Remi ed io – Capitolo 1

Remi ed io – Capitolo 1

Spread the love

Capitolo 1
Stavo facendo una serie di lezioni agli studenti del mio liceo e stavo godendo di facce nuove e bei corpi dopo la rottura per niente amichevole col mio ragazzo degli ultimi tre anni. Il liceo era solo maschile ed ero consapevole delle attrazioni che probabilmente si sarebbero presentate ad un trentenne single nella mia situazione.

Da quando il mio ardente giovane innamorato Mike aveva fatto i bagagli e se ne era andato poco più di due mesi prima, ero triste ed incredibilmente solitario. Mike ed io avevamo avuto una vita sessuale fantastica. La nostra relazione era stata un ciclo perenne di litigi e riappacificazioni. Solo che questa volta lui non era venuto ad implorare di nuovo il mio perdono. Ed io stavo diventando sempre più arrapato mentre le notti solitarie aumentavano.

Probabilmente non era la cosa ideale aver dovuto tenere seminari di educazione sessuale ai ragazzi di prima e seconda ogni giovedì fino alle vacanze di Pasqua.
I ragazzi erano divisi in piccoli gruppi secondo il loro anno ed erano formati in modo che le classi non fossero divise per un’intera lezione. Io avrei dovuto essere disponibile anche nel pomeriggio nel caso qualche ragazzo avesse delle domande importanti a cui bisognava dare risposta. Generalmente mi piaceva il lavoro di gruppo come quello ma in quel momento mi stava facendo impazzire. Sembrava che il liceo stesse scoppiando di bei giovani maschi sulla soglia della maturità. Non ero mai stato in una scuola in cui così tanti ragazzi sembravano così maturi per la seduzione. Era difficile non guardarli, specialmente quando ne avevo uno in ufficio spaparazzato indolentemente su una sedia, evidentemente inconsapevole di quanto il suo fisico fosse invitante, mentre mi parlava audacemente sul suo bisogno continuo di sesso. Cominciavo ad aver paura del giovedì.

Tutti i ragazzi sembravano godere di una vita sessuale migliore della mia. Avevano girl friend a casa o in città o incontri bollenti con elementi del loro stesso sesso. Parlavamo di protezione, sintomi di MST ed anche di eiaculazione precoce e vari problemi erettili.
Io cercavo di calmare le loro preoccupazioni più che potevo, dicevo loro che tutti gli uomini sperimentano ansie da prestazione e la cosa migliore da fare era rilassarsi e godere la cavalcata.
La settimana precedente avevo avuto un piccolo angelo assolutamente perfetto di nome Remi, entrò nel mio ufficio e si stravaccò sulla sedia di fronte a me. Era più basso di me di una testa, fisico magro, sportivo ed una bella, leggera abbronzatura estiva visibile sotto la camicia col collo aperto. La cravatta era slacciata e portava un blazer gettato sulle spalle prima che lo gettasse sullo schienale della sedia. I capelli biondo chiaro gli scendevano dalla fronte agli occhi ma erano corti sulla nuca. Grandi occhi verde blu, del colore del mare d’estate, che mi guardavano incuriositi mentre mi diceva il suo nome: Remi Roderi, e l’età: 16 anni e tre mesi.

“Ciao Remi.” gli dissi, trattenendo il fiato mentre lo guardavo. Non sembrava abbastanza vecchio per radersi; sopracciglia e ciglia erano più scure dei suoi capelli ma non c’era ombreggiatura sul suo mento come avevo visto negli altri ragazzi di quindici o sedici anni. Le labbra erano un arco rosa perfetto sulla sua faccia, sagomate a cuore, inumidite da un piccolo colpo nervoso della lingua. “Io sono Alessio. Cosa posso fare per te?”

Ha guardato altrove per un secondo, del rossore ha colorito graziosamente le sue guance pallide. Lasciai che miei occhi lo divorassero mentre lui faceva lo schivo. Era veramente un bel ragazzo, sull’orlo della virilità. La sua posa, spaparanzato sulla sedia con le gambe larghe, per sembrare più vecchio e più sicuro di sé, tirava la grigia stoffa leggera della sua uniforme sul suo inguine, dandomi una bella visione del contorno del suo giovane cazzo e delle palle sode ed alte. Il suo uccello era appoggiato all’anca e sembrava essere approssimativamente lungo tredici o quattordici centimetri, mi sembrava che non indossasse mutande, ma era una giornata calda ed anch’io non le portavo.

