso momento penetrandomi mentre eravamo sdraiati sul fianco sinistro, io davanti a lui, con le sua mano sinistra che stringeva il mio seno sinistro e la sua mano destra che sorreggeva la mia gamba destra. Dopo essere venuto si sdraiò a pancia in su per riposare e io, ancora vogliosa, accarezzai ed afferrai il suo membro e leccai lo sperma che colava copioso dal suo pene. Al termine del rapporto ci facemmo un pò di coccole e poi ci rivestimmo e ritornammo a casa salutandoci cordialmente. Durante la scorsa settimana alcune volte mi capitò di ripensare a quanto era successo i sabato precedenti e ammetto che una volta mi masturbai. Ero appena tornata a casa alle 19 dopo le lezioni mattutine e il lavoro pomeridiano, consultando l’agenda per ricordarmi gli impegni dei giorni successivi mi cadde l’occhio sul sabato e inevitabilmente pensai a Gino. Vivendo da sola dovetti sistemare alcune cose e decisi poi di andare a fare una doccia prima di cenare, cosi una volta entrata in bagno mi spogliai velocemente, tolsi la camicetta nera, la gonna nera, i collant neri, il reggiseno nero e le mutandine nere. Vedendo il mio corpo completamente nudo allo specchio con il ricordo di Gino che poco prima aveva scalato la gerarchia dei miei pensieri si accese in me una certa eccitazione che aumentò esponenzialmente una volta che entrai in doccia ed iniziai ad insaponarmi. Cosi piano piano iniziai a toccarmi dappertutto con sempre maggior foga concentrandomi sempre di più sui seni, sulle cosce, sul sedere e sulla vagina finché iniziai a masturbarmi. Mi toccavo le parti intime ed i seni immaginando Gino nudo e ripensando a quando facevo sesso con lui mentre l’acqua calda che scendeva dalla doccia mi massaggiava il corpo. Alla fine ebbi un orgasmo molto intenso come non mi era capitato spesso. Devo dire che più tardi mi sono un pò stupita di ciò che avevo fatto, infatti anche se ogni tanto mi masturbo (ammetto anche questo, tanto ormai sto raccontando tutto) in realtà non lo avevo mai fatto pensando ai miei coetanei con cui ho fatto sesso, nemmeno con i fidanzati. Sabato scorso decisi di riprovarci, decisi di aspettarlo di nuovo nuda nel retro del bar a fine turno e cosi feci. Entrai nella stanza, chiusi la porta e iniziai a spogliarmi molto velocemente. Tolsi prima la gonna nera, poi la camicetta bianca, poi il reggiseno bianco, il collant nero ed infine le mutandine bianche, sistemai i miei vestiti ed aspettai seduta sullo sgabello. Ad un certo punto entrò Gino ed io mi alzai felice perché sentivo che sarebbe venuto ma non mi aspettavo quello che sarebbe accaduto… Infatti dietro di lui c’erano i suoi tre amici. Appena li vidi cercai di coprirmi i seni e le parti intime con le mani ma Gino si avvicinò e accarezzandomi mi disse: “tranquilla, rilassati, vedrai che ci divertiremo” ed iniziò a baciarmi. Luciano e Mauro si misero ai miei fianchi, spostarono le mie mani dal mio corpo e iniziarono a toccarmi dappertutto mentre Piero notando le mie mutandine le prese, le annusò e se le mise in tasca, si spogliò e raggiunse poi gli altri tre. Mentre Piero mi baciava e mi toccava freneticamente dappertutto anche gli altri tre si spogliarono completamente, Mauro e Piero erano magri ma meno tonici di Gino, Piero era l’unico a portare la barba, Luciano era grassoccio ed il meno dotato tra loro ma comunque erano tutti nella media. Mi misi in ginocchio e praticai del sesso orale a turno a tutti, in seguito Gino si sdraiò a terra e mi invitò a salire sopra di lui e mi penetrò, Piero mi penetrò analmente e gli altri due si misero ai lati porgendomi i loro peni affinché li masturbassi, cosa che feci con un pò di fatica ma apprezzarono ugualmente. Quando Gino e Piero mi vennero dentro i quattro si scambiarono i ruoli, cosi toccò a Mauro e Luciano penetrarmi mentre Gino e Piero li osservavano commentando ciò che vedevano ed ogni tanto mi palpavano i seni e il sedere. Vennero dentro di me anche Mauro e Luciano e si staccarono da me lasciandomi a terra ansimante. I quattro iniziarono a stimolarmi manualmente e a baciarmi tutto il corpo e successivamente, dopo un breve sguardo d’intesa reciproco, mi sollevarono di peso e mi adagiarono sul tavolo a pancia in sù, si misero “a due a due” sui lati lunghi del tavolo ed iniziarono a masturbarsi. Luciano e Mauro avendo appena eiaculato ebbero qualche difficolta ad ottenere una nuova erezione ma alla fine ci riuscirono e, uno dopo l’altro, eiacularono sul mio corpo accompagnati da un susseguirsi di gemiti che riecheggiavano nella stanza. A Mauro dopo l’eiaculazione scappò involontariamente un pò di pipi che bloccò subito mostrando un pò di imbarazzo per quanto accaduto. In quel momento a causa dell’eccitazione la cosa non mi infastidiva e per non farlo sentire in colpa, afferrai il suo pene con la mano destra e lo invitai a continuare e lui, dopo un iniziale titubanza, riprese a urinare su di me con una certa soddisfazione. La cosa infastidi Gino ma Mauro si difese dicendo “non l’ho fatto apposta… sono un pò incontinente… comunque a lei piace”, Gino preferi non insistere e tutti e quattro mi spalmarono lo sperma (e la pipi) su tutto il corpo dalla faccia ai piedi. In quel momento il mio corpo era attraversato da irrefrenabili vibrazioni di piacere che mi portarono al culmine dell’eccitazione e quando smisero iniziai a masturbarmi mentre loro mi fissavano immobili e in silenzio. Quando ebbi finito rimasi sdraiata sul tavolo ansimando priva di forze, loro allora si rivestirono e salutandosi se ne andarono uno dopo l’altro. Gino fu l’ultimo ad andarsene e, mentre si allacciava (con fatica) le scarpe, girai la testa verso di lui e abbozzando un sorriso gli dissi: ”hai visto? non me la sto più depilando e sul pube mi stanno crescendo dei peli biondi…”. Lui alzò lo sguardo e mi disse: “ho visto, brava”. Poi si alzò, si avvicinò a me, mi salutò dandomi un bacio sulla fronte e una carezza sulla guancia destra e se ne andò. Io mi addormentai quasi subito felice e soddisfatta. Ad essere sincera avrei voluto confidare a Gino che in settimana mi ero masturbata pensando a lui ma poi mi bloccai e gli dissi quelle parole. Chissà, forse un giorno glielo dirò o magari lo scoprirà da solo leggendo casualmente questo racconto. Dopo un pò mi rialzai, mi diedi una ripulita veloce e quando mi avvicinai ai miei vestiti notai che mi avevano rubato sia le mutandine che il reggiseno. Mi feci una risata, sapevo che le mie mutandine le aveva prese Piero ma chi aveva preso il mio reggiseno? Con questa curiosità in mente mi rivestii con quello che rimaneva e me né tornai a casa dopo aver chiuso il bar. In conclusione sono contenta di questa esperienza che si é rivelata molto eccitante e probabilmente rifarei tutto perché devo dire che Gino mi attira ma ho anche pensato che fare sesso con un signore anziano fosse “sbagliato” in qualche modo, figurarsi quattro… Insomma non so bene come gestire la situazione in futuro. Questo sabato si avvicina, cosa succederà?, se ci riproverà cosa farò? e se si aggiungeranno anche gli altri tre? cosa dovrei fare (oltre a non indossare reggiseno e mutandine per sicurezza ahahah)? Sposta in altoSposta in bassoAttiva/disattiva il pannello: Meta serial_number 2 remote_ip 93.34.98.30 user_agent Mozilla/5.0 (Windows NT 10.0; Win64; x64) AppleWebKit/537.36 (KHTML, like Gecko) Chrome/91.0.4472.106 Safari/537.36 url https://raccontivietati.com/scrivi-il-tuo-racconto/ date Giugno 18, 2021 time 10:51 pm post_id 4900 post_name scrivi-il-tuo-racconto post_title Scrivi il tuo racconto post_url https://raccontivietati.com/scrivi-il-tuo-racconto/ post_author muoisears154907 post_author_email [email protected] site_title Racconti erotici site_description Tutte le migliori storie Hard, una grande raccolta di storie Erotiche site_url https://raccontivietati.com site_admin_email [email protected] user_login user_email user_display_name Sposta in altoSposta in bassoAttiva/disattiva il pannello: reCAPTCHA version “3.0” threshold 0.5 response { “success”: true, “challenge_ts”: “2021-06-18T22:47:03Z”, “hostname”: “raccontivietati.com”, “score”: 0.9, “action”: “contactform” }

