Prima volta in piscina.

FACCIAMO SESSO AL TELEFONO! CHIAMA IL 899005022 O CLICCA QUI

Prima volta in piscina.

Spread the love

Piscina comunale. Ore 17:50. Mancano dieci minuti alla chiusura. Sono nello spogliatoio maschile. Anche se manca poco alla chiusura, io uso lo stesso questo tempo per vedere le foto di Lucy Li nuda mentre mi sego. Alle 17:58 chiudo Internet e mi metto il costume per fare una nuotata prima di uscire. Mi immergo in acqua. È all’incirca di venti gradi. Mi metto in mezzo alla corsia e faccio avanti e indietro per la corsia. Le luci sono quasi tutte spente. Mentre nuoto, sento dei passi che si avvicinano. Mi fermo e mi metto a bordo piscina. Aguzzando lo sguardo, noto che si tratta di una femmina. Quando è abbastanza vicina, vedo che è Arianna, una mia compagna di classe. Indossa un bikini rosa a fiori. Io esco dall’acqua e mi siedo a bordo piscina. “Ciao Arianna” dico io. Lei si gira spaventata, ma quando mi vede tira un sospiro di sollievo. “A, sei tu Simo. Cosa ci fai qui?” Mi chiede. “Nuoto. Tu?” “Anche”. Ci guardiamo per qualcue secondo. “Ti va di fare una nuotata con me?” Le chiedo. “Perchè no!” Mi risponde. Lei si avvicina al bordo e si immerge, poi mi immergo io. Nuotiamo per dieci minuti o più anche se la piscina è chiusa. Quando finiamo, usciamo dall’acqua e ci mettiamo ad asciugarci a bordo piscina. “Ti va di fare una cosa strana Ari?” Le chiedo. Lei mi guarda in malo modo. “Ti va se ci facciamo qualche vasca nudi?”. “No, sono stanca, grazie comunque per l’invito”. Io mi fermo un attimo a pensare, poi le dico: “Ti propongo una sfida. Se io riesco a spogliarti tu farai una nuotata con me” “Ok, sfida accettata.” Appena mi risponde, io con uno scatto velocissimo le abbasso il perizoma. Lei si abbassa subito per tirarlo sù, ma io le tengo giù con un piede e con le mani le sbottono il reggiseno, che le cade dalle braccia. “Visto che ci sono riuscito? Ora devi mantenere la promessa.” Le dico io in tono sarcastico. “Va bene, ma girati quando mi svesto.” Mi dice lei con una mano sulla figa e l’altra sulle tette. Io mi giro, ma quando non vede mi giro. Lei si abbassa le mutande e le appoggia sulla panchina degli spettatori. Poi si toglie il reggiseno e lo mette allo stesso posto. “Ora tocca a te Simo” mi dice. Io mi sposto a lato mentre lei si immerge e mi calo il costume. Poi lo prendo e lo metto affianco a quelli di Arianna. Mi immergo anche io in acqua e inizio a nuotare con lei al mio seguito. Facciamo cinque vasche, poi ci fermiamo. Io mi appoggio a bordo piscina mentre lei sta in mezzo alla corsia. “Sai una cosa Simo?” Mi chiede. “Io avrei una fantasia erotica.” Mi dice con sguardo seducente. “Quale?” Le chiedo. “È da quando ho perso la verginità un anno fa che mi vorrei togliere lo sfizio di fare l’amore in una piscina.” “Be, già ceh ci siamo, perchè non lo fai ora” le rispondo. Lei allora si avvicina. È cosi vicina che sento quasi la sua figa con il cazzo. Mi guarda un attimo negli occhi e poi mi inizia a baciare. Intanto che ci baciamo io metto la mia mano destra sul suo sedere. Lei per ripicca e per voglia mi prende con una mano il cazzo e inizia a segarmi . Intanto io prendo la mia mano sinistra e la posiziono sulla sua tetta sinistra mentre la palpo. Dopo un po, io inizio a baciarla sul collo, poi sul petto, e infine arrivo ai capezzoli, ai quali arriva quasi l’acqua. Arrivato li, tolgo la mano destra dal suo culo e con entrambe le mani sostengo le sue tette medie mentre succhio i suoi bei capezzoli marroncini. Dopo un po di succhiate, lei mi sposta dai suoi seni e si immerge sotto l’acqua cercando il mio cazzo. Quando lo trova, se lo infila in bocca e inizia a leccarlo e succhiarlo. Io, quasi per istinto, prendo le mani e spingo la sua testa. Lei subito riemerge e mi dice: “Anche se non mi spingi io riesco a succhiarti lo stesso il cazzo” mi dice “Lo sai come mi chiamano i miei amici? Io faccio spallucce. “Mi chiamano ‘La pompinatrice'” Io rimango sorpreso. “E ora fammi fare il mio lavoro” mi dice subito prima di rimmergersi a succhiarmi. Mi succhia ancora e ancora. Lei alla fine riemerge. Io prendo in mano il mio cazzo, avvicino a me Arianna spingendola in avanti dal culo, e le infilo il pene dentro la figa. Lei subito emette un gemito di piacere. Io continuo per un po. Lei si stacca da me e si mette attaccata al bordo della piscina con le spalle rivolte a me. Io intuisco subito e le infilo il cazzo nel sedere. Lei quasi urla dal piacere. Continuiamo cosi per venti minuti. Stanchi, usciamo nudi dall’acqua e, dopo aver preso i costumi, andiamo nello spogliatoio femminile a cambiarci. “Grazie Simo. Non so come ringraziarti” mi dice. Io rifletto un attimo, poi le rispondo: “Un modo ci sarebbe a dire il vero. Vorrei fare delle foto con te in posizioni intime. Ti va?” “Perchè no!?” Io vado nello spogliatoio maschile e prendo il telefono con il selfie stik. “Quale posizione vuoi per prima?” Mi chiede. “Mi andrebbe di farci una foto mentre mi seghi e io ti succhio le tette.” Lei prende in mano il mio cazzo e inizia a segarmi. Io accendo la camera e la metto in posizione. Con una mano prendo la tetta destra e inizio a succhiarla. Poi faccio la foto. “Ne vuoi altre foto?” Mi chiede. Per non farla lunga, abbiamo fatto oltre venti foto sessuali in molte posizioni diverse. Quando finiamo le foto, iniziamo a vestirci. Io inizio più tardi di lei. Quando lei si sta abbottonando il reggiseno (lei ha già messo le mutande e i pantaloni) io mi avvicino a lei da dietro (non mi sono vestito perchè io me la prendo comoda) e le abbasso il reggiseno sotto le tette. “Ma cosa fai?” Mi chiede. Neanchè il tempo di finire che io le infilo la lingua in bocca. Lei smette di mettersi il reggiseno, e io ne approfitto per calarle i pantaloni e le mutande. La metto attaccata al muro con io dietro a lei. Con la mano sinistra inizio a toccarle la tetta sinistra, mentre con la mano destra mi sego un po, poi dato che le ho calato i pantaloni e le mutande, prendo il cazzo e glielo infilo dentro il culo. Inizio a mettergielo dentro avanti e inidetro con molta foga. Dato che glielo infilo dentro per venti minuti di fila senza pause, lei viene con un getto violentissimo. Lei si stacca da me, va in bagno e si pulisce la figa, dato che dopo la sborrata lei ha iniziato a pisciare per terra (cosa che mi succede sempre quando mi sego). Quando finisce di pulirsi, si avvicina a me e mi dice: “Potevi fare più piano!” Io allora la spingo spalle al muro, le lego le mani e i piedi con il miei lacci per accappatoio, le tappo la bocca con il suo reggiseno, mi inginocchio e inizio a leccarle la figa mentre le infilo il dito medio della mano sinistra nel buco del culo. Lo faccio così tanto che lei viene di nuovo. Poi mi alzo e inizio a rimetterle il cazzo dentro la figa mentre le tocco le tette. Dal suo sguardo è annoiata, ma sembra eccitata lo stesso. Dopo mezzora, io la giro, mi inginocchio e inizio a leccarle il culo. Poi mi rialzo e glielo metto nel culo. Lei viene altre due volte. Quando finisco di incularla, io la faccio inginocchiare, le toglo il reggiseno e ĺe infilo il cazzo in bocca. Lei, anche se controvoglia,mi succhia divinamente. Dopo un po, le vengo in bocca, ma continuo a iniflaglielo in bocca. Alla fine lei si addormenta in piedi. Io la prendo e la corico su una panchina. La slego, prendo le sue mani e poi gliele metto nella figa. Sto un pò la davanti a segarmi, e quando vengo gliela spargo sulle tette bagnate di sudore. Mentre che esco dallo spogliatoio delle femmine, metto in un angolo del soffitto della doccia e dello spogliatoio delle microcamere collegate al mio telefono. Poi vado nello spogliatoio maschile e mi vesto. Passando poi davanti ad Arianna, sposto le sue mani dalla figa alle tette. Esco che sono quasi le dieci di sera. Uscendo, noto che Arianna si sveglia tenendosi le tette e giardandosi attorno. Poi si siede e inizia a segarsi la figa. Io esco. Che bella scopata!

 


ASCOLTA AUDIO LIBRI EROTICI - PROVA 30 GIORNI GRATIS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.