“Um…” Disse goffamente. “Io… uh… è un po’ imbarazzare.”
“Non essere timido, sono qui per aiutarti in qualsiasi cosa.”
Remi guardava la finestra, non me. Non me ne preoccupai, voleva dire che potevo guardarlo un po’ di più. Aveva un accento interessante, un misto di nord e sud.
“E’ un nome interessante, Remi” Gli dissi mentre mi chiedevo pigramente come persuaderlo a spogliarsi per un completo esame fisico, volevo vederlo nudo.

“Mio papà è californiano, i suoi genitori erano messicani e norvegesi. Mia madre è franco canadese.” Remi si spostò un po’ sulla sedia e nervosamente si aggiustò le palle. “Sono nato in Canada ma la mamma ora sta lavorando in Inghilterra, lei è cresciuta qui ed hanno pensato che sarebbe stato bene per me andare a scuola qui.”
“Qual’è il tuo problema Remi?” Gli chiesi più direttamente. “Puoi dirmelo con fiducia. Non riderò, prometto.”
Quei grandi occhi simili a gioielli di acquamarina, si riportarono sulla mia faccia e lui si leccò di nuovo le labbra. Bramavo di pigiare la mia bocca sopra la sua e baciarlo lentamente e fermamente.
“È come un problema ramificato.” Disse Remi con voce sospettosa: “Io… io sembro un bambinetto. Non mi stanno crescendo i peli… sa… laggiù!” E accennò col capo verso il suo inguine, inquieto.
“Remi, hai solo sedici anni.” Lo riassicurai: “C’è molto tempo perché ti crescano i peli pubici. I ragazzi si sviluppano in periodi diversi, in alcuni non cominciano a crescere prima dei diciassette anni.”
“Ma gli altri ragazzi della mia età ridono di me.” Protestò, mentre mi guardava mortificato all’idea che era probabile che dovesse aspettare un altro anno.
“Digli che ad alcune ragazze piace un ragazzo liscio.” Risposi: “È vero. Io conosco molte donne (“ed uomini,” pensai ma non lo dissi) a cui piacciono i ragazzi lisci. Li trovano eccitanti.”
Remi si leccò di nuovo le labbra, rendendole morbide e bagnate, deliziosamente lucenti.
“Questa è l’altra cosa…” Mormorò, diventando un po’ più rosa. “Io… um… a me non piacciono molto le ragazze!”

Fui io ora a spostarmi per nascondere le contorsioni del mio cazzo quando lo disse.
“Significa che tu pensi di essere probabilmente gay?” Gli chiesi con calma.
Lui accennò col capo rapidamente: “Io penso continuamente a certi ragazzi. Penso a loro nudi e che stanno facendo certe cose con me.”
Le sue parole erano poco più di un bisbiglio. Mi chinai in avanti per sentirlo e notai che la sua giovane verga ora stava tendendo leggermente i suoi pantaloni. Misi una mano sulla sua coscia, il mio cuore batteva a mille.
“Che genere di cose, Remi? Anche ora stai pensando a quelle cose?” Gli chiesi dolcemente.
Lui accennò col capo, pudico.
“Puoi dirmi a cosa stai pensando?” Lo blandii, e mi diventava duro mentre gli carezzavo delicatamente il ginocchio e la parte superiore della gamba: “Non essere imbarazzato, Remi. È perfettamente normale volere gli altri ragazzi alla tua età. Non è niente di cui essere a disagio. Molti ragazzi sentono come te.”
Lui mi guardò quasi con gratitudine. Pensai che c’era un bagliore di lacrime nei suoi occhi ma lui sbatté le palpebre adirato.
“É successo anche a lei?” Mi chiese all’improvviso.
“Sì.” Dissi respirando appena. “E mi capita ancora.”
Remi sembrò scioccato poi sembrò rilassarsi leggermente. Guardò la mia mano sul suo ginocchio. Io la tolsi subito, tornando ad appoggiarmi indietro, notai che lui sembrava deluso.
“Dimmi a cosa pensi.” Gli chiesi con forza.
“Io… io guardo immagini su internet… immagini di uomini nudi. Mi piace guardare ragazzi muscolosi e guardare i loro cazzi.” Bisbigliò emozionato, stava respirando più velocemente e la sua faccia era arrossata: “Guardo anche alcuni ragazzi a scuola. Ho sogni in cui loro mi fanno inginocchiare e succhiare i loro cazzi. Io dico che non mi piace, signore, ma mi piace veramente. Loro entrano nella mia bocca ed io ingoio. Ho visto dei filmati on-line, signore, dove si ingoia. Io voglio veramente farlo.”
“Sei addormentato quando fai questi sogni o sei sveglio e ti meni il cazzo?” Chiesi seriamente.
Lui arrossì di nuovo. “Sia l’uno che l’altro.”
“Ti viene duro quando hai quelle fantasie, Remi?” Sondai: “Ti masturbi sino a venire?”
Lui accennò col capo alcune volte. I suoi capelli biondi si appiccicavano alle sue guance sudate e lui li allontanò dalla faccia. Potevo vedere che il suo uccello era molto duro.
“Penso che tu abbia bisogno di masturbarti adesso, non è vero?” Gli dissi serenamente.
Remi fece un altro cenno, era molto eccitato e sudato. Mi alzai, andai alla porta e la chiusi.

