The Handyman (Cap 6) – La trans Satin

The Handyman (Cap 6) – La trans Satin

Spread the love

“Hijo de puta, devuèlveme mi dinero” Ecco a voi Satin.
Entrò di corsa dal portone, riattaccando il cellulare – “Scusa tesoro, non c’è l’avevo con tè, ma con quello stronzo di mio fratello”.
Lasciai passare inosservato, che aveva chiamato figlio di puttana suo fratello e gli consegnai la posta.
Ancora arrabbiata mi guardò – “Ho mandato cinquantamila euro ai miei genitori, per le spese, e lui se li è intascati tutti”
“Mi dispiace” – Che altro potevo dire.
“Senti Ale, ho comprato un nuovo materasso, mi aiuti a portarlo di sopra?”
“Bhe mi pagano per questo, no?”
Mi diressi verso l’ingresso dove c’era un enorme materasso matrimoniale – “Quelli stronzi dei fattorini non me l’hanno voluto portare di sopra, solo perché sono una trans” – lo disse con rassegnazione – “Come se appena entrati in casa mia, gli avrei inculati per bene”.
“Bhe non sanno quello che si perdono”
“Sei il solito cretino” – E si mise a ridere.
Ora come cavolo facevo a portare un materasso che pesava 20 kl, al secondo piano?. Per fortuna mi ricordai del carrello che era in sgabuzzino, e del montacarichi esterno. Chi aveva progettato quel condominio aveva pensato proprio a tutto. Quindi fu più facile del previsto, anche grazie all’aiuto di Satin, visto che era molto forte.
“Lascialo pure appoggiato a quel muro tesoro, ci penserà il mio ragazzo a metterlo a posto” – Io non sapevo neppure che avesse un ragazzo – “Del resto è colpa sua se abbiamo sfondato quello di prima. Oddio io gli ho dato una mano”.
“Bene, se non hai altro da farmi fare. Torno al mio posto di lavoro”
“Dai che non ti corre dietro nessuno. Vuoi qualcosa da bere?”
“Bhe, io sono sempre ai vostri ordini, quindi se ha una Coca fresca la prendo volentieri”
“Arrivo subito, intanto accomodati sulla poltrona”
Tornò con una lattina di Coca-Cola per me e una birra per lei e si sedette davanti a me. Sul tavolino che ci separava, c’era un vassoio pieno di preservativi. Strano posto dove metterli.
“Sai, tu sei uno dei pochi che mi tratta come se fossi una donna vera”
“Bhe io credo che lei sia davvero bellissima, e poi lascia sempre mance generose” – e sorrisi.
Ora sinceramente, e sono sicuro che farò arrabbiare tante persone, ma la maggior parte delle trans è veramente orribile e si nota sempre che sono dei maschi. Lei no. Il chilurgo aveva fatto proprio un bel lavoro e sicuramente di suo aveva già una bella base.
Io ho sempre adorato le colombiane, le trove tra le donne più sexy al mondo. Satin aveva una bella pelle bronzea, un viso delicato con due occhi nerissimi. I suoi capelli erano lunghi e neri, denti bianchissimi. Un colpo scolpito da ore di fitness. Sia il seno sia il sedere erano di marmo. Del resto erano finti. Certo in mezzo aveva una sorpresa, ma come avete appreso in precedenza, io non disdegnavo.
“Ale sai come mai voi maschi desiderate, così ardentemente, noi trans”
“Non so forse trasgressione”
“Sai non solo, la questione è un po più complicata.” – dopo aver accavvallato le gambe – “Sai spesso è un atto liberatorio, perché permette di soddisfare le proprio voglie omosessuali, in fondo siamo in molti a essere bisessuali, senza mettere in discussione la propria eterosessualità. Inoltre” – Si alzo in piedi – “Noi sappiamo esattamente come soddisfare sessualmente un altro uomo. Soprattutto dal punto di vista orale”.
“Bhe io non ho molta esperienza in quel campo, ma mi fido delle sue parole”
“Sai forse non ti ho ringraziato, mai a dovere, per i tuoi servizi” – Si abbassò la zip del vestito e mi mostro le tette – “Bhe non sono come le tette della tua ragazza, ma dai non sono male”
“Ex ragazza. E si non sono male”
“Mi dispiace amore, ma immagino che lavorare qui sia complicato per tutti, ora leccale” – e avvicinò le sue tettone alla mia bocca e mi afferrò il cazzo con la mano destra.
Io iniziai a leccare quelle tette, anche se il seno rifatto, non mi era mai piaciuto molto.
“Sai, forse potresti farmi dimenticare quello stronzo di mio fratello per qualche minuto”
Si chinò lentamente, guardandomi sempre dritto negli occhi, mi tolse completamente i pantaloni e il mio cazzo schizzò sull’attenti. Mi era proibito portare le mutande. Giocò con le sue dita sul mio cazzo duro.
