Elena e la rivoluzione sessuale

Elena e la rivoluzione sessuale

Spread the love

Mi chiamo Ettore , ho 55 anni e sono sposato da 34 con Elena che di anni ne ha 52.
Ci siamo conosciuti al liceo e dopo due anni che ci frequentavamo lei è rimasta incinta per cui abbiamo deciso di sposarci.
Per lei sono stato il primo ed unico uomo e per me lei è stata la prima ed unica di cui mi sono innamorato.
Abbiamo avuto altri due figli dopo il primo nato per caso.
La nostra vita è sempre stata soddisfacente , il mio stipendio ci ha permesso di condurre un’esistenza senza preoccupazioni economiche e ad Elena di occuparsi della famiglia a tempo pieno. Anche dal punto di vista sessuale c’è sempre stata un’ottima intesa.
Parlo al passato perché negli ultimi mesi qualcosa stava cambiando. Lei sembrava aver perso parte della passione ed il sesso non riusciva ad essere appagante come un tempo.
A me capita che per lavoro due o tre volte all’anno mi debba assentare da casa per frequentare dei congressi o corsi di aggiornamento.
L’ultima volta il mese scorso ho dovuto andare negli USA proprio per uno di questi corsi che mi ha tenuto lontano da casa per quattro settimane.
Quando sono partito era un periodo che vedevo Elena particolarmente irrequieta ma a causa dell’imminente viaggio che dovevo compiere non ebbi il tempo di affrontate con lei l’argomento.
Durante la mia assenza ci sentivamo ogni giorno tramite videochiamate su whatsapp.
C’era qualcosa che non mi tornava nel suo atteggiamento. La vedevo sempre tesa come se ci fosse qualcosa che la tormentava interiormente.
Decisi di affrontare la situazione in modo discreto , un passo alla volta.
Quando mi sembrò che fosse giunto il momento le chiesi se per caso quel suo evidente turbamento nasceva da qualcosa che mi stava nascondendo.
Lei all’inizio negò ma evidentemente il peso che la stava dilaniando era diventato insostenibile così decise di liberarsene. Mi confessò di avermi tradito in un’occasione. Disse che si sentiva cambiata , veniva colta spesso da fantasie di carattere sessuale che non aveva mai avuto il coraggio di confidarmi per il timore di essere giudicata male con il rischio di rovinare un rapporto famigliare ultra trentennale.
Si vergognava ad ammetterlo ma alla fine trovò il coraggio di dirmi che sentiva il bisogno di sentirsi troia.
Questa affermazione mi colse del tutto impreparato ma cercai di non farmi condizionare dalle emozioni e di mantenermi razionale così le dissi che aveva sbagliato a tenersi tutto dentro , avrebbe potuto benissimo parlarne con me , sapeva bene che non l’avrei giudicata ma avrei cercato di comprenderla.
Gli chiesi di raccontarmi come si era concretizzato il tradimento.
Lei mi disse imbarazzata che una mattina venne colta da un’irrefrenabile voglia do uscire sul balcone dopo essersi tolta le mutande con la speranza di essere notata e così fece.
Dopo una decina di minuti si accorse del tipo del primo piano che evidentemente l’aveva vista e per tutta risposta aveva tirato fuori l’uccello che si mise a lievitare fino a mostrarsi nel pieno della sua virilità.
Rimasi colpito dal fatto che il tizio in questione era un vero e proprio stronzo che stava sui coglioni a tutti nel palazzo in quanto un piantagrane che aveva sempre qualcosa da obiettare sui progetti di cui si discuteva nelle riunioni di condominio e non mancava di esporre reclamo per ogni cazzata.
Le chiesi come aveva potuto fare sesso con un tipo del genere.
Lei rispose che due cose la stimolarono.
Il suo cazzo decisamente interessante per dimensione e forma e soprattutto proprio l’idea di scopare con uno stronzo del genere la eccitava in un modo perverso.
Lui le fece cenno di scendere.
Elena rispose annuendo.
Si tolse l’abito che indossava ed il reggiseno e mise la sua vestaglia da camera
Scese abbigliata così e mi confidò che non le sarebbe dispiaciuto se qualcuno l’avesse notata per caso.
Non la riconoscevo più , mai avrei immaginato in lei un mutamento così drastico e repentino.
Lei disse di essersi sentita disorienta e di faticare lei stessa a riconoscersi.
Confesso che la cosa se da una parte mi creò un forte turbamento dall’altra mi procurava un certo prurito.
