Lesbica scopa con un transessuale

FACCIAMO SESSO AL TELEFONO! CHIAMA IL 899005022 O CLICCA QUI

Lesbica scopa con un transessuale

Spread the love

Mi piace la figa, non ho mai pensato di andare con un uomo, sono una ragazza che sa quello che vuole, lesbica da quando avevo quindici anni, l’ho capito un pomeriggio di marzo, quando ero a casa di un’amica, lei uscì dalla doccia completamente nuda ed io mi eccitai tantissimo, ovviamente non le dissi niente, ma da quella volta, non ho fatto altro che pensare alle donne. Oggi ho venticinque anni, sono passati ben dieci anni e continuo ad essere sicura delle mie scelte sessuali, ho avuto diverse ragazze, penso di aver perso il conto in realtà, non ho avuto storie serie, solo cose senza impegno, non ho mai pensato di impegnarmi sul serio in una relazione, non fa per me. Ho avuto anche esperienze di scopate a tre e a quattro, è stupendo avere più corpi di donne addosso, sentire le loro mani e le loro lingue dappertutto, una sensazione che molti uomini non provano facilmente. Comunque sono qui per raccontare una piccola avventura avuta qualche mese fa, qualcosa che non avrei mai immaginato di poter fare, ma che invece, a mia sorpresa, ho fatto. Avevamo organizzato con delle amiche una serata in un pub, davanti a qualche birra e un panino, non ci vedevamo da un po’ e avevamo tanto bisogno di parlare. La serata stava procedendo bene, c’erano anche molte lesbiche, nonostante fosse un locale tendenzialmente etero, mi guardai intorno più volte, cercando qualcuna con la quale poi finire in bellezza. Fui attratta da una rossa al tavolo davanti al mio, aveva due occhi verdi stupendi, ma soprattutto delle tette enormi che a mala pena stavano nel top che indossava, penso che si accorse anche lei di me, perché agganciò il mio sguardo e poi mi sorrise. Flirtammo per un’ora, poi finalmente mi decisi ad alzarmi e a seguirla, quando la vidi andare verso il bagno delle signore, a quanto pare mi stava aspettando perché la trovai appoggiata col culo vicino al lavandino con le gambe incrociate e un bel sorriso stampato sulla faccia. “Ci hai messo tanto…E’ più di un’ora che flirtiamo..” “Mi piacciono le cose fatte con calma sai…” “Anche a me…Adesso però cosa ne dici di chiudere a chiave la porta e venire qui?” Feci esattamente ciò che mi chiese, mi fermai a pochi centimetri da lei, mi persi nei suoi occhi, poi mi avvicinai e la baciai, quel bacio diventò subito passionale, la sua lingua entrò nella mia bocca e iniziò una danza vertiginosa con la mia. Le abbassai il top, tirando fuori le sue tette, non indossava il reggiseno, questo mi sorprese piacevolmente, fu più semplice prendere in bocca i suoi capezzoli e succhiarli, buttò la testa all’indietro e iniziò a gemere, mi spostai dalle tette al collo leccando ogni centimetro di pelle. Aprì le gambe e mi permise di appoggiare il bacino contro il suo, mi strusciai un po’, poi le alzai la minigonna che indossava, lei mi fermò mi fece prendere il suo posto contro il lavandino, mi sfilò i jeans e gli slip e mi leccò la figa, la sua lingua stimolò il mio clitoride, mi entrò nella fessura e mi fece impazzire. La mia fighetta era completamente bagnata dei miei umori e della sua saliva, mi portò all’orgasmo due volte leccandomela, sapeva quello che faceva; finalmente si tirò su, ero pronta a farle lo stesso lavoretto di bocca, quando mi bloccai pietrificata. Sotto la minigonna non aveva una bella figa pelosa da leccare, bensì un cazzo in erezione, mi resi conto che era una transessuale, a quel punto non sapevo cosa fare, lei si accorse del mio smarrimento, ma non mi chiese niente anzi diventò prepotente. Mi afferrò per i capelli e mi mise il cazzo in bocca di forza, non ne avevo mai assaggiato uno, l’idea mi aveva sempre fatto schifo e anche in quel momento non mi stava entusiasmando, ma continuando a spompinarla, mi resi conto che quel sapore terribile ormai era sparito e che quasi mi piaceva. Succhiai e leccai il cazzo come se fossi una troia che non ha fatto che quello nella sua vita, era piacevole sentirla gemere e godere per i miei servizietti, questo mi fece eccitare ancora di più, aumentai il ritmo del pompino, volevo farla sborrare ma mi fermò. Mi tirò su e mi sbattete contro il lavandino, mi allargò le gambe e mi infilò il cazzo nella figa, il tutto avvenne così velocemente da non rendermi conto di nulla, sentii solo il calore della pelle del suo uccello riempirmi la figa. La sensazione iniziale di disagio sparì, iniziò a muoversi dentro di me e per quanto volessi lottare contro il piacere che mi stava dando, dovetti ammettere che sentire quel cazzo fottermi era davvero piacevole. Avvolsi le gambe intorno alla sua vita e assecondai i movimenti col bacino godendomi i suoi affondi, aumentò il ritmo, mi stava scopando forte, mi lasciai andare ad urla di piacere, presa dalla foga, mi mise a pecorina e mi penetrò da dietro, mi tenne per i capelli e mi scopò fortissimo. Mi sentivo come una di quelle signore mature che non vedevo un cazzo da anni, io non ne avevo mai visto uno e adesso che lo avevo dentro di me, non mi sembrava abbastanza. Le urlai di sbattermi più forte, mi schiaffeggiò il culo, quella scopata era diventata violenta, muovevo il bacino contro il suo per assecondare i colpi e renderli più profondi, era pazzesco, e lo fu ancora di più quando mi penetrò nel culo. Avevo preso sex toys nell’ano più volte durante i giochi erotici con le ragazze con le quali ero stata, per questo motivo non sentii alcun dolore, anzi godetti fin da subito. Le urlai di non fermarsi e di sborrarmi dentro, volevo sentire il getto caldo di sperma, scoprire cosa si provava a riempirsi di sborra e così fece, si aggrappò forte a me e scopò fortissimo fino ad esplodere dentro di me. Uscite dal bagno ci perdemmo di vista, non l’ho più incontrata e dopo quella volta non sono più stata con una transessuale, ma non nascondo che l’idea di farmi un altro cazzo sta diventando un pensiero frequente che potrei mettere in atto molto presto.

 


ASCOLTA AUDIO LIBRI EROTICI - PROVA 30 GIORNI GRATIS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.