TRADIMENTO INASPETTATO

TRADIMENTO INASPETTATO

Ho deciso di raccontare questa storia realmente accaduta forse un po per esorcizzarla, Non dirò nomi ne citerò luoghi precisi che possano far risalire a me o a mia moglie. Circa sei mesi or sono mia moglie mi dice di avere dei disturbi addominali abbastanza frequenti, non particolarmente importanti ma fastidiosi, e che avrebbe fatto quindi un controllo medico. Siamo sposati da più di dieci anni, mia moglie è davvero una bella donna. Alta un metro e settanta , bionda naturale un bella terza taglia con due tette sode che stanno su anche senza reggiseno con due capezzoli scuri due cosce slanciate e soprattutto un culo da paura bello sodo che sembra stare a pecorina quando è in piedi, il tutto tenuto in bella forma da costanti sedute in palestra. La nostra vita vita sessuale scorre in maniera oserei dire monotona si scopa in modo tradizionale mai un pompino, mai una leccata di figa il culo neanche a parlarne MI FACCIO MALE questa è stata sempre la sua rispostaI. il mio lavoro mi impegna tantissimo tanto che quando mia moglie si recò per fare il controllo medico ci andò da sola. La sera a casa mi disse che era andata dal medico, aveva fatto una ecografia addominale e che non era nulla di importante, avrebbe dovuto fare una terapia di 15 giorni con delle pillole e una dieta alimentare e poi rifare un controllo che aveva provveduto già a prenotare con un appuntamento serale alle venti in modo che anche io la potessi accompagnare. Figurarsi dopo quindici giorni io mi ero completamente dimenticato dell’appuntamento ed avevo già preso una serie di impegni per il lavoro, per cui mia moglie rassegnata mi disse che ci sarebbe andata da sola. Durante la giornata la cosa mi sfuggì di mente. Nel tardo pomeriggio alcuni appuntamenti saltarono, a quel punto decisi di raggiungere mia moglie allo studio medico, che conoscevo bene per esserci già stato altre volte, e per non sentirmi dire che come al solito nei momenti importanti non ci sono mai. Erano circa le 20 e 15, quando arrivai allo studio. Stavo per bussare alla porta quando questa si aprì e ne uscirono due signore con cartelle cliniche in mano che mi lasciarono entrare senza che io bussassi. Entrai nello studio che è abbastanza grande essendo un poliambulatorio e le luci erano spente, si intravedeva una luce in fondo ad un corridoio ma non si sentivano ne voci ne rumori. Mi avvicinai verso la stanza da dove veniva la luce in modo silenzioso non sapendo se mia moglie fosse lì, e presi il cellulare per chiamarla quando sentii la sua voce che parlava con il dottore e diceva che si sentiva molto meglio e che aveva seguito tutti suoi consigli. Spensi il cellulare e mi avvicinai alla stanza. Da un anfratto del corridoio senza essere visto potevo vedere gran parte dello studio compreso il lettino medico, facilitato da un grosso specchio con listelli di legno usati come attaccapanni. Una strana sensazione mi invase la mente mi eccitava l’idea che mia moglie fosse visitata da un medico senza la mia presenza. Rimasi nascosto in silenzio. Il dottore invitò mia moglie ad abbassare un po’ i pantaloni e distendersi sul lettino per fare l’ecografia. Mia moglie sbottonò i pantaloni e li abbasso un po’ tanto che un piccolo ciuffo di peli della sua figa uscirono fuori. Il dottore cominciò a passare una sonda sulla pancia di mia moglie elencando gli organi addominali e dicendo che era tutto a posto. L’esame durò circa 10 minuti ad un certo punto il dottore disse che per vedere meglio avrebbe dovuto fare una ecografia trans vaginale. Va bene disse mia moglie. Il dottore la invitò ad alzarsi ed a togliere i pantaloni e gli slip per fare l’esame. Mia moglie si alzò e sparì dalla mia visuale per ricomparire subito dopo, ma con mio enorme stupore abbigliata come una troia. Calze nere di filo trasparenti con una riga posteriore che si fermavano alle cosce, auto reggenti. Un perizoma nero di pizzo tutto trasparente che lasciava intravedere tutta la