“Bene, quindi è vero quello che si dice in giro. Sei messo bene quasi come il mio ragazzo”
Si raggruppò i capelli con una coda. Sempre guardandomi, mi prese in mano il mio cazzo duro, e inizio a massaggiarlo lentamente e in modo delicato. Si avvicinò con le sue labbra, cazzo non mi toglieva mai gli occhi di dosso. Apri la bocca senza sfiorare la mia cappella, poi giocò con le sue labbra, sali e scese sempre lentamente. Mi scappellò il pene e mi succhiò con passione il glande. Nello stesso tempo con una mano me lo masturbava e con l’altra mi stimolava il buco del culo. Passò la sua lingua sul mio prepuzio ed ebbi di brividi. Poi, afferrandomi con decisione il cazzo, la fece scendere fino alle palle. Risalì e me lo succhio nuovamente. Ci sputò sopra.
“Ti piace la mia bocca vero, stronzo?”
Io non riuscivo a reagire, e lei riprese a succhiare.
“Ora da bravo metti le gambe sui bracioli”
Sempre stimolandomi il pene con le sue dita, si mise a leccarmi il buco del culo. Non solo me lo stava leccando, ma me lo stava proprio scopando.
“Non ricordo cosa hai detto quando ho parlato dei facchini?”
“Che non sapevano quello che si perdevano”
“Già giusto”
Si alzò in piedi e sotto il suo vestito si intravedeva il suo cazzo duro. Se lo alzò, si era proprio duro. Prese uno dei preservativi sul tavolo. Se lo infilò sul cazzo.
“Sai deformazione professionale, lo sai che l’apertura del canale anale è ricca di terminazioni nervose, questo comporta una maggiore eccitazione.”
Apri un cassettino del tavolino, prese dei quanti in lattice, forse esagerava, e un lubrificante a base d’acqua. Indossò i guanti, spalmo il lubrificante sul mio culo.
“Ora tesoro lo sai che devi rilassarti” – poi premendo il dito medio sul mio buchetto – “A proposito da quanto non mangi”
“Circa 5 ore”
“Benissimo”
Fece entrare lentamente il dito, mi stimolò il retto, e lo fece girare dentro. Io forse mi stavo rilassando troppo e il mio pene si stava ammosciando. Lei prontamente me lo prese con la mano sinistra e, con la sua solita delicatezza, inzio a segarmi e mi baciò con la lingua.
“So quello che faccio”
Tirò fuori il dito medio, lo incrociò con l’indice e mi massaggio l’ano ancora più velocemente. Ogni tanto si chinava e mi data un leggera leccata al glande.
“Ora tesoro sei pronto”
Mise anche un po’ di lubrificante sul suo cazzo. E avvicinò la cappella al mio buco. E mi penetrò sempre lentamente. Aveva tutta la calma del mondo.
“Afferrami le tette”
Lo feci subito. Lei mi allargo sempre di più la gambe e inzio a pomparmi il suo coso dentro di me.
“E’ da un po’ che non ti inculano a dovere”
Io ansimavo, la mia testa era completamente libera. L’unica cosa che pensavo era il suo cazzo dentro di me e di quando fosse abile quella puttana.
“Sei la mia puttanella vero?” – Ma che cazzo aveva letto nella mia testa?.
Spinse ancora piu forte. Sentivo la mia prostata stimolata come non mai. La sua mano continuava a masturbarmi. All’improvviso trasalì. Riconoscerei quei gesti ovunque, era venuta. Non mi tolse il cazzo dal culo e mi incitò – “Vieni bastardo”
Ormai mi segava solo la cappella, mi faceva un male cane.
“Certo che duri molto”
Tolse il cazzo dal mio culo, si chinò, si mise il cazzo tra le tette. Strinze quella cose di gomma intorno alla mia asta. Mi succhiò la cappella, scopandomi con il seno. Io subito le sborrai nella sua gola. Mi asciugò la cappela con la sua lingua, e con lo sperma ancora dentro la bocca, mi baciò.
Cazzo avevo tutto il mio sperma in bocca.
“Ora tesoro puoi tornare al lavoro” – Lo disse senza nessun sentimento.
Io bevetti la coca, ormai diventata calda, ma dovevo pulirmi la gola. Mi rimidi i pantaloni e la salutai.Appena sul pianerotto incontrai Antonella.
“A eri da Satin.. non importa. Ti ho cercato in tutto lo stabile” – Si sistemò i capelli – “Per caso nel tuo sgabuzzino, hai una videocamera?”
“Credo di si. L’ha usata Silvy per fare un video promozionale del condominio”
“Bene, allora prendila e stasera dopo cena vieni nel nostro appartamento, ci devi davvero dare una mano”
“Ai suoi ordini generale” – era un nostro piccolo gioco.
“Si riposi soldatino” – Mi baciò – “allora ci vediamo alle 21, cerca di essere puntuale”.
Lei entrò nel suo appartamento, io invece scesi di sotto a procurarmi la telecamera.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.