Profondamente nel culo

Profondamente nel culo

Spread the love

Sto passeggiando con un mio amichetto, andiamo a prendere un gelato.
“Sai, ieri Umberto il catechista mi ha detto che all’oratorio l’avete fatto alla grande. Vestito come una principessina te lo sei preso tutto ed è arrivato così profondo che quando l’ha tirato fuori in cima c’era la merda ed altra robaccia che hai dentro. Io gli faccio solo le seghe e un po’ in bocca, mi ha detto questa cosa per invogliarmi a dargli il culo, che non è difficile prenderlo, ma io per ora niente”.
Tutto quello che diceva era vero.
L’amichetto sa che Umberto mi incula da quando vado al catechismo, ogni volta dopo la dottrina, generalmente una volta la settimana, a volte due. Che mi fa travestire, ha delle cose da femmina nascoste lì, mutandine, reggiseni, vestitini, scarpine col tacco, rossetto, fard, mascara, io mi sto rendendo conto che fare questo mi piace tanto, li sento veramente miei.
Quel posto gli torna comodo, insospettabile, mia madre mi lascia con lui perché lì sono al sicuro e torna a prendermi dopo il lavoro, passano ore. Umberto va all’università, studia teologia ed è un bravo ragazzo, devoto. Ce l’ha grosso ma soprattutto lungo, veramente lungo.
A volte, quando, dopo essermi sistemato, sto piegato davanti a lui, me lo appoggia sopra, partendo dal culo mi arriva a metà della schiena.
Fino all’inculata dell’altro giorno non era riuscito a infilarlo tutto, io sono piccolo, arrivava fino ad un certo punto poi trovava un ostacolo, una curva, una strettoia, non so, e non andava più avanti di lì, se ci provava mi faceva male, mi colpiva dentro la pancia ed io mi lamentavo e lui si fermava.
Intendiamoci, se gli do il culo penso che è perché mi va, anche se mi hanno insegnato così, a essere femmina obbediente e non potrei fare diversamente, però questa volta è stato veramente doloroso, più della prima volta, quando mi ha sverginato mio cugino.
Ero alla pecorina, il corto vestitino rosa tirato su, Umberto mi ha leccato il buco, ci ha sputato e me l’ha messo dentro, giù fin dove arriva sempre, poco più di metà del suo cazzo, si è fermato un momento poi, questa volta, ha ripreso a spingere.
“Ahiaa! Mi fa male Umby, fermati… fai piano” gli ho detto, sperando che desistesse, invece mi ha risposto che voleva darmelo tutto, che era ora.
Questa cosa doveva eccitarlo tantissimo, perché così duro non ce l’aveva mai avuto.
Un male cane, da piangere, però, ad un certo punto ho avvertito che qualcosa dentro aveva ceduto, si era spostato, lui era entrato fino in fondo, sentivo i peli del suo pube sul mio culo.
“Cazzo! Ti ho raddrizzato la curva dell’intestino!” aveva esclamato Umberto, esultante.
Io stavo lì e lui si muoveva dentro di me, adesso scorreva avanti e indietro, per tutta la lunghezza senza incontrare ostacoli. Lo tirava fuori, lo rimetteva dentro e wroom! Arrivava fino in fondo.
Un dolore sordo era rimasto, non più così acuto ma era costante.
“Umby, dai ti finisco con le mani… con la bocca” lo ho implorato.
Detto questo si era deciso a tirarlo fuori, vicino all’orgasmo, era effettivamente sporco di merda, striato di sangue.
“Dai, fai come hai detto!”.
“Ma è tutto sporco” ho piagnucolato io.
Lì vicino c’era un rotolone di carta assorbente, se ne é passato un pezzo sull’uccello.
“Adesso va bene, dai, succhia, però fammi vedere le tette”. Anche se, in realtà, tette non ce ne sono, solamente due piccoli capezzoli, insignificanti, ma a lui bastano.
Era ancora sporco, ho sospirato e gliel’ho preso in bocca, sapeva di merda e puzzava quasi mi veniva il vomito, facevo su e giù con la testa respirando forte col naso.
Mi teneva per i capelli, ce li ho lunghi e ricci, non me li faccio tagliare.
Dopo poco è venuto, un po’ lo sputata l’altra l’ho bevuta.
Non gli ho raccontato tutto all’amichetto, solo del cazzo tutto dentro ma non della merda in bocca.
Ma lui lo sapeva. Mi domanda se mi ha fatto proprio così male, perché va a finire che il culo glielo deve dare anche lui, perché Umberto e l’altro catechista insistono e dovrà obbedire.
L’amichetto è carino, quasi quanto me, ha la mia età. A loro piacciono quelli come noi. Vorrebbero che si vestisse come una femminuccia anche lui, ma per adesso non lo ha mai fatto.
Rispondo che fa male ma poi passa.
A proposito, anche l’altro catechista mi scopa ma non così spesso come Umberto perché lui non c’è sempre alle lezioni e ce l’ha piccolo, corto.
Lo sento appena.
A raccontare queste cose ci è venuta voglia, ci infrattiamo poi ci seghiamo e ci succhiamo a vicenda, da brave amichette.
Mi devo preparare, fra due giorni c’è la dottrina e Umberto me lo rimetterà tutto dentro. Me lo ha promesso, ha comprato delle cosine da fighetta per me che non vede l’ora di farmi provare.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.