sua figa quasi tutta depilata solo con un bel ciuffo sulla parte superiore, e con un filo che le passava nel culo che era praticamente tutto nudo. Un reggiseno di pizzo che a stento copriva le tette con i capezzoli che erano già belli dritti e turgidi. Non l’avevo mai vista così, e non sapevo nemmeno che avesse questo tipo di abbigliamento intimo. ero frastornato. Va bene così disse mia mia moglie, certo, disse il dottore che avvicinandosi le cominciò a palpare il culo prima con una mano e poi con tutte e due. Le infilò una mano tra le gambe e le sfilò il perizoma, mentre mia moglie si sfilava il reggiseno restando solo con le calze e le scarpe con il tacco. La prese per mano e la fece stendere sul lettino mettendole le gambe divaricate su due staffe in posizione ginecologica. In quella posizione mia moglie era completamente aperta con tutta la figa in bella mostra con le due grandi labbra carnose belle grosse che il dottore cominciò a toccare. Infilo le dita nella figa di mia moglie, ma come siamo bravi è tutta bagnata siamo già pronti disse mentre prendeva una sonda lunga e sottile che infilò nella figa di mia moglie. La sonda sparì tutta nella figa di mia moglie che dopo un sussulto cominciò a mugolare. Il dottore muoveva la sonda non come per fare un esame ma come per scoparla. Ero frastornato e nello stesso tempo eccitato, ma il colpo di grazie arrivò subito dopo. Come spuntato dal nulla ,spuntò un ragazzone nero completamente nudo con un cazzo enorme e una cappella grossa e lucida, si avvicinò a mia moglie e stringendole con una mano i capelli e con l’altra il viso le infilò tutto il cazzo enorme in bocca. Il cazzo era talmente grande che all’inizio mia moglie tossì ed ebbe conati di vomito. Il nero incurante gli infilò di nuovo il cazzo in bocca e cominciò a scoparla nella bocca entrava ed usciva dalla bocca di mia moglie che adesso cominciava a spompinarlo. A me non l’aveva mai fatto e non immaginavo che potesse essere così brava. Leccava e succhiava quel cazzo nero enorme in maniera eccezionale. Leccava le palle e poi faceva sparire tutto il cazzo fino alla gola mentre con la mano lo segava. Il dottore nel frattempo si era svestito ed anch’egli con un cazzo bello grosso cominciò a scoparsi  mia moglie nella figa. Gridava di piacere, diceva ancora più forte di più. Dopo circa dieci minuti, il dottore si cambiò di posizione con il ragazzo nero, il quale senza perdere tempo infilò il suo cazzo enorme nella figa di mia moglie che sussultò gridando di piacere, ritrovandosi subito il cazzo del dottore in bocca che cominciò subito a succhiare. Lo segava e lo succhiava con strema abilità. Non so quanti orgasmi abbia avuto era completamente in balia dei due uomini. Il dottore le tolse il cazzo dalla bocca, si avvicinò al lettino spostò il ragazzo nero e invitò mia moglie a togliere le gambe dalle due staffe che prontamente rimosse dal lettino. Lasciandola all’impiedi solo abbigliata con scarpe alte e calze autoreggenti, la fece girare  a pecorina mettendo il culo in bella mostra rivolto vero la sua faccia. Con le mani le allargava le natiche e cominciò a leccarle il buco del culo. La fece adagiare  a pancia in giù sul lettino mettendole sotto la pancia una specie di cuscino di gomma che fece gonfiare un po mettendola praticamente con il culo bello esposto. Con un dito cominciò a strofinarle del gel sul buco del culo ogni tanto entrava con il dito nel culo tanto che mia moglie ad ogni penetrazione saltava. Io ero in preda ad una eccitazione incontrollabile, avevo un cazzo duro nei pantaloni , e non osavo pensare cosa sarebbe successo da li a poco visto che mia moglie non lo aveva mai preso nel culo. La cosa durò qualche minuto, ad un certo punto mia moglie si girò, dicendo che poteva bastare così che non lo voleva nel culo che era vergine e che il cazzo del ragazzo nero era enorme e che l’avrebbe sfondata. Il dottore la tranquillizzò, la baciò sulla bocca le accarezzo di nuovo il culo dicendole che doveva stare tranquilla e che all’inizio sarebbe stato doloroso ma poi avrebbe goduto tanto, e che comunque l’avrebbe inculata lui. Mia moglie con qualche titubanza si riposiziono di nuovo sul l
