Ho scoperto il piacere di godere in webcam

Ho scoperto il piacere di godere in webcam

Spread the love

Mi piace trasgredire, fare qualcosa di diverso e uscire dalla solita routine, non mi piace trascorrere le giornate sempre allo stesso modo e cerco ogni volta qualcosa di diverso da fare, ma soprattutto qualcosa che mi ecciti e mi faccia stare bene. Navigando in rete avevo visto tante volte pubblicità di ragazze che davano spettacoli sexy in webcam, più volte mi sono chiesta come sarebbe stato mostrarsi a sconosciuti completamente nuda ma non avevo mai osato andare avanti. Un pomeriggio piovoso d’autunno era davvero molto annoiata, fuori pioveva così tanto che era impossibile uscire, i miei genitori non c’erano, ero sola e avevo voglia di fare qualcosa per mobilitare la mia giornata. Avevo anche un po’ di voglia, durante la notte avevo fatto sogni molto eccitanti, un uomo muscoloso mi scopava in modo violento e mi riempiva la faccia di sborra. Con questo pensiero accesi il pc, posizionai una webcam e mi misi in intimo, cercai un sito dove poter collegarmi in chat e in pochi secondi fui contatta da decine di uomini arrapati. Era davvero difficile scegliere tra tutti quei maiali vogliosi, lessi qualche messaggio, qualcuno chiedeva se ero tettona, altri mi offrivano il loro cazzo, qualcuno voleva avere una conversazione apparentemente normale, non sapevo come scegliere. Alla fine mi lasciai convincere da un ragazzo che aveva come nick “DotatoTisfondo”, l’idea che quel tipo potesse avere un cazzo enorme mi fece bagnare all’istante, mi piacevano quelli grossi e anche l’idea di essere sfondata. Abbiamo iniziato a parlare, lui mi diceva cose porche, mi ha prima chiesto come fossi vestita, poi mi ha chiesto di descrivermi poi mi ha chiesto di vederci in webcam, era quello che stavo aspettando. Prima di attivare la cam, mi spogliai completamente, non la puntai sulla mia faccia ma direttamente sulla figa, gliela feci vedere in primo piano, anche lui attivò la cam e la prima cosa che vidi fu il suo cazzo grosso. Avevamo attivato l’audio, aveva una voce calda, ansimava mentre si stava segando davanti ai miei occhi, io mi stuzzicai il clitoride con l’indice e mi lasciai andare a dei gemiti, mi piaceva da morire quella situazione. Lo sentii dirmi di infilarmi due dita nel mio buchetto, lo assecondai, cominciai a scoparmi velocemente, lui mi diceva che ero una porcellina, mi disse che voleva infilarmi il cazzo dentro il buchetto e sfondarmelo. Allargai le cosce ancora di più come se potesse davvero sfondarmi, vedevo quel cazzo enorme, la cappella gigante, immaginai la sensazione che poteva farmi provare averlo dentro di me. Fu in quel momento che decisi di tirare fuori un dildo che tenevo nascosto gelosamente sotto il letto, glielo feci vedere, lui mi disse che dovevo sfondarmi da sola, lo poggiai sulla figa e lentamente lo feci entrare tutto dentro. Mi disse di mettermi a pecorina e scoparmi, vedevo il suo cazzo muoversi avanti e indietro nello schermo, stava mimando la penetrazione, seguii il suo ritmo con la mia mano e mi scopai con quel cazzo finto pensando che fosse il suo. Ho goduto come se fosse con me, la sua voce calda e le cose che mi diceva mi facevano eccitare sempre di più, feci tutto quello che mi chiese, mi misi a gambe aperte sul letto putando la webcam sul mio buchetto del culo e lentamente me lo penetrai con il dildo. Quella masturbazione anale fu pazzesca, il mio buchetto stretto si dilatò quasi subito dopo aver infilato il cazzo finto, mai come in quel momento ero felice di aver scelto un dildo così grosso, mi stava dando un piacere pazzesco. Lo tolsi dal mio buchetto e lo presi in bocca, dissi al tipo che mi stava guardando che quello era il modo in cui gli avrei succhiato il cazzo, lui iniziò a sbatterlo contro la webcam, poi lo vidi prendere una bambola gonfiabile che aveva vicino e scoparla. Più succhiavo il cazzo finto e più lui si sbatteva l’uccello in quella figa di gomma, mi diceva che quello era il modo in cui mi avrebbe scopata se mi avesse avuto davanti, la stava sbattendo così forte che probabilmente mi avrebbe fatto male. L’idea mi piacque particolarmente, smisi di succhiare il cazzo finto e lo rimisi dentro la mia figa, ci scopammo l’uno davanti all’altra per un diversi minuti, ansimando e gemendo e continuando a dirci cose porche, fui invasa da diversi orgasmi, ogni volta che urlavo per il piacere lui sembrava accelerare e aumentare l’intensità della scopata. Ad un certo punto lasciò stare la bambola gonfiabile e si avvicinò nuovamente alla webcam, mi disse che stava per venire e che mi avrebbe schizzato, lo vidi segarsi velocemente e poi il nulla per qualche secondo. Capii che aveva sborrato sulla webcam, poco dopo notai le macchie e lui raccolse un po’ di sborra con le dita per farmela vedere, mi disse che avrebbe voluto sborrarmi in bocca, io lo assecondai e gli dissi che avrei ingoiato ogni goccia. Volevo dirgli altro ma fui costretta a staccare il collegamento, i miei erano tornati, mi rivestii frettolosamente e feci sparire il cazzo finto, mi diedi una rapida sistemata in bagno e scesi, durante tutta la cena pensai a quella scopata virtuale e non riuscii a pensare ad altro che a volerlo rifare. Sapevo che per farlo avrei dovuto avere casa libera, io era un tipo molto rumoroso, inoltre, era più eccitante lasciarsi andare ai gemiti e sentire quelli dell’altra persona, così cercai di capire quando i miei non ci sarebbero stati. Da quel momento ogni volta che sapevo di rimanere da sola mi collegavo sulla chat in cerca di qualche porco con cui scopare e vi assicuro che c’era solo l’imbarazzo della scelta, penso di aver già scopato con più di venti uomini. Ma non ho intenzione di fermarmi a questo, ho già pensato alla prossima trasgressione, farlo in webcam con delle donne come me, il sesso lesbico mi ha sempre affascinato e in questo modo potrò avvicinarmi lentamente alla cosa e poi magari un giorno leccare una figa dal vivo. Autore: Biagio B.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.