Lucy 2 – Non lascio, raddoppio!

Lucy 2 – Non lascio, raddoppio!

La pagina della rivista mostrava ai due ragazzi le evoluzioni di un bellissimo trans sudamericano e di un uomo muscoloso e ben dotato; i commenti erano quelli di rito: “Se la guardi sembra proprio una femmina” “Già, tu pensa a chi se la baccaglia, poi arriva a casa e si trova la sorpresa” accompagnati da risate sguaiate, esagerate proprio al fine di sottolineare il distacco fra la strana femmina delle fotografie e lo stereotipo di macho virile che si vorrebbe incarnare, quasi a porre una netta distanza tra due mondi apparentemente opposti.

Poi la domanda: “Ma tu ci andresti mai a letto con una di queste… questi… insomma…”, alla quale segue un attimo di silenzio imbarazzato…
Sono sulla mia automobile, e sto parcheggiando sotto uno stabile della cintura di Torino. Sul sedile del passeggero la solita valigetta che cela i segreti di Lucy, conferendomi l’aria di un professionista con la sua cartella dei documenti.
La casa è quella di un amico di Marco, il protagonista del primo racconto. Dopo il nostro incontro siamo rimasti in contatto ma non ci siamo mai rivisti, anche perché c’è il problema oggettivo, per lui, di avere la casa libera. A volte mi è capitato di buttare il sasso: “Ma non hai qualche compagno di scuola da unire ai nostri giochi?” ben sapendo che la risposta non avrebbe potuto essere che negativa. Non perché tra gli amici di Marco nessuno desidererebbe provare quell’esperienza, anzi, sono sicuro che sarebbero in molti a gradire. Ma perché l’uomo nasce e muore ipocrita, come il professore citato da De Andrè nella “Città Vecchia” che di giorno tuona contro le meretrici per darsi un tono, ma di notte ne ricerca i favori. E perciò proporre qualcosa del genere vorrebbe dire essere bollato a vita col marchio di “frocio”, “ricchione”, anche e soprattutto proprio da quelli che poi, nel segreto di casa, ti invidiano.
Gabriele è un amico di Marco, i tratti ricordano un po’ l’immagine tipica del topo di biblioteca, magrolino e con gli occhiali. E’ lui che è caduto nella “trappola” della rivista che l’amico gli ha teso, e oggi siamo qui a casa sua.
Vado in bagno a cambiarmi, lasciando la porta socchiusa. Percepisco le loro voci e penso che stiano parlando di me, ma non riesco a capire le loro parole. Pazienza, dico tra me… la trasformazione è quasi ultimata e presto saprò se il risultato è di loro gradimento.
Un’ultima occhiata nello specchio ed esco dal bagno, avviandomi verso la camera da letto. I due sono seduti sul matrimoniale dei genitori di Gabriele, e mi accolgono sinceramente emozionati. Chiedo loro di farmi spazio, e mi siedo in mezzo a loro; due chiacchere, i soliti discorsi e poi decido di rompere il ghiaccio.
Bacio Marco prima timidamente, poi prendo la sua bocca in un bacio umido e passionale, mentre una mia mano gli slaccia la camicia.
Gabriele intanto mi tocca timidamente una coscia inguainata nel nylon nero, e così io lascio le labbra conosciute di Marco per cercare le sue. Inizialmente è bloccato, poi supera l’imbarazzo e risponde al mio bacio. Con le mani cerco prima i loro arnesi attraverso la stoffa dei jeans, e poi li libero per impugnarli “a pelle”, in una mano quello robusto di Marco e nell’altra quello che più piccolo di Gabriele.