“Perché non ti togli camicia e pantaloni e ti masturbi?” Gli dissi a bassa voce avvicinandomi alla sua sedia e carezzandogli i capelli biondi: “Mi piacerebbe che tu mi dicessi a cosa pensi mentre ti strofini il pene eretto. Lo farai?”
Lui deglutì forte e si slacciò la camicia.
“Sì!” Ansimò.
“Bravo ragazzo. Io starò qui a guardarti. Io non ti toccherò a meno che non me lo dica tu.” Dissi ansimando anch’io.
“Ok!” Remi era già a torso nudo. Ammirai il suo magro, giovane corpo scolpito senza peli. I capezzoli rosa scuro erano già rigidi ed eretti. Avrei voluto colpirli con la lingua e leccare via il sudore dal suo torso nudo.
Si slacciò la cintura, si sbottonò la patta e tirò giù con impazienza la zip. Avevo ragione sulla sua mancanza di mutande. Il suo giovane membro duro saltò subito fuori dai pantaloni, una bella erezione rigida da quattordici centimetri. Lui si leccò la mano e la chiuse intorno alla verga pompandola con forza e velocemente. Dopo essersi masturbato insistentemente per un po’, lasciò cadere i pantaloni a mezza coscia, mostrandomi le sue palle strette, senza peli e si strofinò impazientemente i capezzoli, poi abbassò la mano ad accarezzare i suoi piccoli testicoli sodi.

Mi era diventato duro nei pantaloni mentre lo guardavo accarezzarsi e tirarsi i capezzoli.
“A cosa stai pensando, Remi?” Bisbigliai affamato, guardando il ragazzino biondo che giocava pigramente col suo cazzo e le sue palle. Le sue dita si contrassero di nuovo intorno al suo uccello e le trascinò rapidamente sulla gonfia cappella rosa, carezzandola col pollice. Brillava di pre sperma: “Dimmi cosa vuoi, Remi.”
“Mmmmm…. Uhhhh… io voglio… voglio sborrare…!”
“Di cosa stai fantasticanco, Remi? Dimmelo.” Io stavo anelando, il mio uccello era teso contro la mia patta.
“Ahhhh… io… io sono con un uomo… un uomo più vecchio di me! Lui è molto bello e ce l’ha duro… mi sta tenendo i capelli e sta spingendo il suo pene con forza nella mia bocca. Uhhh… Ohhhh! Sto succhiando il suo cazzo sudato e grosso. Io sono in ginocchio di fronte a lui e sono… ohhh… sono nudo…. O di… o Ohhh… vengo!”

Rabbrividì e si lamentò mentre il suo giovane pene espelleva quattro o cinque begli sprizzi di succo cremoso di ragazzo sopra il suo torace ansante e sulla pancia. Anch’io gemetti, il mio cazzo mi dava dolorosamente fastidio nei pantaloni a vedere il ragazzo che godeva davanti a me. Rapidamente mi inginocchiai e cominciai a leccare via sudore e crema del cazzo dalla sua pelle morbida e pallida. Lo sperma di Remi aveva un sapore sublime ed io lo volevo tutto. Avvolsi la lingua ai suoi capezzoli sensibili, mi abbassai a succhiare la testa del suo cazzo, facendo scivolare la lingua nella sua piccola fessura stuzzicandolo.
“Ohhh… che bello!” Gemette: “Sono così…. Ohhhh!”
“E’ veramente bello dopo, non è vero?” Bisbigliai, soffiando delicatamente sulla sua giovane verga: “Anch’io mi sento veramente sensibile dopo essere venuto.”

Liberai dai pantaloni la mia erezione che si alzò di fronte a lui, mostrandogli il mio grosso cazzo duro di venti centimetri. I begli occhi verde blu di Remi si allargarono mentre lo fissava anelando di desiderio.
“Vuoi succhiarmi, Remi?” Chiesi audacemente. “Ho bisogno di sparare il mio carico. Ed il tempo del nostro incontro è quasi finito. Mi succhierai ed ingoierai il mio sperma prima di tornare in classe?”
Lui accennò immediatamente col capo. Io gli carezzai i capelli umidi di sudore.
“Togliti completamente camicia e pantaloni…” Gli dissi: “Ti voglio nudo mentre ti fotto la bocca.”
Lui ubbidì senza dire una parola, togliendosi camicia e cravatta e lasciando cadere i pantaloni, poi scese su di me. Io mi tolsi la camicia e lasciai cadere i pantaloni alle caviglie, poi sentii la sua bocca bagnata e morbida sulle mie palle pelose. Mi lamentai di piacere mentre il ragazzo semi nudo succhiava le mie grosse noci pelose e strofinava il mio cazzo duro e lungo. Poi foggiò a coppa le mie palle con una mano e con le dita dell’altra strette intorno alla mia asta, tirò la grossa testa a fungo del mio pene sbavante nella sua bocca e gli diede una lunga, lenta succhiata. Quasi sparai subito il mio carico nella sua bocca aperta.
Afferrai i suoi morbidi capelli biondi e spinsi il mio uccello nella sua giovane bocca, pompando profondamente nella sua gola; lo sentii rantolare e soffocare mentre io prendevo il mio piacere tra le sue mascelle. Tuttavia lui non lottò o tentò di mordermi, continuava solo a strisciare le mani su ed in giù sulle mie cosce pelose e muscolose tentando di succhiare e prendermi profondamente in gola, come pensava che io volessi.

‘Bravo ragazzo!’ Ho pensato con gratitudine mentre affondavo la cappella nella sua laringe stretta e fottevo con forza, tirandomi poi indietro lasciandogli in bocca solo la punta.
“Succhialo!” Dissi al giovane che tossiva.
Remi succhiava come una piccola puttana. Io gemetti ancora e spinsi il mio sesso nella sua gola, godendo della stretta intorno al mio glande palpitante. Tre o quattro volte glielo feci prendere completamente in gola. La quarta volta lo estrassi a metà e bisbigliai: “Prendi tutta la mia sborra, Remi. Tu sei il mio giovane, dolce succhiacazzi!”
Sentii il suo piccolo cazzo rosa spingere contro la mia gamba pelosa mentre io finalmente avevo il benedetto sollievo sessuale che desideravo insistentemente da settimane. La mia crema d’uomo esplose ancora ed ancora nella bocca dello studente ed io guardai felice lo sperma gocciolare giù per il suo mento mentre lui lottava per ingoiarlo tutto. Il suo orgasmo era caldo e bagnato contro la mia coscia. Sentii un palpitare di soddisfazione per averlo aiutato anche a realizzare la sua fantasia e probabilmente l’avevo fatto eccitantemente come lui sperava.

“Lecca via il tuo sperma dalla mia gamba prima di vestirti!” Gli dissi, lui si acquattò e leccò obbediente la sua sborra, poi andò a lavarsi faccia e mani nel bagno adiacente il mio ufficio.
Quando fummo puliti e vestiti gli dissi di venirmi a trovare di nuovo il giovedì successivo.
“Penso che tu abbia ancora dei problemi da risolvere, non è vero, Remi?” Gli bisbigliai in un orecchio mettendogli nella tasca dei pantaloni il mio biglietto col numero di cellulare: “Altre cose che ti piacerebbe che degli uomini facessero al tuo giovane corpo eccitante con i loro grossi cazzi duri?”
Lui accennò col capo mentre arrossiva. Le sue labbra erano ancora bagnate e lucenti ed i suoi occhi erano febbrilmente brillanti. La giovane verga stava ancora spingendo i suoi pantaloni e capii che sarebbe tornato molte altre volte.
“Le esploreremo più completamente la settimana prossima.” Gli promisi mentre aprivo la porta dell’ufficio e mandavo la piccola puttana arrapante alla lezione che stava per iniziare.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.