Elena proseguì nella cronaca di quella folle mattinata.
Quando arrivò al piano dello stronzo trovò l’uscio socchiuso.
Lo aprì con cautela ed entrò.
Lui era in piedi in mezzo alla stanza completamente nudo e la cosa che più risaltava era la grossa cappella che puntava in alto sorretta da un fusto teso e duro come il legno.
“Sappi che non mi piaci per niente , ti trovo antipatico e un gran rompicoglioni e ti sembrerà strano ma questa è la principale ragione per cui ho deciso di fare sesso con te oltre che per la tua dotazione che è l’unica cosa che apprezzo di te.”
“Se è per questo io la penso allo stesso modo e anche a me intriga scopare una per la quale nutro sincera antipatia e poi seppur odiosa sei sempre una gran figa”
Finito di parlare le si avvicinò e sciolto il nodo che legava la cintura di stoffa fece scivolare la vestaglia a terra e si avventò su di lei cingendola in uno stretto abbraccio a premere i due corpi uno contro l’altro.
Si baciarono rabbiosamente e con lo stesso atteggiamento presero a palparsi ed a cercare il piacere andando a stimolare le parti più erogene.
Era una situazione di perversione estrema al limite del nonsense ma proprio per questo motivo di una carica erotica potente.
Le prese la testa a due mani e la costrinse ad abbassarsi e mettersi in ginocchio di fronte a sé.
Lo eccitava poterla umiliare facendola sentire usata per soddisfare il proprio piacere e lei del resto sentiva di desiderate di essere trattata da troia.
Prese così a fargli un pompino come non aveva mai fatto con me , senza amore ma solo e soltanto desiderio di lussuria.
Il porco godeva e le dava della troia succhia cazzi. Lei si sentiva sempre più bagnare tra le cosce.
Si godeva quel grosso cazzo stretto in mano e lo succhiava avida e senza più vincoli morali si sentiva finalmente libera di esprimere tutta la sua sessualità.
Il tizio si mise a scoparle la bocca tenendole ferma la testa ed affondando il cazzo fino ad arrivarle in gola.
Elena ad ogni affondo aveva un singulto a rivoltarle lo stomaco ma quel cazzone che pareva volere essere ingoiato le dava piacere.
Le stimolava la salivazione tanto che quando lo estrasse il cazzo grondava tanto era inzuppato.
La spinse contro il tavolo della sala e la fece sedere sopra di esso. Le prese le gambe da sotto costringendola a sdraiarsi e le infilò la figa deciso cominciando subito a sbatterla con colpi secchi , quasi rabbiosi.
“Prendi puttana , te la sfondo quella figa così che il cazzo di tuo marito ci ballerà dentro ed il coglione capirà che l’hai tradito con un vero uomo.”
“Si stronzo , scopami senza riguardo come faresti con una puttana di strada , voglio tornare da lui e dirgli che ho preso dei cazzi in sua assenza ed altri ne prenderò perché ho scoperto solo ora la mia vera natura e voglio che lui ne prenda atto e lo accetti”
“Non sapevo di avere una vicina tanto bagascia quanto odiosa e sono felice di essere io il primo a sperimentarlo”
Questi discorsi le fanno perdere la testa , si dimena , mugola e si morde le labbra per non urlare mentre viene colta da un orgasmo mai provato così intenso da risultare inebriante.
“Tuoi marito ti scopa il culo ?”
“Me lo ha chiesto più volte ma non gliel’ho mai concesso , mi disturba l’idea di avere un cazzo nel culo”
“Beh tesoro ora è giunto il momento di sfatare questo tuo tabù. Per completare l’opera di trasformazione bisogna che torni da lui sverginata. Non lo hai mai dato a lui ma lo concederai al primo con cui lo hai tradito”
Lei è frastornata , fa fatica a ragionare mentre lui si china e si mette a leccarle figa e ano.
Le apre le natiche con le mani ed infila la lingua nel buco semiaperto.
Elena mi aveva sempre fermato quando ci avevo provato io ma in quell’occasione ogni suo freno era saltato e lo lasciò fare scoprendo nuove fonti di piacere.
Dopo averglielo leccato e massaggiato a lungo si rialzò , la fece girare e la spinse con la faccia sul tavolo tenendole stretta una mano sul collo per non farla muovere.
Con l’altra mano posizionò il membro ancora zuppo degli umori di lei e spinse fino ad entrarle nelle viscere.
Stavolta Elena non riuscì a soffocare un grido di dolore , si sentiva lacerare.
Lui non se ne curò ed iniziò a pompare.
Lei piangeva dal male ma più lui faceva scorrere il cazzo più il dolore diminuiva fino che fu sovrastato dal piacere. Un nuovo tipo di piacere , quello fisico di quel pistone e del suo incessante stantuffare ed il perverso piacere mentale che le dava il fatto che era stata presa senza che le fosse chiesto il consenso e tenuta bloccata senza nessuna possibilità di ribellarsi.
Paradossalmente l’orgasmo che la colse fu stimolato dal pensiero di venire violentata.
Il maiale intanto si sta fottendo la mia donna in tutti i modi spavaldo e orgoglioso di farmi becco.
La fotte e la sculaccia mentre le rivolge pesanti apprezzamenti.
Arriva anche per lui il momento in cui il godimento giunge al suo apice e viene riversando ondate di sborra che le scaldano le viscere.
Sono entrambi esausti e si accasciano sul divano. Elena ha anche il culo dolorante ma si sente appagata e non prova nessun pentimento per ciò che ha fatto , anzi quando entrambi si sono ripresi prima di andarsene gli fa un secondo pompino con l’intento di vederlo sborrare.
Ad un certo punto si ferma e rivolta a lui “segati , voglio vederti sborrare”
Lui inizia a menarselo e quando è il momento “apri la bocca cagna che ti faccio assaggiare il mio sperma”
Lei tira fuori la lingua in tempo per accogliere il primo potente schizzo che le centra la bocca mentre i successivi le arrivano sul viso e sui seni.
Prima che si esaurisca lo prende di nuovo in bocca e ingoia gli ultimi schizzi di sborra.
Succhiata l’ultima goccia gli restituisce il cazzo pulito e lucido della sua saliva.
Raccoglie ciò che riesce dello sperma che ha addosso e se lo porta alla bocca mentre il resto se lo spalma alla belle meglio.
Si rimette la vestaglia e senza salutare e nemmeno guardandolo in faccia se ne va.
Decide di non prendere l’ascensore per godersi più a lungo la stuzzicante sensazione che le da avere ancora l’odore di sesso addosso mentre si trova nello spazio comune e qualcuno potrebbe sorprenderla in quello stato.
Una volta raggiunto il nostro appartamento si chiude la porta alle spalle e resta appoggiata ad essa per diversi minuti cercando di riprendere il controllo.
Dopo questa sorprendente rivelazione ed il dettagliato racconto del suo tradimento le dissi che ciò che era accaduto meritava un confronto faccia a faccia , non si poteva affrontare al telefono.
Lei concordò con me che ne avremmo parlato al mio ritorno ma ci tenne a precisarmi che mi amava più che mai e poteva suonare strano ma ciò che le era capitato gliene aveva dato conferma.
Non sapevo più cosa pensare. Mai mi sarei aspettato da Elena una metamorfosi del genere.
Forse inconsciamente mi stava lanciando dei segnali quando i nostri rapporti sessuali iniziarono a farsi meno appaganti , segnali che non avevo saputo cogliere. Evidentemente Elena sentiva che stava cambiando qualcosa in lei , forse con l’avanzare dell’età e il fatto che i figli avevano ormai una loro vita cominciò a pensare di più a se stessa ed ai suoi bisogni.
Nei giorni seguenti non feci altro che pensare a ciò che stava succedendo.
Certamente il nostro rapporto avrebbe subito una vera e propria rivoluzione.
Una volta a casa affrontammo l’argomento e capii che a Elena ora libera dagli impegni famigliari legati ai figli e raggiunta un’età in cui non è raro trovarsi a fare un bilancio della propria vita , di ciò che abbiamo ricevuto e su ciò che invece ci manca o non abbiamo avuto il coraggio o l’occasione di ottenere.
Ebbene Elena si era resa conto che probabilmente le mancava non aver vissuto da giovane la sessualità con disimpegno a causa dell’inaspettata gravidanza ed ora , una volta resasi consapevole di ciò aveva deciso di vivere adesso ciò che le era stato negato in passato.
Non fu facile per me ma l’amore è l’unica soluzione e per amore accettai di assecondarla.
Il risultato è che ora il nostro rapporto è più solido che mai , facciamo l’amore più spesso ricavandone maggior piacere e riguardo al fatto che lei fa sesso anche con altri uomini ho realizzato che non mi dispiace affatto far parte della categoria dei cuckold e mi eccita parecchio vederla godere mentre scopa con altri uomini.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.