Il diavolo fa le pentole ma non i coperchi

Il diavolo fa le pentole ma non i coperchi


Suonano e scendo a firmare per una raccomandata ,torno a casa apro e la busta , due carte d identità,una di mio marito ,e altra di una nostra amica di serate . un foglio battuto a macchina di un direttore di un Hotel di Sorrento che non avendo un recapito telefonico aveva spedito le carte all’ indirizzo e i attesa di una conferma , si augurava di un prossimo futuro , per una nuova permanenza .Telefono e confermo arrivo , poi chiedo se avessero trovato un orecchino , che avevo perso , ma non mi ricordavo qualè volta era successo e cosi mi hanno confermato per le 3 volte in cui abbiamo soggiornato non è stato trovato nulla .Incazzata e furiosa ,a me mi ha portato al massimo a 100 km da casa ,e a lei a Sorrento , quante volte ci volevo andare ,Vendetta tremenda vendetta ….Cazzo mi sono sempre dovuta reprimere , quando qualcuno mi faceva la corte , pensando a mio marito ,e al sacrificio di lavoro andando in giro per italia , Voglio un maschio e lo voglio giovane ,e non solo uno , adesso mi voglio godere la vita ,Esco e vado a caccia , c’e un ragazzo che lavora al supermercato e mi fa tanti sorrisi e complimenti ,Eccoloo quanto bello e bono ,alto muscoloso e gentile ,Salve senta voi consegnate la spesa a domicilio ? Mi guarda con quegli occhioni verdi , sotto quella chioma scura e riccia ,e 32 denti perfetti , Certo venga lasci la lista , per quanto vuole che gliela portiamo , Ma la consegna Lei ? Si signora ,chi fa la lista la porta , fatto tutto lascio il mio cell e indirizzo , poi gli dico ,io vado a casa , prima viene meglio è ,mi stringe la mano forte ,e a me viene brivido . scappo vado a casa mi faccio una doccia e sono eccitata ,preparo due bicchieri ,e mi cambio due tre volte , poi metto un perizoma , una vestaglietta corta e senza reggiseno ,mi siedo sul divano e aspetto . la mia mano e sulla fica , me la accarezzo ,misto di eccitazione e imbarazzo , ma sono decisa a cornificare il porco . Oddio salto sento il campanello vado a aprire e gli dico il piano , la porta e accostata arriva con le buste e gli vado incontro , bravooo vieni ,io sono Rosy e lui si chiama Gianfry gli faccio strada e camminando verso la cucina sculetto ,e lui appoggia sul tavolo , prendo i soldi mi dice la spesa ,e gli dico Ti posso offrire qualcosa di fresco ,e ho un vino bianco fresco verso e gli dico puoi accomodarti se vuoi , sarai stanco , Mi guarda e sorride e si siede , mi metto vicino e parliamo del piu’ e del meno vedo che guarda il seno e le coscie , poi il porco si fa cadere il vino sul pantalone sull inguine , oddio mi dispiace , vieni che te lo asciugo , puoi toglierti il pantalone e si spoglia davanti a me , due coscie belle turgide e muscolose , si accorge che lo sto guardando ,e si gira nel darmi indumento che vedo che eccitato , resto ferma a fissare quel bozzo grosso , mi si avvicina e mi dice , è questo che vuoi vero ? Da stamattina che mi sono accorto che vuoi essere sbattuta vero ? faccio si con la testa ,e mi dice siamo sicuri che siamo soli , dico siiii e mi porta verso la camera mi toglie la vestaglietta e mi fa scendere il perizoma e mi stende , adesso a te ci pensso io .E’ venuto sopra di me , il suo cazzone il doppio di quello di mio marito , sulla pancia la sua bocca sulla mia e ci siamo baciati a lungo e con passione , mi lasciavo andare mi sentivo tranquilla e adesso volevo essere me stessa ,basta reprimere quegli istinti di puttanaggine ,e lo accarezzato , lo stringevo siiiiiii belloooooo daiiiii fammi impazzire ho voglia di tanto cazzooo fammi tutto ,e cosi lo vedevo che si eccitava , si è girato su di me a 69 io leccavo e succhiavo e ingoiavo quel cazzone e lui mi apriva le labbra della fica e mordeva e leccava e con le dita mi tintillava il clitoride , Mmmmmmmmm siiii cosi bravooooooo Le mie gambe che tremavano , il mio bacino che spingeva verso la sua faccia , e lo incitavo daiiiiiiiii si fammi sbrodolare voglio venire , continua che ci sonooooooo eccooooo su hahahahhah vengoooooooooooo e le mie mani che tenevano la sua testa spinta sulla mia spacca …ansimavo e mugolavo .si è alzato e mi ha girata e messo un cuscino sotto la pancia mi ha scopata duro e mi schiacciava con il suo peso ,lo sentivo tutto ,anche quando mi ha schizzato dentro ,siamo rimasti cosi per un pezzo ,sono andata a prendere il vino e abbiamo bevuto , poi mi sono docciata e tornata Lui era nudo ancora li , il cazzo moscio di lato , e passando la lingua dolcemente si e indurito ,e mi sono messa a cavalcioni e me lo sono goduta tutto ,sono venuta di nuovo urlato e mi sono fatta fare anche il culo , avevo appena iniziato ,caro il mio Maritino porco schifoso ,questo è solo inizio

FavoriteLoadingAggiungi ai tuoi preferiti
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.