Gli amici di papà la vera storia

Gli amici di papà la vera storia

Spread the love

gli amici di papà la vera storia
chi ha letto la prima storia avrà pensato che noiosa e bacchettona, nooo non potevo scrivere tutto mio padre mi controllava e se avesse trovato la verità mi uccideva.
Quando sono arrivata a casa di franco è andata come scritto sul primo, abbiamo limonato poi lui mi ha spogliata e sono rimasta in reggiseno e perizoma, lui mi dice vieni ti faccio vedere una cosa lo seguo in sala e trovo sul divano Massimo e Luca gli altri due della cena, sono rimasta di stucco sono diventata rossa e cercavo di coprirmi, ma non sono scappata via come avrei dovuto fare, anzi dentro di me ero eccitatissima tre uomini che mi guardavano la fantasia di quando mi masturbo, mi siedo per non far vedere che colavo umori giù per le cosce ero zuppa,franco mi dice ti abbiamo vista come ti sei eccitata quella sera a casa tua quando ci hai mostrato culo e fica e pensavamo di proporti una cosa a quattro, ma se non vuoi ti rivesti e vai via,luca mi guarda si alza mi prende per mano e mi fa alzare, mi fa fare una piroetta e dice cazzo che culo spero che tu rimanga e mi da una sculacciata mi sale il cuore a mille ero fradicia di umori mi colavano giù per le cosce e luca se ne accorge si alza mi prende e mi tira fuori le tette, io non oppongo resistenza erano loro a prendere l’iniziativa, mi tolgo il reggiseno per agevolare lui comincia a succhiarle e mordicchiare i capezzoli io gli prendo la testa frale mani e mugulo di piacere, lui continua a succhiare e mi mette una mano dentro le mutande e mi sgrilletta, non ce la facevo più tolgo il perizoma strappandolo via, mi inginocchio apro i pantaloni e gli tiro fuori il pisello, non grande ma diritto e duro come il marmo, gli altri si erano spogliati e guardavano io sbircio gli altri cazzi per vedere cosa mi aspettava franco lo avevo già visto e sentito,massimo aveva un attrezzo notevole non ne avevo mai visto uno così grosso, intanto succhiavo luca davo dei colpi di lingua sul prepuzio poi lo cacciavo in gola fino a tossire, lascio luca e mi dirigo su massimo lo prendo in mano era regale avevo un po’ di paura era grosso tanto, lo prendo con due mani e comincio a succhiare mi entrava a fatica in bocca gli faccio un lavoretto ad arte tanto bene che mi viene in bocca un fiume in piena tento di ingoiare ma è impossibile troppa e mi cola sul mento e sulle tette,il primo a prendermi è stato luca senza preamboli mi ha preso per i fianchi appoggiata al letto sollevato le gambe e mi ha penetrata, ho fatto un lungo gridolino e mi sono abbandonata alla chiavata,franco si è avvicinato e mi ha detto allora che te ne sembra, non avevo parole ero troppo eccitata lo guardo e rido, raggiungo un primo orgasmo quasi subito, mi agito e urlo tutto il mio piacere, sento luca sussultare e capisco che stava per venire con un filo di voce gli dico non dentro non prendo la pillola, due spinte esce e mi inonda la pancia di sperma, mi alzo e franco mi prende e mi gira mi bagna il buchetto del culo sento la cappella farsi strada frà le chiappe e spingere sul buco, non faccio a tempo a dire piano che sono vergine lui da un colpo deciso e il suo pisello entra per metà, faccio un urlo stavolta di dolore e tento di scappare lui mi tiene e dice calma poi passa rilassati, mi calmo e mi rilasso lui spingeva piano sente che i muscoli si rilassano e lo mette tutto dentro e comincia a pompare,non mi faceva male anzi era spettacolare godevo da matti sento che accelera le spinte e viene dentro riempiendomi io ho un susulto era caldissima, si stacca e senza preavviso vedo massimo dietro di me che mette il suo coso enorme sulle mie chiappe e spinge, entra a fatica ma entra tutto ero già larga e bagnata di sperma io non urlo rimango con la bocca spalancata ma non esce nessun suono, cavolo che dolore ho detto con voce rotta (e non solo la voce) lui ci dava dentro mi bruciava da morire poi è passato e ha lasciato il posto al godimento, massimo mi prende per i fianchi e senza uscirlo mi gira, lui sotto io sopra era un paradiso godevo come una matta impalata avevo orgasmi anali e orgasmi vaginali a raffica non capivo più nulla, si avvicina luca e mi penetra davanti, un delirio gridavo urlavo e massimo diceva e brava la nostra puttanella guarda come gode, due uomini mi prendevano e tutti e due insieme avevo sognato tante volte sta cosa ma dal vero era paradisiaca, veniamo quasi tutti e tre insieme urlando luca sulla pancia e sulle tette massimo dentro ero piena, vengo con un orgasmo delirante tremavo urlavo e facevo degli scatti inconvulsi, siamo andati avanti per ore tanto che alla fine non mi tenevo in piedi ma ero contenta e appagata, Franco mi ha riportato a casa prima di lasciarlo mi ha detto contenta? Ho riso e lo baciato grazie gli ho risposto.
Questa è la vera storia e se mio padre la scopre mi caccia da casa e mia madre mi uccide con gli altri non ci siamo più visti peccato solo alle cene ma con franco ci vediamo circa 3 volte a settimana io ho 18 anni ma lui ha 10 anni più di me, dice che mi ama ma 10 anni son tanti bo vediamo gli sviluppi io rifarei l’esperienza ma franco non vuole dice che sono solo sua….

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.