ho iniziato troppo presto 6

FACCIAMO SESSO AL TELEFONO! CHIAMA IL 899005022 O CLICCA QUI

ho iniziato troppo presto 6

Spread the love

Le ore di sesso con le mie amiche però col tempo diminuirono si andava verso la fine dell’anno scolastico e quindi volevo darci dentro per essere promosso con un bel voto, loro me lo dissero ma glielo spiegai, poi Dusa mi disse
“Ivano noi l’anno prossimo torniamo al nostro paese, se ti diplomi magari tuo padre ti darà il permesso di fare una vacanza di due anni con noi”
“Non lo sò amiche mie, non vi conosce e poi il Brasile non è vicino”
“Tu diplomati con un bel voto poi lo pregheremo noi”
“Ragazze devo scappare”
“Ma se non abbiamo fatto nulla!”
“Domani ho una interrogazione importante”
“Vai và ormai ti sei fatto prezioso”
“Ma guarda che anche a me mancano le ore di sesso con voi, ma capitemi, magari per pasqua!”
Speriamo”
Il giorno dopo difatti fui interrogato e mi andò bene, un bell’8 in tecnica bancaria, tornai a casa felice, soddisfatto.
Arrivò pasqua e Dusa e Sonia vollero conoscere la mia famiglia, vennero una sera dopo cena, erano vestite come delle suore ma si vedeva lo stesso che sotto avevano un corpo lussurioso, mio padre appena arrivarono ne fù molto colpito mia madre le accolse col sorriso e le fece sedere sul divano.
“Allora mi volevate conoscere e anch’io sono contento di conoscervi, sò che mio figlio fà sesso con voi già da un pò di tempo ma attenzione è ancora minorenne”
“Parlo Dusa
“Signore noi siamo molto affezionate a suo figlio non solo per il sesso ma per il carattere allegro giocoso ma anche molto serio e vorremmo chiedere se l’anno che viene suo figlio si diplomerà con un bel voto potrà venire con noi in Brasile”
“Ragazze il vostro paese è ben lontano, un conto averlo qui anche se fà sesso con voi un’altra al vostro paese”
” Ha ragione però ci dispiacerebbe molto non vederlo più, vorremmo che il distacco venisse nel nostro paese”
“Ragazze il vostro affetto verso mio figlio mi commuove capisco che gli volete veramente bene, cominciamo a pensarci l’anno prossimo”
Mia madre preparò le birre x tutti e insieme brindammo poi si fece tardi così le mie amiche se ne andarono e mio padre volle parlare con me
“Ivano le tue amiche ti vogliono veramente bene e di questo sono contento, ho visto anche che erano vestite molto decentemente ma….. cavolo si vedeva che sotto avevano un corpo da sballo”
“Papà dovresti vederle nude quando facciamo l’amore anche se sono trans ti ecciteresti tantissimo, sono due bombe erotiche”
“Dai vediamo come vai quest’anno se ti diplomi con un voto sopra il 55 ti lascerò andare va bene? va bene anche per te moglie che sei stata zitta tutta sera?”
“Si si Carlo và bene anche per me”
Arrivò Pasqua ed ebbi un pò di calma nello studio, naturalmente tutto il mio tempo libero lo passavo da loro.
“Allora sono tutto vostro”
“Ivano dai mettiti nudo che voglio truccarti e vestirti da femmina” disse Sonia
“Mi volete come voi?”
“Sarebbe interessante vederti un pò più effeminato e magari con due tette, scommetto che anche a te piacerebbe vederti così”
“Non lo sò ragazze”
“Adesso lo vediamo, ho comprato un corpetto di plastica che si adatta al corpo della persona ma che ha due tette della 4 misura Dusa lo vai a prendere te?”
Dusa arrivò con una roba di una plastica strana ma che aveva due grosse tette, Sonia me lo applicò al corpo e difatti prese la forma del mio torace perfettamente ma sembrava che avessi veramente le tette, i capelli li avevo già molto lunghi e lisci, mi arrivavano fino alle spalle poi visto che ultimamente mi ero un pò effeminato da dietro potevo passare per una ragazza, Sonia mi fece calzare un paio di calze autoreggenti a rete rosa, come il perizoma poi mi diedero un body sempre rosa e me lo strinsero per bene dietro, sopra un abito rosso fuoco con un bel decollete davanti e che mi arrivava di un niente dopo il culo, mi diedero un pò di fard e del rossetto e della chincaglieria da mettere ai lobi e infine un paio di scarpe rosse di vernice con tacco di 8cm.una volta finito mi portarono davanti ad uno specchio e quello che vidi mi fece rimanere senza voce, una ragazza stupenda e procace vedevo davanti a me, mi emozionai tantissimo tanto che quando volli parlare non avevo voce
“Ivano sei bellissima, sei tremendamente sexy, vieni quì da me, prova a camminare”
Camminai senza alcun problema come se l’avessi sempre fatto, Dusa ne fù felicissima mi abbracciò e ci scambiammo un bacio al calor bianco, Sonia mi venne dietro e mi fece sedere sul tavolo poi mi alzò l’abito scostò il perizoma e mi penetrò con un coipo solo, ormai il mio culo era abituato al suo cazzo, entrava senza problema alcuno, cominciò subito a scoparmi scoparmi, prese subito un ritmo calzante, snervante martellante ed io andai fuori giri.
“Ohhhhh siiii siiii Sonia siiii che bello daiii daiii”
“Ivano sei diventata una ragazza da letto, vuoi sempre essere scopata vero?”
“Sii sii da voi siiii ohhhhhh siii mm,mmmmm”
“Ma se ti facessi scopare anche da un nostro parente?”
“Non lo sò Sonia se ce la farei”
“Si offenderebbe”
“Ma io sono vostro”
“Ma se anche noi accettiamo che il parente ti scopi?”
“In questo momento non sò non saprei darvi una risposta”
“Prendi prendi ragazzina prendi”
“Ohhhh si Sonia siii siii anche tu dopo Dusa scopami”
“Vedi che non ti accontenti mai di una sola scopata?”
“Mi avete abituato bene voi”
“Ohhhhh prendi prendi ragazzaccia vogliosa”
Sonia mi riversò nel culo una marea immane di sborra calda e densa, subito dopo mi penetrò Dusa e a Sonia gli pulii il cazzo, Sonia partì subito forte, si vedeva che aveva resistito a fatica, il suo cazzo poi era anche un pò più largo di Sonia e mi mandò pure lei in un delirio di godimento
“Ohhhhh Dusa Dusa siiii siii anche tu dentro di me siiiiiio siiiiii, starei con voi un giorno intero”
“Perchè non lo fai allora”
“Non lo sò Dusa, vedrò, intanto tu continua a scoparmi”
“Si si sei la nostra troietta in calore, tu sei sempre in calore pronta ad essee scopata vero?”
“Si Dusa si sono sempre vogliosa del vostro cazzo”
“Ne prenderai tanto in Brasile vedrai se verrai”
“Intanto scopami ancora”
“Certo certo che ti scopo è un pò che non ti fai fare ragazzina”
“E allora dai daio scopami siii haaaaa mmmmm che bello sii dai”
“E adesso ti riempio ragazzina ti riempio il culooooooo”
Anche Dusa mi inondò della sua sborra e allagò il culo poi pulii il cazzo pure a lei
“Ivano e se in Brasile tu fossi sempre così?”
“Sonia ma mi vuoi veramente trans tu?”
“Ma guardati come stai bene!”
“Si in effetti faccio una bella figura come ragazza ma diventare trans è un’altra cosa”
“Ma non ti chiediamo di operarti, rimani con l’uccello così se vuoi puoi ritornare come sei adesso”
“Voi mi preoccupate veramente e a questo punto devo pensarci bene se venire con voi in Brasile”
Era tardi e una volta rimessomi a posto tornai a casa mia.
 


ASCOLTA AUDIO LIBRI EROTICI - PROVA 30 GIORNI GRATIS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.