Un amante davvero unico

Un amante davvero unico

Spread the love

Approfitto della accoglienza di una mia carissima amica, che mi offre l’occasione di raccontare una mia esperienza iniziata la scorsa primavera.Premetto che abbiamo amici e amiche sposati e non, con i quali condividiamo esperienze erotiche senza alcuna inibizione.Tra noi stiamo valutando l’esperienza erotica più hard da fare conoscere ad un pubblico più vasto per farne valutare il contenuto.Mi chiamo Antonella ,44 anni sposata con un figlio di 22,alta 1,67 cm ,capelli lunghi castani occhi blu e piuttosto scarsina di seno:2 taglia però molto carina.Fisico snello e un lato b( a detta dei vari maschietti )da urlo.Ho un marito alquanto bigotto di 54 anni,fa il diacono in parrocchia la Domenica e i festivi e in quanto al sesso……lasciamo perdere…..se non fossi io ad avere l’iniziativa,non lo farebbe mai.Una Domenica dopo la messa, me lo vedo arrivare con un ragazzo con la sindrome di down: “Questo è Valentino ha 23 anni e vuole fare parte dei boys scout”Quel ragazzo mi guardava in modo strano,sembrava compiaciuto della mia presenza,mi sorrise subito,mi diede la mano e disse”io sono Valentino e voglio diventare uno scout tuo amico””Certo che diventeremo amici”risposi.Mio marito mi disse che sarebbe rimasto a pranzo da noi, dato che i suoi genitori non gradivano da tempo la sua presenza in quanto a loro dire,era diventato violento.Mio marito aveva proposto loro di accoglierlo in casa nostra per qualche tempo,in modo da verificarne il comportamento.Mi resi conto ben presto che aveva gli ormoni alle stelle:ogni volta che eravamo soli in casa,mi veniva vicino, mi prendeva la mano e mi diceva:”Facciamo l’amore?”Imbarazzata cercavo di fargli capire che non si poteva fare,non era giusto tradire la fiducia che mio marito aveva riposto in lui.Deluso abbassava la testa e si sedeva imbronciato senza rivolgermi più la parola.Vedendolo in quello stato,mi sedevo accanto a lui,mi faceva tenerezza e prendendogli il viso tra le mani, cercavo per tenerlo calmo, di dargli una speranza,ma solo ad una condizione:solo se sarebbe capitato qualcosa di particolare.”Allora possiamo fare l’amore”mi diceva felice.Gli rispondevo di sì,sapendo vigliaccamente che quella occasione difficilmente si sarebbe verificata.Destino volle che si mise a piovere per alcuni giorni,ma quando tornò il bel tempo,mio marito disse di andare nella casa che abbiamo in montagna,per verificare eventuali danni e di portarmi a Valentino.Partimmo di sabato mattina,il ragazzo era felice,ma durante il viaggio mi fece trasalire dicendo”Quando arriviamo facciamo l’amore?”Risposi che avevamo un accordo:avremmo fatto l’amore solo in caso eccezionale e fino a quel momento di eccezionale non c’era nulla.Il broncio arrivò puntuale,non parlò più per tutto il viaggio.Giunti a destinazione,il tempo si era guastato,nuvole nere avevano oscurato il sole,la pioggia era imminente.Velocemente constatai che la casa non aveva subito danni e che non c’erano state infiltrazioni di acqua.I primi lampi squarciarono il cielo,forti tuoni facevano tremare l’asfalto,dissi a Valentino di scappare e di tornare a casa.La pioggia diventò torrenziale,la strada si vedeva a malapena e sembrava un torrente,fino a che dopo una curva,una vettura della protezione civile ci sbarrò il passo.Poco più avanti la strada era interrotta da una grossa frana e per il ripristino sarebbero occorsi almeno tre giorni tempo permettendo.Dovetti così tornare indietro ,avvisai mio marito col cellulare e per fortuna ,in casa i viveri non mancavano, ci saremmo arrangiati con quello che c’era,così iniziai a cucinare per cena. Vedevo Valentino girare nervoso per casa,cenammo e al termine ,si mise di fronte a me e disse”Il caso eccezionale si è verificato e adesso facciamo l’amore”.Non sapevo a quale scusa aggrapparmi,non osavo negarmi ancora, sapendo che avrebbe potuto diventare violento, mi lasciai prendere per mano e mi portò in camera da letto.Dissi tra di me, che l’avrei accontentato sessualmente in qualche modo,facendolo venire velocemente magari masturbandolo.Si levò la maglia e la camicia e visto che io non mi spogliavo, si avvicinò e mi lasciai levare tutto meno il reggiseno e le mutandine.Quando si levò i calzoni era di schiena,si levò i box e poi si voltò verso di me.Rimasi senza fiato nel vedere il cazzo eretto di Valentino:era lungo e grosso molto di più di quello di mio marito e anche di altri che avevo preso in passato.La voglia di essere scopata era forte(erano almeno 3 settimane che non scopavo), la figa era bagnatissima,mi distesi sul letto,dissi a Vale di levarmi le mutandine e di montarmi subito.Valentino non se lo fece ripetere,balzò su di me, sfilò le mutandine,si distese sul mio corpo,portò la grossa cappella al contatto della figa che tenevo dilatata con le mani,la sentii entrare lentamente,e un lungo gemito di piacere accompagnò quel cazzo entrare tutto dentro di me.Anche lui gemeva e mi chiese se mi dava piacere sentire il suo cazzo dentro la pancia.”Certo che mi piace”risposi,”ma adesso muoviti più veloce e fammelo sentire fino alle palle”.Vale cominciò ad andare su e giù sempre più forte, lo spingeva talmente dentro che sentivo la cappella spingere la cervice,provocando in me un orgasmo fantastico.Ero consapevole che un giovane down difficilmente può mettere incinta,così quando mi disse che voleva fare un bimbo con me,gli dissi di sì.Mi guardò negli occhi avvicinò la sua bocca alla mia,mi lasciai baciare e mentre lo faceva,sentii gli impulsi del cazzo che schizzava il caldo sperma nel ventre.Quella notte scopammo numerose volte,era instancabile,mi riempì la pancia di sborra,sempre col proposito di fare un bambino,e io lo lasciai fare fino a che fu esausto.Restammo altri 2 giorni bloccati dalla frana,ma nel frattempo Valentino ha provato il piacere di mettere il suo magnifico cazzo dentro al mio culetto, ed io di sentirlo sborrare nelle viscere.Ovviamente è diventato il mio amante ,mio marito è contento che si comporta molto bene,però Valentino è dispiaciuto che ancora non sono rimasta incinta nonostante le gran sborrate che mi rifila ancora adesso.Affettuosamente,Antonella

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.