ettino a pancia sotto e con il culo in bella mostra aiutata dal dottore che la posizionò per bene. Ricominciò a lubrificare il buco del culo con il gel infilando le dita nel buco del culo di mia moglie, mia moglie cercava di girarsi per capire cosa succedesse ma il ragazzo nero le teneva la testa e le dava piccoli colpi con il cazzo sul viso e le diceva di stare ferma. Il dottore si posizionò dietro mia moglie e le poggiò il cazzo sul buco del culo dando piccoli colpi. Mia moglie diceva mi faccio male fai piano. Il dottore dava solo piccoli colpi e poi si fermava, poi ricominciava sempre con piccoli colpi ma un po’ più frequenti. Ad un certo punto le disse di rilassassi al massimo e con  delicatezza ma con un unico movimento le infilò tutto il cazzo nel culo  senza fermarsi. Ci fu un grido di dolore di mia moglie, la sentivo piangere, ma il dottore continuò a trapanarle il culo con movimento costante senza fermarsi con delicatezza ma infilandole tutto il cazzo nel culo entrava ed usciva adesso con maggiore frequenza. Mia moglie continuava a piangere ma non si ribellava anzi cominciò a spompinare il ragazzo nero che le teneva la testa tra le mani impedendole di girarsi. Il dottore le stava sfondando il culo adesso sentivo solo gridolini piacere. MI HAI ROTTO IL CULO diceva. Fù la volta del ragazzo nero che tolto il cazzo dalla bocca di mia moglie le si posizionò dietro, il dottore tolse il cazzo dal culo di mia moglie, che nel frattempo girava la testa per cercare di guardare cosa succedeva, il dottore con le mani divaricò le natiche in modo da mettere bene in evidenza il buco del culo di mia moglie ormai tutto aperto. Il ragazzo nero con il suo cazzo enorme si avvicino al culo, mia moglie con la mano guido quel grosso cazzo verso il suo buco del culo. Con un solo colpo il nero infilò tutto il cazzo nel culo di mia moglie che gridò a squarciagola. Il colpo fu così forte che mia moglie più volte picchiò la testa contro la spalliera del lettino. Le trapanava il culo con tale forza che mia moglie sembrava una canna di bambù piegata dal vento. Il dottore le venne copiosamente in bocca costrigendola ad ingoiare tutto lo sperma. Subito dopo il ragazzo nero le venne nel culo con lo sperma che colava sulle cosce e con il buco del culo pieno di sperma. Si fece ripulire il cazzo da mia moglie che lo leccò come fosse un gelato. Il ragazzo nero aveva ancora il cazzo in tiro, mia moglie in preda ad una folle eccitazione lo fece stendere sul lettino gli montò addosso ed infilatosi con la mano il cazzo nella figa cominciò a scoparselo. Il ragazzo nero le stringeva le tette tra le mani e poi le posizionava sul culo con forza per accompagnare il movimento di mia moglie che se lo scopava. Il dottore che non aveva più il cazzo in tiro lo mise moscio in bocca a mia moglie. Bastarono poche slinguate per farglielo tornare dritto. Si posizionò dietro mia moglie le allargo il culo e con un unico movimento le infilò tutto  il cazzo nel culo. Adesso aveva contemporaneamente una cazzo enorme nella figa ed un cazzo che le trapanava il culo, godeva come non mai. Io ero venuto nei pantaloni, tremavo non sapevo cosa fare. Non so quanto sia ancora durato e non so cosa sia successo dopo. Andai via tornato a casa tolsi i pantaloni infilai gli slip in lavatrice feci una doccia ed aspettai. Dopo circa un ora torno mia moglie era sconvolta. Mi disse piangendo che aveva da dirmi una cosa spiacevole. Mi raccontò che aveva avuto un rapporto sessuale che non sapeva come fosse successo e che era pentita che non sarebbe successo mai più. Ovviamente non mi disse del ragazzo nero dei pompini e soprattutto delle inculate, non poteva sapere che io avevo visto tutto. Il nostro rapporto è ovviamente cambiato ma non posso dire altro

FavoriteLoadingAggiungi ai tuoi preferiti