Alberto

Alberto

Libero!
Dopo dieci anni d’infelice matrimonio finalmente libero.
Non ero neanche uscito dal tribunale che aveva sancito definitivamente la fine del mio rapporto con Michela, che già pensavo a tutto quello che avrei potuto fare nella mia ‘nuova’ vita.
In fondo s’era trattato di un divorzio indolore per tutti e due, entrambi liberi professionisti con una carriera ben avviata, fortunatamente in settori diversi, ognuno con un appartamento di proprietà e nessun mutuo da pagare. A dirla tutta il giudice s’era anche un po’ stupito di come ci fossimo diviso tutto senza litigare, e senza fare le barricate sull’affidamento di Monia, la nostra bella bambina, che era stata affidata a lei, ma con mia totale libertà di prenderla con me quando volevo.
Potrà sembrare strano ma passai la mia prima serata da uomo libero in casa, complice un maltempo che sconsigliava ogni uscita. Ne approfittai per fare una delle cose che più mi piaceva, girare in internet alla ricerca di belle donne disponibili, anche se a pagamento. Per caso finii sul sito personale di una bellezza da urlo, una brasiliana dal fisico mozzafiato che m’incuriosì immediatamente. Con una certa delusione scoprii poi che era una trans, e per giunta anche molto ben dotata, certamente più di me che ho sempre pensato rientrare nella norma. Passai da un sito di trans all’altro senza quasi rendermene conto, attratto sempre di più da quelle donne con un qualcosa in più. Sino a che non nacque in me il desiderio irrefrenabile d’organizzare una piccola orgia con tre trans, ovviamente bellissime e disponibili ad un rapporto del genere.
I primi contatti non furono positivi, ma non mollai la presa spinto dal mio sogno sinora mai realizzato.
Poi un giorno trovai una mail di Valery, una splendida trans d’origine asiatica, che mi chiedeva un contatto telefonico lasciandomi il suo numero di cellulare ed una sua foto.
La chiamai immediatamente sentendo vicino il mio obbiettivo, e dopo le solite frasi di circostanza lei venne al dunque.
“Allora vorresti un rapporto con me e due mie amiche. Se vuoi lo posso organizzare per la settimana prossima, ma sappi che ti costerà un bel po’.” mi disse con una voce tanto sensuale da farmelo rizzare.
“I soldi non sono un problema, l’importante è che le tue amiche siano belle come te.”
“Ti mando le loro foto via mail così potrai constatare di persona, poi se vuoi mi richiami e ci mettiamo d’accordo.”
Aspettai la mail col cazzo in mano tanto ero eccitato e quando arrivò rimasi stupito da così tanta bellezza. Una si chiamava Maria una brasiliana che delle tre era la più dotata e con un fondo schiena da far resuscitare i morti. L’altra era Astrid, una scandinava altissima e d’un biondo chiaro da riflettere la luce, oltre che con un corpo a dir poco perfetto.
Richiamai subito Valery dicendole che per me non c’era alcun problema, e lei mi rispose che avrebbe pensato a tutto e che ci saremmo visti in casa sua il sabato seguente. Volli specificarle, mentendo, che ero attratto dalle trans pur non avendo particolare tendenze passive e che volevo solo divertirmi un po’ in maniera diversa dal solito. Lei concluse dicendomi che avrebbe pensato anche a qualcosa di diverso dal solito, una specie di ‘di più’ offerto da lei e le sue amiche.
Passai le giornate che mi dividevano al mio appuntamento a ripensare alle mie poche esperienze bisex, la prima con una mia cliente e suo marito, un gran cornuto e mezzo finocchio che m’ero dovuto scopare per arrivare alla moglie. Poi c’era stata una coppia con un lui decisamente più attivo che m’aveva sverginato con molta calma, ma con estrema soddisfazione da parte d’entrambi.
L’infedeltà reciproca non era stata la causa principale del mio divorzio, in fondo anche la mia ex moglie non disdegnava rapporti anche saffici. Ma la scoperta del piacere della sodomia aveva scatenato in me desideri sempre maggiori, pur non avendo mia smesso d’avere rapporti etero anche con più donne contemporaneamente.
Arrivò finalmente sabato e mi preparai con cura maniacale alla mia festa privata. Non solo mi feci un bagno tonificante con oli profumati, ma anche un clistere purificatore sperando che Valery non avesse preso troppo alla lettera le mie indicazioni sul non essere passivo. Indossai quindi camicia e vestito di seta e presi un Viagra per esser sicuro di fare una ‘bella figura, infine con la macchina mi recai nel suo appartamento.
Lei mi venne ad aprire con una strana tonaca verde lunga sino ai piedi che mi mise un po’ d’agitazione, ma bastò un suo sorriso per farmi sciogliere.
“Tu devi essere Alberto, piacere Valery.” mi disse non appena fui entrato.
“Piacere mio, sono già arrivate le tue amiche.” le chiesi già eccitato dal solo vederla dal vivo.
“Si sono di la che t’aspettano, dai vieni con me.”
Mi prese per mano e potei subito constatare la sua estrema femminilità, nonostante fosse del tutto coperta dalla tonaca si muoveva sinuosa, inebriandomi col suo profumo. Mi ritrovai in un bel salotto dove c’erano le altre due trans vestite come lei che si presentarono baciandomi sulla guancia. “Posso chiedere perchè siete vestite così.” non stando più nella pelle.
“E’ la nostra sorpresa per te.” mi rispose Valery “Dicci se così siamo di tuo gradimento.”
Tutte e tre si tolsero la tunica mostrando che anche sotto erano vestite nella stessa maniera, un miniabito in pelle nera che arrivava appena sotto le chiappe con una grande croce bianca in mezzo al seno. Completava il loro look un copricapo in stile suora anch’esso di pelle che le rendeva non solo estremamente sexy, ma anche molto provocanti.
Mi circondarono coi loro corpi e cominciarono a spogliarmi mentre mi baciavano sul collo e via via sulle parti che denudavano, sino a quando non fui del tutto nudo col cazzo già bello duro. Mi sentivo il maschio dominante, ma bastò che Maria mettesse una mia gamba fra le sue per farmi capire che non era così. Sentii chiaramente la sua mazza strusciarsi lungo la mia coscia e soprattutto che doveva essere anche lei ben eccitata visto che era già in tiro. Cercai di non pensarci e così scoprii il seno di Astrid abbassandole il vestito fino alla pancia, le sue tette erano bellissime, e mi ci tuffai senza indugi. Valery nel frattempo si era messa dietro di me e si era tirata su il vestito in modo da mettere il suo bastone fra le mie chiappe, quando poi cominciò a toccare il mio in modo lento ebbi quasi il desiderio di farmi prendere immediatamente, ma seppi resistere alla tentazione.
Alla fine mi fecero sedere su di un divano, Maria e Valery s’inginocchiarono davanti a me e presero a giocare col mio cazzo, alternando languide carezze a lunghe leccate che partivano dalla base dei testicoli fino alla cappella. Astrid invece si spogliò del tutto e mi mise le tette in faccia per continuare a farsele leccare, ma ben presto mi ritrovai il suo cazzo in bocca. Delle tre era quella che l’aveva più corto, ma il diametro compensava la lunghezza. Lo presi subito fra le labbra che mi ritrovai piene di quel magnifico pezzo di carne dal sapore dolcissimo. Non so se mi eccitava di più ricevere un doppio pompino o farne uno io, ma in ogni caso mi stavo scaldando parecchio. Quando le due trans che avevo ai piedi s’alzarono cominciarono a muoversi una vicina all’altra come se ci fosse una musica di sottofondo, poi mi diedero le spalle ed alzarono i loro vestitini mostrando due bellissimi fondoschiena, ma rimasi impietrito quando si girarono. Varlery aveva una gran bella mazza, ma quella di Maria era fuori da ogni logica. Pur essendo ancora un po’ moscio era di dimensioni incredibili in tutti i sensi, ancor più evidenti visto che era completamente depilata.
Valery venne vicino a me offrendomi la sua mazza da leccare, cosa che feci immediatamente lasciando quella di Astrid alle cure della mia mano, mentre Maria cominciò a segarsi lentamente davanti a me.
“L’hai mai visto un cazzo del genere ?” mi chiese Maria toccandosi il bastone.
“No no.” risposi quasi spaventato.
“Vedi tutti mi dicono che è troppo grosso per i loro bei culi, ma una volta che è dentro mi pregano solo di non venire e scoparli come delle troie.”
In effetti non avevo mai provato a farmi sodomizzare neanche da un fallo finto di quelle dimensioni, ma sapevo che non avrei resistito alla tentazione di provarlo.
Quando Maria si sedette su di un tavolino, Astrid mi fece inginocchiare davanti alla brasiliana mettendomi la bocca davanti alle palle di quella superdotata. Comincia a leccarle mentre lei si dedicava alla cappella della collega e Valery iniziava a giocare col mio buchetto. Mentre questa lo ungeva con del gel penetrandomi dolcemente con un dito, io e la scandinava iniziammo un pompino in coppia a Maria, scambiandoci anche lunghi baci in bocca. Avevo ormai il cazzo durissimo e cercai di prendermelo in mano, ma come ci provai fui fermato da Valery.
“Lascia stare che al tuo uccello ci pensiamo noi.” mi disse facendomi sdraiare per terra.
Mi ritrovai subito Maria sopra di me nel più classico dei sessantanove, e con Valery che m’apriva
per bene il culo usando ora due dita. Il mio pene era quasi conteso da Astrid e Maria che lo succhiavano con maestria, e quando la seconda lo lasciò la bionda si mise davanti a me puntando col suo il mio ano. Non disse nulla ma m’inculò lentamente, facendomi assaporare ogni centimetro del suo randello. Lo sentii scivolare in me come una lama nel burro, Valery, che ora mi stava segando, l’aveva lubrificato alla perfezione non facendomi sentire nessun dolore, ma solo un piacere estremo. Valery ed Astrid cominciarono a darsi il cambio nel mio retto, ed entrambe dimostrarono una notevole bravura nel sodomizzarmi. I loro colpi erano lunghi e non troppo veloci, il giusto mix per godere di tanta grazia senza alcuna sofferenza. Poi Maria mi fece mettere sopra di lei a carponi, ed in quella maniera lei mi spompinava mentre una delle due mi fotteva ora con maggior vigore. Io leccavo sempre il cazzo della brasiliana che ormai era gonfio all’inverosimile, e già lo pensavo nel mio sfintere a darmi ancor più piacere.
Alla fine venni con una lunga sborrata che finì fra le tette di Maria, e Valery che mi stava scopando in quel momento si fermò lasciandomi il suo cazzo nel culo.
“Ma sei già venuto !” mi disse quasi rimproverandomi “E noi che volevamo fare tanti bei giochi …” “E chi smette !” le risposi cercando la sua bocca “Mi state facendo impazzire e poi almeno una di voi la vorrei scopare !”
“Dai che te lo faccio tornare subito duro.” disse Maria facendomi alzare e mettere a pecora sul divano.
Lei si mise dietro di me facendo scorrere quel gran cazzo che aveva fra le mie chiappe e toccando il mio che si risvegliò ben presto. Poi al mio fianco si mise Astrid che allungò una mano anche lei sul mio pacco.
Vidi Valery inculare la sua collega con una certa foga mentre questa si dimenava in preda al piacere. Davanti ad uno spettacolo del genere il cazzo mi tornò ancor più duro di prima, ma ormai volevo quello di Maria e lo dissi senza tanti problemi.
“Dai inculami anche tu, fammi provare il tuo bel cazzone.”
“Certo piccolo porcellino, ora è tutto tuo.”
Ma come provò a far entrare la cappella m’irrigidii come un sasso, allora lei mi diede alcune pacche sulle chiappe facendole rilassare, e continuando ad aprirmi.
“Ahi quant’è grosso, mi stai aprendo in due.” cercai di protestare, ma più per scena che per reale convinzione.
“Dai che la punta è entrata, adesso ti do tutto il resto !”
Maria lo fece entrare tutto e fu il paradiso, ormai ero aperto come un’ostrica e godevo come una cagna in calore. Quando sentii i suoi coglioni sbattere sui miei lei mi fece alzare la schiena ed Astrid cominciò a spompinarmi come un’indemoniata sempre scopata da Valery.