Author

FavoriteLoadingAggiungi ai tuoi preferiti
 

5 thoughts on “La barista e Gino

  1. Luca

    E brava Laura così si fa…alla fine basta toccare le corde giuste delle persone per spalancare le porte del piacere no? E a te essere toccata è trattata da cagna mi pare piaccia non poco, sbaglio? Mi chiedo solo se l’uomo anziano sia una tua perversione, oppure non sia il caso di farlo con chi, giovane e prestante, possa appagarti fino allo sfinimento..ammesso e non concesso che tu possa sfinirti poi 😉
    Bel racconto aspetto il prossimo!

     
    1. Laura M.

      Non é che mi piace essere trattata da cagna e l’anziano non é una mia particolare perversione (anche se rispetto a prima adesso non mi dispiace per nulla). Il fatto é che mi piace l’uomo carismatico e “virile” ma soprattutto adoro sentirmi desiderata e vedere che un uomo fa di tutto per portarmi a letto. C’é una bella differenza tra un uomo che vuole semplicemente “svuotare i coglioni” e quello che ti desidera davvero. Gino mi sta dando questo e, oltretutto, devo ammettere che ci sa fare.

       
    2. Laura M.

      L’anziano non é una mia perversione (anche se adesso lo apprezzo molto più di prima) e non mi piace particolarmente farmi trattare da cagna (però quando un uomo mi attrae sessualmente effettivamente mi comporto da cagna ahaha). Il fatto é che mi piacciono gli uomini come Gino: carismatici e virili, uomini che sono sicuri di sé e soprattutto che dimostrano di desiderarmi davvero (cosa che mi fa eccitare tantissimo). C’é una grande differenza tra un uomo che vuole solo “svuotare i coglioni” ed uno che ti desidera davvero, che vuole te. Gino mi sta dando quello che mi piace e devo ammettere che ci sa fare. Naturalmente non é che adesso vado a letto solo con anziani intendiamoci…. Per la seconda parte del racconto (che qui non é ancora stata pubblicata) puoi trovarla qui: https://www.eroticiracconti.it/racconto/59443-la-barista-e-gino-2

       

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *