La mia ragazza e il coinquilino – Capitolo 1

FACCIAMO SESSO AL TELEFONO! CHIAMA IL 899005022 O CLICCA QUI

La mia ragazza e il coinquilino – Capitolo 1

Spread the love

Mi chiamo Claudio, ho 26 anni ed ora, complice il dover stare forzatamente a casa per colpa di questo maledetto lockdown, ho deciso di mettere su carta una cosa che mi è realmente successa nel periodo che va dal 2016 al 2018.
Mi presento comunque: sono un bel ragazzo, alto 1.73, classico fisico da calciatore con gambe molto grosse e una parte superiore più contenuta, moro, occhi verdi. Sono fidanzato dal quarto anno liceo con Mary, la ragazza dei miei sogni, che dopo diversi mesi di corteggiamento serrato ha ceduto alla mia corte. L’amo molto, a prescindere dal fatto che lei da sempre era considerata una delle più belle della zona, ancora oggi in grado di far impazzire chiunque voglia con il suo 1.70, capelli scuri, occhi castani, tettone che quasi spaccavano in due le magliette in cui erano rinchiuse, con un viso provocante quanto il suo corpo. Era desiderata da tutti perché il mix derivato dal suo corpo formoso e il suo essere caratterialmente dolce la rendevano appetibile a tutti. Essere riuscito a mettermi con lei mi rese, insieme al calcetto, estremamente popolare nel piccolo paesino dove abitavamo, paesino che però lasciammo quando avevamo 22 anni ed entrambi ci trasferimmo per motivi universitari in un’altra città.
Ero molto preoccupato del cambiamento, lasciavo un posto dove bene o male mi conoscevano tutti per andare in uno dove avrei dovuto ricominciare da zero, ma fortunatamente la mia donna era con me (entrambi ci iscrivemmo alla stessa università) e quindi verso fine agosto 2016 partimmo. Avevamo risposto ad un annuncio dove una coppia, Francesco e Silvia, cercavano coinquilini con cui dividere le spese: ci sembrò l’ideale ricominciare senza dover far fronte a tutte le spese di vivere da soli in una casa. Quando giungemmo finalmente il luogo, stupiti dalla mole di traffico che c’è in una grande città, arrivammo a destinazione e facemmo la conoscenza del solo Francesco: quest’ultimo, un bel ragazzo alto quasi 1.90, fisico statuario con diversi tatuaggi, capigliatura bionda ci disse che la ragazza con cui avevamo parlato al telefono, Silvia, aveva lasciato definitivamente l’appartamento da poche ore a causa dell’interruzione della loro storia. Ci disse che potevamo andare via se l’accordo stipulato via telefono in precedenza non fosse più di nostro gradimento, avevamo concordato di dividere per 4 ed ora la quarta persona non c’era, ma non sapendo dove andare decidemmo lo stesso di accomodarci. Ci informò che era un istruttore in una palestra della città in cui lavorava per molte ore al giorno, dandoci di conseguenza molte rassicurazioni sulla privacy.
Quella notte, poco prima di andare a dormire, mi confrontai con Mary.
“Se non ti piace stiamo qui finché non troviamo di meglio!”
“No anzi mi piace la casa” mi rassicurò lei. “Sarà un pochino strano essere in tre, ma vabbè che ci vuoi fare”
“Tanto ha detto lavora un casino, magari torna stanco e nemmeno si ferma a chiacchierare!”
“Può essere, poi magari è simpatico e ci diventiamo amici”
“A me dà solo fastidio che magari se ci vogliamo fare una scopata c’è lui dall’altra parte che sente!” considerai effettivamente infastidito.
“Ci avrebbe sentito anche se ci fosse stata la ragazza eh” considerò ridendo lei.
“Beh si però con la morosa presente non è che si mette a sentire”
“Ma ti pare davvero che si metta a sentire? Poi abbiamo orari più flessibili, stiamo più tempo in casa di lui e possiamo avere tutta l’intimità che vogliamo!”
Iniziò così la nostra avventura in terra “straniera” con uno sconosciuto con cui dividere l’abitazione. Effettivamente i primi tempi lo vedevamo pochissimo, a malapena a colazione e (non spesso) a cena. A Mary aveva fatto una buona impressione, sembrava un ragazzo a modo. Più che altro apprezzava che non esagerasse nelle occhiate sul suo seno nei momenti in cui poteva sbirciare di più. Io invece non sapevo che pensare, spesso lo giudicavo male perché pensai che un ragazzo con un fisico così esplosivo facesse sicuramente uso di steroidi. Anche io andavo in palestra, sapevo quanto fosse faticoso allenarsi e soprattutto rispettare quelle diete maniacali, quindi mi stupivo che a soli 24 anni facesse già da personal trainer. Comunque fu sempre molto rispettoso con me e costruimmo davvero un buon rapporto. Verso ottobre, a due mesi dal nostro arrivo, mi invitò come membro fisso nella partitella con i suoi amici del mercoledì e ricordo molto bene il clima competitivo che c’era e il fatto che lui non si lavasse mai al campo. Una volta scherzai con gli altri di questa cosa.
“Ragà ma Francesco ce l’ha piccolo che non si lava mai con noi?” chiesi ridendo.
“Dice che non ama farsi la doccia solo a casa vostra!” mi rispose Domenico, suo migliore amico da una caterva di anni.
“Secondo me la usa come scusa per non fare la figuraccia di avercelo piccolo che con tutti quei muscoli” continuai convinto di quello che dicevo.
“Fidati” si aggiunse al discorso Paolo. “Ha una trave in mezzo alle gambe.”
“Qualcuno ci vuole confessare qualcosa?” disse Vittorio, il simpaticone di quel gruppo.
“Ma che cazzo hai capito, una volta andammo a giocare una partita lontanissimi da casa e doveva per forza lavarsi nello spogliatoio. Sta messo bene, credo un 23-24 cm, ma alla fine era per dire che veramente quello c’ha la fobia di lavarsi in posti che non siano casa. Lo sapete che una volta quasi se la stava facendo addosso perché non voleva andare nel bagno del locale?” e giù risate.
Andammo a farci un panino per concludere la serata. Improvvisamente, tra una battuta e l’altra pensai che Francesco, tornato a casa post partita, non aveva chiamato per unirsi a noi e considerai che anche Mary fosse a casa. Non volevo pensare al peggio, un immagine di lui che la sbatteva selvaggiamente sul tavolo della cucina cercava di farsi strada in me, tentai e riuscii a scacciarla ma mi diede veramente fastidio l’idea che fossero soli a casa. Non solo era un bellissimo ragazzo, ma teoricamente poteva essere un amante focoso e martellante se aveva quella dotazione. Feci una video chiamata alla mia ragazza che fortunatamente mi rispose istantaneamente dicendo stesse vedendo un film in camera. Le chiesi se Francesco fosse in casa usando la scusa che non rispondeva al telefono e volevo chiedergli se al campo per sbaglio avesse preso il mio giubbotto ma lei mi spiegò che era rientrato solo per darsi una sciacquata ed era uscito di nuovo.
Da quell’episodio la mia gelosia era inevitabilmente cresciuta, non che io fossi così male, mi difendevo bene con i miei 16 cm tutto sommato, ma come tutti i ragazzi competitivi odiavo chi avesse qualcosa in più e se ronzavano intorno alla mia morosa.
Il mio più grande errore fu che non palesai la mia gelosia sin dall’inizio a nessuno dei due.
Le giornate scorrevano tranquille, non c’erano stati altri episodi per diverse settimane che potessero farmi ingelosire. Non che la gelosia portasse solo effetti negativi, da quell’episodio avevamo ricominciato a scopare con frequenza assidua e in modo più passionale del solito, a volte quasi fregandocene quando lui era in casa e teoricamente poteva sentire.
C’è da dire che nel frattempo Francesco e Mary avevano legato, nel senso che ad esempio quando guardavamo un film tutti insieme entrambi comunque conversavano in modo fluido. Lui aveva rivoluzionato completamente il suo modo di mangiare, le dava mille consigli sui cibi da assumere per evitare di ingrassare e cose del genere. Diciamo che stavano per diventare amici, a lei piaceva la sua compagnia e non ne faceva mistero e a me non irritava non avendo notato malizia.
Sul finire dei mesi invernali iniziai ad abbassare la guardia, non tanto per la fiducia acquisita nel ragazzo ma per via che quest’ultimo si fosse fidanzato con un’altra ragazza. Tempestava instagram di foto e di storie insieme a questa Valentina, sembravano i Jack e Rose del nuovo millennio. anche se i suoi like alle foto di Mary continuavano ad essere immancabili. Cominciammo di conseguenza ad uscire a quattro: aperitivi, cinema, ristorante. Ci trovavamo bene, eravamo in sintonia ed eravamo felici che anche questa ragazza si trovasse bene con noi. In quel periodo commisi un altro sbaglio, complice il clima cameratesco instaurato con Francesco: parlammo di sesso con le rispettive compagne. Non so se già allora fosse ossessionato dalla mia morosa, ma forse ciò che ci dicemmo può averla seriamente alimentata. Eravamo in cucina a mangiare da soli.
“Sai che con Valentia sto facendo fatica a letto?”
“Eh?”
“Troppo silenziosa Clà” mi rispose. “Si mette lì a godersela e non dice e non fa niente, non cambierebbe manco posizione se non lo facessi io!”
“Magari non ci capisce un cazzo talmente te la scopi forte e fa fare tutto a te!” esclamai ridendo.
“Tu te la ridi ma il sesso per me è una droga e mi rode farlo con una passivona, mi piacerebbe prendesse più iniziativa!”
Non me l’aspettavo sinceramente. Valentina era la classica ragazza acqua e sapone, bella ed intelligente, sembrava una senza freni, una che faceva degli uomini ciò che voleva.
“Parlale, no?
“Che le devo dire? Ti voglio più troia a letto?” e giù risata collettiva.
Qualche secondo dopo uscii Mary dal bagno per dirmi che andava a letto e mi diede un bacio. L’occhiata di Francesco non fu inosservata.
“Mi sa che stasera tu ci vai giù pesante!”
“Ultimamente è insaziabile” confidai. “Non gli basta mai, lo vuole fare sempre di più!”
“Beato te, che spettacolo di donna..”
“Ci conosciamo da anni, forse con il tempo entrando maggiormente in confidenza Vale si scatena e diventa una ninfomane!”
“All’inizio anche Mary era una passivona, una che incassava e basta?” chiese con un tono strano.
“Passivona proprio no, ma di sicuro era più trattenuta rispetto ad ora. Poi trovata una certa alchimia si è lasciata andare ed ora è diventata un diavolo, più che altro a ognuno serve il tempo di capire cosa ama fare e poi non si ferma più..”
Mentre scrivo mi rendo conto che dire a un ragazzo quanto scopa bene una ragazza non è un buon modo di frenargli gli ormini. Non so se effettivamente già la desiderasse da prima, suppongo di si visto che non era soddisfatto della sua fidanzata, ma da quel giorno iniziò ufficialmente il suo assalto verso Mary.

Per commenti scrivere un email all’account ([email protected])

 


ASCOLTA AUDIO LIBRI EROTICI - PROVA 30 GIORNI GRATIS

One thought on “La mia ragazza e il coinquilino – Capitolo 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.