Una giornata diversa

FACCIAMO SESSO AL TELEFONO! CHIAMA IL 899005022 O CLICCA QUI

Una giornata diversa

Spread the love
Una domenica diversa
Il fatto avvenuto col cane.
Era una domenica d’estate e i miei erano andati in campagna,
dopo aver pranzato, ero rimasta sola a casa col mio cane “sansone” finito di rassettare la
tavola e lavato i piatti mi misi a guardare la tv, ero seduta in poltrona e
sansone era accucciato a terra ai miei piedi, dopo un po’ sentii qualcosa di umido sulle gambe
era lui che aveva iniziato a leccarmi le gambe facendo andare la lingua fino alle
ginocchia; quella lingua che leccava le mie gambe, pian piano mi fece sentire una
voglia dentro e anch’io iniziai ad accarezzare lui, avevo la gonna e mi sentii di aprire
un po’ le gambe, fatto questo il cane si intrufolò col muso sotto la gonna
leccando le cosce; io allargai ancora di più e lui arrivò a leccare la
mutandina, appena sentii la lingua sulla fica diedi un gridolino di piacere e notai che il cane era eccitato; l’uccello gli si era scappellato ed ingrossato.
mi spogliai restando con una leggera maglietta intima, chiamai il cane che riprese subito
ad annusarmi ovunque ma più insistentemente lì sulla fica, a quel punto, il contatto con quel naso bagnato mi fece venire la pelle d’oca e lui di sicuro sentiva che ero eccitata
perché cominciò a leccarmi come un bambino farebbe con un
gelato.
La mia eccitazione cresceva sempre di più, così mi misi in ginocchio
e cominciai a stimolare l’uccello per la seconda volta, la cosa gli piaceva
perché cominciò a rantolare, andai avanti così per alcuni minuti, poi, quando
mi sentii pronta, mi misi a 4 zampe per assumere una posizione più agevole per lui e chiusi gli occhi.
Sansone riprese a leccarmi sempre di più, da dietro mi leccava fica ed il culo, la mia eccitazione era all’orlo, quando sentii le zampe del cane cingermi
la vita e qualcosa di duro, caldo e bagnato cercare il mio buchino! Non riusciva, così portai la mia mano in mezzo alle gambe,
da sotto, per guidarlo mentre lui spingeva, mi penetrò con una dolcezza e con un
desiderio come se fosse stato un uomo, io ansimavo e gridavo lui iniziò a
sbattere forte sempre più veloce, sentivo il suo pelo sulle natiche e sulla
schiena, la cosa mi eccitava ancora di più stavo quasi per godere mi girai
lo feci stendere e iniziai a masturbarmi con una mano mentre con l’altra dopo averla bagnata con i succhi della mia fica, presi il suo l’uccello e iniziai a menarlo su e giù’ velocemente, mi misi seduta a terra con la gamba sinistra in mezzo alle gambe del cane vedendo come gli cresceva il cazzo diventando sempre più grande, per fortuna non lo feci restare dentro visto che avevo avuto pochi rapporti, me l’avrebbe slabbrata. dopo poco godemmo assieme facendolo sborrare sulla mia coscia. mi misi un po’ distesa e mentre spalmavo la sborra sulla coscia con la mano, lui si alzo’ e si
mise di nuovo col muso sulla fica leccandomi di nuovo, in poco più di un minuto di trattamento mi fece godere di
nuovo……… fine
 


ASCOLTA AUDIO LIBRI EROTICI - PROVA 30 GIORNI GRATIS

3 thoughts on “Una giornata diversa

  1. dubbioso

    il cane non fa differenza tra una femmina cagna e un femmina umana, percepisce gli odori intimi femminili detti ferormoni e quindi scatta in lui l’istinto di accoppiamento, nel mondo dei cani accade due volte l’anno, ma la femmina dell’essere umano e pronta sempre emano sempre tutto l’anno questi odori particolari che accendono l’eccitazione del cane, specialmente quello di casa che ha poche o per nulla occasioni di incontrare le cagne quadrupedi, per lui la femmina con cui accoppiarsi è una di famiglia bipede.
    E’ giusto, sbagliato, immorale, perverso? Forse si, non lo so, comunque so con certezza che la nostra società così detta evoluta ha esagerato nell’esprimere affetto agli animali, fino a umanizzarli facendogli confondere l’istinto naturale.
    Saranno contente le donne che ne godono delle loro prestazioni, noi uomini molto meno.

     
  2. Marco

    tork53 per essere il primo racconto zoofilo che leggo è bellissimo e intrigante per tutto lo svolgimento, complimenti.
    Volevo farti una domanda, ma vorrei fartela in privata e per questo ti lascio il mio contatto mail: [email protected]

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.