Continuiamo a baciarci, mentre le mani indugiano sui corpi, fino a che mi alzo dal letto per poi mettermi in ginocchio davanti a loro. Il messaggio è chiaro, e i due ragazzi si alzano in piedi porgendomi i loro arnesi per ricevere l’omaggio della mia bocca… inizio a baciare, leccare, succhiare quei due bastoni di carne che si litigano la mia bocca; vorrebbero anche occuparla insieme ma proprio non riesco ad accoglierli entrambi se non limitandomi alle punte… poi ricomincio a dedicarmi alternativamente ora ad uno, ora all’altro, succhiandoli avidamente, ingoiandoli fino all’elsa, fino a sentirli che mi tappano la gola mentre il mio naso affonda tra i peli del loro pube e le mie mani giocherellano con i loro testicoli… E’ bellissimo sentire quei due cazzi rigidi cercare la mia bocca, strusciarsi sul mio viso, e vorrei che non fossero due ma tre, quattro, mille cazzi lunghi e duri solo per me, per farsi accarezzare dalle mie labbra e dalla mia lingua, per scaricare il loro piacere sul mio viso…
I due mi scopano in bocca senza più alcuna traccia dell’imbarazzo iniziale, e decido che è giunto il momento di passare al “piatto forte”. Smetto di succhiare quegli arnesi deliziosi e invito Gabriele a munirsi di preservativo: senza dubbio perché la precedenza spetta al nuovo arrivato nonché padrone di casa, e poi perché, viziosamente, voglio “sentire bene” sia l’uccello più piccolo che, poi, quello più robusto, cosa che invertendo l’ordine non darebbe la stessa soddisfazione.
Mi inginocchio sul lettone e invito il ragazzo a prendermi… a scoparmi nel culo… lui non si fa ripetere due volte l’invito e senza nemmeno un pochino di grazia spinge la cappella rivestita di lattice all’interno dei miei sfinteri anali, facendomi mugolare. Davanti a me intanto Marco richiede la sua quota di attenzioni, e così prendo a leccargli i testicoli, a farmeli entrare in bocca uno alla volta per poi far correre la mia lingua su quell’asta che tra poco mi penetrerà a sua volta.
Gabriele mi conficca le dita nei fianchi cavalcandomi furiosamente, e gli andirivieni si trasmettono al cazzo del suo amico attraverso la mia bocca… spero che Marco non venga troppo presto, perché voglio anche essere scopata dal suo uccello… fortunatamente è così: con un urlo Gabriele si scarica dentro di me riempiendo il preservativo di sperma caldo.
Si sfila da me, e io rapidamente mi volto sulla schiena; gli sfilo il profilattico sporco dei miei umori anali e lo svuoto sul mio petto, spargendovi lo sperma in una carezza viziosa. Ma non c’è tempo di riposarsi, Marco vuole approfittare del mio culo e lo accolgo facendomi scopare dal davanti, appoggiandogli le gambe sulle spalle e ripiegando le ginocchia al petto.
Marco entra dentro il mio buco allentato dalla prima scopata, e riesce agevolmente a penetrare fino alla base: in questo momento sono più che mai donna, più che mai troia. Sono la troia di questi due ragazzini e ne sono felice. Questa è Lucy, una femmina nata per godere e far godere.
Il mio amico spinge quel cazzo conosciuto dentro di me, mi scopa con l’ardore dei suoi anni, e lo posso sentire scorrere avanti e indietro nel mio buco infiammato; colpi di reni ripetuti e violenti fino a quando anche lui si avvicina al punto di non ritorno…
“In faccia, vienimi in faccia!” gli urlo, e lui si sfila dal mio culo con un rumore bagnato, si leva il preservativo e si avvicina al mio volto, mentre io sollevo le anche e prendo a masturbarmi.
I suoi schizzi mi colpiscono il viso, mentre anche io raggiungo l’orgasmo venendomene con getti di sperma che mi colpiscono, data la posizione, il petto e il collo; rimaniamo sul letto abbracciati mentre riprendiamo fiato e l’odore di sperma si sparge nella stanza…

FavoriteLoadingAggiungi ai tuoi preferiti
 

2 thoughts on “Lucy 2 – Non lascio, raddoppio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *