La nostalgia del MI-sex

La nostalgia del MI-sex

Spread the love
Siamo una coppia matura di Milano io sessantenne, mia moglie…… beh, devo descriverla sommariamente: quarantotto anni ben portati, un bel viso, capelli neri a caschetto, quarta di seno, qualche chilo in più del peso forma che ne esaltano le sue rotondità e la rendono particolarmente erotica.
Da molti anni ci divertiamo a trasgredire nei privé, all’inizio come coppia scambista poi con l’evoluzione dettata dagli anni e dalla sua gelosia e possessività, siamo diventati coppia cuckold.
Qualche anno fa a Milano si svolgeva una manifestazione dedicata all’erotismo e al sesso denominata Mi-sex, era una sorta di fiera di numerosi sexi shop con degli spettacoli che vedeva l’esibizione su un palco delle più note pornostar.
Il pubblico era composto per la maggior parte di ragazzi giovanissimi che appena maggiorenni potevano finalmente frequentare un posto fino ad allora vietato, qualche coppia trasgressiva con donne vestite in modi da fare impallidire le prostitute e qualche uomo solo molto maturo.
Mia moglie ed io avevamo deciso di andarci il giorno dell’apertura, il giovedì sera, onde evitare la ressa delle sere seguenti, poi avremmo proseguito la serata al solito club che frequentiamo regolarmente.
Lei per l’occasione si era truccata pesantemente, aveva indossato un miniabito in maglina rosso molto corto e aderente con la cerniera che partiva dal basso ed arrivava al seno, un push-up spingeva le sue abbondanti tette oltre la cerniera mostrandole oscenamente, un paio di autoreggenti a rete che lasciavano intravedere la giarrettiera, ed un paio di scarpe rosse tacco alto che la facevano sembrare di qualche centimetro più alta di me.
Come tutti gli uomini della mia condizione, ne ero molto orgoglioso ed eccitato dagli sguardi che attirava sopratutto dai ragazzi giovani, la mia fantasia galoppava quella sera e in alcuni momenti con la scusa di andare a fumare una sigaretta nello spazio fumatori, la lasciavo sola a passeggiare negli spazi espositivi.
Quando ero tornato dopo una breve fumata, l’avevo vista seduta all’area bar vicino ad un ragazzo di circa trentanni, mi ero attardato appositamente, poi lei mi aveva visto e mi aveva chiamato:
“Ti presento Tony, mi ha gentilmente offerto da bere, le stavo raccontando che tra poco usciremo, mi stava chiedendo se possiamo fermarci un attimo con lui in auto nel piazzale dietro al centro commerciale quì vicino.”
Non avevo obiezioni, sapevo cosa si aspettava da lei il ragazzo, sicuramente lei gli aveva detto della mia voglia di guardarla scopare con altri e di andare a comprare dei preservativi, lui aveva colto la palla al balzo, sarebbe uscito e ci avrebbe aspettati al posto concordato, noi saremmo arrivati dopo mezz’ora.
La nostra passeggiata era continuata, arrivati al palco, era la volta dell’esibizione di una famosa pornostar, stavamo assistendo allo spettacolo, io leggermente distante da mia moglie data la ressa di uomini, lei appiccicata a un ragazzo che faceva finta di guardare lo spettacolo ma in realtà era appoggiato al sedere di lei che non accennava a spostarsi ma anzi premeva il suo sedere verso di lui.
Ero eccitatissimo dalla situazione, alla fine del breve show avevo visto lei che parlottava con lui, passandomi a fianco mi aveva detto:
“Questo gentile ragazzo mi ha offerto una sigaretta, andiamo a fumare, vieni anche tu ?”
Era il segnale di un nuovo adescamento, all’orecchio mi aveva sussurrato che erano in due e voleva invitarli al club con noi.
Nell’area fumatori ci eravamo presentati, uno dei due, Paolo era il più vecchio anche se molto mingherlino ed aveva accompagnato il neo maggiorenne Alex ( che interessava a mia moglie) al Mi-sex.
Mia moglie molto loquace e manipolatrice, guardava il suo candidato con occhi fissi su di lui, lo stava ammaliando, io capita l’antifona avevo distratto il suo amico Paolo per poterle lasciare spazio libero chiedendo a lui:
“Di dove siete ?”
Il piccolino era un fiume in piena, mi aveva spiegato che venivano da Genova, lui aveva l’auto mentre il suo amico non aveva ancora la patente e mille altre cose che io non sentivo perchè ero intento ad osservare mia moglie ed il suo prossimo amante che erano sempre appiccicati, infine mia moglie lo aveva baciato brevemente sulla bocca, poi staccatasi lo aveva preso per mano e si era aggiunta a noi dicendo:
“Ho chiesto a Alex se vuole venire con noi al club…. mi ha detto che se Paolo lo accompagna verrebbe volentieri.”
Si era avvicinata a Paolo e con fare da troia lo aveva abbracciato e con il viso vicinissimo a lui aveva chiesto:
“Paolino….. vero che vieni con noi a vedere il club privè ? Alex non li ha mai frequentati, portalo a vedere cosa succede….. “
Lui si era affrettato a dire:
“Se è per questo neanche io li ho frequentati…. vorrei sapere cosa succede e come funziona in quegli ambienti”
Mia moglie stringendosi a lui:
“Dunque… si entra, si paga la serata, poi ci sono le coppie che come noi amano trasgredire e cambiare partner….. oppure prendere due partner…… insomma, vieni a scoprirlo con Alex, non vi annoierete…”
Paolo aveva accettato subito, mia moglie lo aveva baciato sulle labbra e aveva spiegato loro la zona dicendo che noi saremmo arrivati dopo un po’, non voleva perdersene proprio nessuno.
Eravamo usciti ed eravamo andati dietro al piazzale dove ci aspettava Tony, mia moglie mi aveva detto:
“Adesso visto che ti piace guardare, rimani fuori dalla sua auto, io salgo con lui e ti faccio guardare lo spettacolino porno che a te piace tanto…… intanto guarda che non arrivi nessuno…..”
Era salita con lui ed avevano preso a baciarsi con foga, lui la spogliava e lei spogliava lui, rimasero completamente nudi in auto, io guardavo e mi segavo, era un amplesso selvaggio, lui la penetrava con colpi che facevano sobbalzare l’auto, lei urlava e godeva in continuazione a cosce spalancate, lui mi guardava fisso negli occhi mentre si godeva mia moglie, infine lei cominciò a dire:
“Più forte più forte….guarda il cornuto come si sega mentre le scopi la moglie… non fermarti che vengo….. vengooooo…..”
Lui a quelle parole eiaculò in lei con un lungo “oooooohhhhh” liberatorio.
Si scambiarono il numero di telefono per rivedersi nelle prossime settimane, lei salì sulla nostra auto e dopo che fummo partiti mi chiese:
“Sei venuto ? Io si….. tre volte di fila, sono tutta bagnata…..”
Ridendo risposi:
“No, non sono venuto per non perdermi l’altro spettacolo….. a proposito…. sei sicura di voler prendere gli altri due ? Guarda che ti tocca prenderti anche il mingherlino…. lo so che ti piacciono i ragazzi, ma quello è bruttino…. Vuoi che andiamo a casa ?”
Quasi scandalizzata:
“Sei pazzo ? Quando mi capita di prendere un pivellino di diciotto anni ? Quando arriviamo al club…. mi faccio il bidet e sono più eccitata di prima….. lo scricciolo si farà qualcun’altra e se non trova sono anche disposta a prenderlo pur di farmi il ragazzino…..poi a casa ti sego perchè non ce la farò più a prendere il tuo….. ahahahah ma tanto a te piacciono le mie seghe…… vero cornuto….?”
Al privè i ragazzi ci stavano aspettando, mia moglie limonò a lungo Alex, poi lo portò nella stanzetta e se lo spupazzò a piacimento, dopo la prima scopata gli fece un pompino e il giovane uccello tornò immediatamente duro.
Mia moglie era scatenata, era tutta presa dal ragazzino e non ci vedeva ne a me che mi stavo segando, ne a Paolo che a dispetto della sua statura aveva sfoderato un uccello da superdotato, ad un tratto si avvicinò a me e mi chiese sottovoce:
“Dopo che ha finito Alex posso fare anche io con tua moglie ? Dici che mi accetta ?”
Avevo riso e avevo risposto sottovoce per non disturbare i due amanti:
“Tu avvicinati e chiedi a lei…… mettile il cazzo in mano….se ti dice si dalle un bacio sulla bocca…. “
Non aspettò oltre, si avvicinò a mia moglie che stava a smorzacandela sul ragazzino e le mise in mano il cazzone, la reazione di mia moglie la conoscevo in anticipo, lo fece salire sul letto in piedi e cominciò a spompinarlo, Alex a quella visione eiaculò in figa con un gemito.
Mia moglie anche se appagata dai due cazzi precedenti, scese dalla pancia di Alex e sdraiatasi a cosce aperte attirò l’esile ragazzo su di lei, la conoscevo bene e con la sua figa abbondantemente lubrificata, non avrebbe tardato a raggiungere un intenso orgasmo.
Era una situazione molto eccitante, lei con un corpo leggermente in carne a cosce spalancate che si prendeva un ragazzino ventenne con il corpo così esile da sembrare un nano tra le braccia di una donnona, lo limonava, lo abbracciava e continuava a dire:
“Uuuuuhhhh che cazzo che hai…… come godo…… amore vieni a vedere come mi fa godere Paolo….. guarda che cazzone ha……”
Il ragazzo esile dimostrava una resistenza incredibile, infine mia moglie gli tolse il preservativo e lo fece sborrare in bocca.
Era stata una serata di quelle mai vissute in una coppia, la più eccitante della nostra vita, si fece lasciare il numero di telefono dai ragazzi per rivederli a casa nostra, la serata si era conclusa alle quattro.
Arrivati a casa ci spogliammo ed il mio cazzo era completamente in erezione, lei lo vide ed esclamò:
“Ma adesso non vorrai mica scopare anche tu ? Non ce la posso fare… sono spompata da tre cazzi giovani…….. vieni con me.”
Mi prese per il cazzo duro e mi portò in bagno davanti al water, si mise dietro a me con le tettone che premevano sulla mia schiena, cominciò una sega delicata ma veloce ed incitandomi a sborrare diceva:
“Dai…… vieni cornuto……. hai visto che puttana tua moglie con i cazzi giovani ?….. dai pensa a quanto mi hanno fatto godere mentre tu stavi a menartelo….. che cazzo grosso ho preso…… la prossima volta li voglio godere a casa nostra…… godi cornuto…….
Quella notte ho avuto una eiaculazione lunghissima, poi mia moglie a letto si è girata dall’altra parte e mi ha detto:
“Buona notte cornuto”
Ho risposto:
“Buona notte zoccola”
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.