“Sii continuate così vi prego ! Voglio essere più puttana di tutte voi messe insieme !” urlai in preda al piacere.
“Certo che ti sfondo puttanella.” mi rispose Maria “Ma ora devi far godere anche noi.” Muovendosi con calma mi fece alzare senza mai sfilare il suo bastone da me, Valery si mise a pecora davanti a me e m’offrì il suo culo aprendolo con le mani.
“Dai bel maschione fammi vedere come scopi !” mi disse avvicinando il suo orifizio a me. L’inculai con forza anche perchè spinto da Maria che da parte sua riprese a fottermi quasi con violenza. E continuò a farlo anche quando fu Astrid a ricevere il mio randello facendomi godere
come un pazzo. Essere scopato mentre fottevo anch’io è sempre stato per me il massimo del piacere, e con quelle tre trans avevo raggiunto l’apice del godimento possibile. Maria era un vero toro da monta, nonostante il resto del corpo era di un femminile unico al mondo, e le altre due si facevano prendere come volevo, ora con calma ed ora con forza. Il cazzone della brasiliana entrava ed usciva senza sosta dilaniandomi le budella e facendomi godere come una donna realmente porca, mentre i buchetti che avevo davanti erano in quel momento meno aperti del mio, e la loro stretta sul mio cazzo era unica anche per come muovevano i culi.
Ero tanto preso da quel rapporto che non riuscivo a venire nonostante sentissi il cazzo esplodermi. Le tre dovettero accorgersi di quello che mi stava succedendo e così decisero di cambiare posizione. Mi ritrovai sopra Astrid sulla quale m’impalai senza alcun problema visto com’ero stato sfondato da
Maria. Ma come lo ebbi tutto nel culo Valery iniziò a far entrare anche il suo bastone nel mio buco ormai slabbrato.
“No in due no !” cercai di protestare.
“Stai zitto che ti faccio sborrare anche dalle orecchie.” mi rispose Maria che prese a succhiarmelo. In quel momento mi sentii una vera troia da cazzi,ne stavo prendendo due e stavo godendo come un pazzo. Cominciai a chieder loro di sfondarmi del tutto e di usarmi senza alcun riguardo. Astrid e Valery non aspettavano altro, e così presero letteralmente d’assalto il mio culo, scopandomi senza tregua in una cavalcata che era un crescendo continuo. Mi sentii usato da loro, ma ciò non faceva altro che aumentare la voglia d’essere la loro donna e di venir chiavato senza sosta.
Ebbi un orgasmo indescrivibile, tanto violento che quasi svenni dal piacere, e che mi lasciò senza fiato per alcuni minuti. Ma le tre trans volevano venire anche loro, così mi fecero inginocchiare fra loro e cominciarono a segarsi davanti a me. Mi sborrarono addosso una dopo l’altra coprendomi la faccia col loro seme che riuscii solo in parte a bere tanto era copioso. Poi Valery mi portò in bagno per farmi ripulire e quando uscii le ritrovai vestite normalmente in attesa dei mie soldi.
Le pagai ben volentieri, e non poteva essere altrimenti dopo una serata del genere. Ci salutammo come vecchi amici non prima che Maria ed Astrid mi diedero i loro biglietti da visita.
Tornato a casa crollai esausto sul letto, mi sentivo il culo in fiamme ma già pensavo a quando le avrei riviste. Perchè era evidente che le volevo di nuovo, magari non tutte e tre insieme, ma di certo Maria ed il suo cazzone non sarebbe più potuta mancare.

Per commenti : [email protected]
(quelli volgari saranno subito cestinati)

Invito tutti a visitare il mio piccolo blog
http://serenathemiss.wordpress.com/

FavoriteLoadingAggiungi ai tuoi preferiti
 

One thought on “Alberto

  1. Corrado

    Ho provato anch’io una trans aveva un cazzo di venticinque cm lo succhiato poi mi fatto leccare il suo buco del culo poi mi disse adesso troia fammi vedere il tuo buco del culo à casa mi sono fatto un bel clistere mi fece distendere mi alza bene le gambe lei mi viene sopra mi puntò il suo cazzo sul buco stringendomi mi penetro

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *